skip to main | skip to sidebar
36 commenti

Le macchie brillanti di Cerere continuano a stupire

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alla gentile donazione di “luca88feltre*” e “andrea.cob*”. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora.

Credit: NASA/JPL-Caltech/UCLA/MPS/DLR/IDA

La NASA ha pubblicato una nuova immagine delle macchie straordinariamente brillanti avvistate sulla superficie del pianeta nano Cerere dalla sonda Dawn, che ora si trova a circa 4400 chilometri da questo piccolo mondo. La nuova foto, scattata quattro giorni fa, offre una risoluzione maggiore delle precedenti (questa è a 410 metri per pixel) e permette di vedere che le macchie sono composte da numerosi punti luminosi raggruppati, ma la loro natura resta sconosciuta. L'opinione scientifica prevalente è che si tratti di ghiaccio, anche se non si esclude l'ipotesi che si tratti invece di sale, secondo il comunicato della NASA.

Per dare un'indicazione di scala, il cratere che contiene le zone luminose è largo circa 90 chilometri.

La sonda Dawn osserverà Cerere e i suoi misteriosi bagliori ancora più da vicino a partire dal 28 giugno, quando scenderà progressivamente per arrivare ai primi di agosto a 1450 chilometri di distanza e poi scendere ancora fino a 375 chilometri. Chissà se a quel punto si capirà, magari grazie agli altri strumenti di bordo, cosa c'è di così brillante su questo mondo situato fra Marte e Giove.

È comunque affascinante pensare che siamo in grado di mandare un robot a 326 milioni di chilometri dalla Terra (questa è l'attuale distanza di Cerere secondo Wolfram Alpha), riceverne foto così dettagliate e disseminarle immediatamente in tutto il mondo. E come se non bastasse, possiamo anche combinare queste immagini con i dati altimetrici per ottenere una bellissima animazione tridimensionale dell'intero pianeta nano.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (36)
Adesso passerò per il solito rompic**** però... la spettografia no perché è ancora troppo lontano e cmq ci sono una serie di problematiche (grazie pgc per la spiegazione), ma almeno una foto dico una con un'esposizione più breve no? In tutte le foto le macchie sono completamente bucate, sottoesponendo si potrebbe apprezzare dei dettagli altresì impossibili da vedere in quella che attualmente sono delle chiazze completamente bianche. Nemmeno questo possono fare?

Anche perché, al di là di tutto, bisognerebbe considerare la malaugurata eventualità che si manifesti un problema con la sonda... io onestamente cercherei di portare a casa qualche informazione in più, dato che si tratta di un mistero che tra l'altro ha raggiunto il grande pubblico. Se alla fine non riescono a dare una risposta fanno la figura dei cioccolatai.
Fx, credo che alla NASA sappiano quello che fanno. Più di noi che commentiamo qua di sicuro.
Si, lo sanno perfettamente: tengono l'hype alto, tant'è che sul loro sito puoi votare che cosa sono i punti bianchi secondo te. Farò dietrologia ma con gli strumenti che hanno a disposizione ed essendo arrivati in orbita stabile volessero potrebbero risolvere il mistero subito, ma il mistero alimenta l'attenzione da parte del pubblico e quindi se rimanere tale ancora un po' non è male.
Fx,

non avendo idea di come sia organizzato il flight planning di una sonda, in una missione del genere, fossi in te mi asterrei di fare ipotesi del genere.
Ti assicurò che non esiste una sola persona coinvolta che si azzarderebbe a fare anche solo una ipotesi del genere (ritardare osservazioni decisive per tenere l'hype alto) seriamente. Credimi.
"Sono pannelli solari sul tetto di una casa di alieni."

