skip to main | skip to sidebar
64 commenti

Antibufala: allarme per tonno radioattivo nelle scatolette

L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale. Ultimo aggiornamento: 2014/06/04.

“CONTROLLATE IL TONNO PIU' ECONOMICO CHE TROVATE NEI SUPERMERCATI, DOVE C'E' STAMPATO FAO 61 o 71 E' TONNO PROVENIENTE DAL MAR DEL GIAPPONE DOVE E' STATA RIVERSATA L'ACQUA CONTAMINATA DI FUKUSHIMA.
Molti produttori fanno inscatolare il tonno in località NON SOSPETTE con etichette italiane o europee per NON far capire che il pescato proviene dal Giappone. Controllate sempre il NUMERO FAO.

Questo è il testo di un allarme che circola nei social network: è decisamente inquietante, ma invece di farsi prendere dall'emozione è meglio ragionare sui fatti. In breve:

– il numero FAO indica davvero la zona di pesca
– la radioattività di Fukushima è stata davvero rilevata nel pesce pescato nella zona
– è a livelli insignificanti rispetto alla radiazione naturale media

Bufala, insomma. In dettaglio:

Prima di tutto, l'indicazione “FAO 61” o “FAO 71” sulle scatolette indica davvero la zona di pesca del prodotto, secondo la suddivisione adottata dalla FAO (Food and Agriculture Organization, l'organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura): la zona 61 è il Pacifico nord-occidentale, mentre la 71 indica il Pacifico centro-occidentale.

Sappiamo quindi la provenienza dichiarata del tonno. Ma è vero che il pesce proveniente da queste aree è pericoloso per via delle radiazioni provenienti dal disastro di Fukushima? Secondo le indagini pubblicate da Le Scienze, no, per una questione di dosi. Anche se la radioattività di Fukushima è in effetti rilevabile nei pesci della zona usando strumenti estremamente sensibili, la dose dovuta al consumo di tonno proveniente da Fukushima è stimata tra 0,9 e 4,7 microsievert, ossia molto meno della radioattività naturale che ci circonda (in Italia, per esempio, è in media pari a 3000 microsievert). Di tutti i rischi che affrontiamo quotidianamente nell'alimentazione, quello del tonno radioattivo è decisamente da ridimensionare e da valutare in base ai fatti e non alle paure istintive.


Aggiornamento (2013/09/18) L'Unione Nazionale Consumatori ha fornito dettagli di fatto e ha etichettato la notizia come “una vera e propria bufala” per la vastità e distanza delle aree FAO rispetto alla zona di mare interessata dalla radioattività di Fukushima e per il fatto che le aziende sono tenute a controllare anche l'eventuale radioattività presente nei tonni.


Aggiornamento (2014/06/04) Avevo scritto un articolo su quest'argomento per la Radiotelevisione Svizzera, ma ora l'articolo non è più online, per cui ne ho integrato il testo qui sopra.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (64)
Senza contare che il Tonno mica ha affittato ombrellone e lettino nei fondali di Fukushima, ma nuota in continuazione...
Paolo, una precisazione

la zona FAO indica l'area di pesca ma:

- la 61 si riferisce si al giappone ma ad una zona ben più ampia di quella di fukushima (comprende praticamente tutto l'est del continente!!!)

- la zona 71 invece si riferisce alla zona a sud della prima, ed altrettanto grande (comprende australia e oceania)

http://www.optrapani.it/Portals/optrapani/Zone%20FAO.jpg
Paolo ma se il testo è solo quello che riporti non credo che si possa etichettare come bufala... nel senso che l'appello, per come è riportato, è tecnicamente abbastanza corretto (a parte il fatto che la zona 71 non è certo mar del giappone), non dice né che il tonno è radioattivo, né che sia pericoloso mangiarlo.

È ovvio poi che tutto questo sia sottointeso e dato per scontato dal 99% di chi lo diffonde, e quindi in generale sia una stupidaggine (mi ricorda quelli che si preoccupano per l'inquinamento dei mari causato da di chi fa la pipì in acqua), ma per me non è una bufala... se non altro non una bufala intera.
Francesco Caspani cosa vuol dire "nuota in continuazione" ? Se lo fa in acque radioattive non fa bene lo stesso
Fukushima: La Tepco Ammette Di Aver "Taroccato" i Dati

FUKUSHIMA. TEPCO FORNISCE DATI SBAGLIATI E CONFUSIONARI

La Tepco chiede scusa: "Sbagliati i dati sulla radioattività"
"è a livelli insignificanti rispetto alla radiazione naturale media" E questo non è vero !
E fu così che il signor Attivissimo, famoso membro attivo del mega complotto transplanetario, pandimesionale si guadagnò anche una della targhette più diffamanti che si possano affibbiare in Italia. Quella di “nuclearista”. Cosa? Nell'antibufala non difende la generazione elettronucleare ma avvisa solo che la contaminazione ittica post Fukushima, quando presente, sia minima e irrilevante per la salute?
Non importa. La Verità è che moriremo tutti, per colpa di virus mutati con le radiazioni risorgeremo come zombie radioattivi, per morire nuovamente subito dopo (sempre per colpa delle radiazioni, ovvio).

