skip to main | skip to sidebar
0 commenti

Il virus-truffa della falsa FBI acciuffa un criminale vero

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il 26/07/2013 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.

Avete presente i vari virus truffaldini che bloccano il computer mostrando una schermata che sembra un avviso della polizia che afferma che l’utente è stato colto a scaricare da Internet materiale illegale e intima il pagamento di una multa? Circolano da anni e causano danni notevoli agli utenti che navigano senza protezioni adeguate. Ma a volte sono utili in maniere che forse i loro creatori non immaginavano.

Cosa succede, infatti, se un virus del genere blocca il computer di una persona che ha realmente scaricato da Internet contenuti altamente illegali? Succede che la persona in questione va dalla polizia e rivela il proprio crimine. È andata così negli Stati Uniti, in Virginia, dove il ventunenne Jay Matthew Riley si è presentato al comando di polizia, portando con sé il computer bloccato e chiedendo se per caso c’era a suo carico un mandato d’arresto per pedopornografia, visto che aveva ricevuto un avviso informatico che doveva pagare una multa oppure rischiare un’indagine da parte dell’FBI.

Non c’era nessun mandato a carico di Riley, ma la domanda è sembrata un po’ poco casuale agli agenti, che hanno esaminato il computer e vi hanno scoperto immagini pedopornografiche e una corrispondenza in corso con una vittima tredicenne di un altro stato. Il giovane è stato incriminato e arrestato. L’avviso che gli era comparso sul computer era in realtà un virus generato da truffatori, ma Riley ha creduto di essere stato colto in flagrante dall’FBI.

Fonti: Inside Nova, WJLA, WUSA9.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).