skip to main | skip to sidebar
43 commenti

I truffatori della sedicente “assistenza telefonica Microsoft” ci provano con me. Li ho registrati

Questo articolo vi arriva grazie alla gentile donazione di “pierandrear*”, “shaska” e “cescoca*” ed è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Avete presente i truffatori che si spacciano per l'assistenza tecnica di Microsoft e imbrogliano gli utenti dicendo loro che nei loro computer è stata rilevata un'infezione e che per toglierla bisogna installare uno speciale software a pagamento, che in realtà è malware? Quelli che con questo pretesto si fanno dare il numero della carta di credito della vittima per “pagare” il software di “assistenza”?

Ebbene, questa feccia umana oggi ha telefonato a me. Non sono riuscito a registrare la parte iniziale della chiamata, ma il resto sì. L'accento della voce del truffatore, che si esprime in inglese, è marcatamente indiano e il numero di telefono del truffatore non è comparso sul mio display. Il rumore di fondo era molto forte anche nell'originale e non è un effetto della registrazione. Non ce l'hanno con me, ovviamente: io sono semplicemente uno dei tanti ai quali telefonano a caso. Solo che stavolta hanno pescato il pesciolino sbagliato.

Riassumo la telefonata per facilitarne la comprensione: il truffatore, con l'intonazione di chi legge da un copione, mi dice che il mio computer è infetto e che potrebbe andare in crash in qualunque momento, facendomi perdere tutti i file e i documenti. Io chiedo cosa devo fare: lui mi dice che mi aiuterà a fare un controllo che manderà un rapporto alla loro sede centrale d'assistenza.

Il truffatore mi chiede di trovare il tasto Ctrl sulla tastiera e di dirgli che tasto c'è accanto a Ctrl. Io faccio un po' il finto tonto per confonderlo e fargli perdere tempo, poi gli dico che vedo il simbolo di una forchetta (è il tasto Opzione del mio Mac), ma lui mi chiede se c'è un simbolo di bandiera (flag), ossia il logo di Windows.

Gli dico di sì. Lui mi chiede di premere il tasto Windows e la lettera R. Faccio finta di farlo e lui mi chiede cosa vedo sullo schermo. Io improvviso dicendo che vedo un messaggio sullo schermo con dei messaggi d'allarme. Lui prosegue imperterrito secondo copione e mi chiede di digitare le lettere che compongono la parola eventvwr e di dirgli cosa vedo.

Fonte: MrInformatica.
In pratica mi ha chiesto di lanciare l'Event Viewer sotto Windows, cosa difficile da fare dato che sono davanti a un Mac. Se fossi a un PC Windows, le sue istruzioni farebbero comparire inquietanti messaggi d'errore, come avevo descritto qui e come è illustrato per esempio qui, ma lo precedo: la cosa si sta facendo lunga e non posso perdere altro tempo.

Gli dico che ho sullo schermo un messaggio della polizia, che dice che la telefonata in corso viene tracciata e che la polizia sta ascoltando la chiamata. Panico e silenzio da parte del truffatore (che improvvisamente ha smesso di seguire il copione).

Gli rivelo che ho capito che lui e la sua banda (si sentono altre voci identiche in sottofondo che ripetono lo stesso copione) sono dei bastardi truffatori e che possono andare tutti a... quel paese.

Il truffatore ha riagganciato di corsa.

Nella registrazione qui sotto ho coperto gli epiteti per non offendere gli animi più sensibili; dal vivo il truffatore li ha sentiti integralmente.


Upload MP3 and download MP3 using free MP3 hosting from Tindeck.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (43)
"T like telifon" ahahahah
Fantastico il finale :D
Complimenti per l'ottima pronuncia inglese! (la tua, non dell'amico Fritz)
Il sogno di una vita...
@aldo
Paolo haun genitore inglese se ho ben capito ;-)
Venti minuti di standing ovation, grande Paolo! ^_^
Si pronuncia anderstAnd? Non anderstEnd?

