skip to main | skip to sidebar
0 commenti

Internauti europei: tre su quattro usano la stessa password per più siti

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il 29/11/2013 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.

Un sondaggio dell'Eurobarometro sulla sicurezza degli utenti in Rete, disponibile per ora soltanto in inglese, è ricco di dati sorprendenti. Per esempio, racconta che nonostante la percezione diffusa del bisogno di sicurezza informatica, il 48% degli utenti interpellati non ha cambiato nessuna delle proprie password negli ultimi dodici mesi.

Un altro dato interessante riguarda la preoccupazione sull'abuso dei dati personali e sulla sicurezza dei sistemi di pagamento online, che è in calo rispetto al 2012. Il 46% degli utenti ha installato un antivirus e il 40% è cauto nell'aprire mail da sconosciuti, ma queste percentuali indicano anche che oltre la metà degli internauti è invece incauta e priva di antivirus (anche se la formulazione delle domande del sondaggio potrebbe aver sottostimato gli utenti dotati di questa forma di protezione informatica).

L'aspetto più significativo e rischioso è la gestione delle password: soltanto il 24% usa password differenti per siti differenti. Il riuso delle password è la norma, ed è un pericolo molto grave, dato che comporta il fatto che se ci viene rubata la password di un sito, il ladro si trova in mano anche la password degli altri siti e servizi che usiamo.
0 commenti

Trasmissione dati in roaming con roaming dati disattivato

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il 29/11/2013 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.

La puntata di Patti chiari del 22 novembre ha trattato il problema dei costi derivanti dal roaming involontario, ossia quando si effettuano telefonate dal territorio nazionale del proprio operatore ma ci si aggancia automaticamente (e con un avvertimento quasi impercettibile) alla rete cellulare del paese confinante, pagando quindi non solo le chiamate effettuate ma anche quelle ricevute.

La soluzione, in questi casi, è fare sempre attenzione all'indicazione di roaming sul telefonino (un'icona obiettivamente molto piccola) e, se possibile, disattivare la selezione automatica della rete, tenendo presente che questo potrebbe renderci irreperibili nelle zone di confine e all'estero (e una delle ragioni per le quali si possiede un cellulare è solitamente proprio la reperibilità).

Il grosso dei costi segnalati durante la puntata deriva tuttavia dalla trasmissione di dati effettuata in roaming. In teoria per difendersi da questi addebiti (che sono possibili non solo quando si è in vacanza all'estero ma anche quando si è in territorio svizzero e vicino a un confine) basterebbe disattivare il roaming dati con l'apposita opzione del telefonino. Ma durante i test che ho svolto insieme al team di Patti chiari è emerso che questa disattivazione non è sufficiente. Pur avendo sicuramente disattivato il roaming dati, infatti, il telefonino di test ha effettuato comunque trasmissioni di dati sulle reti estere.

Pochi kilobyte, che però sono stati addebitati alle tariffe di roaming dati, spesso a forfait giornaliero, con costi che nell'arco di un mese possono accumularsi facilmente. Non è ancora chiaro quale sia l'origine di queste trasmissioni, e gli operatori telefonici non sono in grado di far luce sulla questione; l'indagine prosegue con l'aiuto di app di monitoraggio come 3G Watchdog.

Se volete partecipare all'indagine e notate addebiti inattesi di roaming dati quando avete il roaming dati sicuramente disattivato, fatecelo sapere mandando una mail a retetre@rsi.ch con il titolo "Roaming dati”. Intanto può essere utile ripassare il manuale d'istruzioni del vostro smartphone e scoprire come impostare correttamente il roaming dati oppure disattivare del tutto la trasmissione dati e limitarsi all'uso delle reti Wifi.
0 commenti

I risultati del WeChat Challenge

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il 29/11/2013 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.

La settimana scorsa il vostro Disinformatico si è offerto come cavia per valutare la precisione delle funzioni di geolocalizzazione di WeChat, un'app molto popolare per dispositivi mobili che ha la particolarità di indicare a che distanza da noi si trovano gli altri utenti, compresi gli sconosciuti, e viceversa informa anche gli sconosciuti sulla nostra distanza da loro. Il dubbio che WeChat possa essere un aiuto eccessivo per gli stalker è venuto a molti, e così venerdì scorso ho invitato gli ascoltatori a tentare di localizzarmi nel corso del pomeriggio.

Nessuno ci è riuscito (o se ci è riuscito, non lo ha fatto sapere), ma i risultati dei test informali indicano che comunque è sorprendentemente facile localizzare una persona se si sposta poco, per esempio perché è in casa o sul posto di lavoro, e se usa molto WeChat con la geolocalizzazione attivata (è possibile disattivarla con le istruzioni descritte nella puntata precedente del Disinformatico).

Non è opportuno descrivere in dettaglio la tecnica da usare, per non dare troppi spunti ai potenziali pedinatori, ma non servono software o accessori speciali: bastano pazienza e un po' di matematica elementare per scoprire dove abita o lavora una persona senza nemmeno chiederle l'amicizia su WeChat.

Un altro dato interessante, e un po' più rassicurante, emerso dai test è che le fotografie pubblicate dagli utenti su WeChat non contengono dati di geolocalizzazione: WeChat li azzera prima di renderle visibili a tutti gli altri utenti. Ovviamente, però, se le foto inquadrano dettagli facilmente riconoscibili (insegne, cartelli stradali, edifici caratteristici, per esempio) o addirittura includono una foto di un attestato di studio con tanto di nome, cognome e indirizzo (come è successo in un caso trovato durante i test a Lugano), è comunque banale scoprire dove è stata scattata una certa immagine.

Usate prudenza, come sempre, specialmente quando ci sono di mezzo gli sconosciuti.
0 commenti

Datagate: il mito di non avere niente da nascondere

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il 29/11/2013 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.

Molti hanno interpretato il Datagate, la fuga di notizie riguardanti le intercettazioni a tappeto effettuate dall'NSA statunitense, come un problema che riguarda soltanto terroristi, criminali e politici. Safe and Savvy, un blog dedicato alla sicurezza informatica e gestito da una nota marca del settore degli antivirus, ha pubblicato un articolo che smonta il mito diffuso secondo il quale soltanto i disonesti hanno qualcosa da nascondere e quindi chi è onesto non si dovrebbe preoccupare di essere sorvegliato.

Quella che segue è una traduzione in sintesi degli spunti offerti dall'articolo, intitolato Yes, you do have something to hide (Si, hai qualcosa da nascondere). È interessante notare come delle considerazioni tecniche abbiano delle implicazioni sociali così profonde.

“Ma io non ho nulla da nascondere” è un'argomentazione che ultimamente sentiamo molto spesso. Diventiamo sempre più consapevoli dei metodi usati dai governi e dalle imprese per sorvegliarci, e le rivelazioni di Snowden hanno aumentato di colpo la nostra consapevolezza. Possiamo già dire di vivere in una società sorvegliata. Ma c'è chi nega che questo sia un problema, dicendo appunto di non avere nulla da nascondere.

Non sapete quello che avete. Non potete ricordarvi di tutti i vostri documenti elettronici e di tutte le vostre conversazioni digitali, quindi come potete affermare che non contengono nulla di male? Se si va a frugare nei vecchi archivi, praticamente tutti esclamano “Ops, no, quello non lo voglio mostrare”. Tenete presente, inoltre, che enti e imprese potrebbero avere vecchie informazioni su di voi che nemmeno voi avete. Magari avete perso o distrutto le vostre copie, ma questo non svuota gli archivi delle agenzie.

Non sapete cosa potrebbe danneggiarvi. La nostra vita di tutti i giorni è regolata da leggi così complesse che nessuno riesce a padroneggiarle tutte. Nemmeno gli avvocati possono essere esperti in ciascun settore della nostra vita quotidiana. Quindi come potete essere sicuri di non aver mai violato la legge? Non potete. È probabile che ciascuno di noi violi ogni giorno qualche oscuro cavillo.