Forse su questo blog non arriverà l'orda di “complottostrofisti” (complottisti + catastrofisti) ma se anche qui giungerà chi si dice pronto a pagare il biglietto aereo con destinazione Giappone a Paolo, così scoprirà sulla sua pelle che landa desolata sia ormai l'arcipelago nipponico, mi propongo volontariamente come sostituto per l'ingrata missione. Ampia disponibilità anche ad ingozzarmi di sushi, se richiesto.
A questo aggiungerei il finto documentario sulla strage di mammiferi marini in NZ. In realtà la foto è tratta da qui e tutta la notizia è inventata di sana pianta.
@MB
Precisazione utile solo se non si leggono i dettagli inseriti nell'articolo per la Radiotelevisione Svizzera, eheh.

@Tukler
In effetti ti devo dare ragione. Ho riletto il testo dell'avvertenza e non si può dire che dia un'informazione completamente falsa. Se fosse un'affermazione su una persona, in un'eventuale causa per diffamazione, il querelante mi sa che perderebbe. O forse no, dato che traspare chiaramente l'intenzione di procurare un allarme. I misteri della giurisprudenza.

@Alex
So già che me ne pentirò ma la curiosità è forte.
[quote] E questo non è vero ! [/quote]
A cosa si deve la certezza? Non so... non ti fidi dei dati forniti sulle contaminazioni? Pensi che i dati siano veri ma che anche un microsievert in più sia dannoso? Entrambe le cose? Altro?
Odio gli interventi consecutivi ma capita di ricordare solo in un secondo momento di volere aggiungere qualcosa e, se non è possibile modificare il testo precedente, non resta che scriverne un altro. Detto questo, chiedo scusa ma aggiungo:

@pgc
Il tuo intervento mi ha colpito. Io di questa “notizia” (leggasi bufala) sulla morte dei cetacei causata dalla contaminazione non sapevo nulla. Ero rimasto ai vegetali mutanti sbugiardati anche da Paolo.
Qualche giorno fa, però, ne avevo già trovato cenno in un intervento della senatrice Puppato sullo spazio che “Il Fatto Quotidiano” le mette a disposizione.
Non perdo tempo a linkare, è solo una frase inserita in un pezzo sull'argomento Fukushima. E si ammette chiaramente che (cito) : “... la notizia delle balene uccise a causa della radioattività si è rivelata falsa...”

La mia perplessità nasce quando penso al genere di fonti su cui parte della classe politica basa le proprie idee. Insomma... digitate “balene morte fukushima” su google e trovatemi un solo collegamento autorevole che riporti la notizia (magari mi è sfuggito). Per esserne a conoscenza, credo si possa supporre che la senatrice riceva dal suo staff notizie tratte da, che ne so, “PaoloAttivissimoèunrettiliano.com”.

Per favore, ditemi che la bufala è stata riportata anche dal The New York Times o qualche altra testata “verificata”. Non fanno testo i quotidiani o telegiornali italiani.

Se permettete l'aggiunta off topic,a proposito di giornalisti nostrani: sto ancora pensando ad un servizio tg di ieri in cui il giornalista cita le “ psicostorie asimoviane” e mi chiedo come sia possibile che un giornalista, citando Asimov, non sappia che la psicostoria (psicostoriografia nella traduzione che lessi io) è una tecnica di analisi e previsione scientifica inserita in alcuni romanzi di Asimov e non un romanzo in se. Vi avverto, sul mio Terminus , nella mia Fondazione, questa gente non ce la voglio. Invece che un Trevize, in caso di crisi Mule, mi ritroverei come risorsa la versione ignorante (indi inutile) di Pelorat.
@Alex
Francesco Caspani cosa vuol dire "nuota in continuazione" ? Se lo fa in acque radioattive non fa bene lo stesso

Come no, al tonno fa bene nuotare in continuazione! Fa tanta attività fisica, quindi brucia tante calorie e tanti isotopi.
Soprattutto quando nuota in cerchio facendo i giri dei circuiti radioattivi, il nuoto circolare coinvolge tutte le pinne e quindi è ancora più salutare.
D'altra parte, quando pescano i tonni per metterli in scatola, preferiscono proprio quelli che nuotano più in continuazione, perché sono più magri. Se vedono un tonno sedentario che sta nuotando poco non lo pescano neanche.
@Nikonzen purtroppo il proxy da cui sono costretto a passare approva il blog del caro Paolo ma non il sito della rt svizzera...
Sul Post, al momento, c'è una serena e intelligente discussione (eh eh eh) sull'argomento a cui ho provato a dare il mio modesto contributo.

In pieno stile undicisettembrino, guarda come ti metto una foto dello tsunami e te la faccio passare per contaminazione fukuscistica.

Sono solo in attesa degli insulti......