Oggesù, ecco perchè non ho mai superato il 4 e mezzo in inglese orale.
[img]http://liberthalia.files.wordpress.com/2013/04/applausi.gif [/img]

Ma perché hai coperto i tuoi insulti con un beep? Volevo migliorare il mio inglese! :-D
Grandissimo Paolo! :D Penso che, al posto tuo, non avrei mantenuto la tua flemma e, se sufficientemente in vena, avrei invece iniziato a citare Pulp Fiction, tanto per...
Mamma mia Paolo, hai un accento splendido e una dizione da manuale. Sembra di sentire la BBC che prende in giro i truffatori....
Martinobri,

Io sono dello Yorkshire, e nello Yorkshire la A si pronuncia A. Altre regioni pronunciano A ed E con suoni molto simili fra loro. Da questo deriva spesso la difficoltà nel distinguere "man" e "men".

Ahahahahahah, finale spettacolo
Perché hanno riattaccato?

Scherzi a parte mi pare poco efficiente come truffa:

- si deve "beccare" la persona col pc;

- bisogna trovare quella disposta ad eseguire le istruzioni per telefono e garantisco che non è facile. Quasi tutti i miei amici e/o un colleghi, quando hanno un problema, si rifiutano categoricamente di eseguire istruzioni per telefono e mi pregano di andare a dar loro una mano (poi mi offrono sempre qualche cosa di buono; che sia la scusa per fare quattro chiacchiere? :-) );

- bisogna anche trovare chi ha la carta di credito;

- infine, tra quelli che hanno la carta, bisogna trovare quelli disposti a darne il numero per telefono.

Non conosco la mentalità degli svizzeri ma credo che né in Svizzera né altrove sia facile trovare gente che soddisfi tutte le condizioni anzidette.
Guastulfo,

si deve "beccare" la persona col pc

Facile. Quasi tutti hanno un PC in casa.

bisogna trovare quella disposta ad eseguire le istruzioni per telefono e garantisco che non è facile. Quasi tutti i miei amici e/o un colleghi, quando hanno un problema, si rifiutano categoricamente di eseguire istruzioni per telefono e mi pregano di andare a dar loro una mano

Non tutti hanno questa possibilità. In base alla mia esperienza (ricevo parecchie segnalazioni di questa truffa andate a segno), i truffatori lavorano sui grandi numeri: tanti tentativi, fatti con manodopera a basso costo (India), e ogni tanto qualcuno abbocca.

bisogna anche trovare chi ha la carta di credito

Qui ce l'hanno praticamente tutti.


infine, tra quelli che hanno la carta, bisogna trovare quelli disposti a darne il numero per telefono.

Non necessariamente. Una delle varianti di questa truffa si conclude con l'installazione di malware spia sul PC della vittima. A quel punto il numero della carta di credito arriva da solo :-)

E' come lo spam: la maggior parte della gente non abbocca, ma ti basta che ne abbocchi uno ogni tanto e hai vinto.
Mi è venuto in mente questo:

http://attivissimo.blogspot.it/2011/03/social-engineering-epic-fail.html

Chissà se l'indiano se la sta facendo sotto o l'essere sgamato fa parte del protocollo.

PS: Qui (Firefox 24 su Linux) la barra di ricerca non funziona, si rimane sulla stessa pagina.
92 minuti di applausi!
Mi è venuto in mente un classico sul tema. Quando avete tre quarti d'ora di tempo ascoltate questo autentico artista alle prese con un truffatore indiano:
Troll! by g3ksan
Il divertimento è assicurato.
AHAHAHAHAH mitico! ^_^

Io invece adotto questo stratagemma:

"Salve sono XXX di YYY, vorrei parlare col titolare"

"Sì, perché?"

"Perché proprio in questi giorni un nostro funzionario sta operando in zona per proporvi fantastiche offerte per il settore mobile!"

"Ma sta scherzando!? GRAZIE! Ma noi siamo già vostri clienti e ci avete fatto un contratto STREPITOSO! Ci troviamo benissimo! Mai stati meglio!"

"Siete già con XXX?"

"Ma certo e ci resteremo! Siamo soddisfattissimi!"

"Buona giornata allora!"

"A lei!"

*Ripetere con CHIUNQUE chiami di QUALUNQUE compagnia, creare cortocircuito! :D
"Io sono dello Yorkshire, e nello Yorkshire la A si pronuncia A."