https://pbs.twimg.com/media/CHJWwt7WgAAaEYT.png:large
No, ovviamente non dico quello, tuttavia lasciami esporre gli elementi che ho in mano:
1) la sonda trasmetterà tonnellate di dati, di questi viene pubblicata una piccola selezione
2) non vado nemmeno a cercare ma sono pronto a scommettere che la camera impiegata fa scatti a ben di più di 8 bit per canale, quindi ammesso e non concesso non vi siano scatti con un'esposizione più breve (logica vuole che se è una missione scientifica e se gli spot hanno un valore scientifico allora cerchi di ottenere delle informazioni aggiuntive a riguardo, anche solo con una fotografia a esposizione ridotta) in ogni caso hai comunque più informazioni di quelle che mostri
3) lo spettometro di bordo ha risoluzione adeguata per effettuare rilevamenti sugli spot - sono grossi, dopotutto
4) nella stessa pagina che Paolo ha linkato in questo articolo ci sono altre foto tra cui una mappatura dell'emisfero nord con lo spettometro ad infrarossi. Dall'altra parte rispetto a dove sono gli spot
5) il responsabile di missione si è sbilanciato parecchio su cosa potrebbero essere, ovvero ghiaccio. Dubito che uno scienziato si sbilanci così senza avere informazioni precise, seppur non definitive, a riguardo
6) questa pagina http://www.jpl.nasa.gov/dawn/world_ceres/ è un'operazione commerciale bella e buona che non ha niente a che vedere con la scienza. Non ci sono opinioni o scommesse, non siamo mica a un programma della D'Urso dove si decide il colpevole del fatto di cronaca sulla base delle chiacchiere da bar. Questa è un'operazione volta a ottenere visibilità. Fanno bene, per carità (semplifico: + visibilità, + potere contrattuale quando chiedi finanziamenti), ma se mi dici che non lo sanno già cosa sono beh, non ci credo.

Cmq lo vedremo tra qualche mese, vedremo se non viene fuori che c'erano già rilevamenti decisivi a quest'epoca.
Ho fatto due ricerche per curiosità per vedere se si trovavano immagini non elaborate provenienti dalla sonda ma ovviamente nisba.

In ogni caso ho trovato (per caso, da tutt'altra parte rispetto ai link ufficiali NASA / ESA) le specifiche della framing camera. Il sensore è un CCD Atmel/Thomson TH7888A e i pixel sono "digitized to 14-bit depth". Ho scaricato il TIFF e anche quello è a 8 bit. E non è una questione di compressione (anche perché avere la massima profondità di colore possibile è fondamentale).

http://sbn.psi.edu/archive/dawn/fc/DWNVFC2_1A/CATALOG/fc2_instrument.cat
Scusate la domanda stupida, ma se non ho capito male quella sonda farà 3000 chilometri in un mese e mezzo, vale a dire 500 la settimana, ovvero 500 / 7 / 24 = 2,97619047619km/h, cioè, 3 chilometri all'ora? Perché va così piano?
Per sfizio mi sono scaricato un po' di immagini arrivate da Dawn:

http://sbn.psi.edu/archive/dawn/fc/downloads/DWNVFC2_1A/

ne apro una a caso:

INTERCHANGE_FORMAT = BINARY
LINE_SAMPLES = 1024
LINES = 1024
BANDS = 1
SAMPLE_BITS = 16
SAMPLE_TYPE = "LSB_UNSIGNED_INTEGER"
FIRST_LINE = 17
FIRST_LINE_SAMPLE = 35
UNIT = "DU"
INST_CMPRS_NAME =
"SET PARTITIONING IN HIERARCHICAL TREES (SPIHT TAP)"
INST_CMPRS_RATIO = 3.26
INST_CMPRS_TYPE = "LOSSLESS"

sample_bits: 16

a quanti bit sono disponibili le tiff (che cmq non sono disponibili sui siti NASA / ESA)? 8

sono disponibili gli archivi relativi a Ceres? no.

signori della giuria, non ho altre domande :D
@ andy

"Perché va così piano?"

Perché sta orbitando attorno a Ceres e si sta avvicinando a cerchi concentrici, forse?
@ Fx

"signori della giuria, non ho altre domande :D"

NON farle alla NASA/ESA, allora... ;)
Perché sta orbitando attorno a Ceres e si sta avvicinando a cerchi concentrici, forse?

Ahhhh, ecco.... lo sapevo che mi dovevo essere perso qualcosa. Grazie. :-)
Paolo ma come fai ad essere così illuso e romantico? Come fai a non indignarti di fronte a tutti i fatti illustrati e dimostrati dallo specialista di missione Fx? Svegliaaaaaa ;)
attenzione: Fx non ha tutti i torti.

In parecchi sono un po' perplessi riguardo alla gestione della missione e ad una certa apparente "segretezza" nel far circolare informazioni (cosa che alimenta tra l'altro i complottismi più beceri).

