skip to main | skip to sidebar
3 commenti

Bitcoin, a Lugano c'è il “Bancomat” per averli. Ma che ci faccio?

Ieri alla Rete Uno della RSI abbiamo parlato di Bitcoin insieme a Nicola Colotti e Alessandro Longo, prendendo spunto dall'apertura di un “bancomat” per Bitcoin a Lugano. Lo streaming della trasmissione è disponibile qui; il podcast invece è scaricabile qui.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (3)
Un calascnicov e un po' di fumo su Silk Road ?
:P
speculi sul prezzo...
Compri roba su Amazon, decidendo che sconto ottenere usando purse.io
Il punto principale è che, come dice Antonopulos, Bitcoin è per prima cosa per gli altri 6 miliardi.
Il miliardo di persone del mondo sviluppato ne ha molto meno bisogno.
Resta il fatto che sono al sicuro dall' inflazione arbitraria della banca centrale e non sono censurabili (e alla lunga non è poco).