skip to main | skip to sidebar
36 commenti

Per Huffington Post e Repubblica, il Sole è un pianeta


Stando all'Huffington Post, ripreso senza batter ciglio da Repubblica come vedete qui accanto, il Sole è un pianeta.

No, Huffington e Repubblica, il Sole non si sta spegnendo e soprattutto non è un pianeta. È una stella. Una differenza che s'impara alle scuole elementari. Quelle che chi scrive queste scemenze acchiappaclic dovrebbe tornare a frequentare.

L'articolo conferma una delle regole del giornalismo-trash: se un titolo contiene un punto interrogativo, la risposta è quasi sempre No. Quindi il Sole non si sta spegnendo. In compenso si stanno spegnendo i neuroni del giornalisti.

Il resto dell'articolo, il cui titolo è stato ora corretto dopo gli sberleffi dei lettori, è una costellazione di cretinate partorite da un incompetente, evidentemente bisognoso di creare catastrofi dove non ce ne sono. Vergogna.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (36)
Nota per gli editori di siti acchiappaclic che scrivono idiozie scientifiche per aumentare le impressions e, quindi, il flusso di pubblicita': la maggior parte dei nerd e geek che vi prende per i fondelli per la vostra crassa ignoranza e linka i vostri siti ha installato AdAware o simili programmi anti-pubblicita'.

Ergo, l'unica cosa che acchiappate e' la derisone.
tecnicamente il sole si sta spegnendo, infatti tra appena 5 miliardi di anni finirà il combustibile e passerà alla fase di gigante rossa.
Ormai mi sto convincendo che questi macroscopici errori vengano fatti apposta per attirare l'attenzione. Mi impongo di credere che fonti giornalistiche cosi' diffuse e "accreditate" non possano dare voce a scrittori/commentatori/etc senza nessun tipo di controllo o che abbiamo un livello minimo di conoscenza.

Dai si, lo fanno a posta, cosi' poi tutto lo postano su Facebook la gente va sul sito e aumentano gli accessi ... Speriamo che sia cosi.
è una costellazione di cretinate partorite da un incompetente

Incompetente, indubbiamente, ma letterariamente molto colta (mi risulta che sia una donna):

guardai in alto, e vidi le sue spalle
vestite già de' raggi del pianeta
che mena dritto altrui per ogne calle.
Leiba,

tecnicamente stiamo morendo, infatti tra appena poche decine di anni al massimo cesserà il metabolismo e passeremo alla fase di salme.

Seriamente, il "metabolismo" del Sole, cioè il tasso di fusione nucleare aumenta costantemente (infatti l'energia irradiata aumenta man mano che invecchia) fino a quando il nocciolo non avrà più idrogeno sufficiente e passerà a fondere l'elio (solo in questa fase diventerà una gigante rossa), tra circa 4/6 miliardi di anni. Quindi non è corretto nemmeno a voler essere pignoli dire che si stia spegnendo, al momento (lo possiamo dire delle giganti rosse). È così difficile ammettere che hanno scritto una cavolata e basta? Ché poi, si scusassero e correggessero prontamente (e cercassero di non rifarlo più...), non sarebbe nemmeno tanto grave.
Non lo chiamano mica "Fuffington post" per nulla.
Fenomenale. La NASA si sta preoccupando per questi articoli, non per il sole!
Comunque, ecco come dovrebbe essere fatto l'articolo: http://www.media.inaf.it/2015/03/19/il-sole-da-spettacolo/
"[...]una delle regole del giornalismo-trash: se un titolo contiene un punto interrogativo, la risposta è quasi sempre No."

@Paolo Attivissimo.

In realtà è un principio giornalistico, la Legge di Betteridge, che si applica a tutte le headline.

Mia opinione è che il giornalismo, tutto, anche quello deliberatamente meretricio, dovrebbe essere informativo pertanto assertivo. E se ci si concede la licenza di comporre una headline che include una domanda, la risposta deve essere inclusa nella headline medesima; se non ricordo male l'headline domanda/risposta la usi spesso, correttamente, anche tu.

In generale, a mio parere, Internet come vettore di informazioni sta vivendo il suo medioevo. Confido in un veloce approssimarsi dell'anno 1000.

Stuart.
Persino con situazioni toccanti e gravi la loro ignoranza risulta sconfinata. Vedere articolo "I selfie dei vip per sostenere Elisabetta Fusi, la nuotatrice malata di tumore" dove si legge: "Un gruppo pubblico su Facebook, "Tutti insieme per Elisabetta Fusi", per sostenere il dramma che ha colpito l'ex nuotatrice azzurra, colpita da carcinoma, una forma tumorale molto diffusa."
Peccato che carcinoma identifichi poco o nulla, come dire "soffro di cuore". Eppure loro sostengono che il carcinoma sia una forma tumorale molto diffusa!