Per esempio non è chiaro perchè le foto dei bright spot continuano ad essere sovraesposte.

Tuttavia abbiamo pochissime informazioni su cui basarci, e dedurre da queste che ci siano informazioni nascoste e soprattutto QUALI è secondo me grandamente prematur o e ingiustificato.
qui alcune spiegazioni sull'uso della VIR e sull survey orbits flight plan (piano di volo delle orbite per la mappatura completa del pianeta).

http://dawnblog.jpl.nasa.gov/2014/05/31/dawn-journal-may-31/

Stranamente, in alcuni altri siti (seri) che rielaborano su questo testo la parte relativa all'uso di VIR è stata cancellata (Ok: questo dà spazio ai complottismi, ma non me ne importa niente).
Pgc
posso capire tutto... ma ci sono talmente tante spiespiegazioni... allora troviamo malafede in qualsiasi cosa per qualsiasi motivo. Perchè non potrebbe essere che l'albedo di cerere è così basso per cui foto meno esposte non mostrerebbero la superficie circostante del pianeta oppure non mostrerebbero così tanta differenza in luminosità? Inficiando la "pubblicabilità" in una fase della missione dove le certezze sono ancora ben lontane? Perchè iniziare una discussione con una dichiarata faziosità di fondo?
Spesso mi sembra di notare in certi atteggiamenti una certa dose di "complottismo" mascherato da intelligenza forse sopra la media, ottima dialettica, quantomeno apparente buone conoscenza dell'argomento trattato.
posso capire tutto... ma ci sono talmente tante spiespiegazioni... allora troviamo malafede in qualsiasi cosa per qualsiasi motivo. Perchè non potrebbe essere che l'albedo di cerere è così basso per cui foto meno esposte non mostrerebbero la superficie circostante del pianeta oppure non mostrerebbero così tanta differenza in luminosità?

ad esempio perchè se cerchi su questo blog vedrai che ho fatto dei conti per mostrare che non è così... :)

Comunque, famo a capisse: ci sono tanti modi sbagliati di avvicinarsi alla scienza. Per esempio:

(1) accettare supinamente qualsiasi informazione ricevuta "da chi ne sa più di noi", senza alcuna valutazione in merito. Noioso e poco utile.
(2) porsi e porre delle domande. Si può venire classificati rapidamente come scocciatori, ma costringe a rispondere.
(3) porsi e porre delle domande e darsi delle risposte, pur non essendo un esperto in materia. Questo è un atteggiamento di supponenza, che non tiene conto degli unknown unknown, cioè di tutto ciò che non siamo in grado nemmeno di SOSPETTARE che esista.

Sia gli atteggiamenti (1) che (3) sono a mio parere negativi. La cosa giusta è quella di porsi e porre domande, e di vagliare con rigore ma anche modestia la qualità delle risposte. Ma questo richiede del lavoro intenso a priori (= studio), cosa che spesso non viene fatto.

Nel caso di Ceres-Dawn chi trae conclusioni secondo me non sa e/o non intende che i piani di volo di una missione del genere hanno una quantità di vincoli spaventosa. Dawn non è una macchina fotografica con attaccato un motore, ma un complesso set di strumenti che viaggia a velocità elevatissime, in solitudine in un ambiente ostile e a grande distanza dagli operatori. Un errore banale può significare perdere la sonda per sempre, come già accaduto in passato.

Questo richiede la pianificazione di tutte le possibilità con grande anticipo e tenendo conto di tutto ciò che può andar male secondo un "albero" probabilistico estremamente complesso, messo a punto in decenni di missioni planetarie e non. Inoltre, la Science camera e lo spettrometro infrarosso VIR hanno precisi vincoli operativi. Per esempio o funziona uno, o funziona l'altro. Anche trasmettere una stringa di comandi nasconde rischi. Ultimamente per es. Dawn ha "mancato" un comando trasmetto ma non acquisito. Il risultato? La sonda è andata in safe mode quando si è accorta che nel registro dove ci doveva essere un dato non c'era nulla, con un ritardo di diversi GIORNI nel programma di volo e con un attimo di panico.

Questo dimostra, se ce ne fosse bisogno, che anche cambiare un parametro come il tempo di esposizione non è affatto esente da rischi.

Il piano di volo è questo, e tale rimarrà, a dispetto di tutti coloro che vorrebbero sapere che @#$! è quella roba bianca.

