skip to main | skip to sidebar
18 commenti

Avvistata meteora luminosissima nel cielo dell’Europa stasera alle 20:45

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alla gentile donazione di “davide.w*”, “ermannoc*” e “ilich.ram*” e grazie alla segnalazione iniziale di Astronomia Pratica e di quelle successive di molti altri lettori. Se l'articolo vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora.

Stasera alle 20:45 (ora dell'Europa centrale) ci sono stati numerosi avvistamenti di una palla di fuoco (fireball) nel cielo dell'Europa centro-settentrionale. Sono stati già diffusi almeno due video, uno ripreso da una dashcam in Tirolo e uno da una telecamera di sorveglianza astronomica a Blaustein, in Germania, e ci sono segnalazioni da Svizzera, Austria, Irlanda e Regno Unito.

Del fenomeno parla 20 Minuten (in tedesco, con foto e video), citando segnalazioni da varie località svizzere (Eschenbach, Unterkulm, Horgen, Schwerzenbach) e avvistamenti anche a Monaco. C'è anche la registrazione di un boato attribuito alla meteora.

Secondo la nomenclatura dell'AMS (American Meteor Society), una fireball è una meteora che nell'impatto con l'atmosfera terrestre diventa più luminosa di Venere. Dai video direi che non c'è alcun dubbio in questo senso.




Questo articolo verrà aggiornato man mano che si renderanno disponibili altri dettagli. Gli ufologi, intanto, stiano tranquilli: non è in corso un'invasione aliena. Semmai c'è da cogliere l'occasione per riflettere che se davvero ci fossero flotte di veicoli alieni nei nostri cieli, gli astrofili li registrerebbero e li metterebbero subito su Youtube. Non c'è congiura del silenzio che tenga.


23:50: Molte foto e segnalazioni sono su Watson.ch (in tedesco). Astrotreff.de sta ricostruendo la traiettoria e ne discute anche qui (in tedesco). C'è una foto non confermata ma molto bella qui.

Credit: Astrotreff.de.

23:57: Secondo i calcoli di Astronomia Pratica, gli astronauti e le telecamere esterne sulla Stazione Spaziale non erano in una posizione tale da poter vedere il fenomeno (erano poco oltre l'Argentina).

2015/03/16 1:42: Se ne parla in italiano su InMeteo.net.

2015/03/16 7:20: Su 20 Minuten una persona afferma di aver trovato dei frammenti della meteora (foto qui accanto) a Schöftland, nel canton Argovia. Ci vorrà una perizia per verificare che non ci siano di mezzo autoinganni o mitomanie, come accade spesso in questi eventi.

2015/03/16 10:00: Si parla dell'evento sul Corriere del Ticino (in italiano), dicendo che “testimoni vicini allo schianto hanno sentito un boato al momento in cui la stella cadente ha impattato al suolo”, ma il boato potrebbe essere stato causato dall'impatto con l'atmosfera, che spesso genera un'onda d'urto che ha effetti acustici, mentre l'impatto al suolo, avvenendo a velocità ridotta (a causa dell'effetto frenante dell'aria) difficilmente produce un boato. C'è anche un articolo su Ticinonews.

2015/03/16 10:45: L'ESA ha pubblicato un tweet nel quale chiede a chiunque abbia osservato la meteora di segnalarne i dettagli presso questa pagina, che dice che la traiettoria stimata, calcolata sulla base dei resoconti dei testimoni, indica che la fireball stava viaggiando da nord verso sud, partendo a circa 25 km a sud di Stoccarda e finendo a circa 30 km a est di Zurigo.

esaoperations
Did you see the fireball last night over DE, CH & F? Please fill in the form http://t.co/0I8wSpRZxv #meteor #imo http://t.co/eoqtYpTPIe
16/03/15 10:19

Intanto la BBC segnala un'altra meteora avvistata ieri sera intorno alle 21 locali e fotografata dalle rive del Loch Ness.

2015/03/16 14:50: L'ESA ha tweetato delle immagini che vengono descritte come prese dalla cabina di pilotaggio del volo AF1910 vicino a Reims, ma si tratta di fotomontaggi che ricostruiscono quello che avrebbe visto la persona in cabina.

Credit: Robert Mikaelyan
2015/03/16 18:15: Come consueto, sta girando nei social network l'immagine mostrata qui accanto, ma non si tratta di una foto della meteora di ieri: è datata ottobre 2009 e si riferisce a un altro evento meteorico avvenuto in Olanda, come racconta National Geographic.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (18)
Mi permetto di segnalare un documento FOIA pubblicato sul sito della National Security Agency in cui si cerca di decifrare un "messaggio extraterrestre". Link:

https://www.nsa.gov/public_info/_files/ufo/key_to_et_messages.pdf

Qualcuno ne era a conoscenza?
Talarico,

storia vecchia di anni: spiegone.
Certo che quando lo spazio fuori dalla terra decide di dare il meglio di se' ci mostra delle cose fantastiche.
Semplicemente spettacolare...
ehm... faccio presente che Argovia non e' un cantone, ma una citta' nei pressi di Aarau, in Svizzera. Lo dice il Corriere ;-)
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Paolo,

mi sembra che quella vista in Irlanda e in UK (Scozia) non sia la stessa vista in Austria/Svizzera/Germania. Considerata la geometria del fenomeno, è altamente improbabile che sia visibile in zone così distanti tra loro.

