skip to main | skip to sidebar
12 commenti

La Soyuz che trasporterà Samantha sposta la Stazione per errore, ma niente panico

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alla gentile donazione di “texos*” ed è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora.

Oggi poco prima delle 18 ora italiana le comunicazioni radio pubbliche fra la Stazione Spaziale Internazionale e la Terra si sono fatte di colpo più concitate del solito. Da Terra, specificamente dal Centro di Controllo statunitense a Houston, è giunto l'ordine di chiudere “ASAP” (as soon as possible, il più presto possibile) le ante protettive di tutti i finestrini della parte statunitense della Stazione. Il tono dell'ordine era decisamente perentorio.

A bordo della Stazione, il comandante Terry Virts ha provveduto prontamente e ha chiesto la ragione dell'ordine; da Terra hanno risposto laconicamente che c'era stata un'improvvisa e inattesa variazione d'assetto della Stazione e che il controllo d'assetto veniva trasferito alla sezione russa dell'avamposto. Qualcosa aveva spostato bruscamente la Stazione.

La perplessità dei controllori era evidente nelle loro parole: hanno detto esplicitamente a Virts che si stavano “grattando le teste” (“scratching our heads”) per cercare di spiegare la variazione d'assetto.

Il controllo d'assetto è stato restituito alla sezione statunitense della Stazione intorno alle 20:15 italiane e le ante protettive sono state riaperte.

Poco fa Spaceflight101 ha pubblicato la spiegazione dell'anomalia: è stata causata dall'accensione non prevista di uno dei motori di manovra della Soyuz TMA-15M, la navicella con la quale Samantha Cristoforetti, Terry Virts e Anton Shkaplerov torneranno a Terra l'11 giugno e nella quale stanno svolgendo le prove generali delle operazioni di sgancio e rientro.

Spaceflight101 dice che Roscosmos (l'agenzia spaziale russa) ha pubblicato un comunicato stampa (probabilmente questo) nel quale dichiara che l'anomalia si è verificata intorno alle 15:32 UTC (17:32 italiane) durante una prova standard dei sistemi di comunicazione radio del veicolo spaziale, che è agganciato alla Stazione. Non c'è e non c'è stato alcun pericolo per l'equipaggio. La NASA ha pubblicato uno scarno comunicato che dice sostanzialmente le stesse cose.

L'assetto normale della Stazione, che
viaggia nella direzione indicata dalla freccia
Secondo Spaceflight101, uno dei motori di manovra della Soyuz (o più di uno, secondo il comunicato NASA) si è acceso erroneamente per circa 30 secondi, e questo ha iniziato a far ruotare la Stazione, che invece deve viaggiare con un assetto ben preciso (mostrato nell'immagine qui accanto) per una lunga serie di ragioni. La rotazione è stata in parte compensata dai giroscopi della sezione statunitense e poi sono intervenuti i motori di manovra della sezione russa della Stazione, stabilizzando il suo assetto. L'ordine di chiudere le ante protettive è servito per impedire che il getto dei motori di manovra potesse contaminare i finestrini, dato che il propellente dei motori è corrosivo.

L'accensione imprevista ha causato una lieve variazione dell'orbita della Stazione; è in corso il rilevamento della nuova orbita, che potrebbe causare una leggera variazione negli orari di rientro della Soyuz e del suo equipaggio.

I tecnici russi a terra stanno ora studiando i dati dell'accensione anomala per identificarne la causa e per assicurarsi che il sistema di controllo della Soyuz non abbia problemi. Per ora l'ipotesi più accreditata è un'attivazione inavvertita del sistema di controllo d'assetto della Soyuz. Bocche cucite sulla causa (umana o automatica) dell'attivazione.


Aggiornamento (2015/06/10 00:45): Astronautinews ha pubblicato un bell'articolo sull'argomento. Ho chiesto lumi via Twitter all'astronauta canadese Chris Hadfield, che ha risposto che “quando si riaccende la Soyuz dopo 6 mesi è possibile attivare inavvertitamente il suo controllo d'assetto e accendere i motori di manovra” e comunque “non è stato causato alcun danno effettivo, è successo anche durante la Expedition 7, spreca un po' di propellente e basta, e la Soyuz ne ha in abbondanza”. Gli ho chiesto se “inavvertitamente” implica un errore umano (un pulsante premuto per errore) o un difetto dei sistemi e ha risposto che “è difficile dirlo, specialmente dato che avevano effettuato una manovra per evitare detriti il giorno precedente. I tecnici russi stanno verificando.” Staremo a vedere.


