skip to main | skip to sidebar
47 commenti

Nerdcensione: “Cinquanta Sfumature di Grigio”

Ménage à trois:
lei, lui, e l'Audi inquadrata per caso.
L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Che cosa succede se chiedi a un malato d'informatica di recensire un film-evento come Cinquanta sfumature di grigio? Questo.

Titolo: Cinquanta sfumature di grigio.

Sottotitolo: Da #050505 a #fafafa (fonte: Siamogeek).

Trama: In un bizzarro universo parallelo nel quale i computer della Apple dominano il mercato e Windows non esiste,* Christian, un utente Apple molto facoltoso, fa lo stalker nei confronti di Anastasia, un'imbranatissima utente di computer di marca imprecisata che vive insieme a un'altra ragazza, che per un'inquietante coincidenza usa anche lei computer della Apple.* Fra Christian e Anastasia nasce una torrida storia di passione informatica: lui le regala un nuovo computer, guarda caso della Apple.* Lei lo usa e concede a Christian il proprio primo, ehm, unboxing,* ma poi lo tradisce portandosi a letto il proprio vecchio laptop non-Apple.* Christian insiste nel suo tentativo di conversione ai piaceri di MacOS proponendole numerose demo delle grosse e costose periferiche di cui si è dotato.* Ma Anastasia, a differenza degli utenti comuni, legge attentamente la EULA che lui le ha proposto* e dopo un periodo di prova abbandona Christian, perché non vuole sentirsi legata.*

*succede davvero nel film.

“Riesco a esprimermi meglio quando ho per puro caso
un Mac aperto ma spento davanti a me.”

In una storia di corde, frustini e dominazione è importante che lo spettatore
non abbia dubbi sulla marca di computer usata dalle segretarie del signor Grey.

Un'altra inquadratura, caso mai non si fosse ancora capita la marca.

Un computer lasciato sul tavolo. Chissà che modello di Mac è.

Ah, perfetto. Così si legge anche la scritta MacBook Air.
Caso mai non si fosse capito che è un Mac.

Sarà ricchissimo ma taccagno sulla luce elettrica,
oppure la penombra serve a far risaltare il bagliore del logo Apple?

Christian Grey è maestro di molti piaceri, ma soprattutto
dell'arte d'impugnare un iPhone senza coprirne il logo.

Massì, dai, mostriamo ancora un computer di una marca a caso.

“Diciamoci qualcosa di insignificante intanto che viene
inquadrato non solo il Mac, con il logo ben illuminato, ma anche la sua scatola.”

“Lo so, ti blocchi sul più bello, sei brutto, plasticoso e lento,
ma fatti toccare un'ultima volta, con sentimento.”

“Vieni, ti mostro come sono bravo con il mio joystick.”

“Audi, Audi, Audi... Tesla! Possiamo prendere la Tesla?”
“No. Elon Musk non ha pagato la sponsorizzazione.”

“La lasci qui? Ma questo aeroporto non ha un parcheggio?”
“Ce l'ha, ma il regista deve inquadrare la marca dell'auto. Non rompere.”

“AAAAAH!! Inciampo nelle porte e vomito per un nonnulla, e tu mi porti a fare acrobazie in aliante?
Ma non puoi portarmi fuori a cena come fanno tutti gli altri?”

Anastasia legge la EULA.
Spanking? Sarà una roba tipo home banking ma con lo spam?”

Perlomeno in questo contratto dicono le cose come stanno realmente,
altro che “Fornitore” e “Cliente”.


Cose nerd con le quali dimostrare che siete completamente presi dal film: Fate notare che l'interfaccia dell'iPhone di Christian è sbagliata, perché i messaggini che Anastasia manda a Christian compaiono in riquadri blu anziché verdi come dovrebbero essere (sono SMS, non messaggi di iMessage o mandati da un altro iPhone, perché Anastasia usa un telefonino non-Apple).