Non sapete come potrebbe cambiare la vostra situazione. State agendo secondo le regole morali richieste dal vostro ruolo sociale. Ma i ruoli cambiano nel tempo e potreste trovarvi costretti ad adottare un sistema morale totalmente differente. In tal caso il vostro passato potrebbe essere in conflitto con la nuova morale ed è quindi meglio che non ci sia un archivio dettagliato di quello che abbiamo fatto in passato.

Non sapete come può cambiare la società. Pensate agli anni '50, '60 e '70 del secolo scorso: il mondo era molto diverso ed erano diversi anche i valori. Questi cambiamenti non si sono fermati, anzi. I valori riguardanti la morale, l'etica, la politica, l'attivismo, la religione, la sessualità, l'ambiente, l'intrattenimento, eccetera cambiano più rapidamente di prima. Potete essere abbastanza certi di vivere secondo le norme valide oggi, ma non potete sapere quali saranno le regole di domani. Fra trent'anni il vostro intero profilo di vita potrebbe essere considerato decisamente negativo.

Non sono solamente i vostri dati, ma anche quelli dei vostri amici. Considerate i dati che possedete: documenti, fotografie, comunicazioni. Quanti di quei dati riguardano solamente voi? Probabilmente pochi. Quindi rinunciare alla privacy non è solamente un problema vostro, ma coinvolge anche tutti i vostri amici. Se decidete di non avere nulla da nascondere, vi siete chiesti se i vostri amici vorranno ancora condividere qualche confidenza con voi?

Il vostro ambiente digitale può rendervi sospetti. Il sistema di raccolta dati delle autorità si basa in gran parte sulla creazione di un enorme modello di come le persone interagiscono tra loro. Chi comunica e si incontra con chi? C'è il rischio concreto che il profilo della vostra vita quotidiana possa creare uno schema sospetto. Immaginate che qualcuno dei vostri amici conosca qualcuno che è sotto sorveglianza per sospetto terrorismo e che un altro membro del gruppo terroristico vada in un bar nello stesso momento in cui ci siete anche voi. Entrambi avete degli smartphone che trasmettono la loro posizione alla rete di sorveglianza e d'un tratto vi trovate nell'elenco di persone che potrebbero potenzialmente aver incontrato un terrorista. Potreste trovarvi in guai seri, per esempio quando viaggiate, se si sommano un paio di coincidenze come queste. E tutto avviene senza che sappiate l'origine di questi guai.

La privacy è importante anche quando non tenete alla vostra. Una società democratica può funzionare senza privacy? Le elezioni possono essere eque se uno dei partiti sorveglia le comunicazioni e ha una visione completa di quello che stanno facendo gli altri partiti? Possiamo combattere la corruzione e la criminalità tra le autorità, se chi denuncia questi abusi non ha la protezione dell'anonimato? La risposta è no in tutti e tre i casi. Forse siete pronti a rinunciare alla vostra privacy, ma così facendo contribuireste a un'evoluzione distruttiva che minaccia le basi della nostra società democratica.
63 commenti

Cometa ISON data per spacciata, ma qualcosa riemerge dal tuffo verso il Sole

Credit: NASA / ESA / SOHO / Emily Lakdawalla


Poche ore fa la cometa ISON ha raggiunto la distanza minima dal Sole (il circolo bianco al centro di quest'animazione) e per un po' si è temuto che si fosse disintegrata. Ma le immagini più recenti sembrano mostrare che qualcosa è rimasto. L'animazione, davvero spettacolare, viene dal blog di Emily Lakdawalla su Planetary.org.
47 commenti

Roberto Formigoni ritwitta chiappe: lezione di sicurezza informatica

L'immagine qui accanto è un campione di quello che ha ritwittato Roberto Formigoni, Presidente della commissione Agricoltura del Senato italiano, poche ore fa. Si è giustificato tweetando “Scusate tanto ,ma qualche scemo mi sottratto telefonino e mi ha fatto scherzo di pessimo gusto.”

Ilarità a parte, l'incidente dimostra che il concetto di sicurezza dei dispositivi digitali non è ancora ben chiaro a chi governa e fa politica. Stavolta è andata bene (se vogliamo dare per buona la giustificazione di Formigoni): solo (si fa per dire) retweet di siti porno decisamente ridicoli e imbarazzanti.

Ma sarebbe stato altrettanto facile iniettare malware di ogni genere su quel telefonino (ammesso che i tweet non siano causati appunto di malware che fa spamming). O rubarne la rubrica con i numeri. O copiarne i messaggi e le mail private. Magari fare una richiesta di reset delle password per i siti e i servizi usati da Formigoni e colleghi e prenderne il controllo, leggerne il contenuto, postare notizie false devastanti. In confronto a quello che sarebbe stato possibile fare, ritwittare a 68.417 follower due chiappe che abbracciano un palo è davvero niente.

Insomma, uno smartphone andrebbe trattato con la stessa cura che si ha per le chiavi di casa e il portafoglio: non va mai lasciato incustodito, perché offre accesso a troppe informazioni sensibili. Speriamo che la lezione sia stata imparata.
168 commenti

Beppe Grillo prende(va) in giro i seguaci delle scie chimiche

Il video è di qualche tempo fa: sentite come sbeffeggia senza pietà chi crede alle scie chimiche. Sarebbe interessante sentire da lui cosa gli ha fatto cambiare idea, visto che nel suo movimento adesso accoglie sciachimisti e complottisti d'ogni genere.

Grazie a Giornalettismo per la chicca.


9 commenti

La cometa ISON corre verso il Sole

Guardate quanto s'è spostata nel giro di poche ore:




E guardate questa GIF animata su Spaceweather:


Impressionante. Un'altra, più estesa e personalizzabile, è qui (grazie a latente per la segnalazione).

Tanto per darvi un po' di geografia celeste (via @SungrazerComets):



Domani è il giorno decisivo in cui ISON avrà la distanza minima dal Sole. Seguitela su questi link: NASA SOHO Realtime, The Wire, Planetary.org, Nasa.gov/ison. Molte info e mappe per vederla sono su NightSkyInfo. Non dimenticate il calcolatore in tempo reale di velocità e distanza, che indica ora una velocità di 148 km al secondo, ossia più di mezzo milione di chilometri l'ora.

Questa animazione arriva da NASA Goddard Images:

17 commenti

I complottismi distraggono dalle cospirazioni reali

Sull'International Business Times è uscita un'intervista in italiano al sottoscritto, nella quale parlo di complottismi, complottisti e debunker e dei danni sociali causati dal cospirazionismo che spinge a sprecare risorse a rincorrere complotti inesistenti intanto che quelli reali avvengono sotto il naso dei complottisti e instilla paure idiote nei confronti di rimedi fondamentali come le vaccinazioni.

Chiarisco, a titolo preventivo viste le polemiche passate, che l'intervista è una trascrizione sostanzialmente testuale di quello che ho detto telefonicamente e via Skype all'intervistatore, Alessandro Martorana. Le mie dichiarazioni sono state fatte a voce, di getto, non per iscritto, e vanno lette tenendo presente questo fatto. Mi tocca dirlo, altrimenti c'è gente che s'attacca a queste cose per accusarmi di usare un italiano scritto scadente e impreciso. Buona lettura.
3 commenti

Questo weekend: Reunion di fantascienza a Riccione

Questo venerdì inizierà la convention di fantascienza Reunion a Riccione. Io ci sarò per rivedere gli amici e per tradurre per gli ospiti, che sono Mike Edmonds (l'Ewok Logray di Ritorno dello Jedi e Robin Curtis (la vulcaniana Saavik di Star Trek III e IV). Ci sarà fantascienza di tutti i generi, non solo quella che comincia con Star. I dettagli del programma sono qui.

20 commenti

“Hunger Games” in italiano: nessuno che si chieda chi è questo Victor, vero?

Un modo molto semplice per sapere chi scrive di cinema copiaincollando testi altrui senza sapere nulla di cosa sta descrivendo: googlare “il cosiddetto "Tour di Victor"”. Nel pressbook del film, mi dicono, è tradotto correttamente. Grazie a smiley1081 ed emanuelema* per la segnalazione.