Ma ripeto: porsi delle domande e mettere alla prova la capacità di rispondere a determinati quesiti ha un lato positivo: quello di contribuire a mettere continuamente alla prova le nostre credenze, i nostri istinti. Per questo ringrazio comunque Fx per avere sollevato il problema, invece di limitarmi a dire che si comporta come un complottista (che comunque un po' è vero... :) ).

Una cosa la so. Ceres c'è.

Forse è solo schiuma...
per dissuaderci da ipotesi complottiste, in aggiunta a quanto dice giustamente pgc,
"Questo dimostra, se ce ne fosse bisogno, che anche cambiare un parametro come il tempo di esposizione non è affatto esente da rischi. "
direi anche che qui, con i piedi per terra, tante volte azzeccare l'esposizione giusta non è facile, figuriamoci in quelle condizioni estreme e senza una Samantha che fotografa direttamente!
Pgc
il mio era un'esempio come un altro, perchè, a mio parere, non ci sono troppe possibilità di giudicare la bontà di una missione spaziale a meno di non essere un addetto ai lavori della stessa. I tuoi conti non li ho visti, ma trovo comunque difficile assimilare delle conclusioni tratte da una persona che non c'entra niente con una missione, a quelle tratte da uno specialista che ci lavora, magari da tutta la vita.
Io le domande me le pongo, ma non nel modo fazioso in cui spesso vengono poste da taluni personaggi. Avanzare domande sapendo già dove si vuole arrivare è poco costruttivo.
Seguendo i ragionamenti di Fx non avremmo dovuto neanche sapere, per esempio, dell'imperdonabile difetto di Hubble fino, almeno, alla sua correzione. Io non credo in una gestione dell'hype così faziosa come vuole farci credere Fx. Non credo neanche alla "censura" che, mi sembra, stiate ipotizzando.
È ovvio che le informazioni sono una caterva, e quelle che passano servono per tirare acqua al proprio mulino. Proprio per questo motivo credo che se le centellinano è anche per non pisciare fuori dal vaso e non dover affrontare delle rettifiche. Forse si sta confondendo troppo la scienza con il web degli ultimi anni.
(1) accettare supinamente qualsiasi informazione ricevuta "da chi ne sa più di noi", senza alcuna valutazione in merito. Noioso e poco utile.
(2) porsi e porre delle domande. Si può venire classificati rapidamente come scocciatori, ma costringe a rispondere.
(3) porsi e porre delle domande e darsi delle risposte, pur non essendo un esperto in materia. Questo è un atteggiamento di supponenza, che non tiene conto degli unknown unknown, cioè di tutto ciò che non siamo in grado nemmeno di SOSPETTARE che esista.

Sia gli atteggiamenti (1) che (3) sono a mio parere negativi. La cosa giusta è quella di porsi e porre domande, e di vagliare con rigore ma anche modestia la qualità delle risposte. Ma questo richiede del lavoro intenso a priori (= studio), cosa che spesso non viene fatto.


Molto vero. D'altra parte però a un certo punto è d'obbligo fidarsi dell'interlocutore esperto. Altrimenti, per risponderti lui dovrebbe risalire ad Adamo ed Eva, ovvero rifarti sul momento (momento che diventerebbe assai lungo) un corso di laurea PIU' la specializzazione PIU' la sua esperienza professionale su quel tal argomento.
Non è scandaloso, arrivati a un certo punto dell'analisi critica (purchè sia stata critica sul serio), fidarsi di un interlocutore affidabile. Il problema è che sia veramente affidabile; e soprattutto (ciò che manca nel complottismo da Youtube) saperlo riconoscere come tale. Il vecchio criterio di san Tommaso filosofo (essere certi che l'interlocutore sa il fatto suo e non ci vuole ingannare) è corretto ma richiede occhi aperti e sale in zucca.
"Non credo neanche alla "censura" che, mi sembra, stiate ipotizzando."

ehi un attimo: se leggi quello che ho scritto non ho mai ipotizzato che Fx avesse ragione, anzi, sono stato il primo a contraddirlo!

Tuttavia porsi domande ha un suo lato positivo se realmente "vogliamo bene" alla scienza e siamo naturalmente curiosi. Fx per esempio ci ha permesso, con le sue ipotesi, di indagare un po' più e meglio, e di sapere magari qualche cosa in più sulla missione.

