skip to main | skip to sidebar
3 commenti

Il meme della settimana: Trollface

Credit: Carlos Ramirez
L'avete sicuramente vista in giro da qualche parte in Rete, nei giochi, nei film e in alcune campagne pubblicitarie: è la trollface, la “faccia da troll” (a volte chiamata anche coolface): un volto disegnato approssimativamente, con un enorme sorriso beffardo e gli occhi socchiusi. È talmente popolare da essere diventata un meme che praticamente tutti gli internauti riconoscono come simbolo di “datti una calmata, ti stavo prendendo in giro, non facevo sul serio”.

Ma a differenza di molti memi della Rete, la trollface ha un'origine che è nota con precisione e soprattutto non è affatto liberamente utilizzabile ma è vincolata dal diritto d'autore.

L'autore in questione, fra l'altro, ha anche incassato una discreta cifra in diritti. Si chiama Carlos Marcio Ramirez, in arte Whynne, e ha creato la trollface con Microsoft Paint per divertimento, all'età di 18 anni, pubblicandola inizialmente sul sito 4chan il 19 settembre 2008.

Il volto sorridente è piaciuto agli altri membri di 4chan, che l'hanno diffuso in tutta Internet usandolo per indicare un personaggio molto specifico e tipico di Internet: chi scrive una castroneria convinto di avere ragione ma viene poi sbugiardato pubblicamente e per cercare di salvarsi la faccia dice che stava facendo una provocazione ma non è stato capito.

Ramirez non raccontò a nessuno, a parte la sorella, di essere l'autore di una delle immagini più usate e abusate della Rete. Un bel giorno la sorella si fece scappare il segreto di fronte ai genitori, che la presero benissimo: anzi, la madre di Ramirez dipinse una trollface su uno dei muri esterni della casa dove abitava tutta la famiglia. Cosa più importante, lo incoraggiò a depositare il disegno presso il Copyright Office statunitense nel 2010. Da allora i diritti di utilizzo della trollface gli hanno fruttato oltre centomila dollari. Mica male per uno scarabocchio fatto con Paint una sera tardi.


Fonti: Know Your Meme, Kotaku.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (3)
Pensavo fosse "the mask", sai, quello con la faccia verde... quando fa il ghigno è proprio uguale.
Piccolo refuso, ultimo capoverso: "[...] che la presero benissimo: anti, la madre di Ramirez [...]". "Anti" al posto di "Anzi". Ciao :)
se vengono a saperlo quelli di 4chan, altro che 100 mila euro. Lo annientano.