Paolo stavolta veramente sei andato oltre... Non so il perchè e non lo voglio sapere. I dati della TEPCO innanzitutto sono falsi, e lo hanno dichiarato poco dopo loro stessi. È vero che i pesci nuotano, ma sono legati comunque alla loro zona... Altrimenti nelle nostre acqua avremmo i gamberetti cinesi (che sono completamente diversi) Inoltre l'area interessata è particolarmente ampia. Terzo punto: non so da dove hai preso il post, ma le aree di riferimento non sono quelle, sono la 59 e la 71. Inoltre la RIOMARE allarmata anchessa ha fatto un servizio online per tracciare il tonno a questo indirizzo http://www.riomare.it/it/tracciabilita inoltre foto di questa settimana fanno vedere per esempio ASTICI DEFORMI http://www.tiscali.it/media/portal/13/09/astice.jpg_880943307.jpg - paolo anche questo presentatore giapponese mangiando dell'insalata supportava la teoria che la radioattività di flora e fauna sono inferiori a quella naturale (oltretutto frase molto infelice a livello scientifico perchè rapprenseta un ossimoro tecnico) adesso ha il cancro http://s3.stliq.com/c/l/2/23/17357710_riso-acqua-ed-ora-verdure-fukushima-provoca-la-leucemia-1.jpg CERCHIAMO DI NON DIRE STUPIDATE PERCHE' LA GENTE POI MUORE DAVVERO
Pemetto che sono vegetariano 340 giorni l'anno circa e il tonno l'ho eliminato per altri motivi state tranquilli. Il nastro trasportatore oceanico provvederà a redistribuire la radioattività giapponese in lungo ed in largo... I giapponesi sono fortunati, vivono a margine di un oceano enorme che scambia acqua con altri enormi oceani... Pensate se fossero stati in un mare chiuso.. Come l'adriatico... Fandonia, in un mare chiuso come l'adriatico un tsunami di quella proporzione semplicemente non avverrebbe... Manca l'acqua...
Quasi vegetariani e contrario al nucleare a prescindere. Di fukushima è interessante notare l'ampiezza della zona di esclusione ed il tempo che la vedrà mantenuta.
Su ioleggoletichetta.it, non sul Post.
Pardon!
"Non perdo tempo a linkare, è solo una frase inserita in un pezzo sull'argomento Fukushima. E si ammette chiaramente che (cito) : “... la notizia delle balene uccise a causa della radioattività si è rivelata falsa...”"

Caro Nikonzen,

Il discorso è molto delicato e, comunque si cerchi di affrontarlo in maniera pacata e ragionata, provoca da ambo le parti risposte "di pancia".

a me l'articolo della Puppato sembra abbastanza equilibrato. La Puppato dice chiaramente che la notizia dello spiaggiamento è falsa, come riporti tu stesso, e poi pone un quesito che secondo me non si può liquidare in 20 secondi: "può davvero risultare credibile che una tecnologia in cui un semplice errore umano o la sottovalutazione di fattori endogeni (terremoti, vulcani, corsi d’acqua sotterranei) riprospetta la catastrofe per buona parte dell’umanità, sia ancora considerata come strumento valido ed efficace per la produzione energetica? "

Mentre un conto dei morti per TW esiste e, sebbene non sia stato pubblicato su riviste scientifiche (almeno così mi risulta), mostra che l'energia nucleare non è così pericolosa, c'è il problema dell'entità del rischio. Sia nei casi di Chernobyl che di Fukushima si vede come l'impatto ambientale di un incidente abbia conseguenze a lungo termine difficili da comparare con quelle di incidenti di altre fonti energetiche. Questo, e solo questo, è un aspetto che va tenuto comunque in considerazione, soprattutto in paesi come il Giappone, ad alta densità di popolazione.

Voglio dire che se un incidente catastrofico ad una centrale a carbone posta, supponiamo, nel bel mezzo di Milano, creerebbe un'emergenza che dura - supponiamo - un anno, un incidente di livello 7 ad una centrale nucleare nella stessa zona significherebbe l'evacuazione di diversi milioni di abitanti e la contaminazione di un territorio che verrebbe recuperato dopo decenni. L'Italia non sarebbe più la stessa dopo di esso.

Ovviamente uno può pensare di porre la centrale in una zona disabitata, ma molti Paesi, come il nostro, non se lo possono realmente permettere. L'incidente di Fukushima pone questo problema. E dato che un piano energetico ci mette decenni ad essere implementato, bisogna decidere dove destinare risorse. Allora nel decidere tra le risorse sostenibili esistenti, il problema di porsi se il nucleare va considerato o meno deve includere anche questo aspetto.

Personalmente ho molti dubbi su queste cose e la mia opinione oscilla continuamente. Ma appunto oscilla, in base alle evidenze e ai fatti, mentre vedo che in entrambe le due fazioni c'è una tendenza ad ancorarsi ad un'opinione, selezionando solo fatti che confermano i propri pre-giudizi. Che è il contrario di un atteggiamento scettico sano. Ricordiamoci che rispetto ad ogni problema le risposte possibili sono 3, non 2: si, no e non lo so.
STAFF ZEROGAS
I dati della TEPCO innanzitutto sono falsi, e lo hanno dichiarato poco dopo loro stessi.

Paolo ha citato Le Scienze: questa, a sua volta, cita due studi scientifici (PNAS 1 e PNAS 2), che tu sicuramente hai letto, prima di rispondere, VERO?
Cosa c'entra la TEPCO, neanche nominata da Paolo?
Perciò, copio-incollo: CERCHIAMO DI NON DIRE STUPIDATE.
Scusami, dimenticavo: "se la realtà è contraria ai miei pregiudizi, la realtà ha torto".

È vero che i pesci nuotano, ma sono legati comunque alla loro zona...

Come no...
Perciò, ricopio-reincollo: CERCHIAMO DI NON DIRE STUPIDATE.

Altrimenti nelle nostre acqua avremmo i gamberetti cinesi (che sono completamente diversi)

No, quelli stanno insieme alle rane nel liquido decerebro-spinale dei paranoici.

le aree di riferimento non sono quelle, sono la 59 e la 71.

