skip to main | skip to sidebar
103 commenti

Antibufala: la Merck inocula il cancro tramite i vaccini?

L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

L’azienda farmaceutica MERCK ha confessato, la tragedia mondiale che sembrava frutto di una mente squilibrata purtroppo invece è una realtà con cui bisognerà confrontarsi. L’azienda ha ammesso di aver inoculato il virus del cancro per mezzo dei vaccini.

La scioccante intervista ovviamente censurata, condotta dallo studioso di storia medica Edward Shorter per la televisione pubblica di Boston WGBH e la Blackell Science, è stata tagliata dal libro “The Health Century” proprio a causa del suoi contenuti, l’ammissione che la Merck ha tradizionalmente iniettato il virus micidiale (SV40 ed altri) capace di provocare il cancro, nella popolazione di tutto il mondo.

È un brano tratto dall'allarme che viene pubblicato senza alcuna verifica preliminare da tanti siti di “informazione alternativa” (curiosa etichetta che non considera che l'alternativa all'informazione è la stronzata) e rimbalza su Facebook grazie all'ingenuità e alla faciloneria degli utenti.

Seriamente. Pensateci un secondo. Se davvero una casa farmaceutica fosse così spietata da iniettare il cancro, perché mai sarebbe così cretina da ammetterlo pubblicamente? A che pro? Sarebbe un autogol di proporzioni monumentali. E se l'intervista è stata “censurata”, come mai invece siamo al corrente della sua esistenza e viene pubblicata?

I fatti accertati, tanto per cambiare, sono radicalmente differenti da come vengono raccontati nell'appello. La Merck usò per errore, e smise di usare già oltre cinquant'anni fa quando se ne accorse, un vaccino contaminato da un virus che forse era cancerogeno. Una cosa ben diversa dall'aver “inoculato il virus del cancro per mezzo dei vaccini” e dall'averlo fatto “tradizionalmente” e intenzionalmente come dice l'appello.

Questo è quello che emerge da una ricerca di Wired datata 2007: fra il 1955 e il 1963 un vaccino antipolio prodotto dalla Merck risultò essere contaminato dall'SV40, un virus che faceva parte degli ingredienti necessari per ottenere il vaccino antipolio ed è sospettato (per ora senza conferme; altro che “micidiale”) di essere in grado di creare tumori nell'uomo.

L'allarme fu lanciato da Maurice Hilleman, della Merck, e la contaminazione fu risolta. Si sa che quel tipo di vaccino contaminato fu inoculato a circa 100 milioni di americani e a un numero elevatissimo di abitanti di altri paesi, ma non si sa se abbia innescato il cancro nelle persone inoculate. Si sa, però, che le ha messe al riparo dalla poliomielite.

Questo episodio vuol dire che dobbiamo rinunciare ai vaccini? Assolutamente no. Attaccarsi a un errore di cinquant'anni fa (un'eternità, in medicina) per condannare in blocco i vaccini è come rinunciare alla corrente elettrica perché una volta avete preso la scossa. L'errore della Merck è, semmai, un promemoria del fatto che i vaccini e la loro produzione non sono un gioco da ragazzi e hanno bisogno di controlli qualitativi severissimi e di essere utilizzati in modo responsabile.

I vaccini sono una delle più grandi invenzioni dell'umanità. Chi è giovane oggi non ricorda quando non c'erano e quindi malattie come il vaiolo o la poliomielite facevano stragi e lasciavano menomazioni terribili. Provate a parlarne con chi ha qualche decennio sulle spalle e capirete. Rinunciare alla protezione dei vaccini contro malattie reali e letali perché avete letto su Facebook che i vaccini fanno male sarebbe un gesto supremamente idiota che danneggerebbe tutti.


Aggiornamento (2013/09/14)




È un tweet dell'attrice Mia Farrow: “I miei figli sono stati vaccinati puntualmente. Tutti tranne uno. Aveva sei anni quando l'ho adottato. La poliomielite l'ha trovato prima di me. È paraplegico. Vaccinate i vostri figli.”



Aggiornamento (2014/09/05)


È passato un anno e la bufala gira ancora: adesso l'ha ripubblicata pari pari Affaritaliani.it, senza ovviamente fare il minimo controllo giornalistico prima di sparare la notizia da panico. Applausi. Il giornalismo si uccide anche così, una stronzata alla volta.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Siate civili e verrete pubblicati, qualunque sia la vostra opinione: gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE: l'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo sito. Ciò significa che per poterla visualizzare senza problemi dovete assicurarvi che il vostro browser (tramite l'azione di qualche estensione, tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o altri programmi di protezione (antimalware, tipo Kaspersky) non la blocchino per qualche motivo e inoltre che sia permesso accettare i cookie da terze parti.
Commenti
Commenti (103)
Concordo con tutto, ed aggiungo che proprio non capisco questi allarmi: a quale pro infatti le aziende farmaceutiche produrrebbero farmaci inefficaci o dannosi? La loro sopravvivenza come industrie si deve proprio al vendere invece prodotti che curano, utili, quindi non vedo proprio il motivo per loro per fare danni, a meno di dire che lo fanno per pura "cattiveria", il che però sembra ben più azzeccato ad una storia per bambini (dove i cattivi sono cattivi e basta) che alla realtà (che è infinitamente più complessa delle semplici storie per ragazzi). Insomma, per quanto mi sforzi proprio non capisco, come certa gente ragioni.

P.S. non c'entra con l'articolo, ma c'entra con la giornata: navigando su youtube (cercando tutt'altro) mi sono imbattuto in questo video:
https://www.youtube.com/watch?v=8sL4X8vQ6LU
Io davvero sto cominciando ad aver paura.. ma non per i complotti dei governi (che non esistono), bensì la paura di incontrare personalmente gente così tanto fuori di testa come l'autore del video, che chissà mai cosa possono fare (pericolo ben più reale).
E tu col tuo recente morbillo (o varicella, non ricordo) ne sai qualcosa... ;-)
L'ho vista passare stamattina su Facebook...la cosa che mi fa più rabbrividire sono i commenti saccenti della gente che, credendo di avere la verità in mano, lancia accuse medioevali verso la medicina ed arriva addirittura a non vaccinare i figli per paura di chissà quali conseguenze.
Certa gente meriterebbe un viaggio nel tempo di trecento anni così che, una volta arrivati a 50 anni nelle condizioni degli attuali settantenni possano rendersi conto della quantità di ignoranza che portano in corpo.
Sinceramente?

Spero che non si facciano i vaccini e che si curino solo con medicina alternativa: vedi che Facebook chiuderebbe nel giro di un anno per mancanza di utenti attivi
Ti segnalo, sempre per restare in tema, questo articolo su (alcuni) effetti delle mancate vaccinazioni.
http://www.quotidianosanita.it/scienza-e-farmaci/articolo.php?articolo_id=16271
Io sono nato in un paese dal quale sono scappato per motivi di sicurezza, politici, economici....e ideologici...Un paese con tante meraviglie e tante ricchezze che realmente mi piange il cuore al solo pensiero che potrebbe essere una potenza mondiale. Quest'anno è morto il suo presidente (si suo..perché non era mio) da molti considerato il leader della rivoluzione (ma rivoluzione di cosa ancora non capisco). Risulta che alla morte di questo personaggio i suoi seguaci hanno dato la colpa all'imperialismo e hanno detto che il virus del cancro era stato inoculato da una spia degli stati uniti. Da subito iniziarono a girare le immagini sui vari social...in un primo momento mi sono messo a ridere pensando a una burla, ma poi mi sono accorto che il popolo ci credeva e insisteva nel dire che effettivamente era stato inoculato. Certo è facile convincere un popolo che nella media ha un tasso culturale basso o analfabeta ma quello che più mi stupisce è che ci sia gente che governa e che gli vengano in mente certe cose. Siamo all'assurdità più assoluta.
A me sentir parlare di "virus del cancro" fa già lampeggiare il fuffometro. Mi ricorda tanto la storia del "cancro causato da un fungo"... :-/
Una notizia in tema "medicine alternative", riguarda la famosa cura del cancro con il bicarbonato

http://www.giornalettismo.com/archives/1099955/tullio-simoncini-cancro-bicarbonato-olivotto/

Speriamo che la magistratura vada fino in fondo.
@MR

Chiamare l'SV40 "virus del cancro" è tecnicamente inesatto, ma ci sono diversi virus in natura che portano proteine oncogene, ad esempio il papillomavirus.
Credo che per chiudere la questione, basterebbe leggere le parole del dottor Hilleman, lo stesso ripreso nel video (manipolato con un bel "taglia e cuci") che "confesserebbe" queste incredibili verità.
Qui: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/9776239

Dice: "There has been no evidence to implicate SV40 virus of vaccine origin in long- or short-term consequences in human subjects".

C'è bisogno d'altro?
:)
e la storia dell'aumento di casi di autismo dovuti forse a vaccini?
I vaccini sono pericolosi, basta leggere il foglietto illustrativo che è presente nelle confezioni. Le patologie per le quali i vaccini ci hanno "protetti" sono molto spesso diminuite in modo proporzionale al miglioramento delle condizioni generali d'igiene, e bisogna anche tener presente i tanti malati di poliomielite paralitica indotta da vaccini, di meningite fulminante, di sindrome di Guillame Barrè, di autismo, di ritardi nello sviluppo fisico e psichico.... tutti questi problemi fanno parte dei tanti effetti collaterali che nessuno vuole leggere "perchè fanno paura"...OK, forse la notizia è una bufala, ma non fare l'errore, per favore, di ignorare i tanti, tantissimi e sempre più numerosi danni da vaccino che si stanno scoprendo, da 50 anni a questa parte. Giusto per non passare da una bufala all'altra. Grazie.
Signor MR, il virus che causa il cancro è una realtà medica ormai consolidata. Mai sentito parlare di cancro all'utero e di Papilloma Virus.

