skip to main | skip to sidebar
6 commenti

Donna si fa truffare per 500.000 dollari su un sito d’incontri

Dal San Francisco Chronicle arriva una storia che ha dell'incredibile: una donna di San Jose ha affidato ben mezzo milione di dollari a un uomo conosciuto su un sito d'incontri dedicato ai correligionari cristiani, ChristianMingle.com, il cui slogan ironicamente è “Trova il partner che Dio ha scelto per te”.

L'uomo ha usato una foto falsa e ha creato un finto sito, spacciandosi per un cittadino britannico che lavorava su una piattaforma petrolifera scozzese; ha telefonato alla donna e le ha mandato messaggini e fiori prima di chiederle un prestito per la sua attività d'imprenditore.

La donna, una sessantaseienne divorziata, è caduta nella trappola tesa con cinica professionalità e ha inviato all'uomo in totale 500.000 dollari, ottenuti in parte ipotecando la casa e il fondo pensione. L'ultimo versamento, di ben 200.000 dollari, era stato effettuato su una banca turca, seguendo le istruzioni dell'uomo. Solo a quel punto la donna ha avuto dubbi e ha contattato le autorità.

Un socio del truffatore, tale Wisdom Onokpite, si è presentato per ritirare i soldi versati alla banca in Turchia, ma è stato invece arrestato dalla polizia locale. Era entrato in Turchia con un passaporto falso e ora è stato incriminato per frode. L'account del falso corteggiatore, invece, è stato tracciato: invece di portare a una piattaforma petrolifera scozzese conduceva a una località in Nigeria. Ma il truffatore è irreperibile.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (6)
Che bella fama ha la Nigeria!
Sono stato li' a ottobre dell'anno scorso e appena mi sono connesso a internet Google mi ha inviato dei messaggi (con tanto di mappa della mia posizione) avvisandomi che qualcuno stava accedendo dal mio account in Nigeria e che ero a rischio di essere stato truffato o raggirato. Conservo ancora la mail.
Dì quello che vuoi, debolezza psicologica eccetera, ma io non capisco come si facciano a consegnare 500000$ cioè tutto quello che si possiede casa compresa a uno nemmeno mai incontrato.
E soprattutto.... 500.000 dollari sono taaaaaanti. Il signore doveva essere un mago della seduzione telematica.
Certe donne riescono a scucire ad un uomo mooooolto di più...
Se anche solo una parte di quello che si dice delle prigioni turche è vero, la vera vittima in tutta la faccenda è quel pollo di complice che ha cercato di ritirare i soldi... credo che se li avesse, sarebbe ben felice di restituirli lui alla signora truffata, se questo potesse servire a farlo uscire subito con l'intestino retto ancora passabilmente in ordine...
Nel frattempo, in Nigeria
http://jpegy.com/comics/meanwhile-somewhere-nigeria-27433