skip to main | skip to sidebar
56 commenti

Qualcuno ha perso una vite sulla Stazione Spaziale?

L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.


Nel tardo pomeriggio (ora italiana) di ieri le telecamere di bordo della Stazione hanno catturato una scena curiosa: una vite metallica lucente che compare da chissà dove e si perde.

La scena è presentata nel video che vedete qui sopra, che è tratto da qui su Ustream (a circa 27 minuti dall'inizio del file Ustream) e mostra inizialmente il comandante della Stazione, “Butch” Wilmore, che sposta un grosso apparato. A circa 1 minuto e 20 secondi dall'inizio di questo video compare, appena sotto il bordo superiore della paratia azzurra, un oggetto che ruota su se stesso e si avvicina alla telecamera, rimbalzando varie volte. L'oggetto sembra appunto essere una vite o un perno metallico.

Dato che a bordo della Stazione è essenziale tenere traccia di dove si trova ogni cosa e che magari quella vite serve a qualcosa d'importante, pubblico qui il video, che ho segnalato anche a Samantha Cristoforetti. Probabilmente non è nulla, ma dato che se manca una vite non è facile per gli astronauti andare alla ferramenta più vicina e procurarsi un ricambio, ho preferito segnalarlo. Qualunque riferimento alla vite che scappa a Sandra Bullock in Gravity o alla penna che fluttua in 2001: Odissea nello spazio è puramente casuale.


Aggiornamento: nella prima stesura di quest'articolo avevo descritto impropriamente l'oggetto come un “bullone”. Ho corretto grazie alle segnalazioni dei lettori. 
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (56)
Wow Paolo!! non ti scappa nulla.... nemmeno nello spazio!
Paolo,
complimenti per l'attenzione! :),

Comunque direi che il problema non sia tanto che si è perso un bullone, quanto che quel bullone potrebbe infilarsi in qualche condotto, tappare un filtro, danneggiare una ventola, causare un corto circuito, bloccare un portellone, etc.

Anche in un hangar di aereo un bullone perso può essere considerato un problema importante.
Primo caso di bullismo spaziale? :)
Paolo, ti vedrei bene a fare il regista per un'edizione del Grande Fratello on ISS... :)
E' vero, sembra una vite o un bullone a brugola, cioè con il cavo esagonale.
Domanda: ma oltre a Paolo che è evidentemente appassionato, ma a terra c'è gente preposta a controllare i video per riscontrare anomalie del genere?

p.s. alla faccia che controllo pazzesco che hanno gli astronauti in gravità zero, io temo sarei andato a sbattere contro tutto (e tutti).
Cosa si fa in questi casi? Si avvisa chi? Come?
QWERT
Da un controllo veloce su Internet sembrerebbe che quel che dico sia sbagliato ma sono pronto a giurare (su cose altrui) che ai tempi dell'università "bullone" era definito come l'insieme di vite e dado... ma... memoria di palta?!?
Ciao Paolo,
vediamo se questo messaggio arriva a destinazione, gli ultimi due si sono persi nella rete internet ;)
Il bullone è già visibile a 1:13. Sembra provenire, sempre secondo la prospettiva della telecamera, da quella parte illuminata a forma di triangolo con vertice verso il basso di colore giallo senape.
Speriamo che non causi danni, e speriamo che in quel momento non servisse per tenere fermo un qualcosa di pericoloso.

Buona giornata
Alex
Oh my god!!!! AVVERTO SUBITO STUDIO APERTO!!! Ci faranno sicuramente un servizio catastrofico tipo: La ISS va a pezzi... hahahahhahahahahahah
Beh dai Paolo, cose che succedono. Chiunque rimontando un qualsiasi accrocchio meccanico alla fine si è trovato dei pezzi in più tra le mani. ;)