Inoltre "il cancro" come lo si intende nel senso comune non esiste, nel senso che non è una malattia che ha una sola causa. Esistono molti tipi di cancro diversi, moltissimi tipi, e a questo bisogna aggiungere le concause. Proprio per questo è una malattia così sfuggente e misteriosa.
Un video molto ben fatto che spiega l'SV40 e' questo:
http://biasco.ch/originedelmale/video
Quelli che mettono certe voci in giro sono dei criminali.
Perché i bimbi che muoiono per colpa dei genitori che non li vaccinano saranno sulla loro coscienza.
@il si passivante
Vedi però la differenza che c'è tra dire "virus del cancro"(*) e "alcuni virus possono provocare alcuni tipi di cancro".

;-)

(*) Specie nel contesto della frase "L’azienda ha ammesso di aver inoculato il virus del cancro per mezzo dei vaccini." Fa pensare che il cancro sia _uno_ e che ci sia _un_ virus che lo provoca. Come se fosse -che so- il virus dell'influenza.
Il si passivante
ci sono diversi virus in natura che portano proteine oncogene, ad esempio il papillomavirus

... HPV, che causa il cancro del collo dell'utero e altre amenità, evitabili (cancro 70%, amenità 90%) con il vaccino quadrivalente anti-HPV: 1, 2, 3.
Buonasera, forse Le è sfuggito un piccolo particolare, ma per fare una giusta informazione, ci terremmo a sottolineare che, se ci si prende il disturbo di leggere l'articolo, è citata la fonte, visto che la nostra è una notizia derivata. Quindi forse sarebbe il caso di risalire all'origine, invece di affidarsi alla rete pescando quello che, per pura casualità, è il link più a portata di mano. Grazie per la cortese attenzione. Tra l'altro, il riportare un fatto, senza esprimere giudizi, non capiamo come possa creare allarmismo, ma noi sempre confidiamo nel fatto che le persone siano in grado di riflettere su quanto riportato. Lo staff di Tuttacronaca
Santino83
Spero che non si facciano i vaccini e che si curino solo con medicina alternativa: vedi che Facebook chiuderebbe nel giro di un anno per mancanza di utenti attivi

Ci vorrebbe più tempo :-)

Assolutamente d'accordo: IMO, tutte le vaccinazioni dovrebbero essere facoltative:
1. più figli di stupidi muoiono prima di riprodursi, più si alza il QI della specie umana
2. una Clara P. al mese sarebbe un ottimo vaccino contro i deliri degli antivaccinisti (prima che lo diciate voi: so che è un discorso nazista).
Caro staff di Tuttacronaca,
la vostra è una notizia derivata? Ah, e come avremmo dovuto capirlo? Leggendo nel pensiero?
Nella vostra pagina si parla della questione proprio come se fosse un dato di fatto: non c'è un virgolettato, non c'è un "si dice che", oppure un "secondo alcune fonti", neanche qualcosa tipo "autorevoli scienziati sostengono che". Niente. Solo frasi dirette che implicano che si tratti di fatti assodati. Per trovare la fonte dell'informazione, che comunque non è discussa, bisogna arrivare fino in fondo.

E cercate di scrivere in italiano, per favore. Tra uso disinvolto della punteggiatura, sintassi allegra, termini tecnici usati a sproposito, i vostri scritti sono di lettura assai difficoltosa.
@ Kaya e gli altri dell'autismo:

su quest'altro blog
http://medbunker.blogspot.it/
se ne è parlato, per esempio qui

http://medbunker.blogspot.it/p/lista-dei-post.html

Buona lettura.
tuttacronaca
è citata la fonte, visto che la nostra è una notizia derivata.
...
Tra l'altro, il riportare un fatto, senza esprimere giudizi, non capiamo come possa creare allarmismo


Per cortesia, fatemi sapere le vostre reazioni nel caso apparisse in rete, con citazione della fonte, la notizia derivata, senza espressione di giudizi, che le vostre mamme, mogli, figlie e sorelle esercitano un'antichissima nobile professione.

Detto veneto-friulano: xe pezo el tacòn del buso.
Io purtroppo ho una figlia che a seguito del vaccino per il papillomavirus ha sviluppato una grave malattia autoimmune che le ha provocato una invalidità Dell' 80%. Solo dopo abbiamo scoperto che ampia parte dei medici sconsiglia tale vaccinazione, propugnata con insistenti campagne dalla sanità regionale. Interessi economici delle case farmaceutiche?

Egregio Staff di Tuttacronaca,

Quindi forse sarebbe il caso di risalire all'origine, invece di affidarsi alla rete pescando quello che, per pura casualità, è il link più a portata di mano

Come giornalisti, sarebbe il caso di non ripubblicare una notizia senza prima verificarla.

A meno che vogliate dire che il vostro mestiere è soltanto fare copiaincolla di quello che trovate in giro.


il riportare un fatto, senza esprimere giudizi, non capiamo come possa creare allarmismo

Se aveste riportato un fatto, potrei anche essere d'accordo. Ma qui avete riportato una panzana.

Avete gridato "al fuoco" in un cinema gremito. Ma il fuoco non c'era.


ma noi sempre confidiamo nel fatto che le persone siano in grado di riflettere su quanto riportato. Lo staff di Tuttacronaca

Forse un semplice "scusate, abbiamo pubblicato una cazzata, staremo più attenti" sarebbe stata una scelta più onorevole.
L'unica cosa importante è che i controlli siano efficaci e costanti nel tempo. In medicina e farmaceutica si fanno errori come in altro settore. Alcuni medicinali anche molto noti son stati nel tempo ritirati e sostituiti perché sospetti di provocare danni collaterali inaspettati ma certo senza si sarebbe stato peggio. Tubercolosi, polmoniti, una semplice influenza, vaiolo, colera, sifilide, epatite b e molte altre malattie un tempo erano incubi oggi sono meri ricordi tramandati spesso dai nonni over 70 ai nipoti. La polmonite da malattia "se passa la notte è fuori pericolo" è divenuta focolai che sono rintracciabili solo con rx torace per quanto poco virulenti e per solito dopo mesi dall'averla sviluppata.
Io personalmente dovrei essere defunto o su una sedia a rotelle senza progresso nel settore medico... Guai a coloro che stavano meglio quando si stava peggio. Sono solo degli sciocchi...
Mr Attivissimo, dire che l'inoculazione del virus fu fatta per errore rappresenta un'opinione esattamente come affermare il contrario, quindi cerchi di non fare disinformazione pure lei come ha fatto spessissimo i questo blog.
Certamente all'inizio non fu voluto, con i mezzi e le conoscenze di allora era semplicemente troppo facile che ci fossero questi errori. Ma come diceva un faomso politico, a pensare male si fa peccato ma spesso ci si azzecca.
Queste aziende producono anche i farmaci che curano le malattie che loro potrebbero avere diffuso "per errore". Non potevano certo andare avanti a diffondere vaccini infetti per anni e poi far finta di non essersene accorti, ma sono certo che qualcuno ai piani alti si sara' fatto due conti e avra' pensato che magari questo errore poteva fare bene ai loro conti e cosi' potrebbe (potrebbe, non si sa con certezza) aver deciso di far finta di niente per un po'.

Con questo non dico che i vaccini sono un male, dico solo che abbiamo a che fare con aziende votate al profitto a ogni costo
Mi sia permessa una riflessione più generale: è triste pensare a quante persone, anche di una certa cultura e intelligenza, abbocchino come allocchi alle tante bufale sparse sul web senza neppure preoccuparsi di fare la benché minima verifica...
E, sempre a proposito di sciocchi, avete visto l'intervento del grillino Bernini in parlamento a proposito degli attentati dell'11 settembre? Da far cadere le braccia (e non solo)
Giulio,

Mr Attivissimo, dire che l'inoculazione del virus fu fatta per errore rappresenta un'opinione esattamente come affermare il contrario

Non è un'opinione. E' quello che risulta dai fatti finora disponibili. Se hai fatti che dimostrano il contrario, presentali.


quindi cerchi di non fare disinformazione pure lei come ha fatto spessissimo i questo blog.

Adesso chi è che spaccia opinioni per fatti? :-)


Certamente all'inizio non fu voluto, con i mezzi e le conoscenze di allora era semplicemente troppo facile che ci fossero questi errori.

Ti esprimi con molta certezza. Sei esperto di vaccini e tecnologie di preparazione farmaceutica degli anni Cinquanta? O puoi presentare qualcuno che lo sia?


Ma come diceva un faomso politico, a pensare male si fa peccato ma spesso ci si azzecca.

E come diceva un blogger meno famoso, a tirar m*erda addosso a tutti ci si sporca e si insozza anche chi non ha colpe.
Le generalizzazioni fanno sempre male, in medicina sopratutto.
Virus che trasportano geni che favoriscono la mutazione cancerosa ne esistono, lo stesso virus dell'epatite B (toh, una malattia che non dovrebbero avere più le nuove generazioni, grazie alla vaccinazione) ne trasporta uno accertato.
Ma un gene, da solo, non comporta il cancro, che è la fase finale di una cascata di eventi.
@ Sarah Maugeri
"I vaccini sono pericolosi, basta leggere il foglietto illustrativo che è presente nelle confezioni..."