L'area 59 non è negli oceani: è il già citato liquido decerebro-spinale dei paranoici, dove nuotano i gamberetti cinesi e le rane.
La mitica Area 59 è cugina dell'Area 51, dove nuotano i gamberetti alieni e le rane aliene degli alienati mentali.
Come sopra: CERCHIAMO DI NON DIRE STUPIDATE.

Inoltre la RIOMARE allarmata anchessa ha fatto un servizio online per tracciare il tonno a questo indirizzo http://www.riomare.it/it/tracciabilita

C'hanno i poteri e la sfera di cristallo: tracciano il tonno dall'1 gennaio 2010, un anno due mesi e dieci giorni prima di Fukushima.
Di nuovo: CERCHIAMO DI NON DIRE STUPIDATE.

inoltre foto di questa settimana fanno vedere per esempio ASTICI DEFORMI http://www.tiscali.it/media/portal/13/09/astice.jpg_880943307.jpg

Ne riparliamo davanti a foto decenti, complete di nome e cognome del paranoico di turno.

anche questo presentatore giapponese mangiando dell'insalata supportava la teoria che la radioattività di flora e fauna sono inferiori a quella naturale

anche rispetto a chi? Paolo ha scritto una cosa diversa, peraltro relativa a un fatto, non a una teoria.
Again: CERCHIAMO DI NON DIRE STUPIDATE.

adesso ha il cancro http://s3.stliq.com/c/l/2/23/17357710_riso-acqua-ed-ora-verdure-fukushima-provoca-la-leucemia-1.jpg

Infatti vedo che sta crepando di salute.
Se la ragazza è compresa nel pacchetto, il cancro lo voglio anch'io (arff... arff...).

CERCHIAMO DI NON DIRE STUPIDATE

Giusto, da' il buon esempio.

PERCHE' LA GENTE POI MUORE DAVVERO

Muore il cane e l'asinello,
muore il gatto e l'agnello,
muore la gente piena di guai,
ma i rompico***i non muoiono mai.
@Zerogas
Non perdere tempo in questo covo di disinformatori prezzolati, tanto anche se tu gli dimostri che la TEPCO ha diffuso dati sbagliati e poco dopo l'ha ammesso loro ti dicono che la ricerca sui tonni non è della TEPCO ma di un fantomatico Dott. Fisher (ma ti pare che uno che fa le ricerche sui pesci si chiami Fisher? è chiaramente inventato magari dalla RIOMARE allarmata anchessa)... e cmq anche io di gamberetti cinesi nelle mie acque non ne ho mai visti, eppure i gamberetti sono famosi per nuotare tanto infatti sono molto più magri dei tonni... e poi cosa vuoi che sia dalla cina a qui, poi nuotando all'indietro è anche più vicino! Sesto punto: non capisco nemmeno io da dove abbia preso questo post che parla dell'area 61 quella che comprende il Giappone, ma quando mai gli scarichi del Giappone vadano a finire nelle acque limitrofe al Giappone??? rappresenta un ossimoro tecnico, è chiaro che vanno a finire nell'area 59 (e sicuramente un po' anche nell'area 51), che guardacaso sul sito della FAO è stata prontamente censurata e non risulta più... forse perché da quell'area vengono proprio gli ASTICI DEFORMI??? CERCHIAMO DI NON DIRE STUPIDATE!!!
OT

pgc
Il discorso è molto delicato e, comunque si cerchi di affrontarlo in maniera pacata e ragionata, provoca da ambo le parti risposte "di pancia".
...
pone un quesito che secondo me non si può liquidare in 20 secondi
...
Personalmente ho molti dubbi su queste cose e la mia opinione oscilla continuamente. Ma appunto oscilla, in base alle evidenze e ai fatti
...
rispetto ad ogni problema le risposte possibili sono 3, non 2: si, no e non lo so.


"Amo" quest'uomo.
Capisci perché sei tra i frequentatori di questo blog che stimo di più, nonostante o forse grazie ai nostri "scontri"?
@ Zerogas
Quando si legge qualcosa che non piace, lo scrittore è sempre andato oltre.
Te lo dico io perchè Paolo è andato oltre. Sappiamo tutti che un livello troppo alto di radiazione fa male anche ai rettiliani, quindi escluderei l'opzione di “Rettiloformazione”. Direi che lo paga la TEPCO; centinai di milioni, di Yen, ovviamente, spiccioli in euro. Arrotonderà le entrate che gli arrivano dalla CIA (11/09) e dal governo ombra (quello ha le mani in pasta su tutto).
Per il resto... stavo per argomentare sul serio i punti che hai elencato ma credo che mi affiderò alla risposta di Faber.



@PGC
Scusa, pensavo di essere stato più chiaro nell'esprimere la mia perplessità ma a quanto pare non è così. Non era mia intenzione aprire qui un dibattito, che come tu stesso temi, in poco tempo si trasformerebbe in tifo da stadio, sullo sfruttamento del nucleare, né in Italia né nel resto del mondo. E non ho neanche criticato, nel suo insieme, il testo scritto dalla senatrice Puppato (anche se sono presenti amenità tecniche deliziose). Mi chiedo solo dove o da chi una senatrice abbia appreso quella specifica notizia (cetacei morti). Io ne ho trovato riscontro solo in siti non propriamente attendibili. E forse, ho aggiunto, è stata una mia svista. Infatti chiedo di essere smentito. Perchè, così, su due piedi, potrei pensare che i legittimi dubbi e le critiche portate avanti dalla senatrice in questione, scaturiscano da una fonte d'informazione non dissimile da quella che fa parlare qualche deputato di chip o scie chimiche. In questo caso, i dubbi non sarebbero poi così legittimi. La questione cruciale è capire l'origine della formazione culturale della senatrice, Chissà...magari se leggesse Nature o, banalmente, Le Scienze invece che blog da quattro soldi, molti dei suoi timori sparirebbero.

