skip to main | skip to sidebar
32 commenti

Niente è normale nello spazio: neanche un taglio di capelli

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alla gentile donazione di “lord.kap*” e “mimonn*”. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora.

Che cosa ha fatto fare a Samantha la faccia atterrita e divertita che vedete qui accanto? Neanche stavolta c'entrano gli UFO. Ai primi di gennaio ha avuto un incontro ravvicinato con un coiffeur d'eccezione: l'astronauta Terry Virts, suo collega a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

La preoccupazione semiseria di Sam è che Terry non è un parrucchiere d'eccezione per via della sua bravura (ha fatto un breve corso di taglio di capelli prima di partire per lo spazio), ma semplicemente perché il suo salone di bellezza è particolarmente esclusivo: per arrivarci ci vuole un biglietto di viaggio che costa attualmente circa 60 milioni di dollari. I tagli che offre Chez Terry non sono particolarmente sofisticati o alla moda, ma del resto in assenza di peso le regole delle acconciature normali non valgono.

Come potete vedere nel breve video qui sotto, pubblicato oggi dall'ESA, tagliarsi la chioma in assenza di peso è una sfida notevole, non solo perché i capelli non cadono e non si dispongono come fanno normalmente sulla Terra, ma resta in piedi in modalità istrice cosmico, ma anche perché i capelli tagliati sono una fonte di pericolo: non cadono sul pavimento ma fluttuano nell'atmosfera di bordo, con il rischio di essere inalati o ingeriti, di intasare i filtri dell'impianto di ventilazione o di contaminare pannelli di controllo o esperimenti scientifici.

Per evitare questi rischi, l'astroparrucchiere deve essere assistito da un collega (in questo caso il russo Anton Shkaplerov) che usa un aspirapolvere per aspirare continuamente i capelli tagliati.

Comunque non è il caso di lamentarsi dei risultati: vorrei vedere quanti parrucchieri sarebbero in grado di pilotare un veicolo spaziale.


Altre foto e altri dettagli della delicatissima operazione sono qui su Astronautinews.it in italiano.

A proposito dell'allarme per la possibile perdita di ammoniaca di qualche giorno fa, che ha causato un'evacuazione d'emergenza precauzionale della sezione americana della Stazione, era fortunatamente un falso allarme: tutta la vicenda è raccontata qui in italiano.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (32)
A me una cosa che ha affascinato tantissimo è stata la cosiddetta "annusata all'odore spazio", l'idea che possa avere un'odore ... boh? suggestivo, come se gli eventi cosmici avessero lasciato traccia di sé attraverso qualcosa di così riconoscibile come l'odore, che dei 5 sensi è quello più soggettivo e sicuramente il più difficile da cogliere (chi ha il coraggio di togliersi il casco per un'annusata?).
Se ci si pensa bene la prima cosa che si nota entrando in una casa è proprio il suo odore e dice molto di chi vi abita, l'idea che l'odore dello spazio fosse "stantio e bruciato" mi ha subito fatto pensare a tante cose (alcune anche abbastanza buffe e stupide, lo ammetto).

p.s. in verità: "È una specie di barzelletta, naturalmente, lo spazio non ha odore. Ma è apparentemente il tipico odore dei materiali che sono stati esposti al vuoto." (avamposto42). :-( sPoeti.
Chissà se in assenza di peso i capelli crescono piú velocemente...
Altra curiosità. In quelle condizioni la gravità è zero: le astronaute usano il reggiseno?
Paolo, vai a controllare.
Giuliano47,

sono in assenza di peso, non di gravità.

Vuoi mandarmi sulla ISS? Ci sto, anche se preferirei andarci per ragioni più sofisticate :-)

Comunque, per rispondere alla tua domanda, alcune usano il reggiseno, altre no. Come per tante cose intime, è fondamentalmente questione di gusti personali. No, non chiedermi come lo so.

Se ti interessano gli aspetti fluidodinamici della questione, comunque, posso suggerirti di reperire il video del volo in zero G di Kate Upton.
La Haine: in verità: "È una specie di barzelletta, naturalmente, lo spazio non ha odore. Ma è apparentemente il tipico odore dei materiali che sono stati esposti al vuoto." (avamposto42)." .

Io non la vedrei così. Al contrario a me sembra l'odore di un ambiente sigillato in cui non sono mai state aperte né le finestre né la porta per decenni...
@pgc: relata refero, mi sono limitato a citare la spiegazione data da Samantha, non mi sono inventato nulla, neh!

p.s.: figurati che ho deciso che lo spazio ha un odore e nessuno potrà mai più convincermi del contrario, ma io sono un romantico, non uno scienziato, non mi riconosco certi oneri.
il video del volo in zero G di Kate Upton.