In molti casi su questo blog ho notato che alcune nozioni di base vengono accettate per principio di autorità. Anche quando - ed è questo il punto - una verifica può essere compiuta con le competenze di un liceale e qualche numero preso da fonti accessibili a tutti. Tutto qui.
tanto per concludere il discorso, non ci sarebbe nulla di strano che "la NASA" non distribuisca dati e foto immediatamente. Si tratta dell'"embargo", che viene applicato abbastanza spesso non solo per le missioni spaziali ma anche per esempio per dati astronomici per periodi fino a 1-2 anni: i project scientists dei vari strumenti e tutti gli enti finanziatori fanno un accordo per dare tempo ai vari gruppi che hanno dedicato tempo e risorse alla missione di fare le loro analisi prima che i dati o le foto siano accessibili ad altro. Nel caso di Rosetta, per esempio (che però è una sonda ESA) l'embargo ha impedito di divulgare le foto a colori disponibili da mesi.

Quello che è impensabile è che l'embargo venga attuato di nascosto, con il preciso scopo di elevare l'attenzione intorno ad un risultato scientifico. Non ha senso, anche perchè i dati vengono assegnati secondo precisi accordi presi magari 10 anni prima, a chi ne è il "proprietario" e tutto si svolge secondo policy stabilite con grande precisione.
Scusate, faccio una piccola digressione che forse aiuta a capire il mio pensiero e il mio tono.

Rilevo - e condivido - un'infilata di indizi che mi fanno pensare che alcune informazioni potenzialmente determinanti per svelare questo mistero siano già in mano del team ma vengano mantenute riservate. Piccola nota: in questi casi mi sforzo di trovare anche elementi che vadano in direzione opposta a quella che in quel momento mi sembra la tesi più accreditata, se non ci riesco è a) perché non ci sono b) per limite mio. In ogni caso io ci provo perché mi interessa avere una tesi, non un dogma. Non è detto ci riesca, per carità, ci si prova.

Una ragionevole ipotesi che stiano tenendo il mistero tale oltremodo suscita due tipi di reazioni ben distinte:
1) da amante della scienza, mi fa girare i coglioni. E mi girano duro, da qui il tono - antipatico, tranciante, fate vobis
2) da professionista, massima stima. Se davvero fosse così e se davvero lo stessero facendo per tenere alta l'attenzione su una missione della quale altrimenti la massa se ne sbatterebbe altamente le palle, beh, meritano una medaglia. E' così che si fa comunicazione.

Quindi riassumo. Rilevo che ci sono degli indizi che puntano in una direzione. Ipotizzo una motivazione logica e credibile in particolar modo per un'agenzia spaziale, la NASA, da qualche anno a questa parte molto attenta alla comunicazione e sempre alla ricerca di visibilità (hanno finalmente capito che + visibilità = + potere contrattuale quando cerchi contributi - o cerchi di arginare i tagli).

E' un complotto? A me sembra solo capitalizzare un'opportunità, fare comunicazione come andrebbe fatta, non mi sembra di aver fatto ipotesi strampalate.

Ricordo che ho "pensato male" anche al primo tentativo di atterraggio del primo stadio del Falcon 9, quando Musk ha detto che non c'erano riprese perché era buio e c'era la nebbia. Perché il buio non lo sapevi prima che c'era? La nebbia passi, però il buio... e com'è finita? Le riprese sono saltate fuori, e il buio non creava nessun problema, e la nebbia non c'era. E HA FATTO BENE, perché così in quel momento ha tenuto focalizzata l'attenzione sul raggiungimento dell'obiettivo della missione.

Ciò non significa che abbia ragione di nuovo.

Significa che però se faccio delle ipotesi e le condivido argomentando, forse è più utile ragionare su quelle (per me in primis) piuttosto che questionare se sono un complottista o se non capisco una sega. A me hanno insegnato un principio molto semplice: avere le proprie idee, ma se c'è un'idea migliore allora cambiare idea.

Se mi date un'idea migliore, dal mio punto di vista inerzia zero. Cambio istantaneamente la mia. Però parliamo nel merito, non giusto per rompere i coglioni. Tanto che ti sto sul culo hai già avuto modo di dirlo o farlo capire più volte, piantala di battere i piedi per terra (parlo ovviamente con Paolo Alberton). Lo so, posso essere irritante, e tu ci caschi (*) perché cerchi di attaccarmi ma senza aver argomentazioni nel merito, tant'è che ti fermi ai soliti attacchi ad hominem.