Segnalate che nella rubrica dell'iPhone di Christian il numero di Anastasia compare con un'opzione di chiamata FaceTime, cosa impossibile perché appunto Anastasia non ha un iPhone: cosa rappresentano questi indizi? Christian se la fa in multitasking con un'altra Anastasia che ha un iPhone?



Infine, quando Christian chiude il proprio Mac all'arrivo di Anastasia, attirate l'attenzione sul fatto che la mela sul retro del suo schermo non è illuminata come dovrebbe esserlo, per cui stava guardando uno schermo spento invece di lavorarci. Come mai fingeva di guardare qualcosa sul Mac?

“Il mio Mac è così bello che spesso lo guardo
e ne accarezzo i bordi mentre è spento. Non lo fanno tutti?”


Credit: Entertainment Democracy.
Perché? Cosa significano tutti questi segni? Chiedetelo ripetutamente, ad alta voce e preferibilmente durante le scene di bondage patinato, a chi vi ha portato a vedere questo spottone pubblicitario soft-core per Audi e Apple travestito da film: lo renderà più sopportabile.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (47)
Mi sono sempre chiesto perchè nei film e serie tv sia estremamente comune il product placement della Apple, mentre la Microsoft (almeno per quel che ne so io) non ne fa praticamente mai uso
A memoria, l'unica volta in cui ho visto un riferimento esplicito a Microsoft è accaduto durante una puntata di Firefly (sigh....) in cui si vede chiaramente una schermata di Windows XP. Oltretutto credo che la scelta fosse ironica, visto che si tratta di una serie tv di fantascienza, ambientata nel futuro e che la schermata rappresentasse l'interfaccia di...un bidone dell'immondizia spaziale! :D

A me comunque fa sorridere il fatto che nei film si debba ancora ricorrere a clichè informatici quali
- il computer che si usa senza mouse
- i messaggi di chat letti ad alta voce
- le mail che, quando arrivano, fanno comparire una notifica grande come tutto lo schermo
- la barra di scorrimento che, durante una ricerca o un trasferimento di dati, emette un effetto sonoro tipico dei videogiochi degli anni 80

PS: col senno di poi, sareste disposti a dire che la mela luminosa sia stata collocata in quel punto proprio per favorire un eventuale product placement, rendendo riconoscibile la marca del computer anche quando veniva inquadrato da quel lato?
Sono solidale con chiunque venga trascinato a vedere questo orrore.
Con i nerd ancora di più, perché per loro deve essere particolarmente devastante.

(A me mi caccerebbero dalla sala perché di fronte a 'sta roba comincio a ridere istericamente e a sottolineare le voragini di sceneggiatura ad alta voce.)
Mi sa che nerdizzare sulle strBIIIPate informatiche è l'unica cosa che si possa fare con quel cinepolpettone insulso.
Benvenuto nel movie business del XXI Secolo!
E credi di cavartela così? :-) Adesso ci racconti cosa ti ha spinto a vedere il film (o CHI ti ha spinto)...
Ahah molto divertente! nel libro c'era anche Blackberry e si scambiavano continuamente mail.
Mi sono sempre chiesto perchè nei film e serie tv sia estremamente comune il product placement della Apple, mentre la Microsoft (almeno per quel che ne so io) non ne fa praticamente mai uso

Da quel che ne so, soprattutto per le serie poliziesche, perché il precedente fornitore di telefonia per le amministrazioni pubbliche (RIM) ha perso l'appalto contro Apple, che è diventato il fornitore ufficiale. Non a caso fino a qualche anno fa, tutti di "detective" della TV avevano in mano un Blackberry...