Conta che di fireball se ne contano diverse ogni notte nel mondo.

La mappa e la tabella visibili in questo sito sembrano confermare che, come dicevo nel mio post precedente, quello visto in Europa Centrale e in Irlanda del Nord e Scozia sono fenomeni diversi, separati tra l'altro di ~15 minuti.

Ma la vera domanda che mi pongo è:com'è possibile che ci sia sempre qualcuno con la telecamera accesa al posto del passeggero?
pgc,

mi sembra che quella vista in Irlanda e in UK (Scozia) non sia la stessa vista in Austria/Svizzera/Germania.

Confermo. Infatti ho scritto che si tratta di un'altra meteora.
Max,

com'è possibile che ci sia sempre qualcuno con la telecamera accesa al posto del passeggero?

E' una dashcam, come ho scritto. Telecamerina automatica da cruscotto. Parte da sola quando l'auto si muove e tiene in memoria gli ultimi 15-30 minuti.
...E con la consueta pacatezza, Libero titola:

http://www.liberoquotidiano.it/news/esteri/11767629/Svizzera--enorme-meteorite-si-schianta.html

E' strano che siate ancora tutti vivi, lì in Svizzera, dopo quest'apocalisse galattica.

:-P
Spettacolo... ma finché non si male nessuno.

La cosa incredibile è che con tutti gli osservatori e tutta la roba che hanno mandato nello spazio ancora si lascino sfuggire una meteora in rotta di collisione.
http://www.liberoquotidiano.it/news/esteri/11767629/Svizzera--enorme-meteorite-si-schianta.html
Vedo che anche libero segue la filosofia del corriere: "del sud della Germania, Tirolo", cos'è, un nuovo nome dell'alto-adige?
Qualcuno ha un'idea circa la probabilità che un oggetto di taglia "Čeljabinsk/Tunguska" in rotta di collisione con la Terra venga individuato con un anticipo sufficiente a far per lo meno evacuare la zona interessata, se abitata?

Vorrei capire se sia più probabile che in futuro oggetti relativamente così piccoli (20-50m) ci colpiscano nuovamente senza alcun preavviso, piuttosto che con un preavviso minimo utile (almeno dell'ordine di giorni).
Ricordo di averne vista una quando mi trovavo in alta montagna. Nessun rumore, silenzio totale ed appariva enorme. Un po' simile a quella dell'ultima foto del post.
Che spettacolo la natura!
Quesito per il famoso astronomo PGC.

Anni fa, a serata avanzata, ero su un prato silenzioso. Udii un fruscio proveniente da tutta quell'erba. Sorpreso mi guardai in giro e sollevai lo sguardo: stava passando un bolide!
Come si può spiegare questo fenomeno del fruscio? Se il rumore fosse stato generato dal movimento del bolide nell'atmosfera, avrei dovuto udirlo alcuni secondi dopo il suo passaggio, considerata la distanza del bolide e la sua velocità apparente. Invece mi parve contemporaneo al passaggio. Fenomeni elettrostatici che hanno mosso i fili d'erba?
Giuro che non stavo fumando erba :-)
Come testimone ho il mio cane, non Stupidocane.
Giuliano47,

Il fenomeno che hai riportato è REALE. Sei fortunato. Personalmente pagherei parecchio per una simile esperienza... :)

Una delle spiegazioni più accettate che spieghi la contemporaneità osservata (e misurata, la prima volta in Mongolia nell'80) tra suono e rientro, è che il il plasma formato dal bolide generi onde radio (tra 1 e 10 KHz, quindi a frequenza molto bassa) che fanno vibrare meccanicamente oggetti a terra (Keay, 1980). Magari proprio l'erba come dici... Il fenomeno è chiamato "electrophonic meteors", in italiano, forse, "meteore elettroacustiche", ed è stato osservato anche in altri casi, per esempio durante il rientro dello Space Shuttle. Forse anche il suono che alcuni dicono di recepire durante un'aurora intensa può essere ricondotto allo stesso meccanismo.

Qui un articolo che spiega il fenomeno chiaramente. E qui un elenco di pubblicazioni che ne parlano. Come noterai molti testimoni lo hanno avvertito anche a Chelyabinsk.

Questo è uno degli esempi più chiari di quello che è la Scienza rispetto a tutto il resto dei metodi di conoscenza umane: l'autorità non conta nulla. Anche un grandissimo come Edmun Halley, che nel 1719 liquidò il fenomeno come impossibile, può prendere lucciole per lanterne.

Saluti,
PGC (Non quello famoso. L'altro)
@ PGC

"Personalmente pagherei parecchio per una simile esperienza... :)"

Eh sì. Si rimane colpiti dal fruscio, non di particolare intensità, ma proveniente contemporaneamente da TUTTO il prato, da centinaia di metri davanti, destra, sinistra... Mi trovavo su un prato del Parco Lambro a Milano.