*: l'ho scritto in modo provocatorio ma in realtà non è che lo faccio apposta, però in ogni caso il risultato è che ti suscito una reazione che è avventata perché poi non sei in grado di sostenere la discussione nel merito
(continua)
Permettimi di darti un consiglio serio, anche se so già che non lo seguirai assolutamente a) perché viene da me b) perché comunque sarebbe difficile da seguire. Fino a che siamo in questo contesto lasciarsi influenzare dalla simpatia o dalla antipatia, dalla forma, dal modo, beh, non cambia niente. Si chiacchiera e finita lì. Nella tua vita ti capiterà sicuramente di fare delle scelte in condizioni anche critiche, con forti tensioni emotive, magari contrasti. Se in quelle circostanze riuscirai a tenere focalizzata l'attenzione sulla sostanza e evitare con tutte le tue energie di essere influenzato, anche in parte, da forma o da modo beh eviterai grandi disastri. Ti auguro di riuscirci: quelle di cui parliamo qui sono stronzate, un domani sarai chiamato a fare scelte determinanti per la tua vita.


pgc: modificare i dati di esposizione non sarà privo di rischi ma anche non fare niente lo è. Nel caso in cui la sonda abbia un problema improvviso poi non puoi dire "eh, ma il piano di volo non lo prevedeva". Potresti forse dirlo non fosse diventata cosa di pubblico dominio.

In ogni caso ripeto nuovamente: ANCHE SENZA CAMBIARE i tempi di esposizione della framing camera, con immagini a 16 bit e sensore a 14 hai un'immagine con profondità di colore sufficiente per apprezzare dettagli anche laddove hai l'immagine completamente bucata. Perché invece forniscono immagini convertite con le LUT standard?

Inoltre: non sto dicendo che i pacchettoni debbano essere distribuiti subito, o che l'embargo venga attuato di nascosto. Dico che centellinano le informazioni che rilasciano AL PUBBLICO, sui siti che ha linkato Paolo, i quali non sono per gli addetti ai lavori ma per tutti.
Fx
tu semplicemente dai per scontato che la tua idea sia migliore delle altre. Senza considerare mille altri possibili motivi per i quali le informazioni non vengono passate. Perchè annunciare la risoluzione di un mistero con i dati disponibili quando c'è la possibilità, magari piccola, che con gli ulreriori dati prese da distanze molto minori, la soluzione venga ribaltata o semplicemente cambiata? perchè non vuoi neanche considerare il fatto che chi lavora su questo mistero non voglia sbilanciarsi troppo con i dati a disposizioni e preferisca aspettare che questi vengano elaborati e integrati da informazioni migliori che verranno? Come fai ad essere così sicuro che gli indizi di cui parli portino all'unica e inconfutabile idea stiano nascondendo qualcosa?
Comunque non scomodarti a rispondermi ulteriormente. Ormai ho capito di che pasta sei fatto, e va bene così ;)
Fx, a prescindere da come la pensi, sarebbe gradita un'esposizione delle tue idee con toni più consoni al fatto che è un blog per famiglie.
La parolaccia ci sta, per carità, magari fa anche ridere. Quando diventa sistematica diventa pesante.

Grazie per l'attenzione.
Paolo (Alberton): si, se è per quello anch'io ho capito che sei un ragazzo e rispetto a me ti mancano 15/20 anni di esperienza, non per quello ti snobbo.

Tu mi rispondi con congetture, che valgono poco perché sono ipotesi non corroborate da nessun elemento, a una mia tesi che:
a) è sostenuta da argomenti
b) non è mai stata proposta come verità assoluta bensì come possibilità concreta sulla base degli argomenti e degli elementi raccolti

Permettimi di ribadirti il passaggio che ho già scritto: "avere le proprie idee, ma se c'è un'idea migliore allora cambiare idea". Allo stato attuale tu non hai un'idea migliore ma dato che ti sto antipatico (volevo usare un altro termine ma ho ascoltato la richiesta di Stupidocane) mi rispondi con un "che ne sai te". Io ne so poco, ma posso fare delle ragionevoli supposizioni anche sapendone poco. Mi spiego. Non sono un medico, ma se rilevo che hai una temperatura corporea più alta del normale posso dire che hai la febbre. Non so individuarne la causa, non so dirti la cura, ma fino a rilevare che c'è qualcosa che non va posso farlo anche se non sono un dottore.