Ricordiamoci di Wolowitz e i pezzi avanzati della sedia a rotelle di Stephen Hawking. :)
io sono riuscito a farmi avanzare i pezzi aggiustando la serratura del garage...2 volte...alla terza dopo l'ultimo avanzo la ho dovuta cambiare...
whow! stavano forse montando un mobile IKEA???? esperienza personale!
@Epsilon.
Hai ragione, quella che fluttua nella stazione tecnicamente è una vite (sembrerebbe una vite a brugola, o hex screw, ma la risoluzione non è abbastanza alta da vedere bene la testa). Ma per mia moglia sia una vite che un dado sono genericamente "bulloni".
Giusto ieri ho perso un bullone di bloccaggio della ruota della mia auto...
Del tutto normale, quando facevo l'operaio mi portavo, se possibile, un bullone (o vite, o tirante) in più.
Se me ne cadeva uno dietro il pannello o la griglia, non dovevo interrompere il lavoro per recuperarlo.
Poi certo che in microgravità può "saltare" fuori.
A proposito della definizione di "bullone":

link
[OT]

Che ne pensi?
http://www.corriere.it/tecnologia/economia-digitale/15_febbraio_03/adblock-soldi-google-amazon-microsoft-non-farsi-bloccare-41d12180-ab87-11e4-864d-5557babae2e2.shtml

Saluti
@Paolo e @Epsilon
L'uomo riesce a costruire stazioni orbitali, ma non c'è ancora una definizione universale di "bullone" :-)
http://en.wikipedia.org/wiki/Screw#Differentiation_between_bolt_and_screw

Comunque anche io ero rimasto alla definizione di "bullone=vite+dado"
Vorrei unirmi alla discussione appassionante!

http://it.wikipedia.org/wiki/Bullone

Comunque, anche a me, ai "tempi dell'Università, il Politecnico di Torino" (che detta così mi sembra di essere un personaggio di Verdone) era stato insegnato che bullone = vite+dado

Ma comunque, al di là della crusca tecnica, ci sono notizie dalla Stazione? Qualcuno si è fatto vivo? Ignorano le nostre preoccupazioni?
I bulloni sono viti a testa esagonale, o comunque si serrano agendo sull'esterno. I dadi invece sono quelli, sempre esagonali che avviti sulle viti o sui bulloni. Le viti si serrano agendo sull'interno.
Bullone=vite+dado :)
http://dma.dma.uniroma1.it/users/broggiato/cdm/roma/no/dismac/dispense/1011_lezione_04.pdf

Il catalogo OPPO mette solo la vite, ma nel link in basso lo scrive.
All'esame di disegno tecnico ti ci giocavi il voto se confondevi vite con bullone. Il bullone è il tipo di collegamento meccanico.
Ma mi rendo conto che nel linguaggio colloquiale vite o dado e bullone sono sinonimi :)

Se servisse saperlo, in inglese vite, dado e bullone sono rispettivamente screw, nut e bolt:
http://engineerexplains.com/answr/Screw-vs-Bolt1.html

Purtroppo le normative non si trovano in formato libero in rete. :)

PS: mi ero sbagliato nel commento precedente. La vite a brugola in inglese è Allen screw, la hex screw è la vite a testa esagonale.
Fino a qualche anno fa la definizione di bullone era l'insieme di vite più dado. Ne sono sicuro sia per averlo studiato a scuola (Istituto Tecnico, materie interessate: meccanica e disegno tecnico) sia perché qualche anno fa ho vinto una scommessa con un collega che ne sosteneva l'equivalenza con "vite", mentre allora su Wikipedia italiana era scritto chiaramente che il bullone è l'insieme dei due.

Sono convinto che la definizione giusta sia quest'ultima e che nel lessico comune il termine bullone sia associato a "grossa vite". Il fatto che ci possano essere aziende che commettono l'errore non mi stupisce: in elettronica, ad esempio - che è la mia specialità - leggo talvolta termini errati nelle descrizioni tecniche di qualche azienda.
Oltretutto sarebbe strano se la terminologia meccanica "vera" faccende distinzione fra vite e grossa vite: bisognerebbe per lo meno definire da che diametro o che lunghezza una vite diventa grossa, e quindi la dobbiamo chiamare "bullone".