Tutti i farmaci sono pericolosi, anche quelli di uso più comune che si assumono senza ricetta e senza preoccupazione. La penicillina e i suoi derivati possono dare gravi reazioni allergiche, ma si può per questo mettere in discussione l'impiego degli antibiotici? Anche in questo caso il miglioramento delle condizioni igieniche ha ridotto l'incidenza di alcune malattie, ma non le ha debellate: la tubercolosi, la scarlattina, la broncopolmonite batterica colpiscono ancora molte persone, anche quelle che vivono in condizioni igieniche ottimali (paradossalmente poi, vivendo in condizioni igieniche ottimali, si sviluppano meno anticorpi, e si è più esposti ad alcune malattie). Senza gli antibiotici molti morirebbero..
Ma anche la tachipirina può dare gravi ed irreversibili effetti collaterali, prova a leggere il foglietto illustrativo.
E' vero, alcune persone hanno riportato conseguenze anche molto gravi in seguito alla vaccinazione, ma come per tutte le terapie bisogna fare un ragionamento rischio/beneficio: quale rischio corro se mi vaccino e quale invece se non mi vaccino? Per le malattie più gravi, il rischio di conseguenze gravi dovute alla vaccinazione è infinitamente minore rispetto al rischio di contrarre la malattia e avere complicanze gravi o letali. Posso essere d'accordo che può non valere la pena di vaccinarsi contro il coleta, il tifo, persino l'influenza se sei giovane ed in buona salute, ma hai idea di quante persone non vaccinate morivano o muoiono per malattie "banali" come morbillo o rosolia, per una meningite, per un tumore da papillomavirus? Tutte malattie che non si evitano stando attenti all'igiene, e per le quali non esistono terapie per chi ne è colpito.
E pensa quante persone, quanti bambini potranno essere salvati quando quelle criminali industrie farmaceutiche riusciranno a creare un vaccino contro la malaria...
Per Paolo,
Premetto che sono pienamente d'accordo con te.
C'è solo un punto che non ho capito.
"fra il 1955 e il 1963 un vaccino antipolio prodotto dalla Merck risultò essere contaminato dall'SV40, un virus sospettato (per ora senza conferme; altro che “micidiale”) di essere in grado di creare tumori nell'uomo e facente parte degli ingredienti necessari per ottenere il vaccino antipolio."
Se il vaccino è stato contaminato dal virus SV40, per come io intendo la parola contaminazione, il virus SV40 non era previsto tra gli ingredienti del vaccino ma si è aggiunto per caso o per un errore.
Subito dopo c'è scritto che il virus SV40 fa parte degli ingredienti del suddetto vaccino.
Forse ho un'errata interpretazione del termine contaminazione.
Grazie dell'attenzione!
Replica che 'disinforma' ancora di più i 'disinformati'!
E' interessante che dal sito Tuttacronaca risponda addirittura lo "staff".
Un'intera redazione! Oppure un intero gruppo di ragazzi senza alcuna qualifica nè per fare giornalismo nè per trattare argomenti di medicina! Non lo sappiamo. Perchè, come al solito, non si sa se dietro questi blog di "informazione alternativa" ci sono dei veri giornalisti dissidenti oppure se sono semplici adolescenti/ventenni in cerca di accessi facili e di un po' di notorietà via web.

Tanto, al bufalaro complottista, questo non interessa: se il sito/blog dice quello che vuole sentire, allora è dice sicuramente la verità.
E il tizio che copiaincol...ops...scrive l'articolo potrà sempre giustificarsi dicendo "io ho solo riportato una notizia che ho letto altrove". Anche la parrucchiera riporta le notizie di altri. Anche Marco Mazzoli dello Zoo di 105 riporta ciò che sente o legge in giro. Ed entrambi, se vengono beccati a dire una cazzata, alzano le mani e dicono "ma io ho solo ripetuto...."
Se si ripete una cazzata, resta una cazzata. E chi la dice resta un cazzaro, soprattutto se poi crede a quello che sta dicendo.

E non basta nemmeno dire "abbiamo riportato la fonte della notizia". Perchè scrivere, al fondo dell'articolo, fonte losai.eu (senza una maiuscola, senza una punteggiatura, senza una formattazione che renda la scritta più visibile del resto) è paragonabile ai microsottotitoli che compaiono durante le telepromozioni e che ti dicono "gli effetti di tale prodotto non sono quelli che vedi nello spot".

Se uno pubblica una notizia riportata pari pari da un altro sito, dovrebbe avere la decenza di scriverlo all'inizio del testo, con tanto di link alla notizia originale. Certo che se la fonte è addiritura "losai" (un altro blog gestito da complottari) allora è come se una parrucchiera dicesse di aver sentito la notizia da un'altra parrucchiera.
@Paolo
ma te devi leggere "informazione alternativa" come "alternativa all'informazione" ovvero disinformazione... Torna tutto no?
Anch'io sarei istintivamente per lasciare che tutti si curino come cavolo gli pare, chissenefrega, è selezione naturale. E naturalmente SONO favorevole a che uno si curi come meglio crede, mi sto riferendo al mio dovere di cercare di combattere questa tendenza culturale, o la pretesa di avere pari "dignità scientifica" in nome del "pluralismo metodologico", non certo combattere la libertà di cura.

Ma ci sono alcuni problemi. In un mondo in cui tutti sono abbastanza sani, GRAZIE alla medicina "che funziona", le malattie gravi sono più rare. Non hai epidemie serie, grazie al fatto che vengono debellate sul nascere. Se ti ammali di polmonite, ti ricoverano e ti curano con gli antibiotici, e di solito molto pochi pretendono l'omeopatia, in quel caso. Se tutti (quasi) si vaccinano, esiste la copertura di gruppo. Quindi se ti curi "alternativo" in realtà rischi poco, ma grazie al fatto che la medicina seria esiste. Quindi niente effetto Darwin.

E vale l'opposto. Se tutti si curano alternativo, l'immunità di gruppo per i vaccini va a farsi friggere. Le epidemie ricominciano. Devi curare un sacco di persone colpite da malattie fino a pochi anni fa inesistenti (penso alla nefrite settica, che sono anni che sta riprendendo piede, grazie alle tonsilliti "curate" con l'omeopatia). Soldi e risorse umane impiegabili per curare la gente finiscono in "ospedali omeopatici" pagati dal SSN.

Quindi chi si cura alternativo non cura anche te, digli di smettere.

@ Repli

Ed intanto la montagna di deiezioni cresce... E' questo che mi fa specie: nascondendosi dietro il diritto di cronaca, si buttano in giro (chi copiaincollando chi mascherando un semplice "si dice che" con impressioni personali) tonnellate di ciarpame che diventa impresa titanica ripulire.

Non mi stupisce nemmeno il fatto che i commenti complottisti siano quelli che ricevono più Like o più voti positivi. Se il mezzo principale è pregno di minchionerie, seppure percepito come "mezzo di comunicazione diretto e libero", a forza di incontrare le suddette minchionerie, si rischia di entrare nel novero dei "sostenitori di minchionerie".

Il bello è che sono quasi sicuro che questo è dovuto soprattutto alle nuove leve che scoprono il mondo attraverso questo mezzo, salvo poi dover cominciare a lavorare e cambiare atteggiamento. Rimane però lo zoccolo duro di chi sulle minchionerie ci costruisce una carriera. Non è infatti un caso che anche il novello minchionista, dopo 12 anni, venga a tirare fuori nomi già conosciuti da tempo per la loro indole minchionista.

Ed il ciclo si rinnova di stagione in stagione, con molti ormai ex-minchionisti che abbandonano il terreno per dedicarsi alla famiglia e/o al lavoro (pur mantenendo però un piede ben ancorato alla loro formazione minchionica) ed i nuovi minchionisti imberbi, sempre pronti ad abbracciare qualsiasi minchioneria che si adatti alla loro voglia di spaccare tutto e cambiare questa società, di solito definita invariabilmente come "marcia".

Il bilancio per il momento sembra stabile. Tanti escono, tanti arrivano. Ma rimane comunque disarmante.

Mi riallaccio a quanto detto da Andy 90 qui: dove andremo a finire se una società, per poter sopravvivere a sé stessa , vuoi politicamente che economicamente, taglia gli investimenti ed i fondi alla ricerca, all'istruzione, alla formazione ed all'educazione?

Beh, ecco il risultato. Si ritrova con un Bernini in parlamento. Che a sua volta appoggia i minchionisti di professione che ringrazia addirittura per "avergli aperto gli occhi". Che a loro volta trovano terreno fertile per le minchionerie dato il basso livello di spirito critico che serpeggia tra le masse.

Intanto la montagna di merda cresce e la società, nel frattempo, diventa sempre più "marcia" e, genera sempre più minchioni...sti.

@Francesco Sacco (commento #23)

Mi dispiace per l'accaduto, che però non ha niente a che fare con il vaccino anti-HPV.
Studi indipendenti fatti su 190mila vaccinate hanno rilevato gli stessi tassi di incidenza di malattie autoimmuni della popolazione non vaccinata.

Un avvenimento temporalmente conseguente ad un altro non implica una correlazione certa, un pò come la storia di qualche tempo fa sbandierata dai giornali della ventritreenne morta "per un tatuaggio", tesi sbugiardata dall'autopsia che stabilì una forma di meningite come causa del decesso.

Il povero tatuatore ovviamente ne ha passate di cotte e di crude per l'ingiusta aggressione mediatica subita in quei giorni.
100milioni di americani e in tutti questi anni neanche una class action?

Potentissima questa Merck!
So che non c'entra nulla (o comunque poco) con l'articolo, ma dalle notizie di oggi ho appreso che un ragazzo malato di cancro è morto dopo aver ingerito grosse quantità di bicarbonato, consigliategli da un medico radiato dall'albo. Alla fine, nonostante gli avvertimenti, hanno ucciso. Sono senza parole ed estremamente rammaricato.
Grazie Paolo, il tuo lavoro è fondamentale per fare chiarezza. Ti segnalo il mio ultimo pezzo sui vaccini, al fondo del quale ci sono anche i link ai post precedenti: http://www.gravita-zero.org/2013/08/estendere-limmunita-naturale-con-i.html Insomma cerco di diffondere informazione attendibile (ma le bufale non diminuiscono mai....). Grazie ancora. Walter Caputo
Francesco Sacco ha commentato:
Io purtroppo ho una figlia che a seguito del vaccino per il papillomavirus ha sviluppato una grave malattia autoimmune che le ha provocato una invalidità Dell' 80%. Solo dopo abbiamo scoperto che ampia parte dei medici sconsiglia tale vaccinazione, propugnata con insistenti campagne dalla sanità regionale. Interessi economici delle case farmaceutiche?