Ci sono comunque stati dei casi non Apple. James Bond ed il suo Sony Xperia, In quelli di qualche anno fa, Sony-Ericsson. Il Santo (Val Kilmer) e (mi pare di ricordare) il suo Nokia.
Chi ha spinto Attivissimo? Era una o più persone? Perché lo facevano?
Spingitori di Attivissimi. Sapevatelo, su Disinformatico channel
A proposito di Windows, ultimamente nei telefilm americani si vede spesso usare tablet con Windows 8 (NCIS/CSI per es.) riconoscibile dalla barra delle "piastarelle".
La Apple ha bisogno di far sapere al gregge pecoreccio che i "fighi" usano prodotti Mac, spendendo un fracco di grana per non usarne che il 5% delle possibilita' (e pure scarse)
Bill se ne impippa tanto poi alla fine per lavorare si compra Microsoft.
Android non fa testo, la gente intelligente non va a vedere certi film. :D :D :D

Ps: nessuno ha ricordato Matrix e la Nokia. :D
https://s-media-cache-ak0.pinimg.com/originals/d3/13/33/d31333dab894615cd840c58664ff3760.jpg
OT appena sentito servizio su tg La7 in cui parlavano di un misterioso 'emme quindici'. In realtà parlavano del MI5 inglese.
Cinquanta sfumature di m..arrone :D
ma soprattutto è un caso? noi di kazzenger crediamo di no...
@Replicante Cattivo, Microsoft ha fatto la sua bella comparsa in film come Real Steel dove si vedevano i loghi di Xbox 720 (al tempo non era ancora stata presentata Xbox One, e il film era ambientato nel futuro). Poi in diverse serie TV statunitensi, soprattutto poliziesche, si vedono PC Dell e HP con Windows (non ricordo precisamente quali, CSI quasi sicuramente). Sony Mobile dovrebbe essere presente all'interno di 007: Spectre con il nuovo Xperia Z4.
Audi (e in generale il gruppo VW) fa molto di più a livello di immagine.
Product placement. Lo stai facendo nel modo giusto.

http://it.wikipedia.org/wiki/Product_placement
ROTFL.
Demolitore di miti errrotttici.
Riassunto di 50 sfumature di topogigio;
Precaria a berlusconi:"sono precaria, non c'è lavoro, come posso sopravvivere"
Berlusconi:"si sposi un milionario"... o vi si sottometta.
Consiglio a tutti la visione di: "come ti vendo un film" di Morgan Spurlock
http://www.imdb.com/title/tt1743720/
Comunque anche nel libraccio originale si parla di Mac, quindi non è solo product placement circoscritto alla pellicola. Probabilmente hanno preso la palla al balzo, ma rispecchia "l'opera letteraria".
Addio, Dott. Spock!
http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/02/27/morto-leonard-nimoy-spock-di-star-trek_72e9fcb7-d2f6-4e33-a39f-29dea3b386db.html
@Paolo
in un bizzarro universo parallelo nel quale i computer Apple dominano il mercato e Windows non esiste

Questo universo parallelo è lo stesso anche di molti romanzi. Ho odiato l'ultimo libro di Stephen King, "Mr Mercedes", perché sembra uno spottone di Apple (e perfino della Mercedes, sebbene l'auto venga usata per compiere un pluriomicidio!): quasi TUTTI i personaggi, buoni e cattivi, hanno un Mac e ci tengono a farcelo notare. Ma magari è solo l'autore che adora quel tipo di computer? Castelli in una vecchia intervista dice che la pubblicità ad Apple l'ha sempre fatta gratis...

Ma esistono anche le parodie di questo diffuso product placement di Apple, in certi telefilm per ragazzini ci sono i "Pearbook", che hanno la pera al posto della mela.


