skip to main | skip to sidebar
10 commenti

“Contact Light” aggiunge musica e video del Controllo Missione

Ho completato stanotte una nuova versione aggiornata di Contact Light, il capitolo del mio documentario Moonscape dedicato all'allunaggio di Apollo 11. Per ora è sottotitolata in inglese; la versione italiana è ancora in lavorazione. Datemi tempo.

In questa nuova versione ho incluso a titolo sperimentale della musica, scritta da Ran Kirlian e concessa sotto licenza Creative Commons. Ho scelto sonorità che non dovrebbero interferire con le voci degli astronauti e del Controllo Missione ma dovrebbero evocare il senso del meraviglioso e della tensione reale. Ran verrà citato nei titoli di coda di Moonscape e in Contact Light nella prossima versione.

Ho aggiunto anche alcuni spezzoni della registrazione TV a colori effettuata dalla telecamera fissa all'interno del Controllo Missione. Ora possiamo vedere tutte le reazioni dei tecnici all'annuncio dell'atterraggio sulla Luna e vedere Gene Kranz fare tutto il suo celebre “Stay/No Stay” per decidere se Neil Armstrong e Buzz Aldrin possono fermarsi sulla Luna o c'è qualche emergenza che li obbliga a ripartire senza uscire sulla superficie. Altri spezzoni di questa ripresa TV verranno aggiunti prossimamente: ho l'intera registrazione, grazie alle vostre donazioni.

Ho anche apportato un po' di modifiche alla disposizione dei vari spezzoni per rendere più coerente e chiaro il flusso delle immagini del Controllo Missione. Tutto resta comunque rigorosamente cronologico e in tempo reale. Ogni ripresa che vedete è stata effettuata nel momento in cui la vedete.

Ho aggiunto infine altre didascalie descrittive. So che ingombrano, ma sono temporanee: verranno rimpiazzate dalla voce del narratore.

Potete vedere questa versione aggiornata in media definizione qui sotto; è già inclusa in alta definizione nella serie completa di video di Moonscape.

Grazie ancora a tutti per l'aiuto; se mi avete scritto offrendo una mano e non vi ho ancora risposto, non prendetevela; ora che ho raggiunto questa tappa posso smaltire gli arretrati di posta.

Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (10)
Ciao Paolo

Anzitutto grazie, è stato davvero emozionante per me vedere per la prima volta la realtà di quel momento (ho 27 anni). La musica di sottofondo non è per niente invasiva e contribuisce ad amalgamare il tutto. Una piccola nota: nel discorso di Kennedy le parole "moon" e "earth" penso dovrebbero essere scritte "Moon" e "Earth", in quanto si tratta del pianeta Terra e del satellite Luna, non di "earth" intesa come "soil" e di "moon" intesa come "one of the moons". Che ne dici?


Grazie ancora per tutto quello che fai!
Semi-OT...

Su Youtube c'è un video di una breve intervista a Neil Armstrong con un effetto audio che può piacere o meno, ma molto nerd...

"Blue & Beautiful" - Neil Armstrong Tribute
http://www.youtube.com/watch?v=DqC7H7_Noi8

FF
brividi
Bellissimo.
L'unica cosa che cambierei sono i dati della telemetria. Secondo me sarebbe meglio fossero sempre visibili, anche se l'aggiornamento dei dati non è continuo. Il fatto che le scritte appaiano e scompaiano a ripetizione distrae un pochino.
Comunque un ottimo lavoro, ho speso bene i miei soldi :-)
Sempre emozionante....

La musica mi sembra appropriata, non è assolutamente invasiva ma anzi sottolinea la tensione nei diversi momenti e "riempie" bene le fasi meno concitate.

Interessanti le brevi spiegazioni al centro dello schermo: aiutano a capire cosa sta succedendo e rendono perciò ancora più emozionante la sequenza.
Mmmmm non lo so, non sono sicuro che la musica mi piaccia. Intendiamoci, in sé è un bel commento "ambient", discreto e atmosferico al punto giusto, ma secondo me c'entra poco. Credo che mi piacerebbe la descrizione dell'evento, video e audio, senza suoni esterni alla vicenda. Forse mi dà un po' la sensazione di deviare verso la finzione, non so. So che le versioni di prova precedenti mi ammaliavano e mi coinvolgevano molto anche senza musica. Forse di più.
Forse, ecco, se ci fossero delle sequenze abbastanza lunghe senza comunicazioni radio, solo immagini, allora forse sì, ma così non credo che mi piaccia. Questa almeno è stata la prima sensazione che ho avuto.
Ogni volta che rivedo questo filmato la cosa che mi manda fuori di testa è constatare che dopo un viaggio simile, la riuscita dell'allunaggio si sia giocata sul filo dei secondi di carburante rimasto...
Complimenti state facendo un grande lavoro!
Secondo me la musica va benissimo, enfatizza l'impresa umana, una dimensione carente nelle versioni precedenti. Con il narratore sarà ancora meglio. Se poi l'intento è quello di distribuire il documentario via web sarebbe anche possibile concedere allo "spettatore" la possibilità di attivare/disattivare singolarmente i canali audio per chi preferisce la versione senza apporti extradiegetici :D

Distrae un po' il fatto che appaia e scompaia continuamente roba sullo schermo, ma non credo si possa fare altrimenti, a meno di non snaturare il progetto tagliando qualche intervento o dilatando i tempi.
Me lo sono rivisto. Ma sì, Paolo, fai come ti senti, il lavoro è talmente eccezionale che musica o non musica la sua potenza e la sua importanza non vengono scalfite. Credo davvero che sia un lavoro importantissimo, e mi stupirei se il suo valore non venisse riconosciuto dovunque nel mondo.
Anch'io terrei la possibilita di sentire la musica o di escluderla. Una delle cose che mi piaceva di più della versione precedente è che sembrava di essere lì in soggettiva. Non era il solito documentario che taglia i tempi morti, per dire, o che varia le inquadrature di continuo.
Con la musica questo si perde.