skip to main | skip to sidebar
19 commenti

Antibufala: aerei commerciali scomparsi da Tripoli per “un nuovo 11 settembre”

L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Si avvicina l'anniversario degli attentati dell’11 settembre 2001 e puntualmente arrivano gli articoli che speculano sulle paure evocate da quella tragedia. Il Tempo ha pubblicato la notizia secondo la quale dall'aeroporto di Tripoli mancherebbero “ben undici... aerei commerciali.” Sarebbero “sicuramente spariti da un mese. La notizia, però, è stata data solamente ora. I velivoli sono stati presi in consegna da un gruppo terrorista che si chiama “Alba libica” che era riuscito a prendere il controllo dell’aeroporto di Tripoli.” Notate il “sicuramente”, che non lascia spazio a dubbi.

In conseguenza di queste sparizioni, dice Il Tempo“Gli Usa temono un nuovo 11 settembre”.

La notizia sensazionale proverrebbe, secondo quanto scrive Leonardo Rossi de Il Tempo, da “fonti ufficiali degli Stati Uniti d’America”. Non è una fonte un po' troppo vaga, per una notizia del genere? Come mai non c'è un nome, una qualifica, una data, un dettaglio qualunque che elevi queste “fonti” a un livello meno gossip di un “mio cugggino”? Se sono rappresentanti ufficiali delle autorità statunitensi, non ci dovrebbe essere bisogno di nascondere le loro identità.

Sempre secondo Il Tempo, ci sarebbe anche una seconda fonte per la notizia: un “esperto militare marocchino, Abderrahmane Mekkaoui”, che ne avrebbe parlato “con Al Jazeera”. Ma è vero? Se si cerca “Abderrahmane Mekkaoui” sul sito di Al Jazeera non viene fuori nulla. Strano.

In realtà, facendo un po' di ricerche negli altri articoli dei media generalisti che parlano degli aerei scomparsi, emerge che tutti, compreso Il Tempo, attingono i dettagli (compreso quelli dell'esperto militare e delle fonti ufficiali americane) in ultima analisi da un'unica fonte: il sito americano Washington Free Beacon, che però non documenta le proprie fonti. Il Free Beacon dice che l'esperto marocchino ha parlato ad Al Jazeera il 21 agosto scorso, ma non linka le dichiarazioni originali dell'esperto presso Al Jazeera.

Il Free Beacon viene citato come fonte dal Daily Mail, dall'Huffington Post (che però è dubitativo e scrive “reportedly”, ossia “si dice che” a proposito della sparizione degli aerei), dal Mirror (anche lui dubitativo: “The commercial airliners are thought to have gone missing”, ossia “si pensa che gli aerei di linea commerciali manchino all'appello”), da Fox News, dal Washington Times, da USA Today. Ma nessuna di queste testate ha una seconda fonte di supporto. Alcune citano anche le fonti ufficiali americane, come fa Il Tempo, ma lo fanno per dire che non confermano la notizia.

Ci sarebbe poi da chiedersi come mai farebbero dei terroristi a usare questi aerei ipoteticamente rubati. Chi li preparerebbe per il volo? Chi li rifornirebbe di carburante? Come decollerebbero da un aeroporto semidistrutto e costellato di aerei devastati? Chi li piloterebbe? I dirottatori dell'11/9 furono furbi e lasciarono fare ai piloti di linea la parte difficile del volo, cioè il decollo: dove troverebbero un pilota qualificato?

Inoltre, come farebbero questi aerei a non farsi notare dai radar dei paesi confinanti? Come farebbero mai a minacciare gli Stati Uniti? Dovrebbero attraversare un oceano e poi soprattutto passare le difese radar perimetrali degli USA. Se un aereo si avvicina agli Stati Uniti senza aver comunicato un piano di volo alle autorità USA, non passerà indisturbato. Infatti gli esperti di The Aviationist e NYCAviation fanno a pezzi meticolosamente la notizia degli undici aerei mancanti.

In altre parole, la notizia di un nuovo 11 settembre è implausibile e campata per aria sia dal punto di vista giornalistico (una sola, traballante fonte) e tecnico (attentati ben poco praticabili). Ciliegina sulla torta, il sito antibufala Snopes.com fa risalire tutta la storia a dei blogger nordafricani che hanno diffuso una diceria, trasformata poi in fatto assodato dai media affamati di notizie con le quali angosciare i lettori.

In queste condizioni, il giornalismo serio dovrebbe evitare di trasformare un “si dice” in un “sicuramente” come ha fatto Il Tempo. Soprattutto su notizie che possono causare allarme come questa.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (19)
Ad onor del vero nel momento in cui scrivo (ore 3:40 non so se vi siano stati edit nel frattempo) l'articolo de Il Tempo, nel paragrafo cui vengono riprese le affermazioni del sedicente esperto marocchino, specifica:

" [...] la minaccia che gli aerei siano utilizzati per un nuovo 11 settembre è credibile, ma non in Europa o USA.."

il ché, se non altro, conferisce un minimo di cautela in più al tono dell'articolo, ma non rende in alcun modo meno grave la premeditata difformità tra titolo allarmista e contenuto vero e proprio, livellando Il Tempo, una testata mainstream, a quel tipo, sempre più diffuso, di giornalismo (ammetto l'utilizzo improprio del termine) becero e 'attiralike' che sta trasformando il web da vettore di informazioni e conoscenza a cloaca a cielo aperto.