Spiegazione:


54 commenti

Il cinquantenario di “Doctor Who”

Ieri è andata in onda la puntata speciale di Doctor Who che celebra i cinquant'anni dalla trasmissione della prima puntata della serie di fantascienza più longeva della storia.

Non dico nulla per non spoilerare, ma è un divertissement davvero speciale per tutti i fan della serie (e probabilmente incomprensibile per chi non conosce Doctor Who), strapiena di chicche e allusioni che richiedono almeno un paio di visioni per essere colte tutte. È una puntata di Natale fuori stagione del Dottore: un bel regalo anticipato.

Pubblico queste righe anche per dare uno spazio in cui parlarne insieme, ma mi raccomando: niente spoiler. I commenti di questo blog sono moderati, per cui casserò qualunque commento che riveli dettagli della trama della puntata.

Il cinquantenario è stato festeggiato alla grande, con proiezioni in varie sale cinematografiche in 3D e trasmissione televisiva (quasi) simultanea in almeno settanta paesi (dieci milioni di telespettatori solo nel Regno Unito), e con una serie di documentari, mini-episodi e video di contorno davvero notevole: non perdetevi, in particolare, The Fiveish Doctors e An Adventure in Space and Time: una ricostruzione storica amorevole e dettagliatissima come solo la BBC sa fare nei suoi momenti migliori. Ah, e procuratevi il mini-episodio The Night of the Doctor.

Allons-y!
11 commenti

WeChat, prove di stalking

Stamattina ho fatto un piccolo test di WeChat. Qui accanto vedete una schermata (parzialmente anonimizzata) della sua funzione Scopri, che permette di sapere a che distanza da noi si trovano persone totalmente sconosciute. Analogamente, gli sconosciuti possono sapere a che distanza siamo noi da loro.

A parte il fatto che offrirsi per scambiare conversazioni e foto con totali sconosciuti è una pessima idea oltre che un sintomo di disperazione o incoscienza, il fatto che WeChat si presta a questo genere di geolocalizzazione permette a uno stalker di scegliersi la vittima e poi scoprire dove abita, dove va a scuola o dove va a lavorare.

Oggi mi sono offerto come cavia di una prima caccia al tesoro, ma alla fine sono stato io a trovare altri utenti (alcuni con album di foto pubbliche veramente imbarazzanti per ingenuità e narcisismo). Nei prossimi giorni farò dei test di localizzazione precisa di un utente-bersaglio (consenziente, ovviamente).

Se volete saperne di più su WeChat e come disattivare questa funzione di geolocalizzazione, date un'occhiata al mio articolo sul sito della Radiotelevisione Svizzera.
1 commento

Per favore fate attenzione ai tweet che inviate



Non è il primo tweet che vedo nella mia cronologia con questo contenuto spammatorio. Presumo che l'utente si sia fatto infettare da qualche malware. Fate attenzione. Io segnalo questi tweet come spam e blocco l'utente. Mi spiace, ma non ho tempo di fare avvisi individuali.
70 commenti

Giornalismo di qualità


Due refusi in tre righe. Un piccolo esempio di cosa non funziona nel giornalismo di lingua italiana. Da Gazzetta.it. Grazie a fraverce per la segnalazione.
0 commenti

Password di Adobe rubate: come sapere se siete a rischio

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il 22/11/2013 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.

A ottobre Adobe (quella di Photoshop, Acrobat, Reader, Flash e tanti altri programmi diffusissimi) ha subìto il furto di milioni di password e dati delle carte di credito degli utenti che avevano registrato i propri programmi presso l'azienda. Si parla di circa 150 milioni di account violati.

Il rischio principale è che gli utenti abbiano usato altrove la password e l'indirizzo di mail che hanno usato presso Adobe: in tal caso i criminali che hanno sottratto questi dati (oggi liberamente circolanti su Internet, se si sa dove cercarli) potrebbero utilizzarli per entrare negli account di mail o nei profili Facebook degli utenti, con danni elevatissimi.

Per sapere se siete coinvolti in questo furto di dati c'è presso Lucb1e.com un servizio gratuito, creato da uno studente olandese, nel quale potete immettere il vostro indirizzo di mail (o più di uno, se ne avete). Attendete qualche minuto e scoprirete il risultato. Se siete fra i coinvolti, vi conviene cambiare la password in tutti i siti nei quali l'avete usata.
0 commenti

La truffa dell’“assistente finanziario” su Internet: come riconoscerla

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il 22/11/2013 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.

LinkedIn è uno dei tanti siti di buona reputazione che offrono servizi per la ricerca e l'offerta di lavoro e che talvolta vengono purtroppo abusati per truffe e raggiri. Le ricerche di una società di sicurezza informatica, F-Secure, segnalano la presenza su LinkedIn di alcuni casi di una truffa che è meglio conoscere bene per evitare guai seri con la giustizia: si tratta di false offerte di lavoro come “assistente finanziario” o “assistente alle operazioni” (esempio di truffa).

Non fidatevi di queste offerte che promettono facile impiego e guadagno con un lavoro che può essere svolto comodamente da casa, anche a tempo parziale, e consiste nella gestione di transazioni monetarie di clienti: si tratta in realtà quasi sempre di aziende inesistenti che in realtà tentano di reclutare persone da sfruttare come riciclatori di denaro inconsapevoli.

Il meccanismo è piuttosto semplice: se abboccate all'offerta, riceverete del denaro sul vostro conto corrente (uno dei dati personali che avete comunicato ai truffatori nell'ambito del “contratto di lavoro”) e lo trasferirete ad altri, tipicamente con sistemi meno tracciabili come Western Union, dopo aver trattenuto la vostra commissione.

Ma il denaro che ricevete è di provenienza illecita, sottratto per esempio da conti correnti violati, per cui diventate ricettatori e la traccia dei bonifici porta direttamente a voi, per cui sarete voi, e non i vostri “datori di lavoro” che si trovano chissà dove, a finire nei guai.

Queste truffe vengono costruite da imbroglioni professionisti, che creano anche siti di aziende fittizie ma dall'aria molto credibile, con nomi come Inteqno, Altran Strategies, Deticaconsulting o Nezux. Non fidatevi. Per distinguere le offerte serie dalle truffe bisogna usare gli strumenti di Internet: cercate su Google i nomi delle aziende offerenti per vedere se sono citati da siti che si occupano di finanza o affari. Se siete bravi a usare servizi come Whois, guardate a chi è intestato il sito: se l'intestazione è riservata, è sospetta. Se siete in dubbio, evitate.
0 commenti

WeChat Challenge: trovate il Disinformatico!

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il 22/11/2013 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.

WeChat è un'app molto popolare per chattare fra amici e sconosciuti. È disponibile per tutti gli smartphone e si caratterizza per alcune funzioni che ad alcuni, come segnalato da The Guardian, sembrano piuttosto inquietanti in termini di privacy e sicurezza: per esempio la geolocalizzazione degli utenti.

Se usiamo la funzione Persone Vicine (nel menu Scopri) di WeChat, chiunque, anche uno sconosciuto al quale non abbiamo concesso particolari privilegi su questo micro-social network, può sapere a che distanza si trova da noi (e noi possiamo fare altrettanto con loro). Rendere nota la propria posizione agli sconosciuti non sembra un'idea molto saggia (come non lo è chattare con sconosciuti, fra l'altro) eppure molti utenti tengono attiva quest'opzione, che è disattivabile andando in Io > Impostazioni > Generale > Funzioni > Persone vicine e cliccando su Disattiva. I dati di geolocalizzazione possono anche essere cancellati manualmente usando il menu che si trova nell'angolo in alto a destra nella schermata Persone Vicine.

