skip to main | skip to sidebar
37 commenti

L’autoscatto di Curiosity su Marte è anche una panoramica a 360°

Trovate il monitor più grande che avete, cliccate sul video qui sotto, portatelo a tutto schermo e brindate alla salute di Andrei Bodrov, che ha creato questa meraviglia che vi permette di guardarvi intorno come se foste su Marte.

A quando una versione per Oculus Rift?

Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (37)
Nella mia univeristà abbiamo quello che cerchi: http://monash.edu/cave2 e ci sono anche foto di Marte stupende, sembra di stare lì. Se mai passassi da Melbourne fai un fischio che provo a portartici.
Non si è fatto ancora sentire nessuno a sostenere che non è vero che quel robot si trovi su Marte?
Un sacco di gente nega fatti ormai inconfutabili, e sostiene nel contempo le teorie più assurde.
Ne hai di pazienza a discutere con costoro...
Che figata! :D

E comunque è un falso, che cavolo ci fanno due frecce bianche sulla superficie? :D
I dettagli sono impressionanti, anche al massimo ingrandimento!
Il buffo è che la macchina ha un aspetto così precario...
tubi cavi e cavetti scoperti, una ciotola per il gatto e un porta antipasti e altri oggetti dall'aspetto ben strano
Manca un ombrello... ma "forse" su Marte non piove...
I dettagli al massimo ingrandimento sono impressionanti.
Il buffo è che la macchina ha un aspetto così precario, come raffazzonato...
Tubi, cavi e cavetti scoperti, una specie di ciotola per il gatto e un porta-antipasti o qualcosa di simile..
Manca un ombrello, ma "forse" su Marte non piove...
Oops... mi sa che il robottino ha una ruota bucata...

Figata, anche se... quanti di voi, dopo un giretto panoramico sul Marte si sono persi a contemplare ogni cm2 di Curiosity?

Cioè, cavolo, quella è la superficie di un altro pianeta, che diamine! E me ne sto qua a fare il voyeur di sonde spaziali?
La cosa che mi lascia perplesso di Curiosity sono i cavi "scoperti", quasi messi lì provvisoriamente. Avranno fatto i loro calcoli, immagino, però questa sensazione non riesco a schiodarla. Vedremo con l'inverno marziano se terrà, come i precursori Spirit e Opportunity (ancora in funzione, 10 anni che un rover terrestre gironzola su Marte).
Grazie!!! E' un'esperienza magnifica
io non ho ancora capito perche' questi robot usano le ruote, su un terreno accidentato un cingolo non e' piu' efficace?
"La cosa che mi lascia perplesso di Curiosity sono i cavi "scoperti", quasi messi lì provvisoriamente. Avranno fatto i loro calcoli, immagino, però questa sensazione non riesco a schiodarla. Vedremo con l'inverno marziano se terrà, come i precursori Spirit e Opportunity (ancora in funzione, 10 anni che un rover terrestre gironzola su Marte). La cosa che mi lascia perplesso di Curiosity sono i cavi "scoperti", quasi messi lì provvisoriamente. Avranno fatto i loro calcoli, immagino, però questa sensazione non riesco a schiodarla. Vedremo con l'inverno marziano se terrà, come i precursori Spirit e Opportunity (ancora in funzione, 10 anni che un rover terrestre gironzola su Marte). "

lufo, ti sei dato da solo la risposta, se dopo 10 anni su un mondo alieno uno dei due va ancora, EVIDENTEMENTE ci hanno pensato ^_^ e pure bene ^_^

"
io non ho ancora capito perche' questi robot usano le ruote, su un terreno accidentato un cingolo non e' piu' efficace? "

Antonio, considera che nessuno ha la capacità e la disponibilità economica per portare un Abrams su Marte :D

Poi di fatto Curiosity ha sei ruote e di fatto il profilo ricorda un cingolo, anzi ci sono progetti per cui il rover ne abbia ancora di più e possa staccarsi una zampa malfunzionante pur di continuare ad avanzare, secondo me è la miglior soluzione :)

La cosa che mi lascia perplesso di Curiosity sono i cavi "scoperti",

Non sono scoperti, ma protetti da guaine estremamente resistenti. Un carter aggiungerebbe peso inutilmente e non aiuterebbe la diagnosi preventiva in caso di ponteziali danneggiamenti e durante il commissioning.

un cingolo non e' piu' efficace?

Il sistema usato da Curiosity è il rocker-bogie, lo standard di tutti i rover marziani e lunari. I cingoli consumerebbero estremamente di più, accumulano sporcizia e sono meno affidabili di un sistema a ruote. Se una ruota su 3 si blocca (come accaduto al rover marziano Spirit) il sistema è in grado di proseguire.