Però "can" l'hai pronunciato un po' "chen" ;) Ti è venuta l'inflessione del Galles del Nord? ;) Scherzi a parte quoto Maria Rosa: voglio la versione "uncensored" (solo per scopi didattici, s'intende)...
Quando ti incazzi, l'accento migliora. :)
Molto ben fatto.
No, non riesco a immaginare vittime di questa truffa in Italia..
Dove lo trovano, qui, un utente che riesca a seguire delle indicazioni in inglese per accedere ai registri dei sistema operativo?

Faccio i miei complimenti al padrone di casa per la lucidità che è riuscito a mantenere in questo frangente. Io, anche se avessi intuito la truffa, non avrei mai avuto la freddezza di restare al gioco.
Persino gli insulti finali sono spiattellati con grande calma; sarà merito del flemmatico sangue inglese.



Fantastico il passaggio:

- I see the spacebar [detto per la terza volta da Paolo]
- Sorry?
- The spacebar: the long wide key
Scusa una cosa Paolo, ma chiamano in Svizzera e parlano inglese ? O ti hanno chiesto all'inizio quale lingua preferivi usare ? Anche se visto il loro livello di inglese non credo che con italiano, francese o tedesco se la cavassero molto meglio.....
geniale il dire che ti è apparso un messaggio della polizia! a me capita spesso di ricevere email dove una fantomatica ditta cinese di registrazione domini mi informa che una ditta pincopalla ha inoltrato a loro una richiesta di registrazione di domini ilnomedellamiaditta. svariati co cu hk ecc. e mi chiede di confermare se la ditta picnopalla è in effetti una mia filiale, cosa che io puntialmente faccio gettandoli nella confusione più totale. la cosa buffa è che mi firmo con epiteti nel mio dialetto e loro nelle risposte si rivolgono a me come Mr. *beeeep* :)
La cosa veramente sensazionale è che hai capito che cosa volesse da te.
Grande Paolo! :)
credo che in italia debbano usare albanesi o rumeni che parlano italiano per tentare una truffa simile

però dai potevi tenerlo più a lungo al telefono, menarli per il naso è troppo divertente
Ho cominciato a rotolarmi a "The long wide key"... ROTFL!
"Tell me what to do, please"
"sorry?"
"What - should - I - do".

...

"I see the spacebar"
"what?"
"The - spacebar. The - long - wide - key"

...

ma soprattutto l'irresistibile:

"and - you - are - f***ing - bastards - who - try -to - scam - people"

...

...inglese rallentato perché altrimenti lo scammer non capisce... :-D

Molto british il fatto che non ti sia scomposto fino al momento delle ingiurie.
Grandissimo :D ahahahah
http://1.bp.blogspot.com/-UxKic-Gj6iM/UAnmNgFzUeI/AAAAAAAANXg/hbUzopuqlrM/s400/spacebar.jpg
http://www.youtube.com/watch?v=tUxCCFfFIEw

(Visto che siamo in tema di british english :D)
Un po' di risposte:


però dai potevi tenerlo più a lungo al telefono, menarli per il naso è troppo divertente

Mi sarebbe piaciuto, ma avevo una scadenza di lavoro urgente, non potevo spenderci tempo, erano già passati 5 min e l'interlocutore era lento e capiva poco. Ho dovuto tagliare corto.


chiamano in Svizzera e parlano inglese ? O ti hanno chiesto all'inizio quale lingua preferivi usare ?

Parlano direttamente in inglese. Non solo con me, ma anche con altri che mi hanno riferito di essere stati contattati.
Sembra Peter Sellers in Holliwood Party :-)
Tra le altre cose che non funzionano di Blogger, c'è anche la colonna "Ultimi Articoli Aggiornati".
E' del tutto inattendibile.
Muahahahahahahahahahahahah XD
Applausi per Paolo!
Comunque un tecnico esperto di Microsoft che ti telefona e non è nemmeno in grado di capire la parola "Space Bar" non è per niente credibile...
Comunque un tecnico esperto di Microsoft che ti telefona e non è nemmeno in grado di capire la parola "Space Bar" non è per niente credibile....

