skip to main | skip to sidebar
51 commenti

La piantiamo con questa bufala che Samantha Cristoforetti avrebbe visto un UFO?

L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

No, no, no, no, e ancora no: Samantha Cristoforetti non ha visto un UFO. Ha semplicemente visto inaspettatamente, attraverso il piccolo finestrino della sua capsula Soyuz, lo spettacolo della grande Stazione Spaziale Internazionale illuminata dal sole radente, e la sorpresa causata da tanta bellezza improvvisa l'ha fatta esclamare. Lo ha spiegato subito, e con gioia palpabile, appena salita a bordo, in diretta TV, e poi nel suo primo diario di bordo dallo spazio. Fine della storia.

L'avevo già scritto due settimane fa, sperando di fare prevenzione, ma è servito a poco. La bufala imperversa in Rete e, peggio ancora, sui giornali: quelli dove lavora, in teoria, gente pagata per scrivere notizie, non cazzate. Riprovo a fare chiarezza.


Questo è un brano della diretta, trasmessa la notte fra il 23 e 24 novembre scorsi, dell'arrivo di Sam e dei suoi compagni di viaggio Terry Virts e Anton Shkaplerov alla Stazione Spaziale Internazionale, in orbita a 400 chilometri dalla Terra. L'inquadratura, ripresa da una delle telecamere esterne della Stazione, mostra il veicolo spaziale Soyuz nel quale si trovano i tre astronauti. In questo brano si sente Samantha fare l'esclamazione che ha fatto galoppare le fantasie dei fufologi.



Notate che la Soyuz, nel video, assume rapidamente un colore dorato? È perché il sole sta calando, per via del movimento della Soyuz e della Stazione intorno alla Terra. Lo stesso sta succedendo alla Stazione, grande quanto un campo di calcio, con pannelli solari dorati ampi quanto le ali di un Jumbo Jet. Samantha ha visto questo spettacolo a sorpresa (normalmente l'equipaggio non vede la Stazione dai finestrini durante l'avvicinamento) attraverso uno dei piccoli finestrini del proprio veicolo. La sua esclamazione forse è un po' fuori dai canoni dell'aplomb professionale, ma è sicuramente molto umana, perché Sam ha visto qualcosa di simile a questo:



Ditemi se anche a voi non sarebbe scappato da dire qualcosa.


Quindi piantatela, ufologi e giornalisti da quattro soldi, di scrivere che forse Sam ha visto un veicolo extraterrestre o un oggetto non identificato. Non l'ha visto. Ha visto di meglio: s'è trovata davanti agli occhi una testimonianza spettacolare dell'ingegno umano. Ha visto una casa che sta nello spazio.

E soprattutto vergognatevi di insinuare che Samantha stia mentendo per coprire una congiura che esiste soltanto nella vostra mente troppo piccola. Siete così stupidi che pur di adattare la realtà alle vostre piccole fantasie popolate di omini verdi che svolazzano segretamente siete disposti a scrivere che un'astronauta italiana è una bugiarda. Siete così ottusi che non riuscite a concepire che una persona possa meravigliarsi perché finalmente, dopo anni di faticoso addestramento, dopo aver rischiato la vita cavalcando un missile con trecento tonnellate di propellente infiammabile lanciato a ventottomila chilometri l'ora, vede di botto la magnifica destinazione che ha sognato di raggiungere per una vita, e la vede oltretutto nella luce più bella che le poteva capitare. Forse non ci riuscite perché la massima destinazione che riuscite a concepire è la porta dell'ufficio stipendi.


Sto parlando a te, Flavio Vanetti, e alla redazione del Corriere della Sera che è responsabile di ospitare queste tue parole: “a me suona tanto di bugia confezionata ad hoc”. Sto parlando a voi, Angelo Carannante ed Ennio Piccaluga, che esternate i vostri “dubbi sulla frettolosa spiegazione che ha dato del suo avvistamento ufo”. Che menti minuscole che avete: così ristrette che dovete sminuire tutti, compresa Samantha Cristoforetti, e misurarli col vostro metro. È colpa vostra, e soltanto vostra, se un argomento così bello e profondo come la vita extraterrestre è diventato una barzelletta.