Entrando nel merito della questione, non serve essere esperti di aeronautica militare per capire che tra:

a. Rubare un aereo di linea, occultarlo, metterlo in condizioni di volare, rifornirlo di carburante, formare almeno una coppia di piloti, farlo decollare, farlo volare indisturbato attraverso i cieli di paesi confinanti già in perenne allerta, schiantarlo in un punto preciso;

b. Dirottare un aereo e schiantarlo in punto preciso

l'opzione b, mettendomi negli scomodi panni di un dirottatore suicida, il quale deve essere sì, votato al martirio ma soprattutto pratico, rimane comunque sempre la migliore strategia.
Non so se l'ho letto sul tempo, ma penso di no, comunque su una delle varie versioni di questo articolo nei vari giornali invece parlavano ed indicavano l'Italia come un facile obiettivo, data la vicinanza...
Quindi non credo che la notizia sia stata presa e rielaborata solo dal Tempo quindi...
Guarda Paolo il tempo sarà pure stato un po' vago però anche te..
torrnare su dei fatti ormai acclarati e cioè sull'abbattimento per opera di missili e la sparizione dei voli l'11 settembre 2001 e stravolgere tutto mi pare un po' poco.
anche io credevo - come te - che gli aerei avessero colpito le torri - in realtà non è così e lo sai come mi sono convinto. Avendo fede nelle persone che per anni hanno portato avanti tesi alternative. Esperti nel settore (alcuni link li puoi trovare su luogocomune), gente seria, preparata che ha montato documentari che ha dimostrato che - se neanche un b-52 ha fatto cadere le torri, non poteva certo succedere che degli aerei lo facessero. E' dimostrato che sono stati dei missili, forse con testate nucleari, probabilmente da 2 megatoni e che poi il lavoro sia stato concluso usando contemporaneamente l'esplosivo.
Poi ognuno è libero di avere le proprie idee e le proprie credenze. quindi fai pure.
riguardo a questo fatto per questo sono propenso a credere ai giornalisti del tempo, non scriverebbero mai panzane. i giornalisti verificano sempre le loro fonti e sanno cosa scrivono.
Alberto minos,

non so se sei un troll o uno che crede veramente a quello che scrive. Non so quale delle due opzioni sia la più triste.
@Paolo:
> non so se sei un troll o uno che crede veramente a quello che scrive

Molto probabilmente la prima ("missili con testate nucleari da 2 megatoni")
Di solito seguo la regola "don't feed the troll", però:

"E' dimostrato che sono stati dei missili, forse con testate nucleari, probabilmente da 2 megatoni"

Ah quindi New York è stata rasa al suolo e nessuno se ne è accorto in 13 anni? LOL
ho come l'impressione che se mi mettessi a scrivere un libro sugli alieni o sui complotti farei più soldi che se dovessi scrivere un testo di comprovato valore scientifico o un saggio storico. A quanto pare la gente è disposta a credere a tutte le più grandi assurdità.
per come la vedo - riguardo l'11 settembre - è anche una totale mancanza di rispetto per le vittime degli attentati.
la cosa non è quindi solo grottesca ma anche ripugnante.
minos minos cosa di dici? ma quali testate nucleari?

le torri sono cadute perchè sono state prese a testate dai passeggeri (in preda alla disperazione) degli aerei

ecco la causa vera del crollo delle torri gemelle
Minos, hai scritto una cosa giusta.

Poi ognuno è libero di avere le proprie idee e le proprie credenze. quindi fai pure.

Appunto. Fai pure. Ma lontano da qui.
@Paolo
> Non so quale delle due opzioni sia la più triste.

che sia un troll, nonostante tutto. Se crede a quello che ha scritto, è ottusità colposa, se è un troll è un comportamento doloso: si diverte a rimestare nel fango, questo è tristissimo. Io sono comprensivo verso chi non ci arriva, intollerante verso chi preferisce non provarci nemmeno e lanciare il sasso sulla finestra per poi stare a guardare. Triste e deprimente comunque....
Alberto Minos,
quante volte te lo devo dire che erano 2 megatoni si, ma non nucleari. La testata era all'iridio (gentilmente concessa dai nostri amici venusiani).
@minos:
Com'è che adesso sono "solo" 2 megatoni mentre un anno fa erano molti di più?

http://attivissimo.blogspot.it/2013/09/i-dodici-dell119.html
" i giornalisti verificano sempre le loro fonti e sanno cosa scrivono."
tvb
tuo Puto
Com'è che adesso sono "solo" 2 megatoni mentre un anno fa erano molti di più?

Si sa che i gatti scappano. I so gatoni non fanno differenza, evidentemente...
no se capise più gnente…
so i so gatoni o so i me gatoni?
decideteve boia!
Minos no non hai diritto ad avere le tue idee ed a scriverle in pubblico.

http://theconversation.com/no-youre-not-entitled-to-your-opinion-9978
> non so se sei un troll o uno che crede veramente a quello che scrive
Molto probabilmente la prima ("missili con testate nucleari da 2 megatoni")


Sì, ma la prova schiacciante è questa:

i giornalisti verificano sempre le loro fonti e sanno cosa scrivono.
Alberto minos,

non lamentare "censure" dei tuoi commenti. La censura si applica a contenuti che hanno un merito o comportano un pericolo.

I tuoi commenti sono semplicemente stronzate, e come tali ricevono tutt'al più un colpo di sciacquone.

Ma non temere: se comunque senti il bisogno impellente di donare al mondo le perle della tua sapienza in fatto di ingegneria strutturale e aeronautica, puoi rivolgerti serenamente a Luogocomune, dove ti accoglieranno a braccia aperte.
E' arrivato anche il corriere adriatico.
http://www.corriereadriatico.it/ATTUALITA/scomparsi_11_aerei_tripoli_usa_attentati_11_settembre/notizie/877188.shtml