A mio parere resta valido il termine originale, e l'uso distorto è solo uno di quegli esempi in cui le parole vengono sovvertite dall'uso comune che se ne fa, fino a che anche gli addetti ai lavori si piegano alla nuova definizione. Personalmente sono molto irritato dal dilagare dell'approssimazione, cosa che considero decisamente deleteria.

Sottolineando che i giornalisti in genere non aiutano affatto, vedi il caso di "silicone" al posto di "silicio" che si incontra talvolta ancora oggi, ci sono comunque ambiti sociali dove la precisione nei termini è superiore alla nostra e non viene vista come una pignoleria, cosa che consciamente o inconsciamente accade da noi. Negli USA il gas per auto trazione si chiama Propane Gas, da noi, qualsiasi cosa allo stato gassoso si chiama comunemente "gas". Da noi anche i fotografi quando parlano delle soluzioni per lo sviluppo e fissaggio delle fotografie chimiche dicono "gli acidi", quasi si vergognassero ad usare un nome più preciso. Che poi la soluzione di fissaggio non è neppure acida, è alcalina...

Ok, ho finito, scusate l'attacco di pignoleria, ma ogni tanto mi viene. :)
Marco: il top per me è quando traducono in "nitrogeno" la parola inglese "nitrogen" (azoto).
Il bullone non è vite+dado, nella mia esperienza di operaio quello si chiama "tirante", proprio perchè puoi tirarlo da entrambe le parti.
Il bullone è esattamente quello che si vede roteare nel filmato, una testa (esagonale o semisferica incisa a croce) con un corpo filettato. Senza dado.
E insisto: molti manutentori se ne portano uno in più, che spesso perdono o dimenticano. Sulla terra rimangono dietro un pannello o una griglia, nello spazio galleggiano e alla fine riescono a uscire.
Che razza di blog è questo, in cui appassionate discussioni deflagrano allo stesso modo da minimi appigli a computers, religione, tette e bulloneria?

Attivissimo, hai creato un mostro.
@Martinobri.

La bulloneria è una cosa seria.

Sono i bulloni a tenere insieme le cose.
Tra tutti i pessimismi avete dimenticato la possibilità che la vite vagante (di qualunque tipo esso sia) finisca nell'occhio di qualcuno... o forse in assenza di peso non è possibile?

Ps: non è che la confusione vite+bullone+dado deriva da quelle viti senza testa che ci si mette un dado per fare da testa? Un po' come i perni dei lego technic?
@puffolottiaccident
Dissento profondamente, è "altro" a tenere insieme le cose, per esempio...

@martinobri
...con che articolo sarebbe esplosa la discussione con l'argomento "tette"?
Uau, un nuovo post, interessante, azz addirittura 27 commenti, non vedo l'ora di leggerli, saranno profondi e illuminanti come al solito -> tutti sui bulloni.

Non so se indignarmi o stupefarmi :E
...con che articolo sarebbe esplosa la discussione con l'argomento "tette"?

Per esempio, con questoe questo
Sei nuovo, eh? :-)
Uau, un nuovo post, interessante, azz addirittura 27 commenti, non vedo l'ora di leggerli, saranno profondi e illuminanti come al solito -> tutti sui bulloni.

LOL!
@martinobri
Grazie per i link

Riguardo al "nuovo" ... sinceramente seguo questo blog da un po' di tempo pure io ;-)
http://attivissimo.blogspot.ch/2010/09/reattori-nucleari-fossili-non-e-una.html#c518934590357103677
Fanculo, torniamo all'Ottocento, w i ribattini! :D
Vabbè, vabbè, parliamo di analisi impestatica.