...che oggi registrerà un picco di accessi.
secondo me kate upton non è un valido non è un valido strumento di confronto...parte da condizioni iniziali che sono state modificate artificiosamente ( e volutamente esagerate) , quindi le varie equazioni differenziali che illustrano il comportamento mostrano solo un certo tipo di risultati, invece andrebbero fatti dei test seri con varie condizioni iniziali per vedere i vari comportamenti...;)
Quanto ha pagato per il taglio?
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Giuliano47 e Paolo,

dall'equazione dell'oscillatore armonico smorzato soggetto alla forza di gravità.

d^2 x/dt^2 + omega_s dx/dt + omega_N^2 x = mg

in orbita g=0, ma omega_s = c/m e omega_N = sqrt(k/m) restano diversi da zero.

Quello che sfugge alla gente è che purtroppo per il genere maschile il reggiseno è disegnato non solo per compensare mg, ma anche per incrementare c, in modo da rendere il sistema combinato seno + reggiseno tecnicamente un "oscillatore sovrasmorzato".

Questo dimostra che il dispositivo mantiene gran parte del suo ruolo anche in orbita.

(versione riveduta e corretta)
pgc,

Quello che sfugge alla gente è che purtroppo per il genere maschile il reggiseno è disegnato non solo per compensare mg, ma anche per incrementare c, in modo da rendere il sistema combinato seno + reggiseno tecnicamente un "oscillatore sovrasmorzato".

Adesso sappiamo come risponde un astronomo quando gli dicono "sussurrami parole sconce" :-)
Due domande: Terry Virts assisterà Samantha anche per la depilazione delle gambe? Se non vuole, mi prenoto io: nonostante la microgravità, devono essere ancora belle toniche.
2. Il bikini di Kelly Upton è dorato per respingere i raggi cosmici? O crede che le bastino i capelli fluttuanti?
https://www.youtube.com/watch?v=yKWvRU-879w
il reggiseno è disegnato non solo per compensare mg, ma anche per incrementare c

Ovvero la velocità della luce? Corro a pubblicare il risultato!
Caro Paolo, intendi frasi tipo: "ehi pupa, togliti quel termine di damper e mostrami i tuoi oscillatori armonici senza termine di smorzamento" ? Ci ho provato una volta ma mi sono beccato una delta-function di Dirac in faccia.

p.s. segnalo che l'equazione come l'ho scritta è sbagliato: il termine a destra è g, non mg.
rico,

Terry Virts assisterà Samantha anche per la depilazione delle gambe?

Yawn. Suvvia, non fare il maschilista che pensa che una donna non possa fare queste cose benissimo da sola.

Se non vuole, mi prenoto io: nonostante la microgravità, devono essere ancora belle toniche.

Conoscendola, probabilmente abbastanza da rimetterti in riga per questi apprezzamenti e farti salire la voce di un paio di ottave.


2. Il bikini di Kelly Upton è dorato per respingere i raggi cosmici? O crede che le bastino i capelli fluttuanti?

Kate, non Kelly. Ed è in atmosfera nell'aereo, per cui non c'è problema di raggi cosmici. Probabilmente non volevi risposte letterali, ma io sono fatto così.
Paolo:

Ed è in atmosfera nell'aereo, per cui non c'è problema di raggi cosmici..

io ho capito che intendi, ma la tua frase è ingannevole: è la quota, non l'assenza di atmosfera il problema.
Kate Upton : "Vorrei un seno più piccolo" - Tgcom24
perchè ? per andare nello spazio bisogna avere le tette piccole ?
pgc,

è la quota, non l'assenza di atmosfera

Se non erro contano entrambe. La quota più bassa protegge maggiormente dai raggi cosmici grazie al maggior spessore dell'atmosfera che assorbe i raggi.
Si, certo, l'atmosfera conta, ma va con la quota. Inoltre dalla tua frase qualcuno potrebbe indicare che la presenza di aria *nell'aereo* riduca il rischio (che comunque, è bene ricordare, è quello di un breve volo qualsiasi).

Era questo che intendevo. Un lettore non particolarmente attento potrebbe non notare che anche nell'ISS vivono immersi in aria naturalmente...
Certo che gli astronomi e chi ha a che fare con lo spazio in generale non ci sa proprio fare con le donne.

Ma porca paletta, è l'unico mestiere che permette di dare un nome della propria amata ad un astro e non la usate!!!

Guardate ai nostri pianeti: solo uno ha pensato (tanti, ma proprio tanti anni fa) di dare un nome femminile, Venere, a uno degli astri più belli che si vedono nel cielo.

Per gli altri NULLA!

Pure il pianeta più elegante del nostro sistema solare, come lo hanno chiamato? Saturno! Eppure qui un nome femminile ci stava proprio!

