skip to main | skip to sidebar
5 commenti

La Stazione Spaziale Internazionale mezz’ora fa nel cielo di Lugano


Sembra incredibile pensare che lassù, tra le stelle, c'è una casa nella quale abitano sei persone. Sembra ancora più incredibile che io, come milioni di altre persone, possiamo vederla, fotografarla e condividerne la bellezza in tempo reale. E magari sperare che i suoi occupanti, tramite la labile connessione a Internet della Stazione Spaziale Internazionale, possano vedersi come li vediamo noi, e rendersi ancora più conto di quali cose meravigliose stanno facendo.


Note tecniche: foto scattate in RAW con una reflex Canon 550D, obiettivo 16 mm, ISO 100 f/3.5, 30 sec di posa, messa a fuoco manuale, su treppiedi ma senza telecomando (si nota purtroppo il tremolio dovuto alle vibrazioni del dito sull'obiettivo), elaborate brevemente per esaltarne luminosità e dettagli.



Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (5)
100 miliardi di euro per una riga in un cielo stellato, mi sembra un buon investimento =)

Scherzi a parte, sarebbe da verificare se con quei soldi non si poteva perseguire progetti più interessanti e con ritorni economici maggiori... Ma questa è un'altra storia

Altra cosa: il tremolio all'inizio della striscia è quello del dito (sul pulsante di scatto, non sull'obiettivo, immagino), ma poi c'è un altro tremolio, o hai tenuto le mani sulla macchina tutto il tempo e non capisco perché o c'era la stabilizzazione ottica dell'obiettivo attiva, in questi casi disattivala sempre. Altro suggerimento: imposta 30s di esposizione e poi fai partire lo scatto con l'autoscatto, così che eviti le vibrazioni date dalla mano umana. Rimangono quelle dello specchio che si alza, dovrebbe essere possibile impostarlo già aperto e quindi far partire lo scatto in modo del tutto silenzioso (non garantisco ci sia sulla 550)
Belle foto!
Mi permetto un consiglio, magari scontato.. Se non hai il telecomando, puoi usare l'autoscatto per evitare il micromosso da dito. In tante reflex c'è il countdown di soli 2'', fatto apposta per questo scopo. Volendo spingersi oltre, si può anche sollevare in anticipo lo specchio per evitare ulteriori vibrazioni indesiderate.
Sai che un telecomando artigianale per la Canon 550D si può improvvisare in 5 minuti sacrificando un cavetto con connettore jack stereo da 2.5mm? (un quarto d'ora se si ha il connettore da saldare)

Lo schema è facilissimo: http://www.doc-diy.net/photo/remote_pinout/
Tutti,

grazie dei consigli: ho il telecomando e so come impostare la fotocamera; stavolta ero di corsa e non ho avuto il tempo di configurarla. Ritenterò stasera, con più tempo a disposizione.
Metodo arcaico ma sempre valido: per tempi di posa così lunghi (secondi o minuti) si può coprire l'obiettivo con un cartoncino nero durante lo scatto e poi toglierlo subito dopo.