Incredibile.
Un'amica giornalista (Marina Morpurgo, che è stata citata anche in un altro thread di Attivissimo) tempo fa ha diffuso un avviso in cui un'agenzia cercava "giornalisti" [sic] con conoscenza di altre lingue etc., quindi non esattamente dei ragazzini appena usciti da scuola. Bene, la paga offerta era di 70 centesimi "lordi" a notizia. Presumibilmente l'agenzia forniva a quotidiani online quel tipo di "notizie" insulse e demenziali che ormai popolano le pagine web di tutti i quotidiani.

A leggere questo tipo di annunci si capisce come sia possibile arrivare a una situazione del genere. E noto che il sistema si sta estendendo anche ad altri Paesi che fino a poco tempo fa ne erano immuni, il che fa pensare che la crisi dei giornali sia una crisi inarrestabile e che siamo vicini alla resa finale...
Meno male che il sole si sta spegnendo, mi è scaduta la crema solare, e l'estate si avvicina :-)
c'era un film di fantascienza di Danny Boyle di 5 o 6 anni fa, in cui un equipaggio veniva mandato verso il Sole, per tentare di "riaccenderlo", proprio perchè si stava spengendo.
In realtà non era neanche male, come film

Però non mi ricordo come si chiama e non ho voglia di googlarlo
:)
Allora ragazzi, facciamo un po' di chiarezza ' in generale' per tutti i lettori di questo blog, al di là dei lettori 'specialisti' e delle castronerie sparate dalle testate generaliste e disattente.

Se faccio qualche sbaglio confido che mi 'corigerete', mi rivolgo specialmente ai commentatori 'specialisti' ^_^

Il nostro Sole è una stella nana gialla medio-piccola. Potrebbe in prima analisi sembrare controintuitivo, ma più una stella è grande e potente, più ha vita breve. Le stelle più diffuse nell'Universo sono le nane rosse, stelle che irradiano poco (anche se possono avere fenomeni violentissimi) ma vivranno molto più a lungo, molto più del nostro Sole. Il nostro Sole non esploderà in una supernova e non si creerà un buco nero (non ha massa sufficiente). Evolverà in una gigante rossa, il cui diametro raggiungerà prevedibilmente l'orbita della nostra Terra, inghiottendola.

Il nostro Sole si è formato ed esiste da circa un terzo dell'età dell'Universo, diciamo 4,5 miliardi di anni. Siccome è una nana gialla, è circa a metà della sua esistenza, per cui continuerà ad essere com'è per almeno altri 4 miliardi di anni (prima di evolvere in una gigante rossa). Quindi da quel punto di vista siamo iper-garantiti.

Il problema è la Terra. Secondo i più autorevoli scienziati, potrà supportare la vita come la conosciamo per massimo 500 milioni di anni. Sarà la Terra a spegnersi, dieci volte prima di quanto si spegnerà il Sole! Quindi, per dirla con Hawking, se riusciamo a non estinguerci 'tra noi' appare già adesso fondamentale cercare di colonizzare altri mondi, siccome non abbiamo la tecnologia 'a curvatura' di Star Trek appare fondamentale colonizzare i corpi celesti a noi più prossimi: gli asteroidi della fascia, le lune di Giove e magari quelle di Saturno. Certo, dobbiamo spenderci con tutte le nostre forze per conservare la Terra, ma dobbiamo avere la consapevolezza che non potrà essere la nostra casa eterna.

Queste sono canzoni bellissime ma non rappresentano la realtà!

https://www.youtube.com/watch?v=zxdQFdjgOpc

Qui la bellissima cover di Vinicio Capossela:

https://www.youtube.com/watch?v=fZvpdq7_6oo

Ma, più di tutto: oggi ci sarà un'eclissi parziale di Sole! Tempo permettendo, sarà visibile chiaramente soprattutto nelle regioni nord-occidentali dell'Italia! Occhi al cielo ragazzi, ma lenti scure o occhi quasi chiusi alla Bud Spencer! ^_^
@ Danile
il mio era un commento sarcastico, speravo si capisse dal "appena 5 miliardi di anni".