Nessuno ha dato il giusto credito a questo commento che è stato praticamente ignorato.
Attivissimo si è preso invece la briga di rispondere, un commento dopo, in maniera sgarbata, celatamente aggressiva e priva stile (a mio modesto parere) allo Staff di Tuttocronaca e, soprattutto, cinque commenti dopo ad un post che poteva tranquillamente (quello sì) essere ignorato.
Figuriamoci, ognuno è in diritto di rispondere a chi vuole sul proprio blog, soprattutto (ma non solo) a chi lo attacca.

Tornando in tema di vaccini questo è un estratto del libro del Dott. Gava sulle vaccinazioni pediatriche che mi sembra ben fatto o che quantomeno dia uno spunto, dati alla mano, per riflettere sull'antipoliomelitico.
http://www.coriv.org/caratteristiche-vaccini/poliomelite-e-vaccino-antipoliomelitico/


Rudie,

Nessuno ha dato il giusto credito a questo commento che è stato praticamente ignorato.
Attivissimo si è preso invece la briga di rispondere


Non ti viene il dubbio che magari, essendo un commento importante, sto spendendo tempo a informarmi prima di rispondere?


@ Giulio

Ma come diceva un faomso politico, a pensare male si fa peccato ma spesso ci si azzecca.

E come diceva un blogger meno famoso, a tirar m*erda addosso a tutti ci si sporca e si insozza anche chi non ha colpe.


immagina questa norma applicata in giurisprudenza: "colpevole fino a prova contraria"? la facciamo valere anche nell'informazione?
Ci provo? nel Wurstel a marchio "Wuwuwu" c'è sicuramente carne umana, perchè il prezzo è troppo basso. ok. Ho applicato bene la tua regola?
Sono d'accordo su tutto. Anch'io sono venuto al corrente della notizia bufala grazie a Facebook (e chi altri se no? ;-)) e mi sono posto immediatamente il beneficio del dubbio.

La cosa che più mi sconcerta è una recente regressione della consapevolezza scientifica nella mente della gente, sicuramente amputabile al sistema di istruzione ed i mass media, che negli anni hanno contribuito a diffondere un'idiozia collettiva. C'è gente che rinuncia alla medicina tradizionale, persone che vanno in giro dicendo che l'evoluzione è falsa; che l'aids non esiste; che gli alieni sono tra di noi; che le case farmaceutiche ci controllano il cervello coi vaccini; che il mondo finirà sempre a tale data; che il cern apre un buco nero e risucchia la terra; che il chi riesce a spostare gli oggetti con la forza del pensiero, a curare le malattie con l'imposizione delle mani; che la scienza medica non è attendibile, per affidarsi un minuto dopo ai miracoli; che il cancro è un fungo che si guarisce col bicarbonato; che la pasta ti fa colla nell'intestino e ti avvelena il sangue e così via. Eh già, questo ed altro fa parte del mondo dell'informazione alternativa, ossia della stronzata collettiva di chi crede a tutto basta che sia il contrario di tutto.
Paolo,
(mi sembra di capire che possiamo darci del tu)
Forse per errore non hai pubblicato il mio commento ma solo la tua risposta. Così la gente penserà che io ti abbia attaccato o scritto delle cose brutte nei tuoi confronti come alcune persone poco rispettose fanno su questo blog.
Per quanto riguarda questa frase:
"Non ti viene il dubbio che magari, essendo un commento importante, sto spendendo tempo a informarmi prima di rispondere?"
no scusami, effettivamente non ci avevo pensato. Mancanza mia. Attendo quindi con impazienza ed entusiasmo una tua risposta dopo esserti documentato.
Rudie,

errore mio. Ora l'ho pubblicato. Ero convinto di averlo già pubblicato. Chiedo scusa.
In ogni caso, Rudie, una risposta è stata data.

Magari non sarà soddisfacente ma è come scientificamente stanno le cose.

Il tema dei vaccini causa delle malattie autoimmuni è un tema ricorrente tra i bufalisti, ed è gravissimo dare ascolto a queste voci.
Grazie ai vaccini siamo riusciti a debellare malattie mortali o che portavano a conseguenze irreversibili (es. poliomielite).

Altro tema ricorrente nelle bufale è la ricerca forzata di un colpevole o di una causa unica.
In questo modo si collega, sbagliando, una conseguenza (es. la malattia autoimmune) ad una causa ad essa slegata (es. il vaccino anti HPV).
Francesco Sacco

Innanzitutto mi dispiace per tua figlia. Se potesse essere di qualche aiuto, ecco quanto sono riuscito a reperire in rete:

Tra i primi risultati sul tema papillomavirus-malattia autoimmune troviamo Wikipedia, nella cui pagina dedicata al papillomavirus, alla voce malattie autoimmuni è ancora pendente la nota "senza fonte", quindi da prendere con il beneficio del dubbio;

Scienzamarcia, un blog che tratta, tra le altre cose, di scie chimiche, signoraggio e l'incombente dittatura globale del "Nuovo Ordine Mondiale", quindi non proprio una fonte scientifica e, inutile dirlo, non propriamente adatto a conoscere la verità;

Una pubblicazione della SIAIP (Società Italiana di Allergologia ed Immunologia Pediatrica) in cui presentano uno studio sulla correlazione tra l'insorgere di malattie autoimmuni e le somministrazioni di vaccino (http://www.siaip.it/upload/riap/413_Patologie%20autoimmuni%20nelle%20pre-adolescenti%20italiane%20e%20vaccinazione%20anti-HPV.pdf);

Informasalus, con un articolo a firma xagena, la stessa fonte di Scienzamarcia, che infatti riporta l'articolo di xagenasalute in toto. Entrambi citano come fonte la dottoressa Diane M. Harper come principale fonte di questa denuncia. Una ricerca sul nome della dottoressa porta ad altri articoli nei quali, però, non sono riuscito a trovare lo studio che ha fatto ma solo delle interviste, alcune delle quali copiate ed incollate in vari articoli su siti e blog di salute femminile;

Farmacovigilanza, che cita lo studio descritto da "il si passivante" http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/j.1365-2796.2011.02467.x/full;

Posso solo immaginare cosa stai passando. Ho una figlia di 14 anni e ti faccio i miei più sinceri auguri.
In passato non ho condiviso alcune posizioni di Paolo Attivissimo e ancor oggi dissento da lui su alcuni punti, ma questa volta non posso che congratularmi con lui per la meritoria opera di chiarezza e "contro-controinformazione" che sta facendo su questa pericolosissima bufala che gira in rete in modo virale. Personalmente la sto facendo girare su FB il più possibile. Trovo gravissimo che chi la diffonde non si renda conto dei danni devastanti che sta facendo, dei quali dovrebbe rispondere penalmente!
Paolo,
era sicuro si trattasse di una svista, di questo non ho dubitato nemmeno un secondo. Grazie per averlo pubblicato alla fine.

@ Il si passivante
Se posso permettermi il tuo mi sembra un paragone un po' forzato (quello tra il tatuatore e la persona che ha scritto il post).
Immagino che il povero Francesco Sacco lo abbia scritto perché qualcuno gli ha confermato (dei medici si spera) che l'invalidità della figlia fosse legata alla somministrazione del vaccino. Questo è quello che mi è sembrato di capire dal suo commento ma, essendo la mia una semplice sensazione, solo lui potrebbe confermarcelo.
Intanto linko un altro interessante estratto di un libro del Dott. Gava e del Dott. Serravalle proprio sull'anti-HPV.
Non si parla tanto degli spiacevoli "effetti collaterali" di tale vaccinazione ma si pone l'accento più sulla sua inutilità nella maggioranza dei casi di contrazione dell'infezione da HPV.
Finalmente! Era ora che anche da Paolo Attivissimo venisse fatta chiarezza (con il suo consueto dono della sintesi) su questa vicenda: non se ne può più di tutte le volte che leggo 'sta stronzata su facebook e *ogni volta* devo litigare per dimostrare quella che è la pura e semplice realtà dei fatti... che spesso è molto meno contorta di quanto i complottari-antivaccinisti-sciachimisti pensano (e forse è per questo che ne risultano delusi).
"...per far si che le colture di cellule animali o fetali con cui vengono preparati i vaccini moderni, accrescano il loro rendimento, vengono nutrite con siero di vacca, che detiene un alto potere di crescita. Così si viene a creare un liquido di coltura alquanto cancerogeno che viene iniettato nel vaccino per uccidere il virus..."
SOLO fino a 50 anni fa?
hai paura del morbillo? fatti vaccinare!! hai paura della varicella? fatti vaccinare!! hai paura che te lo mettano in quel posto? fatti vaccinare...
è indubbio che l'obbiettivo di tutte le aziende farmaceutiche che producono vaccini è quello di vaccinare tutti il più possibile per avere il fatturato più alto delle concorrenti.
si capisce come anche gli effetti collaterali umanamente inaccettabili lo possano diventare con una trasformazione economica (mazzetta)...
@Rudie,

Che sia una sensazione dell'autore del post, o le dirette parole del medico, il succo non cambia.
E' stata dimostrata l'assenza di correlazione tra vaccino anti HPV e malattie autoimmuni con un'ampissima casistica (ottimo riferimento, studio attendibile).

Il paragone che ho fatto era calzante, così come sarebbe stato calzante qualsiasi altro paragone causa-finto effetto.

Ad ogni modo il vaccino anti HPV ha una felice percentuale di successo che si attesta attorno al 91% dei casi, parlare di inutilità mi sembra molto forzato.