Intanto Samantha Cristoforetti è troppo indaffarata a lavorare (come si vede nell'immagine qui accanto, ripresa ieri dalle webcam di bordo) e a fare scienza per sprecarsi a rispondere a queste cialtronate. Si è limitata a fare un tweet ironico in risposta a Fabio Fazio (Raitre):


Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (51)
Beh, un alieno ha veramente visitato la redazione di quel giornale. Poi è tornato nell' astronave, ha allargato le quattro braccia e ha detto ai suoi: "Mi spiace, non c'è vita intelligente su questo pianeta" :-)
Questa è senza dubbio una delle baggianate ufologiche migliori dell'anno. Peccato che non faccia ridere per niente.
Avevo letto sui giornali della cosa, ma l'avevo bollata come una vaccata colossale e me ne sono disinteressato completamente ( dell'avvistamento UFO ovviamente, non della missione :) ).

Oggi per pura curiosità, vista l'insistenza dei giornali, sono andato a vedere questo video...beh, che dire...non c'è proprio niente di ufologico qui, capisco e condivido la tua rabbia!
certo se anche dalle pagine del Corriere si appoggiano cretinate così lampanti, ma come possiamo sperare di non risentirle dalla gente comune (come ho visto a decine nei commenti dei post di Samanta nei social forum)
Mi sono andato a leggere l'articolo di Vanetti e non posso fare altro che condividere la tua rabbia e il tuo sdegno. Schifo.
Secondo me sei stato fin troppo buono a parlare di "menti minuscole"... Parere personale, eh!
Davvero penoso... il lavoro e l' ingegno umano, che porta, già a chi dovrebbe essere "addestrato" a queste cose ad esclamare meraviglia e stupore, dovrebbe far suscitare in noi "comuni mortali" ancor maggiori emozioni. A me personalmente suscitano orgoglio, commozione, invidia (se me lo chiedono anche domani mi fiondo in una tuta spaziale al volo!:) ) ed una sconfinata curiosità.
Come si fa ad optare per diffidenza, falsità ed in alcuni casi puro odio?? Non ci sono parole per dire quanto siano piccoli questi ominidi (uomini non possono essere).
1): "scappato da dire qualcosa" : Ca......o!!!
2): "Quindi piantatela, ufologi e giornalisti da quattro soldi..."
Te si' proprio 'ncazzato, eh? (in simil-ciociaro)

Purtroppo gente come quella e' la maggioranza... Quanti si soffermano a ragionare se una cosa e' plausibile o occorre una spiegazione contro natura. E quanti sanno anche solo riconoscere una spiegazione contro natura?

Mah...

Ciao,
Ermanno
"La redazione del C.UFO.M. è composta da uno staff molto preparato ed entusiasta e vanta ufologi specializzati nelle varie branche dell’ufologia.". Che altro c'è da dire? Non ti curàr di lór, ma guarda e passa...
Capisco l'incazzatura. Ma stiamo parlando di un giornale che ospita un blog dedicato solo al tema UFO. E non dedicato in maniera intelligente, sia chiaro.
A me viene da piangere, quando leggo queste cose, ma dopo la foto che hai postato piango di bellezza, se non altro.
Ho letto quel che ha scritto il Corriere.
Mi sembrava uno sfogo eccessivo, ma ora non più: il brutto è che per queste opinioni qualcuno ci prende anche dei soldi.
Il brano tratto dalla diretta è da pelle d'oca. Seguendo Samantha, con la sua passione, la sua gioia, il suo eterno sorriso, mi sembra di vedere realizzato il sogno di ogni persona che da bambina (e non) ha sognato di diventare astronauta.
C'è da dire che il blog di Vanetti è un ricettacolo delle peggio idiozie complottarde e nufologiche che circolano su internet, un luogo dove la logica perde di significato ed anche le teorie più strampalate vengono trattate come ovvie verità.
Basta dare una scorsa ai titoli dei suoi articoli per rendersene conto:
"L’autostrada stellare degli Alieni passa per il Sole? ", " Cataclisma Nibiru: la Nasa non conferma né smentisce", "Gli alieni? Siamo in contatto con loro dal 1947".
Vi ricordate la bufala sulla benzina, ovviamente sbufalata dal buon Paolo?
Era: "Antibufala Classic: il ritorno della “benzina a metà prezzo”

E se decidessimo una volta di dare ascolto a questo tipo di bufala? O meglio, se provassimo a copiarne la tecnica?
Proviamo tutti ad esempio a non cliccare più nulla del "il Corriere della Sera" per i prossimi 3/4 mesi, vincendo la tentazione di andare a vedere cosa hanno scritto, per poi commentare quanto siano imb...cilli; tanto a loro conta solo il numero di click, non il nostro consenso.