Secondo me ha fatto finta di non capirlo proprio per fare essere più credibile :) .

Scherzi a parte, anni fa ebbi a che fare con l'assistenza telefonica MS a causa di un documento che mi era stato distrutto da una versione di Word.
Il tizio chiamava dall'India. Diventammo quasi amici (capirete dopo perchè). Verso la fine gli chiedevo come stava la sua signora e lui mi chiedeva che tempo faceva. Era molto educato, gentile e in un certo qual modo competente. Peccato che non seppe risolvere il problema, chiaramente legato a limiti intrinsechi di quella versione di MS Office. Al punto che ad un certo punto mi disse "noi garantiamo i nostri prodotti Office, NON i documenti creati con esso", testuali parole. A quel punto gli dissi praticamente che nonostante apprezzassi i suoi sforzi non potevo accettare una frase del genere.

E questo scatenò il problema. Perchè quando mi chiamarono per sapere se ero contento dell'assistenza di MS dissi di si per la cortesia, prontezza, per il numero di chiamate (una ventina ad occhio e croce), ma che comunque non mi avevano risolto il problema. Probabilmente questo creava qualche problema nelle statistiche, per cui mi telefonò poco dopo una persona ad un livello un po' superiore all'indiano, che insisteva per farmi dire che alla fine ero contento così.

Io continuai imperterrito ad insistere che ero contento di tutto... MA che il problema NON era stato risolto. Allora mi chiamò una persona al livello ancora superiore, che tentò la stessa strategia: convincermi per sfinimento ad ammettere che andava bene così.

Alla fine era diventato uno scherzo nel gruppo dove lavoravo allora. Lasciavo rispondere ai colleghi con cui condividevo l'ufficio all'Università: tutti sapevano che se chiamava un tizio/una tizia cercando di me e diceva la parola Microsoft io non c'ero, ero fuggito all'estero, mi ero buttato giù da un ponte, ero in pellegrinaggio a Lourdes, ero una sofisticata creatura bionica sperimentale priva di reale consistenza.

Fu un incubo che durò un paio di mesi, fino a che le chimate cominciarono a diradarsi ma con spike a orari insoliti per cercare di "beccarmi".

Debbo dire che la strategia usata fu geniale: succeda quel che succeda non mi lamenterò MAI più con MS se qualcosa non va. Ancora adesso le parole "Assistenza telefonica Microsoft" mi causano una crisi di ansia accompagnata da rossore in faccia, respirazione affannata, tachicardia e sindrome di Tourette. Meglio non pensarci. Ciao.
Ahahah. Grazie Paolo, da tutti quelli un po' ignoranti come me in materia informatica e che seguono sempre il tuo blog con grande piacere.
"I see 4 keys, there's written C-T-R-L"

madonna mi sono sbregato xD
divertentissimo (per noi, ovviamente)
Telefonata esilarante. Bello il finale :-)

Mi chiedo però quanto tempo possa richiedere far eseguire le istruzioni ad una persona non esperta, considerando che la scimmietta (con tutto il rispetto) non sembra nemmeno capire bene l'inglese... Lo spelling di eventvwr.msc fatto in quel modo e in quelle condizioni è davvero snervante. Immagino poi che per un madrelingua non sarebbe difficile capire che l'indiano si trova in un call center con altri colleghi che recitano lo stesso copione. Sono veramente colpito dalla infima qualità con cui è realizzata questa truffa.
Il fatto che questo truffatore sia indiano non significa che gli indiani vadano presi in giro per questo. Gli indiani non parlano un "brutto" inglese, piuttosto una variazione dell'inglese evolutosi ormai indipendentemente anche se a noi appare "strano".
Perché il tizio aveva il tuo numero di telefono?
@pgc se ti riferisci al mio commento, preciso che il termine "scimmietta" non voleva essere dispregiativo nei confronti dell'indiano in quanto tale, ma alludeva al suo seguire in modo ridicolmente pedissequo la sequenza di istruzioni.
Sul fatto che sembrasse non capire bene l'inglese, forse era colpa della qualità dell'audio e della confusione dovuta ai suoi colleghi, quindi su questo punto probabilmente dovrei riconsiderare il mio sarcasmo.