Se ne è parlato anche in altre occasioni su questo blog.
I cingoli consumerebbero estremamente di più, accumulano sporcizia

Già :-)
Stimolato dall'osservazione di Antonio, leggendo qua e là ho capito che oltre ai vantaggi già esposti (peso, consumo e affidabilità) i cingoli non presentano un reale vantaggio se non per veicoli di grande massa e che quindi esercitano una elevata pressione sul terreno. Data la leggerezza di Curiosity, incrementata dalla ridotta gravità marziana (circa 340 kg di peso su Marte, 56 per ruota di media), il reale problema è la capacità del veicolo di "aggrapparsi" al terreno, non quella di distribuire il peso su una superficie più ampia come nel caso di un trattore su terreno agricolo o di un carrarmato su un campo di battaglia.

Inoltre, un cingolato offre un vantaggio su suoli morbidi come la neve o terreno agricolo, non su terreni duri (a volte) come quello marziano, dove presenterebbe invece problemi in certe situazioni, anche per la ridotta capacità di curvare (le 6 ruote del Curiosity possono ruotare indipendentemente l'una dall'altra). I cingoli infine sono molto meno capaci di adattarsi alle curve del terreno, a differenza del sistema "rocker-bogie" che è disegnato proprio per distribuire automaticamente al meglio il peso su tutte le ruote in ogni condizione.
@Stepan e pgc
Che avessero fatto i loro conti non lo metto in dubbio e capisco che i pannelli possano risultare inutili, però quel piccolo filo in centro a curiosity sembra così indifeso :-D Comunque ad Agosto si raggiungerà la durata prevista della missione. :-)
pgc
Il sistema usato da Curiosity è il rocker-bogie

Il link apre questa pagina.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Faber: Il link apre questa pagina.

Scusami, il link è questo: http://trs-new.jpl.nasa.gov/dspace/bitstream/2014/38435/1/04-0705.pdf?origin=publication_detail

lufo88: quel piccolo filo in centro a curiosity sembra così indifeso

Una volta conobbi una signora che faceva il lavoro di annodare fili di nylon per fissare i cavi elettrici sugli aerei alla MDB (Myasishev Design Bureau). E' un lavoro specializzato perchè i nodi vanno fatti rigorosamente a mano, devono essere tirati il giusto e richiedono molta perizia. Quando tirai fuori le fascette di nylon del valore di pochi euro che mi ero portato dietro le guardarono sbalordite, passandosele tra le mani uno ad uno. Nonostante fossi nell'azienda che aveva disegnato, per esempio, il sistema idraulico e di raffreddamento della Buran ("posteggiato" fuori, come credo abbia raccontato in un'altra occasione), o il Myasyshev V-MT, non ne avevano MAI vista una.

Comunque, il filo di nylon viene usato in parti esposte dove vi sono movimenti, come il carrello o i compartimenti di flap e slap. Questo dimostra che come tecnica è normale anche in ambienti complessi come quelli esposti a grandi pressioni aerodinamiche.

p.s. Le fascette gliele lasciai per ricordo. Ma giunserò rapidamente alla conclusione che come il filo di nylon non c'era nulla.
Chissà se nel caso in esame una propulsione "a zampe", tipo insetti o aracnidi (ovvero esapode/octopode), è più efficiente di una a ruote.
@ Donato

Mah... penso che la deambulazione su zampe possa essere più performante solo su terreni estremamente accidentati, ma almeno al momento, non è ancora affidabile quanto lo spostamento su ruote.

Senza contare che sarebbe un sistema molto più pesante ed enormemente più complicato da gestire. Ha bisogno di attuatori, una pompa idraulica e martinetti (o di motori elettrici) per ogni articolazione, sensori di stabilità, giroscopi, scanner 3D per la rilevazione del terreno, un computer più potente... insomma, meglio le ruote.

Meno motori, meno cavi, meno peso, meno roba che si può rompere... :D
Scusate ma avete notato la seconda ruota di destra (dell'osservatore, lato sinistro per il rover) è così rovinata da essere addirittura forata? A me sembra parecchio preoccupante anche perché su quel pianeta prima di 16-18 anni (FORSE) non ci sarà nessun gommista a sostituirla... sicuramente arriverà ai 2 anni previsti di missione ma la vedo dura arrivare ai risultati di Opportunity
Una volta conobbi una signora che faceva il lavoro di annodare fili di nylon per fissare i cavi elettrici sugli aerei alla MDB

Adesso basta.
ESIGO che tu pubblichi le tue memorie. E che ******!
martinobri: Adesso basta..

Bè, allora senti questa: un giorno, quando lavoravo alla MDB di Zukhovsky, ero con un mio collega nell'hangar, parlando con dei colleghi russi. Uno di loro ci fa "Dovete parlare con l'Ingegnere responsabile dell'impianto elettriico - sorrisino e sguardo ammiccante con i colleghi - a proposito della massa e dei collegamenti elettrici...". Poco dopo il mio collega, ingegnere italiano dell'ENEA, mi dà una gomitata e mi fa piano piano "guarda là in fondo...".

Guardo e vedo... una gnocca pazzesca, bionda, capelli lunghi, occhi verde-giallo, la Sharapova le faceva un baffo - giuro - con un vestitino a fiorami di quelli che in Italia li vendono ai mercatini rionali alle signore di 96 anni, ma che faceva intuire le forme e lasciava sognare il piacere di sbottonare la ventina di bottoni che aveva sul davanti.