Facciamo noi i capo-redattori di questi "giornali": smettiamo di comprarli, di leggerli, di cliccare.
Fantastici i commenti al blog di Vanetti!
Molti a quanto pare sono spaventati dal tweet di Samantha che ammette l'esistenza di un database di alieni :-D
Extraterrestri se esistete davvero, portatemi via!!!!
"E soprattutto vergognatevi di insinuare che Samantha stia mentendo per coprire una congiura che esiste soltanto nella vostra mente troppo piccola. Siete così stupidi che pur di adattare la realtà alle vostre piccole fantasie popolate di omini verdi che svolazzano segretamente siete disposti a scrivere che un'astronauta italiana è una bugiarda. Siete così ottusi che non riuscite a concepire che una persona possa meravigliarsi perché finalmente, dopo anni di faticoso addestramento, dopo aver rischiato la vita cavalcando un missile con trecento tonnellate di propellente infiammabile lanciato a ventottomila chilometri l'ora, vede di botto la magnifica destinazione che ha sognato di raggiungere per una vita, e la vede oltretutto nella luce più bella che le poteva capitare. Forse non ci riuscite perché la massima destinazione che riuscite a concepire è la porta dell'ufficio stipendi."

Vado a comperare la cornice :D
Hai completamente ragione, e capisco il tuo tono indignato. Non mi stupisce che qualche idiota creda alla storia dell'ufo, ma che gente pagata per fare informazione dia spazio a queste scemenze è davvero intollerabile! E poi la situazione sta peggiorando soprattutto sui giornali online, la caccia al titolone per ottenere i click sta davvero facendo grossi danni all'informazione e alla testa della gente...
Un bellissimo articolo. Complimenti.
Riassumo parafrasando leggermente le parole di un conterraneo: "le verità cercate per terra, da maiali, tenetevi le ghiande, lasciatemi le ali".

Paolo, ho apprezzato grandemente il tuo articolo, lo spinta di libertà che traspare dalle tue parole, il desiderio di allontanare i cialtroni con cui hai avuto a che fare per troppo tempo. La serenità di aver colto qualcosa che alcuni non sono nemmeno in grado di sognare.

Ho sempre ammirato il tuo lavoro, e penso sia fantastico se continuerai ad aiutare gli altri a staccarsi dai "maiali" e a mettere le ali. Ma goditi più che puoi il tuo tempo in volo. I fufologi sono e devono restare sempre a occupare una posizione secondaria nella scala delle tua attenzioni. Perché non valgono niente; perché loro non andranno mai da nessuna parte: né Marte, né la Luna, né la ISS. Probabilmente in nessun posto che per essere raggiunto richieda più di un biglietto aereo e la quota di un operatore turistico. Che grufolino da soli: l'importante è chi certe cose le riesce a vedere.
Oggi mi è "caduta" anche Radio Rai 1,

Tardo pomeriggio, deliri vari senza un minimo di contradditorio...
"Quando e’ l’astronauta a vedere gli ufo… Dopo le parole di Samanta Cristoforetti la storia degli avvistamenti negati dalla Nasa"
Ing. Ennio Piccaluga presidente onorario del Centro ufologico mediterraneo

Se volete sentire il suo intervento, inizia intorno ai 45:45.
http://www.radio1.rai.it/dl/portaleRadio/media/ContentItem-ac015efe-4632-4fbd-b752-5d6b416b19cc.html#
Sono solo pensieroso per le possibili querele, ma dovessimo chiederlo per me non sono offese, insulti o denigrazion, ma semplici constatazioni. Il lavoro di un giornalista dovrebbe essere molto importante e per questo dovrebbe meritare una particolare attenzione e un livello di professionalità elevato.
Allargando un poco il discorso, mentre n giornalisti si sono buttati a pesce sull'ennesimo omicidio mediatico, in sicilia un giornalista (uno vero) è minacciato ogni giorno, gli bruciano la macchina, ma fa a malapena notizia.