Ma quanto è facile localizzare realmente una persona? Vi propongo un esperimento informale: provate a scoprire dove mi trovo oggi dopo le 14:30 fino alle 17 (prima e dopo questi orari sarebbe troppo facile e comunque spegnerò la geolocalizzazione). Su WeChat sono “Disinformatico”. Se mi vedete fra le Persone Vicine, inviatemi un saluto tramite WeChat, mandatemi una schermata di conferma a paolo.attivissimo@gmail.com dicendomi dove mi trovo secondo voi. Se siete particolarmente bravi, venitemi a salutare di persona. Presenterò i risultati del test nella prossima puntata del Disinformatico. Buona caccia!
58 commenti

Screenshot autentico di Paginegialle.it ORA

Grazie, GRAZIE a tutti coloro che mi hanno segnalato questa perla straordinaria che trovate su http://profilo.paginegialle.it/social/register.jsp (non so ancora per quanto).

8 commenti

La cometa ISON come non l’avete mai vista

Guardate quest'immagine eccezionalmente bella della cometa ISON che si sta avvicinando al Sole ed è visibile con un piccolo telescopio nel cielo dell'alba. L'ha scattata il britannico Damian Peach con un telescopio da venti centimetri un paio di giorni fa. La segnalazione della foto arriva da Phil Plait.


Ora andate a godervi l'originale a piena risoluzione.

Quando avete finito di sbavare, divertitevi con il calcolatore di distanze e velocità in tempo reale e con la carta celeste per localizzare ISON nel cielo.
0 commenti

Chiacchierata antibufala a Glocal (Varese)

Venerdì scorso sono stato ospite di Glocalnews, un incontro sul giornalismo organizzato da Varesenews, per una chiacchierata con Francesco Costa (il Post) su come si indagano le bufale. Qualche foto, un sunto dell'intervento e uno Storify sono qui, qui e qui. C'è anche un breve video (bisbigliavo per non disturbare gli altri relatori). Non credo, però, che ci sia un video dell'intera chiacchierata.

Provo a inserire qui sotto la mia prima cronologia personalizzata (Custom Timeline) di Twitter sul tema, realizzata con TweetDeck (versione web) e basata su queste istruzioni :



9 commenti

Antibufala: l’isola di detriti “grande come il Texas”


Repubblica, l'AGI e altre testate hanno pubblicato la notizia allarmante di un'isola di detriti “compatta e grande come il Texas” che starebbe per colpire la costa degli Stati Uniti.

È una stupidaggine epica che mi ispira un'idea per migliorare di colpo la qualità del giornalismo italiano: smettere di copiare dal Daily Mail, che troppo spesso è la fonte originale di queste panzane.

Purtroppo nelle redazioni di alcuni giornali si scambia il copia-e-incolla per giornalismo. No, mi spiace: il giornalismo non consiste nel fidarsi di quello che dicono altri giornali o agenzie di cui non si conosce nemmeno la reputazione o l'attendibilità: consiste nel fare ricerca, andare alla fonte originale e dare la notizia in mano a chi sa almeno leggere un grafico in inglese. Se vi interessano i dettagli, sono qui.



10 commenti

Cinquant’anni dall’assassinio Kennedy. Qualche link e una elaborazione impressionante del filmato Zapruder

ATTENZIONE: il video qui sotto è sconsigliato a chi s'impressiona. Mostra in dettaglio la morte di un uomo, colpito alla testa da un proiettile.


Il filmato dell'assassinio di John Fitzgerald Kennedy nel 1963 a Dallas, ripreso da Abraham Zapruder, è scioccante quando lo si vede nella sua versione originale tremolante. Stabilizzato digitalmente ed elaborato per estenderne l'inquadratura usando altri fotogrammi dello stesso filmato diventa agghiacciante nella sua nitidezza e nella sua inesorabilità glaciale. I viaggiatori nel tempo probabilmente vedono così.

Sul tema delle false piste e tesi di complotto intorno al delitto Kennedy ho scritto due righe qui, ma lo ha fatto molto più ampiamente Massimo Polidoro qui.

Fra l'altro, un sondaggio recente della Gallup segnala che la credenza nelle tesi di complotto sull'assassinio Kennedy è ai minimi storici, anche se “minimo” è un po' fuorviante, dato che i credenti sono il 61%, mentre prima erano oltre il 70% e hanno raggiunto punte dell'80%.

C'è anche un montaggio delle dirette televisive statunitensi di quel giorno.
6 commenti

Android si Siri-izza un po’ con l’update di Google Search (ma soltanto in inglese USA)

Durante la puntata del Disinformatico di venerdì scorso ho provato ad aggiornare in tempo reale sul mio telefonino Android l'app di ricerca di Google, dato che correva voce che consentisse di dialogare a voce e comandare il dispositivo in modo interattivo (in altre parole, come Siri su iPhone), ma l'esperimento è fallito miseramente.

Ho scoperto perché: avevo settato l'inglese USA come lingua d'interfaccia del telefonino ma non avevo fatto la stessa cosa per la lingua della ricerca vocale. Se volete sapere come si fa e provare (finalmente?) l'ebbrezza di mandare un SMS usando soltanto la voce su un cellulare Android, leggete queste mie istruzioni.
10 commenti

La telecamera di Xbox One è un po’ guardona

Secondo questo articolo, la telecamera a infrarossi della Kinect di Xbox One ci vede fin troppo bene attraverso i vestiti. O meglio, evidenzia rilievi e curve normalmente poco rilevabili. Sembra di essere davanti a uno scanner aeroportuale.

Dettagli in questo mio articoletto.


4 commenti

Android, come scoprire il PIN di uno smartphone tramite la sua telecamerina

Ross Anderson, prolifico ricercatore di falle nella sicurezza nei nostri dispositivi, ha trovato una maniera per dedurre il PIN di un utente Android anche su telefonini e tablet che usano la virtualizzazione e/o due sistemi operativi (uno trusted e l'altro untrusted) per aumentare la sicurezza. Usa la telecamerina frontale e il microfono, che sono periferiche solitamente non soggette a restrizioni trusted/untrusted. Geniale.

Cosa più importante, emerge che è possibile attivare la telecamerina frontale senza accenderne la spia luminosa. Il link alla ricerca di Anderson e i dettagli sono in questo mio articolo per la Radiotelevisione Svizzera.
0 commenti

Antibufala: dal Giappone l’isola di detriti grande come il Texas

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il 15/11/2013 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.

Secondo numerose testate giornalistiche (Repubblica, AGI, Daily Mail, The Independent), dal Giappone sarebbe in arrivo sulla costa occidentale degli Stati Uniti una vera e propria “isola galleggiante di detriti”, un residuo dello tsunami che colpì il Giappone nel 2011. Quest'isola sarebbe “compatta e grande come il Texas”.

La fonte originale della notizia sarebbe, secondo queste testate, l'ente statunitense NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration, non Association come hanno scritto alcuni), che però ha smentito categoricamente. Alcuni giornali hanno infatti travisato il grafico dell'ente, che non parla affatto di un'isola “compatta” ma semplicemente delinea un'area in cui i detriti sono meno dispersi che nel resto del'oceano: “non c'è nessuna massa solida di detriti”, spiega il NOAA, aggiungendo che anche nell'area delineata i detriti “sono così dispersi che potreste sorvolare l'Oceano Pacifico senza mai vederne”. Si tratta, oltretutto, di simulazioni, non di dati reali osservati.

Vale anche stavolta, come sempre, la regola d'oro: più una notizia è sensazionale, più va verificata prima di pubblicarla o diffonderla. Bufale come questa dimostrano che purtroppo molti se la dimenticano.
0 commenti

Android, la ricerca vocale di Google fa conversazione come Siri

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il 15/11/2013 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.


L'aggiornamento più recente (3.1) dell'app di ricerca in Google per Android permette di dare ordini a voce al dispositivo Android non solo per la ricerca ma anche per esempio per l'invio di messaggi e dialoga a voce con l'utente se le informazioni fornite non sono sufficienti a completare l'ordine.

Per esempio, si può chiedere all'app di inviare un SMS: se non si specifica il destinatario, la voce sintetica chiede a chi si vuole mandare il messaggio. Molto comodo, anche se la voce generata dal computer è piuttosto grezza e irritante, specialmente se confrontata con quella di Siri, l'assistente vocale di iPhone.

