skip to main | skip to sidebar
8 commenti

Come seguire il rientro di Samantha Cristoforetti l’11 giugno

L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Foto ISS043E174193
Samantha Cristoforetti rientrerà sulla Terra insieme a Terry Virts e Anton Shkaplerov giovedì 11 giugno. L'atterraggio in Kazakistan è previsto per le 13:43 GMT (15:43 italiane; 19:43 ora del Kazakistan).

Le operazioni di rientro verranno trasmesse in streaming da NASA TV a partire dalle 10:40 EDT (14:40 GMT; 16:40 italiane) di mercoledì 10 giugno, quando l'americano Terry Virts, attuale comandante della Stazione, cederà il comando al cosmonauta russo Gennady Padalka.

L'ESA, invece, trasmetterà il rientro in streaming a partire dalle 13 GMT (15 italiane) dell'11 giugno qui su Livestream.

Anche AstronautiCAST effettuerà una diretta in streaming in italiano a partire dalle 14:15 italiane dell'11 giugno.

La Rai trasmetterà alcune fasi del rientro su Rainews24 e e Rainews.it.

Sempre l'11 giugno, a partire dalle 2:30 EDT (6:30 GMT; 8:30 italiane), verrà trasmesso da NASA TV il saluto degli astronauti ai compagni che resteranno a bordo, seguito dalla chiusura del portello, prevista per le 2:55 EDT (6:55 GMT; 8:55 italiane).

La Soyuz TMA-15M che verrà usata per il rientro.
Fonte: ESA
Alle 6:00 EDT (10:00 GMT; 12:00 italiane) inizierà la trasmissione dello sgancio della capsula Soyuz di Sam, Terry e Anton dalla Stazione Spaziale Internazionale, previsto per le 6:20 EDT (10:20 GMT; 12:20 italiane).

Alle 8:30 EDT (14:30 italiane) inizierà lo streaming dell'accensione di rientro, prevista per le 8:51 (14:51 italiane) e seguita dall'atterraggio alle 9:43 EDT (13:43 GMT; 15:43 italiane). Inizialmente (fino all'8/6) l'ESA dava un orario di atterraggio differente dalla NASA: le 13:54 GMT (15:54 italiane), ma il 9/6 anche l'ESA si è allineata agli orari annunciati dalla NASA.

Il volo di ritorno sulla Terra durerà in tutto poco più di 200 minuti.

Ho compilato la cronologia che segue unendo i dati ESA e NASA (IT indica l'ora italiana).


10 giugno

14:40 GMT (16:40 IT) Cerimonia del passaggio di comando


11 giugno 

6:30 GMT (8:30 IT) Inizio diretta dei saluti degli astronauti su NASA TV
6:55 GMT (8:55 IT) Chiusura portello Soyuz
10:20 GMT (12:20 IT) Sgancio della Soyuz dalla Stazione
12:51 GMT (14:51 IT) Accensione di rientro
13:18 GMT (15:18 IT) Separazione dei moduli della Soyuz
13:28 GMT (15:28 IT) Apertura del paracadute
13:43 GMT (15:43 IT; 19:43 in Kazakistan) Atterraggio


Il ritorno dei tre astronauti avverrà, secondo i conteggi ufficiali della NASA, dopo 199 giorni (200 secondo i conteggi dell'ESA), consentendo quindi a Sam di aggiudicarsi anche il record mondiale femminile di durata di una singola missione spaziale, finora spettante a Sunita Williams con 195 giorni nel 2007. Secondo Collectspace, Sam sarà stata nello spazio per 199 giorni, 16 ore e 42 minuti.

Sam detiene già il record italiano maschile e femminile di permanenza singola, il record italiano di permanenza cumulativa nello spazio e anche quello di permanenza singola per un astronauta ESA (finora spettante ad André Kuipers con 192 giorni, 18 ore e 58 minuti). Sam è la cinquantanovesima donna astronauta e si piazza al 74° posto sui 538 uomini e donne che hanno volato nello spazio. Il record assoluto di durata per una singola missione spetta a Valery Polyakov (437 giorni, 17 ore e 58 minuti sulla stazione sovietica Mir nel 1995); il record assoluto di tempo complessivo trascorso nello spazio è di Sergei Krikalev, con oltre due anni nel corso di sei missioni; il record femminile cumulativo è di Peggy Whitson (376 giorni, che aumenteranno con il suo prossimo volo, previsto per marzo 2016). Ulteriori dettagli sugli altri record maschili, femminili, europei e internazionali di tempo trascorso nello spazio sono in questo articolo e su Astronautinews.

Lo sgancio della Soyuz segnerà l'avvio formale della Spedizione 44 a bordo della Stazione, sotto il comando di Padalka, che con l'americano Scott Kelly e il russo Mikhail Kornienko gestiranno l'avamposto orbitante fino a luglio, quando è previsto l'arrivo di un'altra Soyuz che porterà a bordo lo statunitense Kjell Lindgren, il russo Oleg Kononenko e il giapponese Kimiya Yui.

Fonti aggiuntive: NASA Media Advisory M15-088, ESA (anche in italiano).
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (8)
Ma verrà trasmessa anche una "visuale" dalla capsula durante il rientro (ovviamente fino a dove possibile data la perdita di contatti durante il rientro in atmosfera)? Grazie
Domanda (spero non stupida).

Il fatto che gli astronauti partano e arrivino sempre in tre deriva solo da fattori economici o la Soyuz non è "guidabile" con meno di tre persone?

O, forse, il motivo è che il viaggio sarebbe noioso in due? (magari gli astronauti non italiani non sono molto chiacchieroni quando "guidano" :-) )

Chiedo questo perché mi immagino il risparmio di peso di un astronauta potrebbe essere compensato dalla possibilità di trasportare del materiale aggiuntivo.
Guastulfo,

la Soyuz è guidabile in due, ma porta tre persone per distribuire i costi. Sarebbe uno spreco usare una Soyuz, abilitata al trasporto di persone, per portare cargo. Per quello c'è la Progress, c'è Dragon, c'è HTV.
Sarebbe uno spreco usare una Soyuz, abilitata al trasporto di persone, per portare cargo.

C'è poco da fare: la mentalità di chi è "a terra" (inteso come sulla Terra) cozza sempre con la logica dei voli spaziali.

Io tendo a dimenticare le maggiori difficoltà tecniche e, di conseguenza, i maggiori costi del volo umano nello spazio rispetto a quello dei soli oggetti.
Be', questo articolo su l'Espresso l'ha scritto qualcuno che sa di cosa si parla:

http://espresso.repubblica.it/visioni/2015/06/03/news/cosa-porta-a-terra-samatha-cristoforetti-1.215440?ref=HRBZ-1

Una volta tanto un po' di professionalità sulla stampa italiana.
@ pgc
"Una volta tanto un po' di professionalità sulla stampa italiana"
commento molto sottile ;-)
chi ha scritto l'articolo non è propriamente un giornalista de l'Espresso, se non è professionale lui...
Qualcuno conosce la velocità con cui la Soyuz tocca Terra? Sentendo come Nespoli racconta questa fase, più che atterrare secondo lui precipita! Potrei avere letto da qualche parte 5 m/s, è verosimile?
Diretta youtube di Link2Universe qui: https://www.youtube.com/watch?v=YnAbBo1G69U