Hai un'idea migliore? Tirala fuori. Servono quattro argomenti, non per forza buoni, migliori dei miei. Non hai un'idea migliore? Poniti in altro modo perché:
1) giochi a fare l'antagonista ma non hai delle buone carte da giocare
2) tu stesso mi riconosci "intelligenza forse sopra la media, ottima dialettica, quantomeno apparente buone conoscenza dell'argomento trattato" (che poi - usa la testa - secondo te uso intelligenza dialettica conoscenze per confezionare tesi all'apparenza verosimili e del tutto credibili ma in realtà confezionate ad arte per manipolare la vostra opinione. AHAH tipo i supercattivoni dei film che però al posto di usare le sue capacità per conquistare il mondo le usa per... fuorviare l'opinione di quella manciata di persone che segue Paolo AHAHA), quindi o ti riconosci qualità migliori o non mi sembri particolarmente furbo a cercare lo scontro frontale ogni volta.

Rispondi a questa domanda a te stesso (a me non interessa, sono saccente, so già la risposta hihi):

ti fossi stato simpatico, usassi dei toni diversi, avresti ascoltato con orecchio diverso le mie argomentazioni?

Ps: per inciso... io facevo la stessa cosa. Il trucco è un po' per volta riuscire a prenderne coscienza. Poi lo fai lo stesso, per carità, però con la consapevolezza che vai alla carica giusto per rompere le scatole =)
Sono anch'io del parere che Fx abbia ragione su diversi punti. Sono CERTO che la NASA abbia immagini non sovraesposte, anche perchè da qualche parte ho trovato una stima dell'albedo delle macchie, chen è qualcosa attorno al 40% (vado a memoria). Quindi hanno immagini non sovraesposte per stimarlo, punto.
Ma per sdrammatizzare un pò, io sono altrettanto certo che la NASA ci tenga nascoste informazioni essenziali - Ceres è in realtà la casa dei Flintstones, e Wilma è in casa!
Confrontatela con le macchie di Ceres... striking evidence! http://reclaimedhome.com/wp-content/uploads/2010/01/flintstoneshouse.jpg
Marco Bruno ed Fx,

la madre di tutti gli errori nel ragionamento di Fx è dire "la NASA", un po' come se si trattasse di un'organizzazione pseudomilitare :), che nasconde dati, che può far misure di nascosto, etc.

NON E' COSI'.

(1) I dati raccolti da Dawn o da qualsiasi altra sonda non sono di proprietà della NASA ma dei Principal Investigator, secondo quanto indicato nei contratti. Sebbene ci siano differente tra la gestione ESA e NASA delle sonde planetarie, nel caso di Rosetta, per esempio, il PI non ha acconsentito alla divulgazione delle foto a colori, e quindi SI SA PERFETTAMENTE che le foto esistono, ma non si possono pubblicare. ESA cioè non ha nascosto il fatto che le foto esistano, ma semplicemente ha detto "ci dispiace, il PI ha un anno per lavorarci visto il c**o che si è fatto, prima che anche altri ricercatori possano pubblicare usando quei dati". Se NASA non volesse divulgare foto esposte correttamente, direbbe "abbiamo la prova che si tratta di X, ma non possiamo/vogliamo divulgarle prima di avere fatto Y".

(2) il piano di volo viene discusso e ridiscusso continuamente. Ci sono quintali di presentations e minutes che lo dimostrano.

(3) ci sono fior di blog, come il Dawn Journal, dove uno straordinario Matt Rayman, Chief designer di Dawn, risponde con grande entusiasmo e solerzia a qualsiasi domanda posta dal pubblico. Se le prove esistessero - ovvero se la VIS Camera fosse stata già usata e avesse portato prove indiscutibili - l'avrebbe almeno annunciato

(4) ancora una volta, la VIS non può essere usata in concomitanza con la camera di navigazione, che peraltro è servita per il mapping necessario per affinare il posizionamento della sonda (che non usa più le stelle fisse, ma particolari "feature" orografiche del corpo celeste per la navigazioen).

