skip to main | skip to sidebar
0 commenti

Android, la ricerca vocale di Google fa conversazione come Siri

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il 15/11/2013 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.


L'aggiornamento più recente (3.1) dell'app di ricerca in Google per Android permette di dare ordini a voce al dispositivo Android non solo per la ricerca ma anche per esempio per l'invio di messaggi e dialoga a voce con l'utente se le informazioni fornite non sono sufficienti a completare l'ordine.

Per esempio, si può chiedere all'app di inviare un SMS: se non si specifica il destinatario, la voce sintetica chiede a chi si vuole mandare il messaggio. Molto comodo, anche se la voce generata dal computer è piuttosto grezza e irritante, specialmente se confrontata con quella di Siri, l'assistente vocale di iPhone.

Unico inconveniente: per attivare il dialogo per ora bisogna impostare la lingua dell'interfaccia a inglese USA. Occorre non solo andare in Impostazioni > Lingua e inserimento > Lingua, ma anche in Impostazioni > Lingua e inserimento > Ricerca vocale > Lingua, dove bisogna scegliere English (US) e anche Output vocale On.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).