skip to main | skip to sidebar
8 commenti

Addio all’indice di Yahoo, ricordo di com’era Internet prima dei motori di ricerca

Tanti, tanti anni fa il nome Yahoo! era un acronimo: stava per Yet Another Hierarchical Officious Oracle. A gennaio del 1994, due studenti della Stanford University, Jerry Yang e David Filo, avevano creato un catalogo dei siti di Internet e un paio di mesi dopo lo avevano denominato Yahoo! (con il punto esclamativo).

A quei tempi non c'era ancora Google e non c'erano i motori di ricerca efficienti come li conosciamo oggi: se volevi trovare qualcosa su Internet dovevi chiedere agli amici oppure consultare una directory, ossia un catalogo di siti organizzato per temi. Yahoo! era quindi una risorsa preziosissima per gli internauti.

Il problema di fondo dei siti-catalogo, tuttavia, era che non erano mai sufficientemente aggiornati: Internet cresceva in modo esplosivo e neppure un esercito di catalogatori umani sarebbe riuscito a tenere aggiornati siti come Yahoo!; l'avvento di Google soppiantò definitivamente la catalogazione manuale, ma Yahoo! ha mantenuto attivo, finora, il proprio servizio di directory presso https://dir.yahoo.com.

Ma l'azienda Yahoo! (che da allora è diventata una grande società che offre moltissimi prodotti e servizi informatici) ora sta sfrondando drasticamente i rami secchi ed è quindi venuto il momento di dire addio anche al suo sito-catalogo. L'annuncio ufficiale della prossima chiusura segnala che il servizio resterà attivo fino al prossimo 31 dicembre dopo vent'anni di onorato servizio: c'è ancora tempo, insomma, per andare a visitare un pezzo della storia di Internet.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (8)
Ma è bellissimo!
Spettacolare, mi hai fatto scoprire una cosa che non conoscevo affatto vista la mia relativamente giovane età. Ancora una volta.... GRAZIE!
I Complottisti direbbero che...
Detta così pare che Google fù il primo motore di ricerca al mondo :-)
Invece pochi ricordano che prima di google (1997) c'era Altavista di Digital (1995)
@kobotoz
Invece pochi ricordano che prima di google (1997) c'era Altavista di Digital (1995)

E comunque gli informatici vecchio stampo (come me) non all'inizio non lo usavano: "bah, quel gugol, l'ennesima moda passeggera, meglio Altavista! Altavista forever!".
Sappiamo com'è andata :(
quel gugol, l'ennesima moda passeggera, meglio Altavista!

Verissimo!
Bei ricordi...
@Van Fanel
E comunque gli informatici vecchio stampo (come me) non all'inizio non lo usavano: "bah, quel gugol, l'ennesima moda passeggera, meglio Altavista! Altavista forever!".

Io non sono un informatico, però pensavo la stessa cosa.
Che stupido nome gugol. Che vuol dire poi! Boh? E quella pagina così spoglia. Forse perché non ha nulla da mostrare. :-)

Altavista, invece, era così famoso che uno dei primi motori di ricerca per "warez" si chiamava Astalavista.
O ricordo male?
@Giuseppe
Altavista, invece, era così famoso che uno dei primi motori di ricerca per "warez" si chiamava Astalavista

Ricordi fin troppo bene. Ma a quanto pare esiste ancora!
E tra gli imitatori del nome non dimentichiamone uno "nostrano", Altervista (non motore di ricerca ma sito di hosting web, anch'esso ancora esistente).

Comunque non ricordo di aver mai usato seriamente Yahoo come "indice di ricerca", a parte qualche volta all'inizio dopo aver letto la miniguida obbligatoria a cosa diavolo è Internet.
E fa sorridere oggi ricordare i tasti "What's new?" e "Wha'ts cool?" ("fun stuff to do on the web") di Netscape, quando già era difficile allora tenere traccia di cosa c'era ogni giorno di "nuovo" su Internet ...

Altra chicca del Web 1.0: mi avevano regalato l'agenda "Internauta", che spiegava l'ABC della rete (non senza qualche ingenuità) e ogni giorno ti suggeriva un sito da visitare, con tanto di giudizi su quanto era "curata la parte grafica" o se aveva o no una "ricca sezione di link". Non la trovo più, temo di averla buttata, male, malissimo, sarebbe un cimelio fantastico :( :( ho trovato solo alcune pagine che avevo tenuto per "ricordo" perché vi avevo apposto "preziosi" aforismi e scarabocchi ... ovviamente buona parte dei siti suggeriti non esiste più, e le screenshot riportate .... beh, avete visto il link a Netscape? Ecco, appunto :)
All'epoca c'erano tipo tre riviste di informatica e la più corposa (ora defunta MCMicrocomputer) pubblicava "le URLa del mese" con siti curiosi e strani. Yahoo l'ho sempre usato pochissimo.