@ Shorty
il film era "Sunshine" del 2007 era pure un film decente se non fosse stato per l'ennesimo cattivo psicopatico, che sinceramente è venuto a noia.
Ad una conferenza di astromia il relatore dice: "il sole si trasformerà in gigante rossa inghiottendo la Terra tra circa 4 miliardi di anni.."
Un tizio si alza, agitatissimo: "Quando ha detto che inghiottirà la Terra???"
"Tra circa 4 miliardi di ahhi."
"Ah, meno male. Avevo capito 4 milioni di anni."
Se noi chiamiamo astri pianeti quelli che apparentemente si muovono nel cielo e astri fissi quegli altri, il Sole e` un astro pianeta o stella pianeta, possiamo chiamarlo semplicemente pianeta o anche stella o astro. Tenuto conto poi che ogni corpo celeste si muove relativamente ad un altro, dire che il Sole e` un pianeta non e` ne` relativamente ne` assolutamente sbagliato.
Riguardo all'eclissi di oggi, ecco un modo *sicuro* e poco conosciuto per osservarla.
Prendete un piccolo specchio, puntatelo sul sole e fate in modo di riflettere la sua luce su una qualsiasi superficie non vicinissima allo specchio, ad esempio sul muro della casa di fronte. Vedrete chiaramente l'immagine del disco solare con l'eclissi in corso.
Se ci riuscite, appoggiate lo specchio in modo che non vibri a causa della vostra mano, e lo spettacolo è garantito!
Questa cosa la feci quando ero ragazzino e frequentavo le scuole medie, nel cortile della scuola, stupendo tutti gli allievi e gli insegnanti.
Secondo il "Sole 24 Ore", non solo il sole non si sta spegnendo, ma l'eclissi durerà DODICI ORE! DODICI!
La più lunga eclissi della storia dell'universo! xD
Qui c'è il link: http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2015-03-20/e-cominciata-l-eclissi-solare-quasi-totale-scozia-parziale-italia-095416.shtml?uuid=ABiqIPCD
E qui uno screenshot: https://twitter.com/Infinity_999/status/578867819636531201/photo/1
A proposito di eclissi, c'è una cosa che mi ha lasciato sempre ESTREMAMENTE perplesso.

Da bambino avevo un cane cui ero affezionatissimo, un bastardo di taglia media molto selvaggio e incontenibile. Vivevo in campagna in Umbria in una bellissima casa di campagna con un grande giardino circondato da una rete. Questo cane non era aggressivo, ma aveva chiaramente un grande instinto di libertà. Scavava continuamente buche sotto la rete e a volte pur di scappare la scavalcava arrampicandosi. Tornava spesso con trofei ed in un caso riuscì ad intrufolarsi nella conigliera di un vicino (chiusa a chiave) dove fece fuori in una notte 27 conigli - debitamente ripagati al proprietario da mio padre, non proprio felice di questa iniziativa...

Comunque, una sera c'era un eclissi di luna parziale. Da appassionato di astronomia uscii a guardare il fenomeno. Lo chiamavo ma il cane non si trovava e non rispondeva. Normale. Salvo che quando mi allontanai da casa andando nei campi per sfuggire alla luminosità ambientale, lo scorsi seduto a una decina di metri dalla rete, seduto in direzione della Luna. Andai da lui e lo trovai che ansimava, tremando come una foglia guardando chiaramente la Luna.

Si può liquidare il tutto dicendo "e allora? i cani sono sensibili alle eclissi". Questo lo so... ma la cosa mi ha lasciato perplesso durante tutta la vita, visto che non è così ovvio che un animale, tra l'altro con vista solo marginalmente sensibile ai colori, sia in grado di identificare un fenomeno astronomico abbastanza difficile da notare (la Luna cambia sempre di fase), tutto sommato. E poi perchè avere paura di un fenomeno astronomico che non ha alcun impatto ovvio sulla nostra vita? E perchè allontanarsi a fissarla.

Una volta arrivata internet, ho potuto controllare, e trovato un gran numero di studi che riguardano la sensibilità degli animali alle eclissi. Alcuni animali invertebrati per esempio risentono della carenza di luminosità, il che non è molto sorprendente, tutto sommato, considerato che radiazione e temperatura corporea sono collegati.

Alcune persone raccontano esperienze simili alle mie con animali come gatti e cani, raccogliendo in genere sberleffi e ironie di scettici, oppure spiegazioni paternalistiche. D'altra parte confesso che se questa cosa mi fosse raccontata da qualcun altro in questi termini tenderei a non crederci. Però il numero di persone che raccontano di comportamenti anomali nel caso di eclissi di Luna da parte di cani e gatti è abbastanza elevato, sebbene non ho ancora trovato uno studio pubblicato del fenomeno, nonostante trovo il fenomeno di particolare interesse. Ma la mia percezione è che esistano molte... zone d'ombra nella comprensione della reale complessità psicologica e caratteriale degli animali superiori. La tendenza è quella di vedere i vertebrati comunque come macchinette. Sofisticate, ma sempre macchinette, dedite a meccanismi che non vanno molto oltre quello della ricompensa/punizione o dei riflessi di Pavlov.