@Replicante Cattivo, Mattia:
Anche ne "Il diario di Bridget Jones" usano Windows e il sito di Microsoft faceva pubblicità al film, del tipo "Andate a vedere il diario di Bridget Jones in cui tutto comincia con dei messaggi via MSN Messenger!".
p.s. Se passasse di qui Turz con il suo Turzarchivio ora mi direbbe: "hey, ma l'avevi già detto!"
Eh già... guarda caso si nominava anche Castelli! :D
All'epoca citavo la "reciprocità" di placement tra Affleck e BMW, oggi potrei dire la stessa cosa di Oracle e dei supereroi Marvel...
Come già sottolineato Apple è il marchio dominante nell'opera letteraria e il film coerentemente lo riprende. Oggi Apple è il top... Non capisco perché in un film in cui si parla di un signore che vive al top non ci debba essere un prodotto Apple. Le mele si sprecano in qualsiasi ufficio stampa e ci sono fior fior di foto di giornalisti che usano le mele anche durante la presentazione di uinzoz 10.
Chi ha bisogno di questi mezzucci non è Apple... Di fatto domina il mercato high end...
Mi hanno trascinato a vederlo e da tanto mi ha fatto ribrezzo nel suo impianto che manco ho fatto caso all'abbondare della mela alla quale peraltro sono allergico.

A memoria il peggior film che abbia visto.
Avariate,

Non capisco perché in un film in cui si parla di un signore che vive al top non ci debba essere un prodotto Apple.

Esatto. Un prodotto. Non una foresta di loghi piazzati in primo piano e in mano a tutti i protagonisti.
@Avariatedeventuali

Perché... Perché... Perché...

Pensa a Schwartzzzeneggger! credi che schwartzzzeneggger abbia un mac? HEH! Schwartzzzeneggger è già tanto se ha un calcolatore a 8 cifre. !!!

Comunque una volta nella mia vita sono stato nell'ufficio di un professionista molto influente (di cui non rivelerò il nome) ed ho visto delle macchine mac adibite a svolgere lavoro che produce reddito. Passato lo stupore iniziale ho dovuto ammettere che se esiste un ufficio in cui macchine mac sono adibite a svolgere lavoro che produce reddito, possono essercene altri di cui non sono a conoscenza.
....Hai visto quel film???

0_0

Due ipotesi:
1) Avevi perso una scommessa
2) Avevi capito "Cinquanta sfumature di micio"
In Extant un futuristico windows Phone
http://forums.windowscentral.com/attachments/ask-question/81300d1411005700t-capture.jpg
martinobri,

....Hai visto quel film???

Dipende cosa intendi per "visto" :-)

Per ora non posso dire di più. Devo mantenere un'aura di mistero.
Puffolotti,

se esiste un ufficio in cui macchine mac sono adibite a svolgere lavoro che produce reddito, possono essercene altri di cui non sono a conoscenza

Ingrato. Hai dimenticato i Mac del Maniero Digitale? :-)
@Paolo Attivissimo.

Stavo parlando esattamente di quello, il leggendario patto fra rettiliani e aracnoidi in cui si è bevuto africola fino a perdere le sopracciglia.
@Replicante Cattivo:
Sono felice per te che non abbia avuto la disgrazia di assistere ad una delle serie tv più idiote di sempre, solitamente nota come Under the Dome.
Se mai qualcuno sentisse di dover espiare gravi peccati e di volere autoinfliggersi (tanto per restare in tema col post) terribili sofferenze, cerco di evitare spoiler per non rovinare la penitenza a nessuno.

Nelle primissime puntate, quando la città è appena stata racchiusa nella cupola, si vede ancora qualcuno che continua ad usare i suoi dispositivi mobile, e ovviamente sono tutti Microsoft.
Da lì in poi, per una stagione e mezza circa, la tecnologia è praticamente assente per ovvi motivi di trama, ma all'improvviso due dei protagonisti rispolverano due Microsoft Surface in un garage (ovviamente in diversi colori, uno nero e uno rosa, perché sono un maschietto e una femminuccia), e li usano per motivi che ai fini della trama non hanno nessun senso o utilità se non quella di farglierli usare (in più di una occasione nel corso di più di una puntata, se non ricordo male).
Si soffermano per bene (molto più a lungo che in quel video) sull'interfaccia, che una volta tanto non è da cliché, ma è quella reale: il profilo con foto del proprietario in alto a destra, le notizie che scorrono, l'utilizzo di varie app. Non mancano neanche di farci vedere come il Surface possa essere usato anche con una tastiera e con lo stand reclinabile.