Unico inconveniente: per attivare il dialogo per ora bisogna impostare la lingua dell'interfaccia a inglese USA. Occorre non solo andare in Impostazioni > Lingua e inserimento > Lingua, ma anche in Impostazioni > Lingua e inserimento > Ricerca vocale > Lingua, dove bisogna scegliere English (US) e anche Output vocale On.
0 commenti

Assassinio di JFK: i link per saperne di più

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il 15/11/2013 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.

Il 22 novembre prossimo ricorrerà il cinquantenario dell'assassinio del presidente degli Stati Uniti John Fitzgerald Kennedy e delle tesi alternative sulla vicenda, riproposte estesamente nel film di Oliver Stone, JFK - Un caso ancora aperto. Fra le tante scene memorabili del film spicca la ricostruzione della traiettoria della “pallottola magica”: il singolo proiettile che avrebbe colpito sia Kennedy sia il governatore Connally seduto davanti al presidente nell'auto.

Secondo la ricostruzione di Stone, la pallottola avrebbe dovuto compiere un tragitto impossibile, cambiando direzione più volte, e quest'impossibilità sarebbe una delle prove della falsità della tesi ufficiale. Ma la ricostruzione mostrata in JFK contiene un errore fondamentale: colloca Kennedy e Connally in posizioni sbagliate nell'auto presidenziale rispetto alla realtà.

Osservando l'auto, infatti, risulta che il sedile di Connally non era allineato e alla stessa altezza di quello del presidente, come mostra Oliver Stone, ma era sfalsato e più basso. Includendo questo fatto fondamentale la traiettoria del proiettile diventa rettilinea e non più “magica”. Su questo punto, perlomeno, il film di Stone è fuorviante.

Per chi fosse interessato a conoscere meglio la vicenda ci sono alcuni siti fondamentali, come Johnkennedy.it (in italiano), che spiega la “pallottola magica” in dettaglio qui) e Jfkfiles.com (in inglese), con una meticolosa ricostruzione in grafica tridimensionale degli eventi, e il libro di Diego Verdegiglio Ecco chi ha ucciso John Kennedy. Infine, per chi non s'impressiona facilmente, ci sono le immagini del filmato Zapruder che riprese l'attentato, disponibili oggi in versione stabilizzata digitalmente.
0 commenti

Xbox One ha una telecamerina troppo rivelatrice?

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il 15/11/2013 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.

La nuova console di gioco Xbox One avrà una Kinect migliorata che include una telecamera a infrarossi capace di riconoscere le forme del corpo dei giocatori anche al buio. Il problema è che questa telecamera pare essere un po’ troppo sensibile e dettagliata nelle proprie immagini.

In particolare, secondo alcune segnalazioni, si vedrebbero un po’ troppo dettagliatamente, attraverso gli indumenti, i genitali del giocatore, perché l’illuminazione a infrarossi seguirebbe le forme dei pantaloni molto più di quanto faccia una fonte di luce normale, creando una tridimensionalità che rivela dettagli anatomici normalmente invisibili. Un accenno in questo senso si nota nel video dimostrativo preparato da Microsoft Research.

Per fortuna questa modalità di visione è soltanto per uso interno da parte della Xbox e normalmente non verrà mostrata sullo schermo perché verrà sostituita dall’animazione generata in tempo reale dalla console. Ma l’episodio è un esempio di come le tecnologie informatiche stanno diventando così precise e sensibili da portarci inconsapevolmente a condividere dettagli che non immaginiamo di mettere in mostra e che magari non vorremmo esibire.
0 commenti

Come scoprire il PIN di uno smartphone tramite la sua telecamerina

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il 15/11/2013 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Cambridge ha scoperto che è possibile decifrare con buona affidabilità il PIN di uno smartphone Android usando un’app, PIN Skimmer, che sfrutta la telecamera e il microfono dell’apparecchio. Con un PIN di quattro cifre bastano due tentativi nel 30% dei casi e cinque per azzeccare il codice nel 50%. Un PIN a otto cifre viene indovinato nel 60% dei casi entro dieci tentativi.

Questo risultato è stato raggiunto da PIN Skimmer semplicemente osservando il movimento degli occhi dell’utente e ascoltando il suono del clic della pressione dei tasti virtuali. Niente panico, comunque: l’app è dimostrativa, non è pubblicamente disponibile e richiede che lo smartphone sia già infettato.

L’aspetto più significativo di questa ricerca è che è stato possibile disabilitare il LED-spia che avvisa l’utente che la telecamera è attiva. Un’altra scoperta interessante è che un PIN lungo è paradossalmente più facile da indovinare di uno corto, con questa tecnica, perché l’app spiona ha più informazioni da analizzare. Come rimediare? I ricercatori consigliano una password al posto del PIN.
43 commenti

Comprate questo libro, sfamerete questo gatto


L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Sono appena arrivate le prime copie della nuova edizione massicciamente aggiornata del mio ultimo parto letterario, Facebook e Twitter: manuale di autodifesa. Ombra, uno dei miei gatti, partecipa languidamente alla promozione perché sa che mangerà meglio se il libro ha successo. In una novantina di pagine ampiamente illustrate, il libro vi offre una guida rapida a tutte le impostazioni di questi social network, per usarli in modo efficace riducendo al minimo i rischi di sicurezza e di privacy. Se vi interessa, lo potete acquistare su Lulu.com qui a 10 franchi (circa 8 euro) o ritirare dalle mie mani in occasione delle mie apparizioni pubbliche.

Per ora c'è soltanto la versione cartacea: PDF ed e-book arriveranno con calma quando mi sarò ripreso dalla corsa folle che ho fatto per scrivere questo libro includendo tutte le novità che Facebook sforna in continuazione. Aggiornamento (2014/09/23): da giugno 2014 è disponibile su Slideshare la versione scaricabile gratuitamente.


Risposte alle domande più frequenti


Chi ha fatto il disegno in copertina? Mia figlia Linda.

È molto diverso dall'edizione precedente? Sì. Ha 23 pagine in più ed è aggiornato alla situazione di fine ottobre 2013; l'edizione precedente risaliva a marzo del 2012.

Si può leggere in anteprima? In parte. Le prime pagine sono visionabili su Lulu.com cliccando su Anteprima sotto l'immagine della copertina. Aggiornamento (2014/09/23): certo, è scaricabile gratis.

Farai una versione EPUB? Forse, ma non subito. Ci vuole troppo tempo per fare la conversione e adesso non ne ho.

Farai una versione PDF? Sì, ma non subito: non appena rientro delle spese sostenute. Nel frattempo c'è sempre l'edizione precedente, scaricabile gratis. Aggiornamento (2014/09/23): Sì, eccola.

Le versioni digitali saranno a pagamento? Alcune. Ma ci sarà anche una versione gratuita, quando avrò recuperato quello che ho speso. Aggiornamento (2014/09/23): è disponibile la versione gratuita.

Perché Lulu.com? Perché mantengo il controllo completo dei diritti sui miei libri, non ho nessuno che mi dice cosa scrivere e cosa non scrivere, e ho tempi di produzione e aggiornamento fulminei. Ho mandato in stampa questa nuova edizione il 10 novembre e mi è arrivata a casa oggi (14 novembre).

Quanto vuoi per il gatto? Non è cedibile, ma chi vuole venire a fargli le coccole e portargli da mangiare è sempre benvenuto.

Se non vendi abbastanza copie, che fine fa il gatto? Continuerà ad essere accudito con amore come ora.
4 commenti

Disinformatico radiofonico del 2013/11/08

Nella puntata di venerdì scorso (8 novembre) del Disinformatico che ho realizzato per la Radiotelevisione Svizzera (podcast) ho parlato della straordinaria storia dell'icona d'aereo su Google Maps che non è un'icona (immagine qui accanto), del dossier Apple sulle richieste di informazioni sugli utenti da parte dei governi, dell'arrivo di Internet Explorer 11 anche per Windows 7 (con strano cartone animato al seguito) e del cambio dell'icona "Mi piace" di Facebook.