Su tutto il resto mi trovi d'accordo. Io ho una mia posizione. Si sarà capito che, valutati i rischi e i benefici, sia comunque a favore di un moderato uso della tecnologia nucleare a scopi energetici ma non liquido sempre e tutte le obiezioni come ridicole. Se ne potrebbe discutere ma non è il luogo adatto.
> è a livelli insignificanti rispetto alla radiazione naturale media

Infatti.

In compenso, l'opinione pubblica (qualunque cosa significhi) non percepisce i pericoli radioattivi veri: radon 1, radon 2.

Direi che 3.000 cancri polmonari l'anno in Italia non siano uno scherzo (tabella 1 del secondo documento).
PERCHE' LA GENTE POI MUORE DAVVERO

Muore il cane e l'asinello,
muore il gatto e l'agnello,
muore la gente piena di guai,
ma i rompico***i non muoiono mai.

Io la conoscevo in maniera diversa (io e i miei amici la cantiamo sempre ai matrimoni dei nostri amici) e fa così:

Muoiono le mosche
muoiono i mosconi
ma i rompico***i non muoiono mai.
vedo che tutti rispondono un po all'italiana... SUL SENTITO DIRE.. e mai sui link specifici che io ho elencato... 1 - sull'area diversa presa in considerazione -2 - link riomare (che l'azienda ha messo a disposizione proprio per il problema mondiale riscontrato) 3 - sulla foto degli astici deformi trovati (se questa radioattività fosse veramente inferiore al naturale come mai nascono astici deformi?) - 4 - nessuno sa rispondermi sul cancro che è venuto al famoso presentatore tv giapponese dopo aver mangiato una foglia di insalata? NESSUNO RISPONDE NELLO SPECIFICO... ripeto tutti a fare telenovele, ma che tecnici o debunker siete? ahahahah ridicoli
No, per le prime due cose ti hanno già risposto e non hai letto.

Commento n. 19, di Faber: c'è la mappa corretta delle aree e si precisa che la tracciabilità è antecedente a Fukushima

Le altre due cose non hanno ottenuto risposta se non sarcastica per l'inconsistenza dell'argomento: esseri deformi e tumori del sangue ci sono sempre stati anche senza radiazioni; perchè il tuo discorso abbia un senso occorrerebbe dimostrare che c'è un rapporto di causa-effetto.

Nikonzen,

si, non avevo capito quello che intendevi. Adesso mi è molto più chiaro.

saludos,
pgc

PGC,
dovrei fare io un passo indietro; mi sono impuntato su quella che probabilmente è una sciocchezza considerati tutti gli aspetti che vengono toccati nel documento. Ma sono stanco di interrogazioni parlamentari su raggi della morte, scie chimiche, medicine miracolose e simili.

# Zerogas
Libero di non crederci, ovviamente, la mia parola vale quanto la tua ma non rispondo punto per punto solo perchè, come ho già detto,questo non è il posto adatto per discutere dei danni da contaminazione radioattiva. Oltretutto ho la forte sensazione che sarebbe tempo perso. Mi pento già di avere ceduto alla provocazione a averti scritto questa risposta. Presuntuoso? Arrogante? Naaa... solo (passatemi il termine) "scazzato".
martinobri
Le altre due cose non hanno ottenuto risposta se non sarcastica per l'inconsistenza dell'argomento: esseri deformi e tumori del sangue ci sono sempre stati anche senza radiazioni; perchè il tuo discorso abbia un senso occorrerebbe dimostrare che c'è un rapporto di causa-effetto.

Non esattamente: l'ho preso per il viso, perché lo meritava, ma ho risposto seriamente:
- prima di dimostrare che c'è un rapporto di causa-effetto, bisogna dimostrare che esista il supposto effetto: la pessima foto dell'astice, pescata da un blog cui non farò pubblicità, può essere una composizione di parti di astici di diversa taglia, di provenienza peraltro ignota
- la foto del presentatore mostra un tizio florido che se la spassa in piacevole compagnia: che si tratti di Otsuka Norikazu me lo sono trovato per conto mio, per eccesso di zelo: l'intervallo fra l'esposizione alla bassa dose di radiazioni emesse dalla verdura e la diagnosi di leucemia acuta linfoblastica è troppo breve per ipotizzare un rapporto di causa-effetto (ripeto, ipotizzare, non dimostrare).
@STAFF ZEROGAS

Tutte le radiazioni sono cancerogene. Il conduttore ha mangiato cibi radioattivi. Ora ha la leucemia. Ergo l’ingestione di cibi radioattivi ha provocato la leucemia.

Ragionamento inoppugnabile; peccato che sia un ragionamento fallace.

http://www.queryonline.it/2011/12/02/lanchorman-la-leucemia-e-i-cibi-di-fukushima


Staff Zerogas. Lo stesso Zerogas che nel suo "manifesto" cita le tecnologie nascoste (tranne che ai pochi eletti e allo staff Zerogas) tra cui le portentose invenzioni di Tesla? Possibile che non esista un complottista/piùsvegliodeglialtri che non si limiti a un singolo misfatto?
@pgd
"se un incidente catastrofico ad una centrale a carbone posta, supponiamo, nel bel mezzo di Milano, creerebbe un'emergenza"
ENORME.
Anche senza nessun incidente. Stando alle statistiche avrebbe fatto piu' contaminazione, sia chimica che rarioattiva, dell'incidente jap.