E' vero che ci sono altri patogeni che portano a gravi patologie della cervice e dell'utero, ma per lo meno nella grande maggioranza dei casi una delle cause è sistemata, nel tempo si risolveranno le altre.
...per far si che le colture di cellule animali o fetali

Cosa significa questa frase? Che le cellule fetali non sono animali? Oppure che le cellule fetali sono riferite solamente ai feti umani? Oppure ai feti animali non umani? Oppure che esistono anche cellule fetali non animali? Oppure ancora che i feti umani non appartengano al regno animale?

E partiamo bene...

con cui vengono preparati i vaccini moderni, accrescano il loro rendimento, vengono nutrite con siero di vacca, che detiene un alto potere di crescita.

Non è dato sapere in che modo vengano nutrite queste cellule animali/fetali. Mappoi, nutrire? Le cellule si sfamano? Tra l'altro presumo sarà siero di latte di vacca e non spremuta di vacca. E siamo a due punti non chiari più il primo che fanno tre.

Così si viene a creare un liquido di coltura alquanto cancerogeno che viene iniettato nel vaccino per uccidere il virus...

E come si passa dal brodo primordiale di siero di vacca e cellule animali/fetali/non pervenute (...) all'assunto che questo formi un liquido di coltura altamente cancerogeno? Manca un passaggio logico fondamentale che è la trasformazione di mix cellulare/siero=> liquido cangerogeno. Ma ammesso e non concesso che sia davvero così... dove si trovano gli aghi per iniettare questo liquido in un virus? Non sarà, magari, che invece il liquido presuntamente molto cancerogeno (immagino per il virus stesso) sia iniettato nel paziente?

Cioè, per farla breve... se questa era una spiegazione, allora non l'ho capita nemmeno un po'...
Scusate ho dimenticato di inserire il link a cui mi riferivo dei dottori Gava e Serravalle che parla del papillomavirus:
http://www.coriv.org/caratteristiche-vaccini/papillomavirus-e-vaccino-anti-hpv/

@Il si passivante
Un link a questo "studio attendibile" sarebbe gradito al fine di sviscerare meglio la questione.

Giusto per i pigri riporto un estratto dell'estratto:
"Secondo la Ditta produttrice, questo vaccino viene ritenuto in grado di evitare il 70% dei casi di neoplasia cervicale da HPV 16 e 18 e il 90% dei condilomi. Viene somministrato in 3 dosi intramuscolo a 0, 2 e 6 mesi.
Entrambi i vaccini stimolano il sistema immunitario a formare anticorpi contro 2 dei 15 tipi potenzialmente cancerogeni di HPV: sono i due tipi più frequenti, ma sono solo 2 e quindi l’effetto protettivo del vaccino, anche se fosse del 100% verso questi due tipi, in ogni caso è dello 0% verso gli altri 13 tipi. Comunque, dato che l’HPV impiega più di 20 anni per passare dallo stato di tumore benigno (displasia) a quello di tumore maligno e dato che la sperimentazione di questo vaccino è iniziata solo 5 anni fa, bisognerà attendere altri 15 anni per sapere se il vaccino protegge effettivamente verso quei 2 tipi come viene invece già ora propagandato dalla Ditta produttrice."

Se quello che dicono i due medici è vero (non sono laureato in medicina quindi non posso fare altro che rimettermi a quelle che sembrano essere fonti piuttosto attendibili sempre pronto, ovviamente, a valutarne altre suggerite da chiunque) la tua affermazione del successo sul 91% dei casi potrebbe risultare fuorviante in quanto profondamente incompleta (è vera solo per 2 su 15 tipi potenzialmente cancerogeni). Non ce n'è poi nemmeno questa certezza assoluta, sempre secondo i due medici, in quanto non è passato ancora abbastanza tempo per affermarlo.
Questo per quanto riguarda l'utilità del vaccino.

Per questa affermazione invece
"Mi dispiace per l'accaduto, che però non ha niente a che fare con il vaccino anti-HPV.
Studi indipendenti fatti su 190mila vaccinate hanno rilevato gli stessi tassi di incidenza di malattie autoimmuni della popolazione non vaccinata."
Non sono ancora riuscito a trovare nulla di soddisfacente per esprimere un giudizio.
Sono aperto ad ogni tipo di indicazione.
Diciamo anche una cosa. A mettere in allarme sulle possibili malattie inoculate non è stato il "cercatore della verità" di turno, ma la società stessa. Segno di correttezza deontologica e serietà etica. Appena una persona si è resa conto del possibile effetto collaterale nocivo hanno ritirato il farmaco. Ho letto in un altro articolo poi che negli anni 50 non si era nemmeno a conoscenza della proprietà di questo virus di infettare a volte con il cancro (parentesi: pare che, piccola nota non troppo negativa, le forme cancerogene trasmesse da virus siano di norma meno gravi di altre e sovente curabili), per cui dovrebbe rientrare nel novero degli errori in buona fede della comunità medico scientifica. Ciò detto io sono qui perché oggi metà della mia bacheca di facebook era assediata da oche starnazzanti che si scagliavano contro la medicina. Quando a una ho scritto "Guarda che è una bufala, non ti preoccupare per il bambino" mi ha cancellato dai contatti scrivendomi di farmi gli affari miei. Amen.
@Il si passivante

Perdonami, nel mio intervento a cui ti sei riferito ho commesso un errore.
Invece di parlare di inutilità nella maggioranza dei casi (cosa non vera, come abbiamo visto, per 2 tipi cancerogeni di HPV) avrei dovuto dire inutilità per la maggioranza dei tipi cancerogeni.
Chiedo venia.
Sig. Attivissimo, il sistema di spacciare le fonti ufficiali come certezze non aiuta a far luce sulla verita', e' fin troppo ovvio che gli unici che possono scoprire la verita' sono coloro che indagano personalmente o che hanno vissuto i fatti. Poi ci sono i comunicati ufficiali, che possono anche "addolcire" i fatti o, chi lo sa, cambiarli per presentare al pubblico una realta' piu' comoda. Chi fa informazione puo' solo affidarsi alle fonti e dedurre da quelle la possibile o probabile verita'.
Lei che ha fatto ironia sulla mia frase che la accusa di fare spesso disinformazione, ha spacciato per una "ricerca di Wired" (cosa che conferisce maggiore autorevolezza all'articolo agli occhi del 99% dei suoi lettori che non lo leggeranno per pigrizia o perche' non sanno l'inglese) quello che e' semplicemente un articolo giornalistico, molto ben scritto e con il quale mi trovo d'accordo al 100%, ma sempre un articolo giornalistico rimane, nel quale il giornalista da' le sue opinioni personali (nulla di scientifico quindi come dovrebbe essere una ricerca) e cita lo studio inconclusivo che anche lei ha linkato. Mi spiega perche' lo ha spacciato per una ricerca? Non e' disinformazione anche questa?

Io mi permeto di dubitare della buona fede di Merck, di qualunque altra azienda e di qualunque governo e mi piace chiedermi chi ci guadagnerebbe se la verita' fosse un'altra. Io penso che la Merck ha tutto l'interesse a far credere di essere in buona fede e non certo a dire che sono una banda di malfattori. Detto questo, e' altrettanto plausibile che fossero in buona fede e anche che il virus S40 non abbia provocato alcun cancro ma abbia aumentato il tasso medio di intelligenza della popolazione infettata. Tanto siamo sempre nel campo delle ipotesi indimostrabili, cosa ci costa ipotizzare qualcosa di positivo una volta tanto?
@ Rudie

Non sono ancora riuscito a trovare nulla di soddisfacente per esprimere un giudizio.

http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/j.1365-2796.2011.02467.x/full
Invece di parlare di inutilità nella maggioranza dei casi (cosa non vera, come abbiamo visto, per 2 tipi cancerogeni di HPV) avrei dovuto dire inutilità per la maggioranza dei tipi cancerogeni.

Dei quali però si sa che sono meno frequenti dei due tipi curabili con il vaccino. Qual'è la percentuale di incidenza degli altri 13 tipi di cancro e quale quella dei due tipi curabili?
Premesso che il vaccino anti HPV è tetravalente, cioè immunizza da 4 delle 100 forme di HPV conosciute, mettere in dubbio l'utilità di suddetto vaccino in quanto non immunizza da tutti i tipi di HPV è insensato.

Innanzi tutto perché solo il 13% circa delle 100 forme di HPV espongono a rischio oncogeno, e di questo 13% 2 delle 4 forme che il vaccino immunizza causano il 70% dei casi di tumore alla cervice.
In secondo luogo quando scrivi (copi)

"dato che l’HPV impiega più di 20 anni per passare dallo stato di tumore benigno (displasia) a quello di tumore maligno"

e

"dato che la sperimentazione di questo vaccino è iniziata solo 5 anni fa, bisognerà attendere altri 15 anni per sapere se il vaccino protegge effettivamente verso quei 2 tipi"


emerge che:
1. Chi ha scritto questa cosa non è un medico oppure ha scarse competenze di linguaggio perché non è il virus a passare "dallo stato di tumore benigno a quello di tumore maligno". Il virus non è un tumore. Il tumore è causato dal virus, o meglio, da un paio di proteine che porta in giro - probabilmente dei cofattori che favoriscono la diffusione - che incidentalmente sono cancerogene per l'uomo, ossia causano una crescita incontrollata e veloce di tessuti.

2. Chi ha scritto questa cosa commette un errore logico grossolano perché se il virus non può infettare e restare nell'organismo dell'ospite (immunizzato per quelle forme di HPV) per molto tempo, le proteine oncogene portate passivamente dal virus stesso non hanno modo di concentrarsi e diffondersi, quindi non causano un bel niente. Un mese, un anno o un millennio non fanno differenza, se la persona vaccinata non contrae l'infezione, non contrae neanche le sostanze cancerogene portate dal patogeno.