Convinti di avere visto troppe volte Top Gun (ma vi assicuro che era molto più stragnocca di una Kelly McGillis qualsiasi), rimaniamo tutti e due a bocca aperta, senza parole, balbettando scemenze ai russi che ci guardavano divertiti.

La ragazza, avrà avuto 25 o 30 anni, non lo so, dopo avere parlato con alcuni tecnici ci si avvicina. Il russo di prima ci fa "ah, ecco l'Ingegnere per l'impianto elettrico di cui vi parlavo". La ragazza si presenta con aria seriosa, stretta di mano, stende il blueprint su un tavolo (ma non era l'unica cosa stesa...) e comincia a farci domande tecniche mentre noi eravamo preda di un attacco cardiaco.

Da quel momento in poi nessuno di noi sa cosa sia stato detto. Se quell'aereo non è venuto giù è solo perchè l'alimentatore a 440 VAC dell'M-55 era di ghisa.

p.s. Paolo: libero di cacciarmi per EOT (Epic Off-Topic), ma per favore nessuno si azzardi a dire che questa storia me la sono inventata se non vuole vedersi arrivare tutte le parolacce che ho risparmiato in anni ed anni di "Om" ai vari complottisti che di tanto in tanto si presentano sul sito. Non so quanti di voi sono stati in Russia, ma è notorio che la suddetta Anna Sharapova lì sarebbe solo una ragazza qualsiasi, anche se quell'ingegnere, laureata al Politecnico di Mosca era veramente spettacolare.
pgc,

p.s. Paolo: libero di cacciarmi per EOT (Epic Off-Topic)

Stai parlando di meraviglie della natura e di visioni da un altro mondo. Sei perfettamente in topic :-)
Sei perfettamente in topic :-).

No. Parliamo di Venere, non di Marte.
Ma pensa te... io chiedo assiduamente (ma gentilmente n.d.r.) che pgc condivida le sue avventure e vengo sistematicamente ignorato.

Passa un martinobri qualsiasi, tira una parolaccia asteriscata e l'altro pronto a vuotare il sacco...

O al pgc gli sto gran tanto sugli ammennicoli, oppure basta un po' di turpiloquio sottinteso...

Uhm...

;D

Naturalmente se fa pe scherzà.
io chiedo assiduamente (ma gentilmente n.d.r.) che pgc condivida le sue avventure e vengo sistematicamente ignorato. .

ALMA infida, ingrato core...

:)
ALMA infida, ingrato core...

ehm... I didn't get it...

Chi è sta Alma?
Perché è infida? Che t'ha fatto?
Ma soprattutto, perché un processore dovrebbe essere ingrato? Esiste un benchmark pure per quello?

:D
@pgc:

Ti odio
Torno in topic: per l'Oculus Rift c'è il problema della stereoscopia che non va d'accordo con i 360°, o è in 3D o usi il 360°, a meno di non tirar fuori un 3D simulato sulla base di una depth map che dubito che Curiosity possa fare da quel punto di ripresa.
Bellissimo panorama... mi aspettavo di trovarci un decepticon.
guardando il rover, ho notato che accanto alla gomma "bucata" c'è un braccio (quello della ruota avanti) con un adesivo sopra. Che cosa sarà?
Scusate l'ignoranza, non riesco a capire una cosa. Dov'è il braccio che regge lo strumento di ripresa? Il rover sembra integro anche quando è inquadrato per intero. Si è fatto un selfie senza braccio. La fotocamera è un drone?

Sia ben chiaro che non metto in dubbio nulla riguardo all'autenticità del panorama, vorrei capire solo il trucco.

Grazie
Eric
@ Eric67

La spiegazione è semplice: Curiosity ha lanciato in aria la camera con un determinato spin ed un determinato timer per l'autoscatto.

Un lancio leggero e... HOPLA'! Foto fatta.

;D

In realtà è un collage di più foto, dove il braccio è stato "cancellato" per poter vedere tutto il rover senza l'impedimento del braccio. Se leggi qui http://attivissimo.blogspot.it/2014/04/viviamo-nel-futuro-abbiamo-un-robot.html, capisci meglio.

:)
@stupidocane
Thx. Il post precedente m'era sfuggito. Scusate per l'inutile intervento.
@ Kevin ha scritto:
"Bellissimo panorama"

Mah, sono i veri colori?
Anche le foto marziane vengono ritoccate in luminosita`, colori, ecc... per renderle piu` appettibili ed altri motivi.
Altrimenti chi si offrirebbe volontario per un viaggetto su Marte? :-)

Qui una foto di Marte originale:
http://photojournal.jpl.nasa.gov/catalog/PIA16769

Qui la stessa foto ritoccata:
http://photojournal.jpl.nasa.gov/catalog/PIA16768

eric67, vai tranquillo. Qui nessuno può battermi in materia di interventi inutili... :D
Tipo questo.
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.