Il problema poi e' che lo stoccaggio di quelle MIGLIAIA di TONNELLATE di carburante necessarie a tenere accesa una centrale a carbone in caso di incendio avrebbero disperso Kg di roba senza importanza come arsenico, uranio, mercurio, titanio.... la sindrome dei balcani sostanzialmente.

Ricordiamo che a Seveso per un piccolo sbuffo di materiale siamo ancora in ballo ma si fa finta di niente?

In piu' il "costo" termico. In jap la cosmo oil prendendo fuoco a incenerito 30 operai e intossicato/ucciso altre persone. Il conto non e' corretto in quanto con 30.000 salme non e' che fai l'autopsia per vedere se e' morta per asfissia da petrolio o perche' un qualcosa gli e' caduta addosso. Un po come i morti della vicina (ex) centrale idroelettrica che ha cancellato una citta' dalla mappa. Morti? ALMENO 100. un numero tondo e via.

Quindi LE DUE centrali nucleari di fukushima hanno retto benissimo: la prima ha fatto tutto sommato pochi danni rispetto ad altre forme energetiche pur essendo del 1967, la seconda del 1976 non ha problemi. In totale su 11 centrali nucleari il bilanci e' un morto schiacciato da una gru caduta durante la riparazione del circuito di raffreddamento della 2.
Prima di parlare di bufale e di andare a precisare tutti gli aspetti delle varie vicende qui riportate (conduttore ammalatosi di leucemia, presunto astice deforme...) a nessuno viene in mente di evidenziare un aspetto che l'appello per il tonno in fin dei conti suggeriva.
Sto parlando di quello che si chiama principio di precauzione, per cui se posso evito di mangiare del tonno proveniente da quei mari.
Non sara' molto "fair" e sara' anche sbagliato penalizzare questi specifici prodotti senza prove precise, ma perche' mai devo sperimentarlo sulla mia pelle?
In fin dei conti poi non servirebbero neanche gli esempi di qualche volto noto che in tv si metta a mangiare queste scatolette di tonno per tranquillizzare noi poveri consumatori, visto che poi se anche si ammalasse di tumore sarebbe praticamente impossibile dimostrare la causalita' dovuta eventualmente al presunto tonno radioattivo.
Pablo, in linea di principio mi trovi d'accordo sulla precauzione. Ma se dovessimo dar bada a tutti gli allarmi lanciati "per precauzione" perché "anche se non è vero, io intanto avverto" perché avvertire "male non fa", dovremmo chiuderci in un bunker per il resto dei nostri giorni.

E comunque sperare che tra le scorte alimentari fatte prima di imbucarsi nel bunker, non ci siano scatolette di tonno radioattive, latte riciclato, dentifrici cancerogeni...

Da quello che si scrive qui sembrerebbe che nell'area 61 non venga nemmeno pescato, nell'area 61, il tonno qualità PINNE GIALLE, che è quello solitamente usato per le scatolette.

http://www.fao.org/docrep/w1310e/w1310e04.htm

Invece nella 71 sì. Nella 61 si pescano altri tipi di tonno che

Chiedo lumi e opinioni al riguardo, ma se così fosse (senza scomodare i livelli più o meno tollerabili di radioattività) l'allarme sarebbe TOTALMENTE infondato, o al limite vorrebbe dire che è più "pericoloso" (virgolette d'obbligo) mangiare tonno al ristorante (dove possono essere servite anche specie tipo il tonno rosso, presente nella 61) o no?
L'unica cosa seria dell'articolo è nell'incipit ... acquistare alimentari "economici" fa sempre male, a prescindere dalle contaminazioni radioattive. Ricordate, dalle mozzarelle blu, più indietro fino al vino al metanolo di 40 anni fa ... in Italia!
Se credete veramente che il tonno in lattina sia radioattivo perché non comperate delle lattine provenienti dalle zone incriminate e ne misurate la radioattività?
E' così difficile? Un contatore Geiger ormai costa meno di uno smartphone di gamma alta.
@Stupidocane
Infatti occorre fare selezione anche su questi appelli-allarme che si muovono in una zona che io definirei solo "ai confini della bufala".

Siccome nei dintorni della centrale colpita dallo tsunami in giappone e' evidente che ci sia una situazione un po' fuori controllo e con dati non molti precisi sui livelli di contaminazione radioattiva mi sembra comunque giusta la precauzione di evitare per quanto possibile di mangiare il pescato di quelle zone.
Se l'unico strumento sono questi vaghi numerini identificativi dell'area geografica, anche se impreciso io magari lo uso e pazienza se la precauzione e' eccessiva.
Ben diversa sara' la situazione su altri allarmi bufala qui passati in rassegna in passato (l'aspartame per esempio) su cui la preoccupazione e' davvero ai limiti dell'infondatezza per cui non serve applicare alcuna cautela.
Ci sono altre considerazioni da fare: il tonno commercializzato in Italia NON si pesca in area 61. Si pesca in effetti anche in area 71 (4000 km più a sud della zona contaminata) ma ancor più in altre aree, dove costa meno (e che sono decisamente a ovest del Giappone, anche se non credo che ci sia stato questo calcolo)

http://ioleggoletichetta.it/index.php/2013/09/tonno-radioattivo-fukushima-fao-61-fao-71-nomi-e-le-sigle-che-spaventano-facciamo-chiarezza/

Stefano
@ Pablo

mi sembra comunque giusta la precauzione di evitare per quanto possibile di mangiare il pescato di quelle zone.

