skip to main | skip to sidebar
17 commenti

Antibufala preventiva: asteroide 2014 RC passerà a 40.000 km dalla Terra, senza far danni

Credit: NASA/JPL-Caltech
So che il mio passato di annunciatore di passaggi ravvicinati di asteroidi ha qualche macchia, ma da allora ne ho uno che porta il mio nome e quindi ho imparato a essere più preciso nell'indicare i nomi di questi corpi celesti talvolta inquietanti. Per cui faccio il pignolo e segnalo che la NASA ha pubblicato un articolo secondo il quale l'asteroide 2014 RC passerà domenica 7 settembre a circa 40.000 chilometri dalla Terra (un decimo della distanza Terra-Luna) senza fare danni. Non rispondo di altri eventuali asteroidi o meteore.

Si stima che 2014 RC abbia un diametro di circa 20 metri. Al momento di minima distanza sarà grosso modo sopra la Nuova Zelanda e potrebbe essere visibile agli astrofili ben attrezzati: non sarà comunque visibile a occhio nudo.

L'aspetto più interessante della notizia è che l'asteroide è stato scoperto soltanto il 31 agosto scorso. Se fosse in rotta di collisione con la Terra, avremmo avuto ben poco preavviso: quel poco che abbiamo è merito degli astronomi che sorvegliano il cielo.

Se fosse in traiettoria di collisione, che danni farebbe? Dipenderebbe dalla sua composizione (roccia ferrosa compatta o semplice aggregato di polvere), dalla velocità relativa, dall'angolo d'impatto e dal luogo d'impatto (terraferma o mare/oceano). Secondo Impact Earth, nel peggiore dei casi (alta densità, 72 km/sec, 90 gradi, terraferma di roccia cristallina) il problema principale sarebbe l'onda d'urto, che farebbe crollare anche edifici multipiano, sfonderebbe le finestre e abbatterebbe fino al 90% degli alberi dell'area sottostante.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (17)
Sto ancora ridendo per il tuo "no" perentorio dell'altra volta. Sono quelle coincidenze che non si vedono in cento vite. =)
40.000 km di distanza non è molto, considerando anche che i satelliti geostazionari si trovano a 42.000 km dalla terra.
Comunque l'impatto con satelliti è praticamente impossibile, dato anche l'esiguo diametro dell'asteroide.
Speriamo soltanto di non leggere altre panzanate come questa:
http://i39.servimg.com/u/f39/17/11/20/81/tgcomi10.jpg
(tratto da tgcomico)
"L'aspetto più interessante della notizia è che l'asteroide è stato scoperto soltanto il 31 agosto scorso. "

Massimo rispetto per gli astronomi e a loro va un ringraziamento, anticipato, per quei (minimo) sette giorni di preavviso che, in caso di asteroide più grande e con una mira migliore, probabilmente non consentirebbero di salvarmi la pelle ma di togliermi qualche sfizio pesante sì. Sicuramente.

Mi chiedo se la scoperta dell'asteroide sia stata possibile sette giorni prima perché il timing di rilevamento dipende dalla grandezza dello stesso (es: ~20 metri diametro ► 1 settimana; ~50 metri diametro ►2 settimane e così via...) oppure perché gli osservatori del NEO Program erano puntati nella direzione giusta e nel momento giusto.
Magari il dubbio che mi pongo è idiota, ma consultando le pagine di http://neo.jpl.nasa.gov/ la mia formazione umanistica mostra sin da subito i suoi pesanti limiti quando si parla di argomenti tecnici :-|

ps: simpatica l'idea dell'Antibufala Preventiva, ma i tre giorni che ci separano dal passaggio dell'asteroide, anche per l'acceleratissimo metabolismo di Internet, sono comunque troppo pochi perché gli estensori di una eventuale bufala last minute possano trarne un reale beneficio economico (anche solo in termini di AdSense) :-)

Cordialmente.

@Mirko Speleo:
> 40.000 km di distanza non è molto, considerando anche che i satelliti geostazionari si trovano a 42.000 km dalla terra.

Infatti passa ad una quota confrontabile con orbita geostazionaria della Terra (42.168 km dal centro del pianeta)
@StuartDelta

Più o meno è come hai detto te, è vero che più è grande l'asteroide e più è pericoloso, ma è anche vero che un asteroide più grande è più luminoso, cioè rilevabile ad una distanza maggiore, quindi (sperabilmente) con un anticipo maggiore rispetto all'impatto o all'incontro ravvicinato.
Ma questo è verosimile ?
foto di repubblica
@dani1967
Ne parla anche la BBC http://www.bbc.com/news/world-latin-america-29106843 quindi credo la notizia sia vera.
Per fortuna che il titolo del post è "Antibufala preventiva: asteroide 2014 RC passerà a 40.000 km dalla Terra, senza far danni"............e se doveva fare lievi danni che succedeva, facevamo la fine dei dinosauri?
Sergio, credo tu non abbia letto bene l'articolo.
dani: si, anche se bisogna capire che s'intende per "piccolo".
Ho trovato la notizia anche qui e qui.
Ovviamente quello che mi lascia perplesso è il presunto collegamento con il passaggio dell'asteroide di cui a questo articolo. A parte la questione dell'orario su cui non mi sono messo a fare calcoli, non riesco ad immaginare come un asteroide possa "perdere" un pezzo che "cade" sulla terra; in un ambiente privo di attrito, non capisco come possa capitare.
Piuttosto, non so con che frequenza cadano oggetti simili sulla terra; verosimilmente potrebbe esserci un effetto di amplificazione di queste notizie sui media in occorrenza di eventi maggiori; in caso contrario dovremmo chiedere a Paolo di smetterla di pubblicare queste notizie ...
Nel senso che c'è qualcuno che sostiene che il meteorite era un pezzo di asteroide?
Veramente??
O_O

Oh, forse non è impossibile che i due corpi fossero associati, percorrendo un'orbita simile e restando insieme per la debole attrazione gravitazionale. Improbabile, ma forse non impossibile. Però da qui a dire che uno era un pezzo dell'altro...
Ehm Paolo, due su due, non è che porti un pochino sfiga quando parli di asteroidi?
Ne compare sempre un altro piccolino che però si schianta davvero... :D
Sempre secondo la BBC ( http://www.bbc.com/news/world-latin-america-29124300 ) sembra che la NASA non sia del tutto convinta che il cratere trovato in Nicaragua sia dovuto all'impatto di un meteorite.
E' successo ANCORA?
Ehm... Proprio il 7 mattina in Spagna hanno avvistato una meteora che si è disintegrata nell'atmosfera. Lasciamo da parte i commenti sui poteri evocatori di Paolo (wibbley- wobbley, timely, wimely...): è possibile che fosse un frammento dell'asteroide?
Sulla mailing list dell'UAI si dice che il cratere del NIcaragua "non sarebbe di origine meteoritica. Non e' stato segnalato un bolide, ne' sono stati uditi rumori, ne' sono state trovate meteoriti. Il vicino aeroporto militare non ha registrato niente. Tutto fa pensare che il cratere sia stato causato da una esplosione, probabilmente munizioni nascoste.

Ovviamente il fatto non puo' avere alcuna relazione con l'asteroide 2014 RC, che in quel momento era ancora molto lontano dalla Terra (circa 500000 km) e che ha raggiunto la minima distanza circa 13 ore dopo. "