E' vero ci sono anche altri nomi femminili oltre a Venere, ma chi sono? Cassiopea e Andromeda, per citare due tra le più famose.
La prima, una sfigata come poche che va a sfottere giusto giusto le divinità, e su questioni soggettive come la bellezza per giunta!
La seconda, una povera vittima, figlia della prima, che si ritrova con la vita rovinata per la stupidità della madre.

Manco i "sassi" hanno sfruttato in onore di qualche amata.

Ne trovano uno e come lo chiamano:Attivissimo!!!

E Attivissimo che dice? Che ne è lusingato! Una parola per la moglie? Macché! Manco una!
Manco sottolineare la sua modestia e felicità per il marito. Eppure avrebbe potuto piantare una grana colossale in casa: "a te il nome di un asteroide a me manco quello di un sasso del giardino!"

E vogliamo parlare delle missioni spaziali?

Il razzo per la Luna si chiamava Saturn, le missioni, Apollo. Per carità Apollo era un dio bellissimo, ma sempre maschio era!

Vabbè, c'è Rosetta ma il suo nome non ha a che fare con un a donna.

Ok. Ora vado a prendermi la pastiglietta contro i deliri.

Un dubbio mi assale: ma ieri l'ho presa?

Forse no.
Guastulfo,

Manco i "sassi" hanno sfruttato in onore di qualche amata.

Considerato che quasi tutta la storia dell'umanità è stata fortemente maschiocentrica, non c'è da stupirsi. Se scoprivi un corpo celeste, non lo dedicavi alla moglie; lo dedicavi al tuo mecenate, tipicamente un monarca. Da qui i satelliti medicei e il rischio che Urano si chiamasse George.

Comunque: Ariel, Cerere, Amaltea, Belinda, Cordelia, Cressida, Elara, Galatea, Elena, Larissa, Leda, Miranda, Ofelia, Pandora, Rea, Titania sono alcuni nomi di corpi celesti del sistema solare ispirati da donne.
Altre satelitesse :D

Di Saturno: Antea, Calipso, Febe, Teti, Dione

Di Giove: Europa, Io, Callisto, Metis, Adrastea, Tebe, Imalia, Pasifae, Ananke, Sinope, Carme, Lisitea, Calliroe, Calice, Isonoe, Arche, Pasitea, Caldene, Arpalice, Megaclite
@Attivissimo

Il mio tono era fintamente polemico. Intendevo solo scherzare (avevo parlato della pastiglia apposta) agganciandomi al discorso un po' "da maschietti" fatto da alcuni poco prima.

Se non si è capito me ne scuso
E' vero ci sono anche altri nomi femminili oltre a Venere, ma chi sono? Cassiopea e Andromeda,

Lasciando stare l'Idra, che in certe (brutte) traduzioni è chiamata Serpente Femmina (per distinguerla dall'Hydrus, Serpente Maschio), c'è la Vergine. Non è un nome proprio, ma va bene lo stesso. Anzi, meglio.

No, si era capito che il tuo commento era scherzoso. Però quando quei due si lasciano prendere la mano... :-D
Io il commento di Guastulfo lo avevo trovato molto spiritoso, e mi era piaciuto moltissimo.
Riguardo all'odore, in un altro post (subito dopo l'arrivo a bordo mi sembra) Samantha aveva scritto che nella ISS non c'è un odore particolare, dato che i filtri per la CO2 depurano anche dagli odori. Poi vabbé si dice che "il naso non sente l'odore che ha" quindi probabilmente ti abitui immediatamente.

Per i peli delle gambe non saprei, d'altra parte i colleghi presumo usino rasoi elettrici che solitamente raccolgono i peli tagliati all'interno, penso che radersi con schiuma e rasoio di sicurezza sia quantomeno scomodo.
Guastulfo,

Se non si è capito me ne scuso

Non ti scusare. E' che io per default presumo che tutto sia detto con intento serio, se non c'è uno smiley o simile, perché qui capita gente di tutti i tipi (come hai visto nel Delirio del Giorno di oggi).
Il Lupo,

i filtri per la CO2 depurano anche dagli odori

Sì, ma entro certi limiti. Sono due giorni che si stanno lamentando che dall'ATV viene una puzza "come una discarica" (descrizione dei russi), tanto che hanno chiuso il suo portello e stanno cercando di scoprire la fonte della puzza.

presumo usino rasoi elettrici che solitamente raccolgono i peli tagliati all'interno, penso che radersi con schiuma e rasoio di sicurezza sia quantomeno scomodo.

Anche qui va a gusti. Ho visto astronauti sulla ISS usare entrambi i sistemi per il viso. Non ho dati sulla depilazione delle gambe femminili, ma non so se è una priorità o necessità particolarmente sentita.
@Paolo: Ricevo e incasso. E a me piaci fatto così. Non quanto Kate e Samantha, ma comunque mi piaci.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Scusatemi... ma tra i nomi femminili, come dimenticare Luna!

Ci vedo sotto un complotto!