Ma la domanda è: qualcuno ha avuto esperienze simili alle mie di persona?

Non mi interessano spiegazioni ad hoc, ma capire quanto il fenomeno sia comune. Un altro cane che ho avuto anni dopo era apparentemente insensibile alle eclissi, per esempio.
@ pgc

Mi pare che fosse il 1999. In occasione di un'eclissi solare andai in Germania per osservare l'eclissi totale.
Era una zona in campagna con molti animali: cavalli, capre, oche, mucche...
C'erano anche il mio cane e quello di amici. Altre persone ancora con i loro animali domestici.
Avevo letto che uno degli effetti delle eclissi e' quello di innervosire gli animali e quindi stetti attento al loro comportamento.
Invece durante l'eclissi gli animali rimasero tranquilli, fregandosene del forte calo di luminosita' e della sparizione del Sole, del quale si vedeva appena appena una stretta corona circolare.

Gli unici animali che durante l'eclissi manifestarono un certo nervosismo ed un'insolita attivita' erano gli animali appartenenti alla specie Homo Sapiens :-)
@ pgc:

Durante la totalità dell'eclisse dell'11 agosto 1999 sono arrivate le zanzare e mi hanno punto.



Logico, visto che la zanzara tigre (che attacca anche di giorno) non era ancora arrivata.
E in ogni caso Sole, quando si intende il corpo celeste, si scrive con l'iniziale maiuscola (mi riferisco sempre all'articolo di Ripubblica).

Una precisazione: il Sole è un pianeta solo nel senso antico del termine, cioè "corpo celeste che si muove rispetto allo sfondo delle stelle fisse". I sette pianeti dell'antichità sono per l'appunto Sole, Luna e i pianeti fino a Saturno. Accezione che si ritrova giustamente nella terzina dantesca citata.
In un articolo come quello il senso antico del termine ci sta come uno scopino del cesso in una presa elettrica.
sta vivendo il suo medioevo. Confido in un veloce approssimarsi dell'anno 1000.


Se si intende che dopo il 1000 è arrivata la maturità del Medioevo (Dante, le cattedrali), concordo.
Se si intende che il Medioevo era Il Male ed è finito nel 1000, no.
Eh, certo questa eclissi mi ha un po' deluso. Colpa mia, nellle mie aspettative speravo che fosse molto più importante anche dal mio punto di osservazione (Piemonte), ma sarebbe bastato inoltrarmi un po' nei dati tecnici per capire cosa sarebbe accaduto in realtà.
Non mi aspettavo certo una cosa fantastica come quella del '99, ma nemmeno una cosa così blanda come quella che ho osservato. Dopo aver rischiato di accecarmi per tre volte cercando di osservarla ad occhio nudo, finalmente sono sceso a più miti consigli e l'ho potuta ammirare con adeguate protezioni.

@ pgc

"Ma la domanda è: qualcuno ha avuto esperienze simili alle mie di persona? "

Beh, per quanto riguarda quella del '99, allora lavoravo in un ipermercato e mi ricorderò per sempre che ad essere zittiti e a sentirci molto 'strani' eravamo proprio io e i miei colleghi, che ci precipitammo sulle ribalte retrostanti il punto vendita ad osservare il fenomeno. Certo, venendo meno ai nostri impegni contrattuali, ma del resto si erano fermati tutti, autotrasportatori compresi, e nessuno sembrava lamentarsi, nemmeno i superiori! :D

Nulla di scientifico, per carità, ma proprio oggi parlando con uno dei miei clienti per il quale posso garantire la totale mancanza di mitomania e tendenza ad ingigantire i fatti, mi ha riferito che in quel giorno del '99 si trovava sulle montagne piemontesi in aperta natura ed è rimasto sconvolto dal fatto che, per tutta la durata del fenomeno, i suoni naturali degli animali selvatici fossero cessati, soprattutto lo ha impressionato il totale arresto del canto degli uccelli! o_O
tra 5 miliardi di anni si spegne?me lo segno ,anzi metto la sveglia:)))))
una delle regole del giornalismo-trash: se un titolo contiene un punto interrogativo, la risposta è quasi sempre No.