Per la rubrica antibufala, inoltre, ho fatto un po' di chiarezza sulla notizia della “scoperta” di una nuova parte anatomica nel ginocchio umano.
2 commenti

Stasera parlo di Luna e dei suoi misteri e complotti a Trento

Questa sera alle 18 sarò a Trento, al Dipartimento di Lettere e Filosofia di via Tommaso Gar 14, per parlare delle missioni di esplorazione della Luna passate, presenti e future e per rispondere alle tesi di complotto intorno ai sei sbarchi lunari umani statunitensi.

L'incontro si tiene nell'ambito di Scienza dietro le quinte, un ciclo di incontri organizzati dal Laboratorio di Comunicazione delle Scienze fisiche del Dipartimento di Fisica dell’Università di Trento, ed è aperto a tutti. Porterò con me copie del mio libro Luna? Sì, ci siamo andati e delle penne USB contenenti il mio documentario Moonscape, di cui proietterò alcuni brani. A stasera!
57 commenti

Come l’NSA ha tradito la fiducia del mondo: l’appello appassionato di un esperto, Mikko Hypponen

Mikko Hypponen, di F-Secure, ha tenuto recentemente a Bruxelles un TED Talk nel quale ha messo bene in chiaro, con la competenza di chi lavora da anni nel settore della sicurezza informatica, le vere implicazioni del Datagate e di qualunque programma di sorveglianza preventiva di massa.


Il video è già stato tradotto e sottotitolato da Anna Cristina Minoli e Alessandra Tadiotto, ma con l'aiuto di Luigi Rosa mi sono permesso di sistemare qualche refuso e presentare qui il discorso di Hypponen nella sua interezza, perché merita davvero ed è ricco di spunti per riflessioni profonde e amare, non soltanto sull'informatica, ma sul senso profondo di cosa intendiamo per democrazia e libertà. È un discorso tecnico che finisce per essere politico nell'accezione più nobile di questo termine, spesso annacquato dai teatrini di alcuni commedianti.

Anna, Alessandra, se leggete queste righe e concordate con le nostre modifiche, usatele pure: questo testo è liberamente condivisibile. Per tutti: se trovate refusi o avete traduzioni migliori, segnalatele nei commenti. E se siete d'accordo con quello che ha detto Hypponen, fate circolare le sue idee.


Mikko Hypponen: Come l'NSA ha tradito la fiducia del mondo. È ora di agire


Le due invenzioni più grandi della nostra generazione sono probabilmente Internet e il telefonino. Hanno cambiato il mondo. Eppure, un po' a sorpresa, si sono anche rivelate gli strumenti perfetti per lo stato di sorveglianza. È emerso che la capacità di raccogliere dati, informazioni e connessioni su praticamente chiunque di noi e su tutti noi è proprio quella che abbiamo sentito per tutta l'estate attraverso le rivelazioni e le fughe di notizie riguardanti le agenzie di intelligence occidentali, in gran parte agenzie di intelligence statunitensi, che sorvegliano il resto del mondo.

Ne abbiamo sentito parlare a cominciare dalle rivelazioni del 6 giugno scorso. Edward Snowden ha cominciato a far trapelare informazioni, informazioni classificate top secret, provenienti dalle agenzie di intelligence statunitensi, e abbiamo cominciato a conoscere cose come PRISM, XKeyscore e altre. E questi sono esempi del tipo di programmi che le agenzie di intelligence statunitensi stanno impiegando in questo momento contro il resto del mondo.

E se ripensate alle previsioni sulla sorveglianza espresse da George Orwell, beh, viene fuori che George Orwell era un ottimista.

(Risate del pubblico)

Stiamo assistendo ora a tracciamenti di singoli cittadini su scala molto più vasta di quanto Orwell avrebbe mai potuto immaginare.

Questo è il famigerato centro dati della NSA nello Utah. Aprirà prossimamente e sarà sia un centro di supercalcolo che un centro di archiviazione dati. Potete immaginarlo come una sala immensa, piena di dischi rigidi per l'immagazzinaggio dei dati che stanno raccogliendo. È un edificio piuttosto grande. Quanto grande? Posso darvi i numeri – 140 000 metri quadrati – ma questo non vi dice molto. Forse è meglio immaginarlo con un termine di paragone. Pensate al più grande negozio IKEA in cui siate mai stati. Questo è cinque volte più grande. Quanti dischi rigidi ci stanno in un negozio IKEA? Giusto? È piuttosto grande. Stimiamo che la sola bolletta dell'elettricità per far funzionare questo centro di archiviazione dati sarà dell'ordine delle decine di milioni di dollari all'anno. E questo tipo di sorveglianza a tappeto significa che è possibile raccogliere i nostri dati e conservarli sostanzialmente per sempre, conservarli per lunghi periodi di tempo, conservarli per anni, per decenni. Questo crea dei rischi completamente nuovi per tutti noi. Questa è sorveglianza a tappeto, globale, di tutti.

Beh, non esattamente di tutti, perché l'intelligence americana ha solo il diritto legale di monitorare gli stranieri. Possono monitorare gli stranieri quando le connessioni dati degli stranieri terminano negli Stati Uniti o passano per gli Stati Uniti. Sorvegliare gli stranieri non sembra tanto grave, finché non ci si rende conto che io sono uno straniero e voi siete degli stranieri. Di fatto, il 96 per cento del pianeta è abitato da stranieri.

(Risate del pubblico)

Giusto?

Quindi è in effetti una sorveglianza a tappeto, globale, di tutti noi, tutti noi che usiamo le telecomunicazioni e Internet.

Ma non fraintendetemi: ci sono dei tipi di sorveglianza che vanno bene. Amo la libertà, ma anch'io riconosco che certa sorveglianza va bene. Se le forze dell'ordine stanno cercando di trovare un assassino, o catturare un signore della droga o prevenire una sparatoria in una scuola, e hanno delle piste e un sospettato, va benissimo che intercettino le telefonate di questo sospettato e le sue comunicazioni via Internet. Questo non lo metto affatto in discussione.

Ma non è di questo che si occupano i programmi come PRISM. Non hanno nulla a che vedere con la sorveglianza di persone per le quali ci sono buone ragioni per sospettare che abbiano commesso qualche reato, ma sono sorveglianza di persone che loro sanno essere innocenti.

Quindi le quattro grandi argomentazioni a sostegno di questo tipo di sorveglianza sono: prima di tutto, non appena si comincia a discutere di queste rivelazioni, ci sono quelli che negano cercando di minimizzare l'importanza di queste rivelazioni, dicendo che sapevamo già tutto, sapevamo che stava accadendo, non c'è niente di nuovo. E non è vero. Non lasciatevi dire da nessuno che lo sapevamo già, perché non lo sapevamo. Le nostre peggiori paure potevano essere qualcosa del genere, ma non sapevamo che stava accadendo. Ora sappiamo per certo che sta accadendo. Non lo sapevamo. Non sapevamo di PRISM. Non sapevamo di XKeyscore. Non sapevamo di Cybertrans. Non sapevamo di DoubleArrow. Non sapevamo di Skywriter -- tutti questi programmi diversi gestiti dalle agenzie di intelligence statunitensi. Ma ora lo sappiamo.

E non sapevamo che le agenzie di intelligence degli Stati Uniti si spingessero al punto di infiltrare organismi di normazione per sabotare intenzionalmente gli algoritmi di cifratura. Questo significa prendere una cosa sicura, un algoritmo di cifratura che è così sicuro che se lo usate per criptare un singolo file, nessuno può decifrare quel file. Anche se prendono ogni singolo computer del pianeta solo per decifrare quel singolo file, ci vorranno milioni di anni. In sostanza è perfettamente sicuro, inattaccabile. Una cosa di quel livello viene presa e indebolita di proposito, con il risultato di renderci tutti meno sicuri. Un equivalente nel mondo reale sarebbe che le agenzie di intelligence imponessero un PIN segreto in tutti gli antifurto di ogni singola abitazione in modo da poter entrare in ogni singola casa. Perché sapete, magari i cattivi hanno l'antifurto. Ma alla fine ci renderebbe anche tutti meno sicuri. Inserire una backdoor negli algoritmi di cifratura è semplicemente sconvolgente.