P.S. Io avrei riesumato il tag "capre da guerra"

P.S. Io avrei riesumato il tag "capre da guerra"


Fatto :-)
Ci sono persone che usano il rasoio di Occam per depilarsi le ascelle
Uh?
Come ha fatto Samantha Cristoforetti a inventariare con il codice a barre tutti gli UFO avvistati?
Aveva una sparaetichette spaziale con cui bollinare gli UFO?
E come li fermava? Sparando proiettili sedativi?

Non capisco perché questi giornalisti non si siano posti anche queste domande. Almeno avrebbero fatto un "servizio completo"
Why ruin a good story with the truth?
non riesco a capire tutta la frase di Samantha, oh my God poi incomprensibile..... non puo' aver detto it's full of stars, vero?
@Skipper1971 : ma perché scusa, a te non capita mai, quando hai un momento di sincero e autentico stupore, che ti sfugga un "oh my God"? In inglese naturalmente...
La nostra informazione si fa riconoscere anche nello spazio, eppoi con che ritardo. Troppo smart la risposta di Samy e Fazio ci ha ripreso 10, come al solito.
ad aiutare gli altri a staccarsi dai "maiali" e a mettere le ali

Et et, non aut aut :-)
@ Cloud. Intendevo incomprensibile l'audio, non il motivo dell'esclamazione. Per curiosità vorrei capire cosa dice dopo ohmyGod.
It's full of stars è una citazione che sarebbe da lei, ma non mi sembra abbia detto così.
"Leggere per credere."

L'articolo di Flavio Vanetti fa imbestialire tanto è superficiale e implicitamente (ma nemmeno tanto...) denigratorio nei confronti di chi ha partecipato attivamente alla missione.
I commenti, invece, più che rabbia suscitano tanta tristezza.
Dimenticavo: una vera perla il commento che il Vanetti dedica ad Attivissimo! Tra "valore dell'azoto liquido" e link girati "all'ufficio legale RCS" ma "senza aprirli, ripeto" c'è di che farsi una buona risata (amara).
I soliti atteggiamenti da fuffaro DOC...
Quello che è incredibile è il tenore dei commenti nella stessa pagina del Corriere. Semplicemente sconfortante.
@Skipper1971: il mio era solo un commento ironico.. per dire che mi sembra una frase detta di proposito a beneficio di social network e fans...
C'è gente idiota che, posta davanti a scenari mozzafiato (un'aurora boreale, un'alba in alta quota, la barriera corallina o anche solo la Cascata delle Marmore nel momento in cui aprono le chiuse), è capace di fissare solo il suolo alla ricerca di una deiezione di qualche ipotetico omino verde con le antenne. E, se non la trova, urla al complotto.

Al di là di questi sedicenti giornalisti (ma diffondere notizie palesemente false, non dovrebbe comportare dei provvedimenti perlomeno da parte dell'Ordine dei Giornalisti?), anche quel ciccione di Giacobbo l'altro giorno ci ha marciato su: era su Radio 2 ospite della trasmissione condotta da Massimo Cervelli e Giovanni Veronesi per presentare una nuova serie di Boyager (e ovviamente, essendo vice presidente di RAI 2, erano tutti proni alle sue solenni str.... va beh, cerchiamo di non trascendere che tanto ci siamo capiti!); naturalmente ha subito menzionato il supposto avvistamento alieno di Samantha Cristoforetti e poi ha glissato su altri argomenti senza spiegare che cosa era in realtà quello che l'aveva fatta esclamare di meraviglia. Così non ha detto qualcosa di falso, ma nello stesso tempo ha lasciato il dubbio e sicuramente molti ascoltatori avranno pensato ai dischi volanti.
Forse dovrebbero raccontare al regista Veronesi le favole di un altro pratese, Antonio Meoni, giusto perché imapri a riconoscere le fole quando ne sente qualcuna.
Ciao Paolo
lasciamo perdere la Cristoforetti, mi puoi spiegare meglio il passaggio sui pezzi che si staccano dalla Stazione Spaziale Internazionale, a causa dello sbalzo termico?
Nel tuo post precedente hai commentato un video ufo nella ISS con una spiegazione che non ho capito bene. Non mi risulta che la ISS abbia una protezione sollecitata dagli sbalzi termici che produca dei detriti.. .Forse ti riferisci ai pezzi di ghiaccio ?Quali sono questi frammenti di ISS di cui parli ? giuro che non ti ho capito, ti ringrazio se vorrai chiarirmi meglio il concetto.
Federpernigotti,

mi puoi spiegare meglio il passaggio sui pezzi che si staccano dalla Stazione Spaziale Internazionale, a causa dello sbalzo termico?

