skip to main | skip to sidebar
19 commenti

Dropbox e la cache da 40 gigabyte su disco

Questo articolo vi arriva grazie alla gentile donazione di “c.bocc*” ed è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Disco pieno. Su un MacBook Air, che ha un disco a stato solido da 128 GB, può capitare. Quello che non mi aspettavo è l'origine del riempimento: la cache di Dropbox, che aveva assunto la ragguardevole dimensione di 40 gigabyte. In una cartella nascosta, oltretutto, per cui non avrei mai scoperto la causa dell'intasamento se non avessi usato Disk Inventory (utility gratuita sostenuta dalle donazioni).

Una cache gigantesca del genere mi è capitata probabilmente perché ho un Dropbox da 100 gigabyte, che però non sono tutti occupati e non sono neanche tutti condivisi sull'Air, quindi magari a voi non capiterà mai. Ma vi segnalo comunque l'episodio, caso mai dovesse capitarvi o semplicemente se volete dare un'occhiata alle dimensioni della vostra cache Dropbox su un Mac: andate nel Finder e (con il menu Go) scegliete di andare alla cartella ~/Dropbox/.dropbox.cache. Visualizzatela, cancellatene il contenuto e sarete a posto, come descritto nell'help di Dropbox (solo in inglese).
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (19)
Post utilissimo, grazie!
Per gli utenti Windows, si può configurare CCleaner per svuotare quella directory all'avvio perchè il problema non si verifica solo in ambiente MAC.
ADrive concede 50 GB free con upload/download da browser... tanto per saperlo. Si paga però l'uploader software.
Sono andato nel finder e non ho trovato la cartella da lei indicata. Può cortesemente spiegarmi meglio dove si trova? Grazie
A.Quadranti,

Devi usare il menu Go del Finder (non so come sia in italiano, al volo), come descritto e visualizzato nell'help di Dropbox che ho linkato.
Mi chiedo se non esista un parametro impostabile dall'utente che limiti la dimensione massima della cache (in percentuale della partizione su cui si trova o in dimensione assoluta).
Chissà se capita la medesima cosa con Google Drive.
Buon giorno

una cosa simile era successa all'iphone di mia moglie; l'app di Dropbox (con l'upload automatico delle fotografie) aveva raggiunto le stesse dimensione del "rullino foto", come se tutti i file di Dropbox fossero flaggati come da mantenere off line.

Ho cancellato l'applicazione e tutto è tornato normale.

Bye
Mi sa che ti si era impasticciato qualcosa. Per curiosità sono andato a vedere per la mia (30 GB usati al 50%, in modo pesantissimo fra almeno tre diversi computer - ci tengo su addirittura l'workspace di Eclipse che uso per fare lezione, e solo quello sono migliaia di file) ma la cache nel suo complesso occupa qualche decina di MB.
D'altra parte, come dicono anche le stesse istruzioni di Dropbox, cancellare una cache non è affatto un'operazione scevra di pericoli, e non andrebbe mai fatta a cuor leggero.
ma qualcosa tipo "du" 'un c'è su mac?
Esiste un software simile e gratuito per Windows: si chiama WinDirStat: http://windirstat.info/
E' un po' vecchiotto ma dovrebbe girare tranquillamente anche su Win8.
@Guido

A quanto pare sì:

http://osxdaily.com/2007/03/20/command-line-disk-usage-utilities-df-and-du/

(sarebbe stato strano il contrario, visto che OS X è basato su una versione di unix...)
@MR
beh allora non dovrebbe poi essere troppo complicato riuscire a capire chi è che t'ha intasato l'hdd. No?
Mi sa che è un po' la stessa filosofia delle chiavette (in ambiente Mac), che se anche le cancelli tiene copia dei file sino a che non svuoti il cestino, per cui a volte sono piene anche se apparentemente ci sono pochissimi file.
Una precisazione (utile a chi non trova la cartella): L'indirizzo "~/Dropbox/.dropbox.cache" vale solo se non si é spostata la cartella dalla posizione di default.
Altrimenti va cercato "~/[Percorso alla mia Dropbox]/Dropbox/.dropbox.cache
In parole povere, la cartella ".dropbox.cache" (con il punto davanti al nome) non é altro che una cartella invisibile all'interno della propria Dropbox.

Per cui chi non la trovava seguendo le indicazioni dell'articolo probabilmente ha ragione a non trovarla, semplicemente perché non é in quella posizione. :-)
per utenti windows
basta scaricare CCEnhancer che aggiunge alcune voci in più a CCleaner compresa la voce "Dropbox Cache"
(io almeno ho risolto così)
@a_
sapendo il nome basta fare un locate (o un find)
Io sto utilizzando Google Drive con successo e sono molto soddisfatto. In piu', il mio amministratore di sistema a lavoro non me lo blocca come invece succede per Dropbox.
Mi permetto di consigliarti il tool gratuito GrandPerspective (http://grandperspectiv.sourceforge.net/) in alternativa al vecchio Disk Inventory.