Ora, ripeto, credo che sia un diritto sacrosanto sollevare dubbi, ma cerchiamo di capire che "la NASA" non è l'Air Force, ma un'organizzazione complessa di scienziati e tecnici di livello elevatissimo, interessati come noi e probabilmente più di noi a sspere. Nascondere, coprire la realtà, dire falsità, non fa parte del loro mestiere.

saludos
Fx
Grazie papà (cit. Fx) per avermi psicanalizzato e per volermi aiutare a risolvere problemi di ragazzino che mi affliggono. Grazie davvero.
P.s. da come hai portato avanti la discussione fino ad ora sembra tu non abbia capito, non voglia capire, o non voglia considerare il mio punto. Che viene molto prima di tutte le tue ipotesi e argomentazioni. Forse non mi esprimo abbastanza bene. Poco male. Ho sempre più chiaro di che pasta tu sia fatto, e va bene così.
pgc: d'accordo su tutto, io non ho affermato nulla di contrario. Le stesse cose sono state discusse abbondantemente su forumastronautico.it, con le stesse conclusioni.
Diamo tempo al tempo, ai PI di produrre papers in quantità, e speriamo appaiano su AirXiv.
Marco,

la storia dell'albedo è molto diversa: Chris Russell, Dawn PI, diede in marzo una stima dal 40% al 100%, suggerendo, al contrario, che vi è molta incertezza su quel valore e che questo limite inferiore si basa al contrario sul valore al quale satura la CCD e nient'altro:

"Now, we don't know what size it is, so we can't tell if the albedo is 40 percent, 60 percent, 80 percent or 100 percent, but it's probably in that range someplace." (da http://www.space.com/28776-nasa-dawn-ceres-russell-interview.html, ma stime analoghe da parte di esperti si trovano dappertutto).

Ancora una volta non c'è nessuna prova che esistano foto "segrete" di Ceres.

p.s. il motivo per cui insisto, invece di lasciare perdere come forse dovrei :) è che non trovo corretto accusare "la NASA" (aka i PI e tutti coloro che sono coinvolti in una missione fantastica come questa) di subordinare la pubblicazione dei risultati a problemi di "audience" senza alcun indizio o prova. E' questo che rende l'atteggiamento molto prossimo al complottismo... non che si metta in dubbio quello che dice "la NASA", ma che lo si faccia sulla base di interpretazioni, errori di interpretazione e citazioni sommarie di cose effettivamente dette.
Intanto pare che Philae si sia riattivato.
Speriamo che ci porti altre sorprese.

Anche per evitare che Stupidocane continui a bersi la famosa birra, dopo averne fotografata la schiuma, per controllare la somiglianza con le macchie bianche di Cerere, con la scusa che sennò andava buttata :-)
pgc: se mi dici che certe informazioni sono tenute riservate dal Principal Investigator, significa che è del tutto probabile che ci siano informazioni determinanti di cui non siamo a conoscenza. Tu dici "si ma allora avrebbero dovuto dire che hanno scoperto X anche se le prove verranno pubblicate più avanti". Per me no, perché per quanto ne so io qualsiasi team serio di scienziati fa un annuncio del genere laddove ha prove con un grado di affidabilità superiore a una certa soglia. Il che si incastra perfettamente con quanto è stato già dichiarato proprio da... il Principal Investigator:

"But we have these bright spots that have the reflectivity of ice, and whose spectrum of reflected light is similar to that expected from ice. So ice is a good bet."

In altre parole, sappiamo già che è ghiaccio ma non lo possiamo dire perché ci servono ulteriori prove per poterlo comunicare con il grado di certezza richiesto in questo tipo di cose.

Inoltre ciò è un'implicita ammissione che abbiano quelle informazioni che sostengo abbiano e non rendano pubbliche (un rilevo spettografico degli spot, in particolar modo).

In altre parole ho appena fatto un'ipotesi alternativa credibile alla mia ipotesi "stanno aspettando per cavalcare l'onda mediatica": stanno aspettando perché non hanno una certezza sufficiente. Che noia, devo sempre far tutto io, ma se aspetto voi... :D

(pgc: so già che ti piacerà molto di più questa seconda possibilità eheh - in effetti è più verosimile)
Curioso che nessuno abbia proposto che si tratti delle luci di due città con relativi sobborghi.

Dove sono i nufologi quando te ne serve uno?