Ad oggi la ricerca ha realizzato vaccini per 4 delle 100 forme di HPV, e il fatto che ci vorrà del tempo per sviluppare i mezzi adeguati per l'immunizzazione delle restanti 11 forme pericolose non è un limite a ciò che funziona già, ricordando che non c'è la certezza di contrarre tutti i maledetti virus presenti sul pianeta.



__________
In merito al post di cui contestavi lo "studio attendibile", le fonti (mia mancanza), erano già state citate dall'utente Stupidocane.

Per completezza ripeto la fonte:
http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/j.1365-2796.2011.02467.x/full

Nota bis: ho parlato di "studio indipendente", non di "studio attendibile". Meglio, lo studio l'ho definito, successivamente, attendibile statisticamente parlando, perché analizza i dati di una casistica numericamente importante, circa 190mila soggetti.
@Michele Fugazza

Signor MR, il virus che causa il cancro è una realtà medica ormai consolidata. Mai sentito parlare di cancro all'utero e di Papilloma Virus.

Caro il mio signor Fugazza, a me pare invece che "il virus che causa il cancro" sia nella migliore delle ipotesi una inesattezza. Infatti lei stesso dice subito dopo:

Inoltre "il cancro" come lo si intende nel senso comune non esiste, nel senso che non è una malattia che ha una sola causa. Esistono molti tipi di cancro diversi, moltissimi tipi, e a questo bisogna aggiungere le concause. Proprio per questo è una malattia così sfuggente e misteriosa.

Quindi se l'italiano non è un'opinione, non esiste "il virus che causa il cancro" ma una moltitudine di virus differenti che possono essere causa di differenti tipi di cancro.
Sig. Attivissimo, il sistema di spacciare le fonti ufficiali come certezze non aiuta a far luce sulla verita', e' fin troppo ovvio che gli unici che possono scoprire la verita' sono coloro che indagano personalmente o che hanno vissuto i fatti.

Diciamo che hai ragione. Ma hai torto. Perché nella tua affermazione su chi ha la facoltà di scoprire la verità, benché corretta, c'è una contraddizione grande come una casa. Attivissimo indaga personalmente. Il che rende nulla la tua osservazione seguente su chi può scoprire la verità. Se dici che Attivissimo "spaccia" verità ufficiali è fin troppo palese da chi hai avuto l'imbeccata.


Poi ci sono i comunicati ufficiali, che possono anche "addolcire" i fatti o, chi lo sa, cambiarli per presentare al pubblico una realta' piu' comoda. Chi fa informazione puo' solo affidarsi alle fonti e dedurre da quelle la possibile o probabile verita'.

Giusto affidarsi alle fonti, ma non basta. Le fonti vanno anche verificate. E' quindi profondamente sbagliato affidarsi solo alle fonti senza verificarle, altrimenti non è un'indagine e di certo non si è sulla buona strada per scoprire la verità. Quello che stai suggerendo è di leggere un po' in giro e poi scrivere un articolo con quello che si pensa di aver capito. Se questa è un'indagine alla ricerca della verità... Ti stai contraddicendo da solo per la seconda volta.

Lei che ha fatto ironia sulla mia frase che la accusa di fare spesso disinformazione, ha spacciato per una "ricerca di Wired" (cosa che conferisce maggiore autorevolezza all'articolo agli occhi del 99% dei suoi lettori che non lo leggeranno per pigrizia o perche' non sanno l'inglese)

E perché dai questo giudizio così tagliente? Conosci tutti i frequentatori de ilDisinformatico con tanto di attitudine all'apprendimento e lingue conosciute? E' un'altra verità che hai raccolto leggendo in altri luoghi comuni oppure è un'affermazione mutuata dalla ricerca che hai fatto su noi utenti? Non è che la tua è tutta invidia perché qui molti parlano inglese e tu no e sei tagliato fuori dagli articoli in inglese? Oh, se accetti di sparare verità raccogliticcie, la mia vale tanto quanto la tua.

quello che e' semplicemente un articolo giornalistico, molto ben scritto e con il quale mi trovo d'accordo al 100%, ma sempre un articolo giornalistico rimane, nel quale il giornalista da' le sue opinioni personali (nulla di scientifico quindi come dovrebbe essere una ricerca) e cita lo studio inconclusivo che anche lei ha linkato. Mi spiega perche' lo ha spacciato per una ricerca? Non e' disinformazione anche questa?

Quindi qualsiasi articolo che cita una ricerca CHE TU reputi inconclusiva, è disinformazione... Ma hai mai pensato di fare il giornalista di professione? A quanto pare hai un fiuto per la veridicità delle notizie che nemmeno i fatti possono piegare. Dì la verità... a te non la si fa, vero?
Io mi permeto di dubitare della buona fede di Merck, di qualunque altra azienda e di qualunque governo e mi piace chiedermi chi ci guadagnerebbe se la verita' fosse un'altra.

Legittimo. Ammetti che ti piace lambiccarti il cervello con teorie su chi ci potrebbe guadagnare se la verità fosse un'altra... mmh... perdonami ma... quel "se" tra "guadagnerebbe" e "la verità" ha una valenza molto importante. Non capisco se lo intendi come "ipotesi" oppure sai che la verità è quella che sostiene la Merck e la accetti, ma ti piace pensare che forse potrebbe essercene un'altra. In ogni caso si dovrebbe capire dal contesto, giusto? Giusto. Perfetto. Ma qual'è il contesto in cui la tua verità sguazza dato che sei pieno di contraddizioni? Mmmh... fammici pensare...

Io penso che la Merck ha tutto l'interesse a far credere di essere in buona fede e non certo a dire che sono una banda di malfattori.

Vivaddio! Uno che finalmente ha capito come funziona un'azienda e come si fa a vendere un prodotto! Non ci credo! Sei anche un fine economista! Hai capito che se hai una buona reputazione vendi, se invece sei riconosciuto come un malfattore, nisba! E tutto da solo!!! Complimenbah...

Detto questo, e' altrettanto plausibile che fossero in buona fede e anche che il virus S40 non abbia provocato alcun cancro ma abbia aumentato il tasso medio di intelligenza della popolazione infettata.

Detto questo??? DETTO QUESTO???? Hai detto una banalità!!! Come puoi pretendere di fondare un'analisi che possa avere almeno un minimo di fondatezza su una banalità come "azienda buona=vende prodotti=successo - contro - azienda malfattrice=non vende=galera??? Dai dì la verità.... quanti anni hai?

Tanto siamo sempre nel campo delle ipotesi indimostrabili, cosa ci costa ipotizzare qualcosa di positivo una volta tanto?

Eh certo... grande ipotesi la tua... Ti sei solo dimenticato di fare pubblicità a LC e di spendere due parole su Bernini. Avresti fatto cappotto.
Stupidocane

"Quindi qualsiasi articolo che cita una ricerca CHE TU reputi inconclusiva, è disinformazione... Ma hai mai pensato di fare il giornalista di professione? A quanto pare hai un fiuto per la veridicità delle notizie che nemmeno i fatti possono piegare. Dì la verità... a te non la si fa, vero?"

Non sono io a "reputare" la ricerca inconclusiva, lo dice l'abstract stesso. Lo hai letto?
Roy,

quello che e' semplicemente un articolo giornalistico, molto ben scritto e con il quale mi trovo d'accordo al 100%, ma sempre un articolo giornalistico rimane, nel quale il giornalista da' le sue opinioni personali

No. Ha presentato i fatti disponibili.

Opinione: "secondo me Milano è una bella città".

Fatto: "La città di Milano esiste".

Giusto per ricordare una differenza che non sembra essere chiara a tutti.
@Roy

Se per ogni notizia, fatto, elemento di cui veniamo a conoscenza partiamo dall'idea (pregiudizio?) che "potrebbe non essere vero perchè qualcuno ha da guadagnarci qualcosa e quindi anche la versione ufficiale sarà falsa", allora aboliamo la comunicazione, la svuotiamo.

Se di un fatto vengo a sapere qualcosa che, non confutato, mi permette di capire che forse le cose stanno in altro modo allora possiamo parlarne...

Ma per quanto riguarda il virus del cancro, gli attentati del 2001, le scie chimiche, etc. non c'è nulla di inconfutabile che mi permetta di dire: forse le cose stanno in modo diverso rispetto alla versione ufficiale!

O no? :)
Roy Batty ha commentato:

"Non sono io a "reputare" la ricerca inconclusiva, lo dice l'abstract stesso. Lo hai letto?"


_ No autoimmune safety signal was found in women vaccinated with HPV4. _
Dov'è che l'abstract dice che è inconclusiva?
Scusate la confusione di pseudonimi, Roy Batty sono sempre io ma mi sono loggato per errore con un altro account.

"Several recent studies suggest that older detection methodologies were flawed, and the limitations of these methods could account for most, if not all, of the positive correlations of SV40 in human tumors to date. Although many people may have been exposed to SV40 by polio vaccination, there is inadequate evidence to support widespread SV40 infection in the population, increased tumor incidence in those individuals who received contaminated vaccine, or a direct role for SV40 in human cancer."