Non è ghiaccio: quello solitamente si forma solo prima e durante il decollo (a parte un famoso volo Shuttle nel quale si formò un ghiacciolone di urina all'esterno, ma questa è un'altra storia).

I frammenti che si vedono staccarsi dalla ISS sono solitamente particelle molto piccole del rivestimento o delle patine protettive o della verniciatura. I continui cicli caldo-freddo causano espansioni e dilatazioni che tendono a sfaldare questi rivestimenti. Inoltre c'è la reazione con le (poche) molecole di ossigeno presenti alla quota della ISS, che tende a ossidare le superfici esposte. Ne discuteva qualche giorno fa Samantha nel suo blog, notando la differenza di colore fra la sua Soyuz, appena arrivata, e quella dell'equipaggio precedente, già in orbita da tre mesi.
... ho letto i vostri commenti: abbiamo capito tutto! il mondo é bellissimo! ciò che ci dice l'Autorità é la pura verità; l'universo é uno spendido foglio a quadretti perfettamente incasellati; chi ha qualche dubbio é un cretino matricolato; chi racconta di avere visto qualcosa (piloti militari, casalinghe, bambini, poliziotti, cacciatori, boscaioli, automobilisti, astronauti, premiati con il nobel, addetti al lancio di missili intercontinentali a testata atomica, maestri elementari... ... ...) sono dei perfetti imbecilli, mascalzoni, visionari, falsari... BENE, BRAVI, BIS!
... QUESTA POI DELLA ISS CHE PERDE I PEZZI... MA CHI TE L'HA RACCONTATA? UN ALIENO CHE VUOLE POTERSI NASCONDERE ANCORA PER UN PO'?
"I frammenti che si vedono staccarsi dalla ISS sono solitamente particelle molto piccole del rivestimento o delle patine protettive o della verniciatura."

Questi problemucci accadevano gia' con la MIR.
Danni ai pannelli solati e sfaldamenti della vernice dovuti a ossigeno atomico e micrometeoriti e detriti in orbita:

http://see.msfc.nasa.gov/mir.html
giovanni mascia,


QUESTA POI DELLA ISS CHE PERDE I PEZZI... MA CHI TE L'HA RACCONTATA?

Un tecnico Alenia che lavora alla ISS, ed è riportato anche nei manuali tecnici dei veicoli da Apollo in poi, perché?


giovanni mascia,

chi ha qualche dubbio é un cretino matricolato

Non "chi ha qualche dubbio". Semmai, chi spara dubbi senza sapere di cosa sta parlando, senza rendersi conto che i suoi dubbi sono stati spiegati anni fa, e senza portare prove di nulla se non della propria incompetenza.
"chi racconta di avere visto qualcosa (piloti militari, casalinghe, bambini, poliziotti, cacciatori, boscaioli, automobilisti, astronauti, premiati con il nobel, addetti al lancio di missili intercontinentali a testata atomica, maestri elementari... ... ...) sono dei perfetti imbecilli, mascalzoni, visionari, falsari... "

Non ho la pretesa di sostiuirmi a Paolo, ma la discriminante risiede nel "qualcosa" che viene raccontato (e sulle eventuali prove documentali, se disponibili). Cioè:

- Se qualcuno, fosse anche un boscaiolo semi-analfabeta, racconta di aver visto qualcosa che non riesce a spiegarsi, ha tutto il diritto di attendersi che il suo racconto e la sua descrizione del "qualcosa" vengano ritenuti in linea di massima credibili (salvo forti indicazioni del contrario, come ad es. uno stato di grave intossicazione alcoolica), Si tratterà quindi di analizzare il racconto per accertare se il tutto possa essere spiegato logicamente, come avviene nella stragrande maggioranza dei casi (illusione ottica, fenomeni meteorologici, aerei, palloni sonda,...), oppure se ci si trovi di fronte ad uno dei rari casi di UFO che restano UFO.