Ma certo, queste agenzie di intelligence stanno soltanto facendo il proprio lavoro. È quello che è stato detto loro di fare: spiare i segnali, monitorare le telecomunicazioni, monitorare il traffico Internet. Questo è quello che stanno cercando di fare, e dato che la maggior parte del traffico Internet oggi è cifrato, stanno cercando modi per aggirare la cifratura. Un modo è sabotare gli algoritmi di cifratura, e questo è un grande esempio di come le agenzie di intelligence americane stiano operando a briglia sciolta. Sono totalmente fuori controllo, e si dovrebbe riprenderne il controllo.

Cosa sappiamo in realtà di queste fughe di notizie? Tutto si basa sui file fatti trapelare dal signor Snowden. Le prime slide di PRISM dell'inizio di giugno descrivono un programma di raccolta in cui i dati vengono raccolti dai service provider, e fanno anche i nomi dei service provider ai quali hanno accesso. Hanno persino una data specifica in cui è iniziata la raccolta di dati per ogni service provider. Per esempio, specificano che la raccolta da Microsoft è iniziata l'11 settembre 2007, per Yahoo il 12 marzo 2008, e poi gli altri: Google, Facebook, Skype, Apple e così via.

E ognuna di queste aziende nega. Dicono tutte che semplicemente non è vero, che non danno accesso tramite backdoor ai loro dati. Eppure abbiamo questi file. Quindi una delle due parti sta mentendo, o c'è una spiegazione alternativa?

Una spiegazione sarebbe che queste parti, questi service provider, non stanno collaborando. Invece hanno subìto un attacco informatico. Sarebbe una spiegazione. Non stanno collaborando. Sono stati attaccati. In questo caso, sono stati attaccati dal loro stesso governo. Potrebbe sembrare assurdo, ma si sono già verificati casi di questo tipo. Per esempio, il caso del malware Flame che crediamo fermamente sia stato creato dal governo americano, e che per diffondersi ha sovvertito la sicurezza della rete di aggiornamenti Windows. Questo significa che l'azienda è stata attaccata dal proprio governo. Ci sono altre prove che supportano questa teoria. Der Spiegel, in Germania, ha fatto trapelare altre informazioni sulle operazioni gestite dalle unità di hacker di elite che operano all'interno di queste agenzie di intelligence. All'interno della NSA, l'unità si chiama TAO, Tailored Access Operations, e all'interno del GHCQ, che è l'equivalente britannico, si chiama NAC, Network Analysis Centre.

Queste recenti fughe di notizie di queste tre slide descrivono in dettaglio un'operazione gestita dall'agenzia di intelligence GCHQ del Regno Unito che aveva come obiettivo una società di telecomunicazioni qui in Belgio. Questo significa quindi che un'agenzia di intelligence europea sta violando intenzionalmente la sicurezza di una telecom di un vicino paese dell'Unione Europea, e ne parlano nelle loro slide molto disinvoltamente, come se fosse una cosa normale. Ecco l'obiettivo primario, ecco l'obiettivo secondario, ecco il team. Probabilmente fanno team building il giovedì sera al bar. Usano addirittura stucchevoli clip art su PowerPoint come: "Successo", quando riescono ad accedere a servizi come questo. Che diavolo sta succedendo?

E poi si discute che OK, certo, probabilmente sta succedendo ma, di nuovo, lo fanno anche altri paesi. Tutti i paesi spiano. E magari è vero. Molti paesi spiano, non tutti, ma prendiamo un esempio. Prendiamo per esempio la Svezia. Parlo della Svezia perché la Svezia ha leggi abbastanza simili agli Stati Uniti. Quando i vostri dati attraversano la Svezia, la sua agenzia di intelligence ha il diritto per legge di intercettare il traffico. Bene, quanti soggetti di potere, politici, leader d'azienda svedesi usano quotidianamente servizi basati negli Stati Uniti, come Windows o OS X, o usano Facebook o LinkedIn, o salvano i propri dati in cloud come iCloud o Skydrive o DropBox, o magari usano servizi online come Amazon Web Services o SalesForce? La risposta è: lo fa ogni singolo leader d'azienda, ogni giorno. Ribaltiamo la prospettiva. Quanti leader americani usano webmail e servizi di cloud svedesi? La risposta è nessuno. Quindi non c'è bilanciamento. Non c'è assolutamente equilibrio, neanche lontanamente.

E quando abbiamo la sporadica storia di successo europea, anche quella, tipicamente finisce per essere venduta agli Stati Uniti. Per esempio, Skype una volta era sicuro. Era cifrato da un capo all'altro della comunicazione. Poi è stato venduto agli Stati Uniti. Oggi non è più sicuro. Ancora una volta, prendiamo una cosa sicura e la rendiamo meno sicura di proposito, con la conseguenza di rendere tutti noi meno sicuri.

E poi c'è l'argomentazione che gli Stati Uniti stanno solo combattendo i terroristi. È la guerra al terrorismo. Non dovete preoccuparvi. Beh, non è la guerra al terrorismo. Certo, è in parte guerra al terrorismo, e sì, ci sono terroristi, che uccidono e mutilano, e dovremmo combatterli, ma sappiamo da questa fuga di notizie che hanno usato le stesse tecniche per ascoltare telefonate di leader europei, per intercettare le email dei presidenti del Messico e del Brasile, per leggere il traffico di mail nelle sedi delle Nazioni Unite e del Parlamento Europeo, e non credo che stiano cercando terroristi all'interno del Parlamento Europeo, giusto? Quindi non è guerra al terrorismo. Potrebbe esserlo in parte, e ci sono terroristi, ma pensiamo veramente ai terroristi come a una minaccia esistenziale tale da essere disposti a fare davvero qualunque cosa per combatterli? Gli americani sono pronti a buttare via la Costituzione, buttarla nel cestino, solo perché ci sono i terroristi? La stessa cosa per il Bill of Rights (la Carta del Diritti) e tutti gli emendamenti, la Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo, le convenzioni europee sui diritti dell'uomo e le libertà fondamentali e la libertà di stampa? Pensiamo veramente che il terrorismo sia una tale minaccia esistenziale da essere disposti a fare qualunque cosa?

Ma la gente ha paura dei terroristi, e pensa che la sorveglianza sia accettabile perché tanto non ha niente da nascondere. Siete liberi di sorvegliarmi, se può aiutare. E chiunque vi dica che non ha niente da nascondere semplicemente non ci ha riflettuto abbastanza.

(Applausi)

Perché abbiamo questa cosa chiamata privacy, e se pensate veramente di non avere niente da nascondere, assicuratevi che sia la prima cosa che mi direte, perché saprò che non dovrò affidarvi nessun segreto, perché ovviamente non siete in grado di mantenere un segreto.

Ma la gente è brutalmente onesta su Internet, e quando sono iniziate queste fughe, molta gente ha cominciato a interrogarmi. Non ho niente da nascondere. Non sto facendo niente di male o illegale. Eppure, non c'è niente che ho piacere di condividere con un'agenzia di intelligence, specialmente una agenzia di intelligence straniera. E se proprio abbiamo bisogno di un Grande Fratello, preferirei avere un Grande Fratello nazionale che un Grande Fratello straniero.

Quando sono iniziate le fughe di notizie, la prima cosa che ho twittato è stato un commento su come, usando i motori di ricerca, stiamo potenzialmente mostrando tutto all'intelligence americana. Due minuti dopo ho ricevuto una risposta da una persona di nome Kimberly dagli Stati Uniti che controbatteva: perché dovevo preoccuparmene? Cosa sto mandando che mi dovrebbe preoccupare? Sto mandando foto di nudo o qualcosa del genere? La mia risposta a Kimberly è stata che quello che stavo mandando non erano affari suoi, e non dovrebbero essere neanche affari del suo governo. Perché si tratta di questo, si tratta di privacy. La privacy non è negoziabile. Dovrebbe essere parte integrante di tutti i sistemi che usiamo.