Questa e' la conclusione dell'abstract. Sebbene l'autore tenda piu' verso la negazione della correlazione SV40-tumore non ne da' certezza. Le parole non sono mai usate a caso in questi studi. Dire "non c'e' sufficiente evidenza" non e' lo stesso che dire "non c'e' alcuna correlazione", sono due frasi molto diverse. Ad esempio nella frase "Several recent studies suggest[...]" viene usata la parola "suggest" invece che "demonstrate", aggiungendo ulteriore incertezza.
Lo studio e' inconclusivo perche' non da' alcuna certezza, e non puo' darla perche' gli studi passati usavano una metodologia probabilmente inaffidabile. Le metodologie "flawed" utilizzate un risultato lo avevano dato, ma essendo le metodologie probabilmente inaffidabili il risultato non puo' essere considerato. Quindi, cosa possiamo concludere? Forse possiamo dire che e' come se non fosse stato fatto alcuno studio sulla correlazione SV40-tumore dal momento che gli studi fatti in quegli anni non possiamo considerarli, ma in realta' non siamo nemmeno sicuri che fossero davvero inaffidabili. I metodi moderni non possono essere applicati perche' i vaccini di oggi non iniettano piu' il virus SV40 e quindi non c'e' alcun campione di popolazione su cui effettuare studi.
Pertanto rimarra' sempre il dubbio se ci fosse una reale correlazione tra la diffusione del virus SV40 e l'incidenza di determinati tumori che questo virus potrebbe avere causato.

Quanto all'intervista riportata nell'articolo di Wired, sig. Attivissimo, non parliamo di fatti, ma di una versione di parte dei fatti. E non puo' essere nemmeno verificata perche' i protagonisti di quei fatti sono tutti morti.

@Stupidocane
vedi di non metterla sul personale, se non sai comprendere il significato di quello che scrivo evita di commentarlo in modo cosi' sarcastico. Hai completamente travisato il significato delle mie frasi, non ho voglia di spiegartele, vivi pure nelle tue certezze.
Le statistiche non danno *mai* una certezza del 100%. Quanto a dire "si il vaccino protegge su 2 dei 13 tipi di virus e quindi non serve a niente" è una idiozia. Perché è vero che il papillomavirus *può* provocare l'insorgenza di un tumore, ma che non tutti i suoi tipi hanno la stessa pericolosità. Quindi meglio vaccinarsi contro quelli più pericolosi o non vaccinarsi del tutto?

Come mettersi la cintura di sicurezza in auto: la probabilità che servano è bassa, non per questo non si usano. E' un ragionamento che ha molto poco senso.
per completezza di informazione
http://inchieste.repubblica.it/it/repubblica/rep-it/2012/10/06/news/vaccini-43980837/
I problemi sembrano essere causati dal Tiomersale: Dato il rischio di sensibilizzazione al tiomersale e l’ipotetico rischio di tossicità per il
sistema nervoso centrale nel caso di somministrazioni multiple e ravvicinate di diverse
dosi di vaccini (effetto cumulativo), l’indicazione di OMS, EMEA, Farmacopea Europea,
FDA e delle autorità di controllo nazionali è stata quella di invitare i produttori a sostituire il
tiomersale, o eliminare completamente il conservante dai vaccini confezionati in dose
singola (1). Tale sotituzione non è però agevole dal momento che quasi tutti gli altri
prodotti sono meno attivi del tiomersale. I vaccini in dose multipla devono comunque
contenere un conservante, per garantire che il prodotto resti sterile durante tutto il periodo
d’uso.
Fonte istituto sup sanità http://www.simi.iss.it/files/vac_par.pdf
Ghingo
per completezza di informazione
http://inchieste.repubblica.it/it/repubblica/rep-it/2012/10/06/news/vaccini-43980837/
I problemi sembrano essere causati dal Tiomersale


Ti ringrazio della segnalazione, che conferma il livello di serietà professionale di repubblica.

L'inchiesta, a partire dal titolo e proseguendo per piagnistei, inesattezze, c***te e allusioni, è un minestrone pieno di mosche e mosconi: no, grazie.

Tiomersale:
- come hai scritto, evitarlo nei vaccini è un'applicazione del principio di precauzione
- da 10 anni, in Italia, non è più presente nei vaccini monodose: Vaccini e tiomersale, DM 13.11.2001
- come mostra la tabella 1 di Vaccini e tiomersale, già da prima dell'obbligo di legge, tutti i vaccini monodose erano reperibili senza tiomersale, escluso il bivalente difterico-tetanico; di più, la maggior parte erano reperibili solo senza tiomersale.
Francesco Sacco ha commentato:
Io purtroppo ho una figlia che a seguito del vaccino per il papillomavirus ha sviluppato una grave malattia autoimmune che le ha provocato una invalidità Dell' 80%.

Sorry.

Alle ottime risposte di Il si Passivante e Stupidocane, aggiungo:
- link al PDF dell'articolo segnalato
- le segnalazioni di possibili effetti avversi dei medicinali sono fatte a prescindere da un possibile rapporto di causa ed effetto
- nel caso del vaccino anti-HPV tetravalente ci sono segnalazioni aneddotiche di malattia autoimmune (sindrome di Guillan-Barré) dopo vaccinazione, che non significa a causa della vaccinazione: Gardasil, Silgard
- nel caso del vaccino anti-HPV bivalente non ci sono segnalazioni di malattia autoimmune: Cervarix.

Solo dopo abbiamo scoperto che ampia parte dei medici sconsiglia tale vaccinazione, propugnata con insistenti campagne dalla sanità regionale.

L'accenno alla sanità regionale mi fa pensare che sia stato usato il Cervarix

Interessi economici delle case farmaceutiche?

No, prove scientifiche che il vaccino evita danni molto peggiori di quelli che provoca.
Chapeau a Mia Farrow
A riguardo, consiglierei di leggere l'articolo presente sull'ultimo numero della rivista scientifica Focus (numero 252, mese di ottobre).

Le vaccinazioni sono obbligatorie, anzi necessarie e indispensabili in una società civile quale si presuppone sia la nostra.
Bisognerebbe impedire alla gente non competente di creare disinformazione su argomenti così importanti.

Ogni anno le vaccinazioni salvano la vita a milioni di bambini, con rischi irrilevanti, specie se confrontati con i rischi correlati alle malattie che sono da essi prevenute. E' assolutamente infondato il timore che i vaccini possano favorire le malattie auto immuni, anzi, semmai è il contrario!
Nell'articolo di Focus poi si spiega che i malati cronici, gli anziani e i futuri genitori sono le categorie che più di tutte dovrebbero pensare al vaccino.
Ricevo gli aggiornamenti del blog tramite feedly, e avevo letto il titolo come "Antibufala: la MERKEL inocula in cancro tramite i vaccini?".
Curiosamente non mi ero stupito più di tanto che la follia complottista arrivasse anche alla cancelliera...
Giuro, ho letto "Merkel" anch'io...
caro paolo, ci terrei a fare notare quanto invece sia una bufala quello che stai scrivendo tu ora. innanzitutto questa storia è saltata gia fuori tempo fa (nel 2007 per esattezza) e già allora quella che tu definisci intervista censurata era nota e non ci si deve stupire, al giorno d'oggi siamo venuti a conoscenza persino dei segreti della casa bianca grazie a julian assange e soci. un filmato non è certo piu difficile da recuperare. per di più ti sei dimenticato di aggiungere che proprio quel maurice hilleman che tu hai citato abbia preso parte all'intervista, ammettendo tutto ciò che cerchi di smentire ( non è difficile da trovare sul web basta sapere un po di inglese e avere 10 minuti di tempo per informarsi). sottolineo il fatto che questo signor Hilleman è stato definito il piu grande vaccinologo della storia, non uno a caso insomma; inoltre tu chiedi perchè la merck avrebbe dovuto ammettere una cosa del genere... be semplicemente non l'ha fatto la merck ma uno dei suoi scienziati ormai prossimo alla morte ( e guarda caso il filmato è diventato virale nel 2007, poco tempo dopo la la sua dipartita) su una cosa hai ragione, non dovremmo farci influenzare nelle nostre scelte da blog e siti come questo o facebook perchè è evidente che non riportano la realtà ne sono supportati da prove reali, d'altronde il filmato esiste, le parole che dice sono ben udibili e la faccia dell'intervistato è visibile appieno. se qualcuno avesse voglia di sentire cosa ha da dire veramente uno di quelli che i vaccini li ha inventati, questo è il link
www.youtube.com/watch?v=13QiSV_lrDQ‎
Martino Lazzarini,

caro paolo, ci terrei a fare notare quanto invece sia una bufala quello che stai scrivendo tu ora

Ci terrei a far notare che prima di partire lancia in resta con critiche di questo tipo dovresti leggere anche le fonti che cito, per esempio l'articolo di Wired. Rispondono alle tue obiezioni.

ti sei dimenticato di aggiungere che proprio quel maurice hilleman che tu hai citato abbia preso parte all'intervista, ammettendo tutto ciò che cerchi di smentire

Certo. Lo so. Wired lo dice. Ma spiega anche che il video integrale chiarisce che il contesto è semiserio.
leggevo questa notizia, e non sono sicuro della sua veridicità, se fosse vera, le conseguenze sull' idea fattasi dei vacini andrebbe drasticalmente riveduta.
http://www.eticamente.net/10230/riconosciuta-legalmente-la-correlazione-tra-autismo-e-vaccino-trivalente.html
Wonderland,

l'articolo di Wakefield su Lancet era una frode e Wakefield è stato radiato dall'albo per questa e altre truffe.

Di prove sul legame vaccini-autismo, alla luce dei fatti, non ce ne sono. Wakefield se le è inventate per favorire il vaccino della concorrenza che lo pagava.

Cerca la sua storia su Wikipedia, come punto di partenza, e scoprirai dettagli terribili.
Wonderland
leggevo questa notizia, e non sono sicuro della sua veridicità

E' vera e indicativa di ignoranza scientifica dei consulenti e del giudice.
Paolo Attivissimo
Wakefield se le è inventate per favorire il vaccino della concorrenza che lo pagava.

Non esattamente: Wakefield era pagato da avvocati che sostenevano richieste risarcitorie infondate, cui esso ha tentato di dare fondamento scientifico.
Questo è peggio che essere pagati dalla concorrenza, perché ha generato sfiducia nei vaccini e conseguenti epidemie di ritorno nel Regno Unito.