Ed è proprio questo il punto. La sola zona 61, ad esempio prende circa un quarto del Pacifico, dal Mare di Bering a Nord e giù lungo il 185° meridiano fino ad incontrare il 20° parallelo Nord che passa sopra le Filippine. La 71, ben più a sud, sempre dal 185° meridiano, arriva fino al 20° parallelo Sud, idealmente a metà Australia.

Capirai che non si può fare a meno di due zone così vaste per l'approvvigionamento ittico. Posso capire l'allarme per le coste giapponesi, ma stiamo parlando di quasi mezzo Oceano Pacifico... Le radiazioni non possono essere state così potenti da inquinare tutta quell'acqua.

Senza contare che prima di essere immessi sul mercato, i pesci devono essere controllati.
L'acqua di mare usata per spegnere i reattori è stata riversata in mare e da questo articolo sembra che le perdite continuino. Se accettiamo (e io ho visto con i miei occhietti a Cuba, dove vengono curati in una struttura nei pressi dell'Havana) che a Cernobyl possano nascere animali e persone con malformazioni, perchè non possiamo ammetterlo per le aragoste del mare giapponese ?

http://nuclearfreeplanet.org/articles/arnie-gundersen-and-akio-matsumura-fukushima-forty-good-years-and-one-bad-day.html
http://www.huffingtonpost.com/2013/07/26/fukushima-leak_n_3658403.html
http://www.ibtimes.com/contaminated-water-leak-fukushima-plant-emergency-which-tepco-alone-cannot-handle-japans-nuclear
perchè non possiamo ammetterlo per le aragoste del mare giapponese ?

Forse perchè la quantità di radiazioni non è la stessa?
martinobri ha commentato:
Forse perchè la quantità di radiazioni non è la stessa?

Ah, quindi tu hai i dati precisi? perchè io ho cercato, ma ho trovato solo notizie che attestano che fukushima i livelli di contaminazione sono più altri che a Cernobyl. http://www.zeroemission.eu/news/id/13823
Oggi Reuters pubblica questo
http://uk.reuters.com/article/2013/08/14/us-japan-fukushima-insight-idUKBRE97D00M20130814

Mi puoi segnalare un link "rassicurante" ? grazie
@Ghingo:

Il sito del tuo link, come gli altri che riprendono la stessa notizia, dice che all'interno di alcuni siti in 20 km di raggio la radioattività è molto alta, superiore anche a quella di Chernobyl immediatamente dopo l'incidente.
E che c'entra con le aragoste? MIca vivono in quelle aree. Stanno più lontane. Dove la radiattività è presumibilmente molto più bassa.
Se hai dati precisi sulla location delle foto dei crostacei deformi e sulla radioattività misurata in loco, ben vengano. Altrimenti, paragoniamo tra loro situazioni diverse.

Nessuno contesta la gravità dell'incidente giapponese. E' un disastro, e bisogna far sì che non succeda mai più. Ma tra questo e dire che animali viventi in siti LONTANI sono sicuramente contaminati sopra un certo livello, c'è una certa differenza.

Le cause buone non si sostengono con notizie false o gonfiate.
AAAAHHHH!!!
HO SCRITTO RADIATTIVITA'!!!

Mi autopunisco.

radioattività
radioattività
radioattività
radioattività
radioattività
radioattività
radioattività
radioattività
radioattività
radioattività
radioattività
radioattività
radioattività
radioattività
radioattività
radioattività
radioattività
ah ok, non sapevo dove stessero le aragoste.
quindi possiamo sostenere che le zone segnalate sono sbagliate ma la notizia non è una bufala. giusto? (non è proprio quello che viene sostenuto da Attivissimo che scrive: l'Unione Nazionale Consumatori ha fornito dettagli di fatto e ha etichettato la notizia come “una vera e propria bufala” per la vastità e distanza delle aree FAO rispetto alla zona di mare interessata dalla radioattività di Fukushima. :)
Beh, prima di tutto nella frase che hai citato Paolo riporta pari pari un testo dell'Unione Nazionale Consumatori. Se tu non sei d'accordo col giudizio di "bufala", devi chiamare in causa questi ultimi.


E poi i tonni vengono da zone ancora più lontane dalla centrale che le aragoste. Quindi...
Oh, russeliana teiera che orbiti nei cieli; aiutami tu.
Ma come si è finiti dai tonni alle aragoste? L'unico, fantomatico, crostaceo mutante che ha fatto scalpore in questi giorni, per quanto ne so, è un astice pescato sulle coste atlantiche degli Stati Uniti. A questo punto, sempre che una mutazione ci sia stata, sempre che la mutazione sia indotta, perchè non dare la colpa all'incidente petrolifero BP nel Golfo del Messico? Così...tanto per cambiare un po' disco. Lo so, le radiazioni sono più misteriose e fanno tanto personaggio Marvel (o DC se preferite), ma in fondo anche gli idrocarburi hanno proprietà mutagene e non decadono come il cesio.
@martinobri
Mi autopunisco.

radioattività
radioattività
radioattività
...