Ho trovato in rete la formula del "Baltic Launcher "
exp(​(‑(((x-​4)^​2+​(y-​4)^​2)^​2))/​1000)+​exp(​(‑(((x+​4)^​2+​(y+​4)^​2)^​2))/​1000)+​0.1*​exp(​‑(((x+​4)^​2+​(y+​4)^​2)^​2))+​0.1*​exp(​‑(((x-​4)^​2+​(y-​4)^​2)^​2))
@ Rico, mi spiace ma in questo caso non ostenterei tutta la tua esperienza di operaio, in molte officine (dove peraltro si lavora molto di più che in molte progettazioni) si usano termini errati per consuetudine e temo proprio che questo sia il caso, la definizione tecnica da manuale è stata data e linkata qui piu volte, la definizione di tirante non l'ho mai vista in nessuna norma ISO, UNI, EN o Aiag che sia...
Non ho parole.
la solita ridondanza degli ingegneri :-) era di troppo
agli evidentemente numerosi appassionati del settore, segnalo il film: "La Vite è Bella".
Mi chiedo a cosa si riferisse Giulio Cesare quando disse:"il dado è tratto".

Chissà da dove l'aveva tolto.

Non è che quello svolazzante sulla ISS era la sua "controparte"?
segnalo il film: "La Vite è Bella".

Non lo trovo.
Senza virgolette mi manda sempre al film di Benigni, virgolettato mi dà una pagina FB con quel titolo ma che parla di vigne.


@Claudio Fe.

Yep, era una battuta :-)


Mi chiedo a cosa si riferisse Giulio Cesare quando disse:"il dado è tratto".
Chissà da dove l'aveva tolto.


C'erano già le confezioni da 20.
@martinobri
C'erano già le confezioni da 20.

LOL

Ho capito!

Giulio Cesare voleva dire che tutto fa brodo quando si fanno conquiste!
ehm, era una battuta Martino...
"Captain, a wild bolt appeared"
"Screw it, there is nothing to loose."
Ormai penso che lo abbiano recuperato o no? Samantha o la Nasa stessa non si è espressa al riguardo di questo oggetto volante non meglio identificato?
@pgc:

colpa mia che ho avuto fede in te

:-P
L'ambiguità della distinzione tra vite e bullone è stata creata ad arte dai Governanti Mondiali per distrarre il popolo da quel che è veramente importante. In realtà non esisterebbero né viti né bulloni, le cose sono già tenute insieme dalla materia oscura, come ampiamente dimostrato da Tesla nei suoi studi.

Tra la fine degli anni settanta e l'inizio degli anni settanta del XX secolo, nell'atmosfera terrestre ha improvvisamente fatto la sua comparsa un numero sempre crescente di particelle di luce dette "fotoni", sganciati dai tanker sotto forma di scie chimiche, che agiscono sulle forze quantistiche per staccare le cose, rendendo quindi necessario l'uso di viti e bulloni.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Un tecnico ben addentro alla gestione della ISS sostiene che in realtà situazioni come questa avvengono abbastanza di frequente. Dopo un po' gli oggetti persi vengono ritrovati sistematicamente dentro qualche presa d'aria.
Non so se indignarmi o stupefarmi

Stupefatti. (Imperativo) :D

È chiaro che qui abbiamo un problema di bull(on)ismo.

Scatta la morale: se fai il bullo (ne) avrai più problemi che benefici.

Tira più un bullone che una coppia di buoi.

Bull(on)arsi fumando, arrostisce i buoi di cui sopra scatenando ire vegane e rovina i polmoni.
@Unknown: se è per questo non c'è solo bullone o tirante, c'è anche il "prigioniero", cioè un bullone filettato che "annega" in una flangia o in un blocco, senza avere lo sbocco dall' altra parte.
Hai dimenticato le norme ANSI e AISI, e lì forse ci sono queste definizioni.
"Captain, a wild bolt appeared"
"Screw it, there is nothing to loose."


LOL! L'ho letta solo adesso... :D
Stu, hai dimenticato:

"quando il saggio indica la luna (artificiale), lo stolto guarda il dado". :)
Non so se si è colta la sottile "sfumatura" di "bull (on) arsi fumando" o "bull arsi fumando"...
Eva miope e presbite, ho dimenticato di comprare uova e pomodori, e adesso che faccio?
Ah, ho un' idea, dico una battutaccia:

Ma sulla stazione spaziale non si può cianfrinare?
Sembra invece che qualcuno abbia ritrovato una telecamera lunare...