Per fortuna, in Italia non ci sono medici prezzolati e giudici fessi.
«...“informazione alternativa” (curiosa etichetta che non considera che l'alternativa all'informazione è la stronzata)»

Salve. Questa frase è un esempio di quello che mi fa incazzare di Attivissimo (la cui attivissimita di sbufalamento - sia chiaro - è comunque più che meritoria) e di molti "anti-complottisti" del web.
Fare controinformazione e fare informazione alternativa significa fare un'«Informazione che si propone di evidenziare ciò che i mezzi di informazione ufficiali o dominanti tacciono» (Dizionario Sabatini Coletti), o meglio oscurano, fanno passare sotto silenzio; decostruire (quindi, in qualche modo, fare debunking) le narrazioni dominanti, mettere a nudo la parzialità - sia nel senso di faziosità, sia nel senso di incompletezza - dei grandi media, metterne a nudo le manipolazioni e le negligenze, mettere a nudo le incoerenze, le falsità, le fallacie dei grandi nomi della politica, dell'economia, dell'informazione etc.
Ed è quello che ho cercato (maluccio, ma spero senza grossi errori) di fare anch'io nel io sfigatissimo blog.
Purtroppo è facile in questo campo imbattersi in bufale (soprattutto in ambito medico-scientifico) e molti siti sono particolarmente propensi a diffonderle.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
E.C.: «attivissimità di sbufalamento» era un mio brutto gioco di parole al quale avevo dimenticato di mettere l'accento
«nel Mio sfigatissimo blog»: la mia tastiera talvolta si mangia la M
Io sono un Medico. Specialista in Medicina Tropicale e Malattie Infettive e per anni ho fatto attività vaccinale, oltre ad aver studiato sempre per anni le caratteristiche delle epidemie e dei vaccini. Ho studiato il contenuto di moltissimi siti di antivaccinatori e ho cercato di fare l'Avvocato del Diavolo in molte occasioni.
Ebbene, vorrei puntualizzare alcune cose:
1) I vaccini hanno salvato e salvano più vite di qualsiasi altra medicina al mondo. Forse solo le idee di Semmelweiss sul lavaggio delle mani ne hanno salvate di più
2) I vaccini sono farmaci, e come tali hanno effetti benefici ed effetti collaterali, alcuni anche gravi. Il sistema VAERS, che controlla gli effetti avversi, cataloga tali danni. Purtroppo, come reazione "grave" ha classificato anche appendiciti dopo sommistrazione di vaccini...
3) Esistono reazioni gravi alla somministrazione di vaccini, come la famigerata sindrome di Guillan Barrè.
4) Le reazioni indesiderate gravi e permanenti sono rarissime, ma esistono. E la statistica non aiuta le persone che sono gravate da tali reazioni. E' per questo che lo Stato deve risarcire, in caso, non tanto l'errore (perché errore non c'è), ma la lesione causata da un farmaco inoculato preventivamente.
5) Vi sono molti ma molti ma molti morti in più causati da allergia a veleno di api, fragole, pesche, tonno...eppure nessuno pensa di abolirle. Si tratta solo di stare attenti e di intervenire in caso di allergie misconosciute o rivelatesi alla prima assunzione dell'allergene. Del resto, anche molti farmaci hanno effetti collaterali anche gravi. Inviterei quindi gli antivaccinatori a non farne uso in caso di polmonite, cardiopatie, insufficienza renale, malaria perniciosa...chissà, potrebbero incorrere in una di quelle reazioni gravi. L'obiezione che in questo caso di prendono come cura non è valida: se affermano che i farmaci fanno sempre male, è inutile che li prendano: morirebbero a causa del farmaco, mentre magari dalla polmonite o dalla malaria potrebbero salvarsi.

6) Molti antivaccinatori non sono esperti in materia. Magari sono astronauti o fruttivendoli, o architetti, o muratori, o palombari, o professori di storia e filosofia. Sarebbe carino che prima di dissertare di farmaci, si fosse molto preparati nel campo. Non è come fingere di fare l'allenatore di calcio davanti alla TV. Si parla di cose serie.
7) La cosa su cui, invece, gli antivaccinatori hanno pienamente ragione è la malainformazione e l'ignoranza anche di moltissimi operatori, medici, infermieri, eccetera. Soprattutto manca l'informazione corretta all'utenza. E' la cosa più triste della medicina, la mancanza di un rapporto diretto ed esaustivo tra operatore e utente (l'utente si distingue dal paziente per il fatto che non è ammalato).
8) A chi dice che "si sa che i vaccini fanno male", prego di tenere la mente aperta e di informarsi, come ogni persona avrebbe il dovere di fare prima di disquisire. E per "tenere la mente aperta", chiedo anche di leggersi la storia di quel criminale di Wakefield e dei suoi accoliti.
9) Mercurio e autismo: nessuna associazione; anzi, i casi di autismo, da quando il mercurio (conservante) è stato tolto dai vaccini, sono decisamente aumentati. Logica vorrebbe che reinserissimo il mercurio, forse i casi di autismo diminuirebbero (sto celiando, ovviamente)
10) Non riporto i milioni di lavori scientifici relativi all'efficacia delle vaccinazioni e ai sempre costanti tentativi di "creare" farmaci i più sicuri possibile. Esistono, sono là fuori. Come andate su siti emotivamente pesanti, ma scientificamente leggeri, viaggiate anche alla ricerca di fatti e realtà.

In ultimo: se volete un parere sulla vostra auto, parlate col meccanico; se vi serve un parere sulle ruote, parlate col gommista.
Se volete un generico parere medico, parlate con un medico qualsiasi, ma se volete informazioni specialistiche, parlate con uno specialista. In questo caso, con Igienisti (bene), Infettivologi (ottimo!), Tropicalisti (scherzando ma non troppo, perfetto!) :-)
BRAVO Piergiorgio... bellisismo e chiarissimo intervento. Grazie.

Sulle scie chimiche o sulla moon hoax non ho problemi a parlare tranquillamente anche con i più convinti complottisti, ma proprio recentemente ho dovuto dire addio ad alcuni vecchi amici proprio a causa del loro tentativo di convincere comuni amici della dannosità dei vaccini attraverso le solite patetiche argomentazioni. Quando ho ricordato loro chiaro e tondo la pericolosità e l'infondatezza di quello che stavano sostenendo si sono risentiti...

E vabbè. Me ne farò una ragione.
@ Piergiorgio
"1) I vaccini hanno salvato e salvano più vite di qualsiasi altra medicina al mondo."

Ma avremo un mondo pieno di gay

"Gian Paolo Vanoli: il grillino della pipì che ha fatto il giro del mondo.
di Alessandra Cristofari - 03/04/2013 - La stampa estera commenta le dichiarazioni sui vaccini in grado di trasformare i bambini etero in futuri gay"

qui:
http://tinyurl.com/cocpjn4



Vanoli... un perdente nato... lo Straker dei vaccini...
Stupidocane,

Vanoli... un perdente nato...

Per favore, evitiamo le offese alle persone e limitiamoci a criticare e valutare le loro idee usando i fatti. Grazie.
Paolo, capisco l'astio verso gli attacchi personali ma, per quanto mi riguarda, il Vanoli mi disgusta a livello umano. Lo considero una zecca della società, al pari dei terrazzinari e di Galuppini. Con l'aggravante che costui ciarlataneggia nel campo della salute. Dovrei essere forse più asettico e dimostrare con fatti inoppugnabili che ha torto? Se non basta l'OMS a sancire che l'omosessualità non è una malattia, cos'altro potrei aggiungere per dargli contro?

Sono fermamente convinto che i deliri espressi nelle sue affermazioni valgano infinitamente meno del mio tempo che dovrei spendere per confutarli.

Mi scuso se posso aver creato imbarazzo, ma la nausea stavolta ha avuto il sopravvento...
Scusate, qualcosa non fila. Le case farmaceutiche si ostinano a dire che ancora non sanno cosa generi i tumori, propinando le loro cure cancerogene a loro volta e 50 anni fa hanno inoculato il virus del cancro in qualche modo? Allora lo sanno che si tratta di un virus e lo hanno anche isolato. Almeno un tipo di esso.
Catapum... ???... non ho capito il senso del tuo intervento...

Per buona misura: il cancro non è un virus. Quindi, benché non abbia capito appieno, quello che hai scritto è fondamentalmente errato.
Secondo me Catapum intende mettere in luce delle contraddizioni in chi sostiene la malafede delle case farmaceutiche.
Il fatto che inavvertitamente un'azienda che produce vaccini per errore metta delle sostanze cancerogene , basterebbe per farla chiudere immediatamente!! Se non c'è dolo c'è una gravissima responsabilità ai danni della salute pubblica!!
Chi poi afferma perchè mai un'azienda farmaceutica debba provocare questi danni sulla popolazione e a che scopo, la risposta è talmente scontata che quasi mi rifiuto di darla!! Tanti malati cronici tante medicine vendute!! Tanti soldi incassati!!
Silvio Garattini Docet: In questo paese non è prevista la cultura scientifica... Se qualcuno dicesse che Garibaldi è un pittore del '600 se ne sarebbero accorti tutti...
Chi poi afferma perchè mai un'azienda farmaceutica debba provocare questi danni sulla popolazione e a che scopo, la risposta è talmente scontata che quasi mi rifiuto di darla!!

Ma no. Dalla. Non è un cantante ma un consiglio.
bell'articolo di disinformazione attivissimo, a quando un NUOVO documento RASSICURANTE sull11-09 o sul NOSTRO REALE Sbarco Lnare?!
xD

Spero che il CANCRO ti Prenda a TE!
x)
POEoeta

Spero che il CANCRO ti Prenda a TE!

Adorabile, civile, corretto e sportivo.

Dovendo scegliere, meglio morire di cancro che vivere vomitando odio come te.