Tra l'altro, nelle stesse puntate in cui c'è questo product placement, impariamo anche che alcuni personaggi possono guidare la propria macchina sotto la cupola anche dopo che è finita la benzina, perché usano una Toyota Prius, della quale neanche nelle scene più concitate mancano di inquadrare per bene più volte il marchio, e di ricordarci che una volta fermi basta attaccare il cavo ad una presa per essere pronti per un'altra avventura.

Comunque, a parte il caso particolare, concordo sul fatto che gli Apple sono decisamente più presenti.

Altra cosa frequentissima sono i telefoni da ufficio Cisco, se vi mettete a farci caso sono veramente dovunque...
preferisco attendere quelle di Ceres, dal 6 marzo sul piccolo schermo.
A proposito di oggetti sempre presenti, marchi che utilizzano il product placement e marchi che non vogliono comparire su schermo....avete mai notato che nei film e nelle serie tv viene utilizzato
sempre lo stesso quotidiano?

Come fa notare l'autore, è probabile che ormai questa abitudine (che probabilmente deriva da motivi logistici, come i numeri telefonici che iniziano col 555) sia diventata più una sorta di gag tra gli addetti ai lavori, come il wilhem Scream o -aggiungo io- la presenza di Clint Howard nel cast.
50 sfumature di materia grigia :)
@Tukler
Sono felice per te che non abbia avuto la disgrazia di assistere ad una delle serie tv più idiote di sempre, solitamente nota come Under the Dome.

Credo che quella serie sia uno dei migliori esempi su come si possa rovinare un libro.

Anche se pure il libro non è che sia tra i migliori di Stephen King.
@Tukler
Nelle primissime puntate, quando la città è appena stata racchiusa nella cupola, si vede ancora qualcuno che continua ad usare i suoi dispositivi mobile, e ovviamente sono tutti Microsoft.

Non l'ho visto (ok, confesso, ho visto solo la scena della mucca, perché una marmotta evidentemente non avrebbe fatto lo stesso effetto), ma è curioso, ricordo che nel romanzo c'erano diversi prodotti della Mela (King dev'essere proprio un fanatico)
Al punto che verso la fine del libro (SPOILER) uno dei personaggi, per descrivere il congegno che genera la cupola, dice che sembra un AppleTV.
Van Fanel dixit:
"Ma esistono anche le parodie di questo diffuso product placement di Apple, in certi telefilm per ragazzini ci sono i "Pearbook", che hanno la pera al posto della mela."

Telefilm per ragazzini lo dici a qualcun altro; io guardo sempre "Sam & Cat"; ma le hai viste le gambe di Cat?!?!?
No... cioè... volevo dire... il substrato culturale del messaggio artistico declinato su più livelli di lettura l'hai considerato?
Ecco... sì... era questo che volevo dire...
:-D
Tutto bene Van? E la Vanessa acidella?
"preferisco attendere quelle di Ceres, dal 6 marzo sul piccolo schermo."