(Applausi)

Una cosa che dovremmo capire è che siamo brutalmente onesti con i motori di ricerca. Mostratemi la cronologia delle vostre ricerche, e vi troverò qualcosa di incriminante o di imbarazzante in cinque minuti. Siamo più onesti con i motori di ricerca di quanto non lo siamo con le nostre famiglie. I motori di ricerca sanno più di noi di quanto non sappiano di voi le vostre famiglie. E queste sono tutte informazioni che diamo via, le stiamo dando agli Stati Uniti.

La sorveglianza cambia la storia. Lo sappiamo da esempi di presidenti corrotti come Nixon. Immaginate se avesse avuto il tipo di strumenti di sorveglianza disponibili oggi. Fatemi citare testualmente il presidente del Brasile, la signora Dilma Rousseff. È stata uno degli obiettivi della sorveglianza della NSA. Le sue mail sono state lette, e lei ha parlato alla sede delle Nazioni Unite e ha detto: “Se non c'è nessun diritto alla privacy, non può esistere nessuna vera libertà di espressione e opinione, e quindi non può esistere una democrazia efficace.”

Ecco di cosa si tratta. La privacy è il mattone fondamentale delle nostre democrazie. E per citare un collega ricercatore della sicurezza, Marcus Ranum gli Stati Uniti oggi stanno trattando Internet come se fosse una delle loro colonie. Siamo tornati all'epoca della colonizzazione, e noi, gli “stranieri“ che usiamo Internet, dovremmo vedere gli Americani come i nostri padroni.

Il signor Snowden è stato accusato di molte cose. Qualcuno lo accusa di avere causato, con le sue rivelazioni, problemi all'industria del cloud e alle società di software. Dare la colpa a Snowden di aver causato problemi all'industria del cloud americano sarebbe come dare la colpa del riscaldamento globale ad Al Gore.

(Risate e applausi)

Allora, cosa dobbiamo fare? Dovremmo preoccuparci? No, non dovremmo preoccuparci. Dovremmo arrabbiarci, perché tutto questo è sbagliato ed è prepotente e non si dovrebbe fare. Ma questo non cambierà la situazione. Quello che cambierà la situazione per il resto del mondo è cercare di stare lontani dai sistemi costruiti negli Stati Uniti. È molto più facile a dirsi che a farsi. Come si fa? Un singolo paese, qualunque singolo paese in Europa non può sostituire o creare dei sostituti dei sistemi operativi e dei servizi cloud statunitensi.

Ma magari non lo si deve fare da soli. Magari lo si può fare insieme ad altri paesi. La soluzione è l'open source. Creando insieme dei sistemi aperti, liberi e sicuri, possiamo aggirare questa sorveglianza, e così il singolo paese non deve risolvere il problema da solo. Deve solo risolvere un piccolo problema. E per citare un collega ricercatore sulla sicurezza, Haroon Meer, un paese deve solo far partire una piccola onda, queste piccole onde insieme diventano una marea, e la marea solleverà tutte le barche nello stesso tempo, e la marea che costruiremo con sistemi sicuri, liberi e open source, diventerà la marea che ci innalzerà tutti al di sopra dello stato di sorveglianza.

Grazie.

(Applausi)
17 commenti

Il rientro di Luca Parmitano dallo spazio

Sto seguendo in diretta la discesa della Soyuz, con a bordo Luca Parmitano, Karen Nyberg e Fyodor Yurchikhin, dalla Stazione Spaziale Internazionale. Ecco qualche immagine catturata dalla diretta di NASA TV. Sarò all'antica, ma provo ancora meraviglia al pensiero che queste immagini sono arrivate in diretta dallo spazio. E provo anche gratitudine per il fatto che tramite Internet non dobbiamo dipendere dagli umori dei palinsesti televisivi, troppo presi dall'inutile, onanistica paranoia per la caduta del satellite GOCE (le cui probabilità di far danni sono infinitesime).

Yurchikhin fa il discorso di congedo e passaggio del comando...

...e tutti ridono quando s'impapera sbagliando il numero della missione.

Luca fa capolino da dentro la Soyuz poco prima che si chiuda il portello.

Poco dopo lo sgancio, questa è la vista dalla telecamera della Soyuz.

Immagine del pannello comandi della Soyuz.

Luca, Karen e Fyodor sono già un puntino lontano...

...ma lo zoom, almeno per un po', riesce a seguirli.

Intorno alle 2:55 ora italiana è avvenuta l'accensione di frenata, che è durata circa cinque minuti e si è conclusa regolarmente. Poi la Soyuz si è divisa nei suoi tre moduli e quello centrale, l'unico che rientra, ha proseguito la propria discesa fino al punto di atterraggio in Kazakistan, frenata dapprima dallo scudo termico e poi da un grande paracadute.





Ed eccoli, estratti dalla capsula e messi subito seduti per sopportare l'improvviso passaggio dall'assenza di peso alla gravità terrestre.








Bentornato a casa, Luca!
0 commenti

Facebook cambia l’icona più...iconica

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il 08/11/2013 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.

C'è un'immagine che viene vista ogni giorno più di 22 miliardi di volte e si trova su oltre sette milioni di siti Internet, e tra poco cambierà per sempre. Si tratta dell'onnipresente icona “Mi piace” di Facebook, che insieme all'icona di condivisione di questo social network sta affrontando per la prima volta un restyling, annunciato pochi giorni fa da Facebook.

Scomparirà dal “Mi piace” il pollice alzato che è diventato un simbolo universale di questo social network: resterà nel riquadro presente sopra il pulsante, che indica quanti “Mi piace” ha ricevuto un post. Al posto del pollice ci sarà la F blu del logo di Facebook. Il pulsante Invia (o Condividi) assume un aspetto analogo: blu con le lettere in bianco, ben più vistoso della sua versione attuale.

La novità verrà introdotta progressivamente nel corso delle prossime settimane, rendendo improvvisamente incomprensibili alle generazioni future infiniti fotomontaggi che parodiavano il pollice alzato e il pulsante “Mi piace”.
0 commenti

Antibufala: scoperta nuova parte del corpo umano!

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il 08/11/2013 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.

Moltissime testate giornalistiche in tutto il mondo stanno riportando la notizia che sarebbe stata scoperta una nuova parte anatomica umana, specificamente nel ginocchio. “Gli scienziati scoprono una nuova parte del corpo”, titola per esempio Giornalettismo; ne parlano in questi termini anche USA Today, il Daily Mail, la BBC e tanti altri.

Il chirurgo Steven Claes e il suo collega Johan Bellemans vengono indicati come gli scopritori di un legamento prima sconosciuto, battezzato “legamento anterolaterale”, situato appunto nel ginocchio umano. La storia sembra rivelare che le nostre conoscenze anatomiche sono in realtà ancora sorprendentemente lacunose e permette anche una frecciatina verso i medici, insinuando una loro presunta incompetenza di fondo.

Ma andando a leggere anche soltanto l'abstract (riassunto) dell'articolo originale, pubblicato sul Journal of Anatomy (fra l'altro ad agosto scorso, quindi neanche tanto recente) risulta che in realtà la parte anatomica “nuova” fu descritta da un chirurgo francese, Paul Segond, nel 1879 e non è stata affatto dimenticata e riscoperta, tanto che ci sono altri articoli scientifici più recenti sul tema.

L'articolo che oggi viene presentato come annuncio di scoperta in realtà non avanza questa pretesa ma propone semplicemente uno studio dettagliato del rapporto fra questo legamento e le altre strutture anatomiche adiacenti. Tutto qui. Ma la storia sensazionale ha avuto la meglio sui fatti, per cui non correte a lamentarvi o prendere in giro il vostro ortopedico di fiducia.