Capirai che autopunizione! Hai usato il copia/incolla! :-)
Nikonzen
Ma come si è finiti dai tonni alle aragoste? L'unico, fantomatico, crostaceo mutante che ha fatto scalpore in questi giorni, per quanto ne so, è un astice pescato sulle coste atlantiche degli Stati Uniti. A questo punto, sempre che una mutazione ci sia stata, sempre che la mutazione sia indotta, perchè non dare la colpa all'incidente petrolifero BP nel Golfo del Messico?

Perché è un astice del Giappone, passato nell'Atlantico attraverso il canale di Panama mentre corteggiava un'aragosta.
http://www.youtube.com/watch?v=333NJQsUVVM&feature=share&list=UUZiWDEG7NHmnBS60JdSFMxg
Meglio aggiornare con questo articolo di Le Scienze, credo.
http://www.lescienze.it/news/2013/06/04/news/tonno_contaminazione_radionuclidi_fukushima-1685423/
Johnnie,

se tu avessi letto il mio articolo completo, quello che linkato nel mini-post qui sopra, sapresti che una delle mie fonti è proprio quell'articolo di Le Scienze che segnali.
signori vi siete scordati che dopo cernobil a roma non si mangio' piu' insalata per oltre un mese? sinceramente dire che il tonno pescato nel pacifico nei pressi del giappone sia del tutto privo di pericoli mi sembra un tantinello azzardato. non si scherza su queste cose. non si scherza sui tumori causati da radiazioni. questi sono conti piuttosto complessi. anche le centrali nucleari secondo i matematici erano sicurissime. ne sono saltate per aria solo due . se saltera' pure la terza che faremo diremo che non e' possibile perche' i matematici dicevano che la probabilita' e' infinitesimale. ma per favore. li c'e' una fuga radiattiva potentissima e col cavolo che mangio il pesce che passa in quelle acque. c'e' da chiedersi se sia sicuro mangiare il pesce degli oceani limitrofi. poi fate come vi pare ma certificare la sicurezza di quel pesce e' una responsabilita' che non bisogna prendersi con la leggerezza mostrata.
ma certificare la sicurezza di quel pesce e' una responsabilita' che non bisogna prendersi con la leggerezza mostrata.

Per caso stai parlando della stessa leggerezza che hai dimostrato nella lettura dell'articolo?

:)
Nel merito del discorso sulla pericolosità del nucleare, mi punge vaghezza di rimandare al rapporto stilato da Greenpeace sulle centrali a carbone:

http://www.greenpeace.org/italy/Global/italy/report/2013/clima/Killer_silenziosi.pdf

Secondo questo report, sarebbero 22.300 le morti l'anno attribuibili alle centrali elettriche a carbone. E tutte nella sola Europa.
ne sono saltate per aria solo due

La seconda qual è, scusa?


li c'e' una fuga radiattiva potentissima

Tanto potente che sono scappate anche tutte le maiuscole.
Si scrive radioattiva, comunque.
col cavolo che mangio il pesce che passa in quelle acque

Non che i nostri mari sono messi meglio se parliamo di inquinamento radioattivo; ci sono ancora i resti di cinque sommergibili nucleari e qualche reattore dismesso e buttato in mare oltre a, forse, qualche SLBM sparsi tra l'Atlantico e il mare Artico.





@ Martinobri
Credo che Roberto si riferisca a Chernobyl prima e Fukushima poi.
Per fortuna nessuno gli ha raccontato di Three miles island e non ha notato che i reattori danneggiati in Giappone sono stati tre (più problemi nella psicina del quarto, ma lasciamo perdere) e non uno solo (chissà perchè si pensa che una centrale debba avere un solo reattore), altrimenti lo vedremmo aggirarsi in strada in tenuta antiradiazioni.

Un'altra cosa. Lasciamelo dire amichevolmente, non è cortese correggere gli altrui errori ortografici. E poi, con tutti i punti che si potevano riprendere, ti impunti su maiuscole e radioattivo/radiattivo? Dopo la punizione autoinflitta, vuoi che soffrano tutti allo stesso modo? Professorino ;-)
roberto
col cavolo che mangio il pesce che passa in quelle acque

Squisito :-)
Credo che Roberto si riferisca a Chernobyl prima e Fukushima poi.

Immaginavo. Allora è opportuno precisare che Fukushima non è saltata per aria.
Usare queste parole fa supporre che il problema sia venuto dalla centrale stessa. Da un suo malfunzionamento.


Lasciamelo dire amichevolmente, non è cortese correggere gli altrui errori ortografici.

Io penso il contrario. Penso che la correzione (gratis, per di più) sia una forma di cortesia.
Se nessuno corregge i miei errori, quello che scrivo avrà sempre meno valore di quello che potrebbe avere.
Perchè, in un contesto appena un po' più "su" del mercato delle vacche, la forma E' sostanza.

Professorino ;-)

E' un complimento! :-)
martinobri
Perchè, in un contesto appena un po' più "su" del mercato delle vacche, la
forma E' sostanza.


Perché.
;-)
Perchè, in un contesto appena un po' più "su" del mercato delle vacche, la
forma E' sostanza.

Perché.
;-)



Touché :-)
Broken link.
Si apre la home della TV svizzera, ma niente articolo.
Unknown,

ho aggiornato il post per includere il testo dell'articolo. Grazie della segnalazione.