- Ma se qualcuno, foss'anche un pluri-Premio Nobel, racconta "ho visto un'astronave aliena, che è poi atterrata e dalla quale sono usciti degli omini verdi, che mi hanno detto...." ,sarà bene che queste affermazioni vengano sostenute da prove irrefutabili. Altrimenti, si tratta solo delle fantasie di un cazzaro.
Paolo, non ho visto pubblicata la mia segnalazione che problemi simili, di "perdita di pezzetti", vi erano anche per la MIR e la causa di ciò. Piccolo errore: avevo scritto pannelli solati anziché pannelli solari.
Fose tu hai paura degli aglieni? Gli aglieni sono quei vecchietti che mangiano così tanto aglio che li senti a già a dieci metri di distanza e li eviti.
Paolo: "I frammenti che si vedono staccarsi dalla ISS sono solitamente particelle molto piccole del rivestimento o delle patine protettive o della verniciatura. I continui cicli caldo-freddo causano espansioni e dilatazioni che tendono a sfaldare questi rivestimenti."

il problema è particolarmente evidente sui segmenti russi. La causa principale sono i raggi cosmic e in seconda istanza la radiazione solare,i più che lo sbalzo termico.
Sapete perché questo blog non è credibile? Perché i commenti, senza alcun rispetto per le statistiche in merito, sono tutti dello stesso tenore, come se quelli di parere opposto fossero sistematicamente censurati. Gli astronauti non mentono mai? Sono certo che Paolo, che riconosco informatissimo, conosce bene il responso della Brooking Institution rilasciato alla Nasa negli anni ' 60. In base a tale "diktat" qualora le sonde spaziali o gli astronauti si fossero imbattuti, nel Cosmo, in manufatti o forma di vita aliene, avrebbero dovuto rispettare il segreto più assoluto.
Oggi per puro caso mi sono imbattuto nel blog http://blog.dariobonacina.net/2010/09/11/analisti-su-marte/ Leggendolo adesso, dopo tanto tempo, mi sono reso conto di essere stato molto scortese verso Paolo Attivissimo, un esperto che stimo moltissimo e che ritengo molto preparato. Forse ho esagerato e me ne dispiace sinceramente. Del resto, mio figlio Mario è perfettamente allineato sulle posizioni di Paolo: siamo quindi spesso in polemica, pur sempre nel rispetto fra persone che si stimano reciprocamente. Lo spesso rispetto che ritengo dovuto ad Attivissimo che è una vera autorità in questa materia, lo riconosco.
Un cordiale saluto.
Ennio Piccaluga
i commenti, senza alcun rispetto per le statistiche in merito, sono tutti dello stesso tenore

No, non è vero. Io, per esempio, quando cantavo nel coro della parrocchia cantavo da basso.
E se l'orecchio non m'inganna, Stupidocane è un baritono.
ennio,

Sapete perché questo blog non è credibile? Perché i commenti, senza alcun rispetto per le statistiche in merito, sono tutti dello stesso tenore, come se quelli di parere opposto fossero sistematicamente censurati.

Sai perché la tua accusa non è credibile? Perché tu non sei moderatore, non sai quali commenti vengono o non vengono moderati, non hai accesso alle statistiche, ma pretendi di poter dire che cosa succede o non succede.

Quelli di parere opposto non vengono "sistematicamente censurati". Neanche commenti provocatori come il tuo, come vedi. Semplicemente ne arrivano pochi, perché non ci vuole un gran genio a capire che qui non c'è trippa per gatti e che venir qui a provocare fa fare soltanto la figura dello stupido.

Quindi prima di mettere in dubbio la credibilità altrui, fatti cortesemente un bagno di umiltà e poi guardati allo specchio. Buona giornata.
Yes. Baritono naturale con una scala spostata verso la chiave di basso ed una sufficiente escursione verso le medie tenorili. Il timbro però non è interessante a livello uditivo e la tecnica solo discreta.

Però so dire "livuoiqueikiwi" e "tre tozzi di pan secco in tre strette tasche stanno" velocemente per più volte di fila.
Però so dire "livuoiqueikiwi" e "tre tozzi di pan secco in tre strette tasche stanno" velocemente per più volte di fila.

Tzk. Dilettante. Prova con questo:
"Ti che te tachet i tacc, tacum i tacc." "Mi, tacat i tacc a ti? Tacheti ti i to tac, ti che te tachet i tacc."

("O tu che attacchi i tacchi, attaccami i tacchi."
"Io, attaccare i tacchi a te? Attaccati tu i tuoi tacchi, o tu che attacchi i tacchi.")