Aggiornamento (2015/06/10 02:20): Spaceflight101 ha aggiornato il proprio articolo con i dati orbitali raccolti nelle ultime ore, che indicano che l'accensione del motore di manovra ha variato l'orbita della Stazione in misura davvero minima: circa 140 metri in meno al perigeo e dieci metri in più all'apogeo.


Aggiornamento (2015/06/10 13:40): alle 13:33 italiane, Anton Shkaplerov ha discusso l'evento via radio con i controllori russi, parlando (stando alla traduzione simultanea dal russo all'inglese) di “errore di natura procedurale”, di un “tipico errore procedurale”, di un indicatore disabilitato e di un'accensione di un motore di manovra che è stata interrotta automaticamente dopo circa 38 secondi. La situazione, dice, è stata “generata dall'hardware”. Nessun accenno a ipotetici errori da parte dell'equipaggio.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (12)
Giust'appunto, vedendo il video dell'altro articolo in cui Samantha diceva che le piaceva dormire fluttuando liberamente, mi chiedevo cosa sarebbe successo in caso di variazione non prevista d'assetto. Meno male che non l'ho scritto tra i commenti di là altrimenti mi sarei preso del menagramo.

Cmq le studiano davvero tutte per incrementare ulteriormente i record di permanenza di Samantha nello spazio.

Ps: se c'è stato un errore umano mi piacerebbe sapere cosa si prova a mettere a repentaglio uno se non il più grande megaprogetto (passatemi la traduzione di "megaproject") mai realizzato dall'umanità. Poi mi piacerebbe sapere cosa si prova ad aver partorito delle procedure che hanno permesso che ciò accadesse.
Porca miseria :| :|
"E’ certamente una coincidenza curiosa che l’incidente sia avvenuto durante alcuni lavori di preparazione e configurazione della Soyuz TMA-15M per il viaggio di rientro."

Modo molto elegante per puntare il dito in una direzione ben precisa ihhihi
Da quello che leggo sembra che in caso di accensione per errore dei motori della Soyuz, e dei motori della stazione per compensare, non sia previsto alcune segnale a bordo che dica agli astronauti cosa sta succedendo e di chiudere gli sportelli, il comando deve essere dato a voce. Non sembra neanche che sia prevista una chiusura automatica degli sportelli o magari remota.
O_O senza parole! immagino siano stati dei momenti parecchio concitati!
è vero che l'errore può capitare a chiunque e in qualsiasi momento...ma i Russi ultimamente stanno collezionando una serie di "sfighe" allucinanti!!
Domanda provocatoria, Paolo...com'è la reputazione dell'Agenzia russa in questo momento? Cosa si dice di loro tra voi che siete "dell'ambiente"
Forse sarebbe meglio tradurre il re-powering del tweet con quando si ridà corrente?

Almeno io ho capito così dal tweet: la Soyuz è stata senza corrente per sei mesi e, quando hanno premuto il tasto ON (o hanno attaccato la spina dela Soyuz ad una presa dell'ISS) si sono accesi i razzi.
Matteo,

com'è la reputazione dell'Agenzia russa in questo momento?

Non ho sentito commenti particolari, né positivi né negativi. Credo ci sia anche un certo spirito di squadra: non critico te perché so che la sfiga potrebbe domani toccare a me.
Paolissimo, semi-OT. Leggevo negli articoli dei "giornalettisti" che in tutto questo tempo Sam avrebbe "perso peso" (e vabbè!). La mia domanda è: come si misurano le masse in orbita? Per oggetti "piccoli", negli esperimenti immagino con un dinamometro, o con una centrifuga... Ma la massa dei singoli astronauti sulla ISS come si computa? Se lo sai sei fi*o!
Grazie, Andrea
Paolo: quella si chiama scaramanzia :D
Andrea,

per misurare il peso (e ripeto: il peso) degli astronauti della ISS si usa lo SLAMMD.
Ciao Paolo,
Focus.it ti accredita come “primo in Italia a riportare l'evento”. Grazie!
http://www.focus.it/scienza/spazio/la-soyuz-attraccata-alla-stazione-spaziale-si-accende-accidentalmente
Il che non è vero.

Paolo è in Svizzera. :)