skip to main | skip to sidebar
0 commenti

Antibufala: taxi automatici prossimamente offerti da Google

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il 30/08/2013 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.

Numerose testate hanno pubblicato una notizia clamorosa e futuristica: Uber, una società statunitense specializzata nel gestire via Internet i servizi di taxi, acquisterà da Google 2500 automobili a guida autonoma GX3200. Auto senza conducente, che trovano la strada da sole, evitano gli ostacoli e trovano i parcheggi in totale autonomia.

Ma la notizia è una bufala: per scoprirlo bisogna risalire alla fonte originale, che per molte delle testate che hanno abboccato alla storia è il Daily Mail britannico. Questo giornale aveva appunto pubblicato un articolo (ora rimosso, ma copiato qui) che annunciava la rivoluzionaria novità.

Chi non si è preso la briga di andare alla vera fonte della storia e non si è chiesto come mai il modello GX3200 di auto a guida robotica non risultasse fra quelli presentati da Google non si è reso conto che il Daily Mail aveva a sua volta abboccato a un articolo di fantasia pubblicato dal sito TechCrunch. E dire che il titolo dell'articolo era “Dispatch from the Future”, ossia “Dispaccio dal futuro”, e l'articolo iniziava con la data del 25 luglio 2023.

In altre parole, non ci sarà prossimamente una flotta di taxi senza conducente che portano in giro i clienti lasciando disoccupati i tassisti, ma il modo superficiale con il quale molte testate raccolgono e ripubblicano le notizie potrebbe dare l'impressione che siano certe redazioni, e non le auto di Google, ad andare in giro senza nessuno alla guida.

Nota: screenshot del Mail presso http://jalopnik.com/daily-mail-duped-by-fake-article-about-google-selling-d-1202200861
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).