E vai col product placement occulto bevereccio! :D
Nel film Easy A è tutto Sony, indovinate la casa produttrice, nel film Veronica Mars è tutto Samsung, negli anni '70 tutti facevano vedere la marca delle sigarette, per le auto 007 docet eccetera eccetera. Anche la sinistra italiana ha preso soldi dalla BMW, ricordate Nanni Moretti?
Che cosa può aver indotto Paolo ad andare a vedere "50 sfumature di grigio"? Soprattutto quando nei cinema uscivano film come "Shaun, vita da pecora" o "Noi e la Giulia"?
1. Un errore? Di solito nelle multisale ci sono almeno tre sale (quindi 50+50+50 sfumature di grigio che fanno la bellezza, anzi la bruttezza, di 150 sfumature!): alla cassa Paolo si è confuso con il numero della sala e si è ritrovato in mezzo a una folla di casalinghe disperate e signore medio-borghesi che hanno confuso la parola "trasgressione" con la parola "banalità" o che pensavano che si trattasse di un film erotico perché nella recensione avevano letto la parola "testicoli" senza capire che si parlava della frantumazione dei cosiddetti.
2. Ho pensato pure io a una scommessa persa (ma che tipo di scommessa e con chi? Con Belzebù in persona?). Oppure al desiderio di espiare qualcosa di terribile che aveva compiuto in passato o nella vita precedente: Paolo, nella tua vita passata, sei stato forse Torquemada? Attila? Un criminale nazista?
3. Un complotto. Un gruppo di complottisti ha cloroformizzato Paolo e l'ha trascinato in un cinema, l'ha legato alla poltroncina e lui al suo risveglio si è trovato davanti... l'incubo. Loro speravano che lui morisse per la noia e il disgusto, ma alla fine è interventuta la maschera a salvarlo.
4. La signora Attivissimo ha preteso che Paolo la accompagnasse a vedere quello che lei riteneva un bel film, ma dopo il primo tempo è uscita dalla sala in preda ai conati e implorando perdono.
5. Una qualche rivista che prima ha chiesto la collaborazione di Paolo e poi lo ha spedito in sala perché facesse la recensione del film. Forse un altro collaboratore della rivista era Massimo Mazzucco?

Soprattutto, Paolo, anche se sei una persona molto educata, hai fatto i commenti a voce alta, come sarebbe stato giusto? A me una volta è capitato (e il film era pure bello, ma a volte certe debolezze delle sceneggiature te le cavano di bocca!) e tutta la sala si è messa a ridere. Prometto che non lo faccio più!!!

In attesa di scoprirne di più sull'argomento ho pensato a qualche film in cui non compare un computer Apple. Mi sembra che nel film di Pupi Avati "Un ragazzo d'oro" il computer del padre del protagonista avesse un sistema operativo Windows (la schermata mi pareva quella di Windows 7), ma non sono sicurissima, dato che ho prestato una maggio attenzione ad altri dettagli del film.
Maria Rosa,

Che cosa può aver indotto Paolo ad andare a vedere "50 sfumature di grigio"?

Come dicevo in un altro commento, dipende cosa intendi per "vedere". Di certo non sono andato al cinema a vederlo. E non ho perso scommesse o altro.
[quote-"Paolo Attivissimo"]Di certo non sono andato al cinema a vederlo.[/quote]
Il film è stato scaricato da internet. Forse non da te, ma da qualcuno in casa o al lavoro (magari doveva farci la recensione) e tu lo hai visto di sfuggita mentre ti occupavi d'altro (ci sono casalinghe capaci di seguire ogni battuta ed evento delle loro telenovelas preferite mentre stirano, danno la polvere o rammendano camicie e calzini! Si può seguire cosa avviene in un film dalla trama banale e scontata anche mentre si scrivono articoli o si fa altro!).

Per i film con computer non-Apple non mi pare di avere visto mele nei vari aggeggi digitali di "Kingsman - Secret Service", ma ero distratta, perché mi stavo divertendo (al massimo avevo qualche dubbio se alcune cose fossero citazioni o scoppiazzature). :-D
Il mio parere ufficiale riguardo a tale opera è:

Se l'avesse fatto michael bay, allora sarei andato a vederlo.
E' un po' la scoperta dell'acqua calda questo post, ma non penso l'hai scritto cercando di stupire i lettori ... cmq qualsiasi film contiene pubblicità, è una cosa ben risaputa e ben [ri]venduta. Ne parla molto bene questo film: http://www.imdb.com/title/tt1743720/ , "Come ti vendo un film".
Si, tutto bello, ma come si ammanetta un Apple?
@Uriel Fanelli

Perché ammanettare un recluso la cui cella sta in fondo ad un pozzo la cui imboccatura si trova in un allevamento di giaguari da sumo?