Anche del giornalismo non trash:
http://attivissimo.blogspot.it/2013/02/domani-la-terra-verra-colpita-da-un.html

;-)
Stepan Mussorgsky che io sappia il fatto che gli uccelli smettano di cantare durante un'eclisse è un fenomeno normale e conosciuto, gli uccelli diurni sono, diciamo così, programmati per cercare rifugio per la notte al diminuire della luce solare, (non so se hai notato che gli uccelli cominciano a cantare alle prime luci dell'alba e smettono quando il solo comincia a calare) questo spiega perfettamente il fenomeno di cui il tuo cliente è stato testimone: gli uccellini pensavano soltanto fosse ora di prepararsi per la "nanna" :-)
Come dice Vanessa si tratta di fenomeni meccanici, dovute a semplici relazioni di causa effetto. Alcune cicale per esempio smettono di cantare quando il sole è coperto al di sopra di un certo valore perchè, a quanto pare, il corpo si fredda troppo per produrre l'energia necessaria a compiere questa operazione. C'è un articolo, per esempio, sul fatto che gli animali da cortile si fanno male più spesso durante la luna piena ma il fenomeno sembra legato al fatto che svolgono più attività all'aperto quando c'è luce. Nulla a che fare col licantropismo...

Il caso che racconto, ed episodi simili che molti proprietari di cani riportano (per es. cani che abbiano alla luna SOLO durante le eclissi di Luna) mi sembra qualitativamente diverso. Spiegazioni possibili potrebbero essere un nostro (dei padroni) comportamento diverso in quelle occasioni, il fatto che usciamo all'aperto di notte in una certa eccitazione, gridando e gesticolando come bambini guardando verso la Luna.

D'altra parte un esperimento in ambiente controllato del genere è abbastanza complicato, sebbene non impossibile, da realizzare. E' raro, ha bisogno di condizioni rare (un'eclissi) e forse il suo interesse sarebbe troppo limitato per giustificare una qualsiasi spesa (senza finire all'IgNobel...).

Uffa: intendevo gli "animali da compagnia", non da cortile, sebbene anche in questi ultimi siano stati osservati comportamenti singolari durante le eclissi.
Il massimo che ha fatto la mia gatta è stato passarsi la zampa dietro l'orecchio.

Coincidenza? Noi di ecc. ecc.
la mia gatta non si preoccupa né per i temporali, né per i terremoti, figuriamoci per un'eclissi. L'ultima volta che c'è stato il terremoto qui mi ha solo guardato con un'espressione interrogativa come per dire: ma sta tremando il letto lo senti anche tu?!!?
Si è solo agitata quando poi ho tirato fuori il trasportino in caso di altre scosse: eh no eh no dal veterinario no!!! :-D
Scusate il disturbo. So bene che se dovessimo annotare ogni errore dei giornalisti dovremmo farlo a tempo pieno, ma questa è troppo bella.
Per il titolista del Corriere Veneto il mare si abbassa... per la siccità! :-DD

http://corrieredelveneto.corriere.it/fotogallery/2015/12/venezia_siccita/siccita-venezia-2302382749675.shtml#2
Martino,

l'articolo non afferma che la siccità é la causa della bassa marea. E' vero però che entrambi i fenomeni hanno, tra le altre, una concausa comune: l'alta pressione. Inoltre la mancanza di piogge diminuisce l'afflusso di acqua dolce, che non aiuta visto che ci sono fenomeni di risonanza nei livelli delle acque dei bacini semichiusi.

Quindi citare i due fenomeni insieme (nel titolo e nelle didascalie) non é, secondo me, errato. Tant'è che lo fanno tutte le fonti, anche quelle meteo.
@pgc:
d'accordo. Non criticavo l'articolo, criticavo il titolo.
Però il titolo dell'articolo dice, testuale, "La siccità a Venezia". I distinguo (opportuni) che citi nel testo non hanno nessun posto, e il titolo così disequilibrzato è chiaro che al lettore da tutt'altra impressione.
Del resto, i titolisti sembrano, neanche tanto ultimamente, il fianco molle delle già molli redazioni on-line.
Andando velocemente a memoria, ricordo che la guardia di finanza contro gli evasori fa controlli a tappetto, o che twitter cinghetterà in italiano (al lancio della versione nostrana), o questo.
Errata corrige doppio al commento 34.
Errata 1: Però il titolo dell'articolo
Corrige 1: Infatti il titolo dell'articolo
Errata 2: al lettore da tutt'altra
Corrige 2: al lettore dà tutt'altra.