skip to main | skip to sidebar
16 commenti

Tutti i dettagli del rientro di Samantha Cristoforetti

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alla gentile donazione di “ugo.mor*” e “andrea.rugg*”. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora.


Samantha Cristoforetti ha tweetato poco fa questa bellissima foto di saluto dalla Cupola della Stazione Spaziale Internazionale: oggi rientrerà a Terra insieme allo statunitense Terry Virts e al russo Anton Shkaplerov a bordo di una capsula russa Soyuz.

Se volete seguire il rientro in streaming, avete a disposizione NASA TVESA e AstronautiCAST. Anche la Rai trasmetterà alcune fasi su Rainews24 e Rainews.it. Su Ustream ci sono le comunicazioni radio, che a volte includono l'audio di bordo della Soyuz. Io sto facendo un livetweet su @disinformatico.

Qui sotto trovate la cronologia prevista per il rientro; tutti gli orari sono riferiti all'ora dell'Europa Centrale. Questo articolo verrà aggiornato man mano che si evolve la giornata.

8:55. Saluti dell'equipaggio e chiusura dei portelli fra Soyuz e Stazione (video).


Un ultimo selfie.

Qualche lacrima di commozione è inevitabile.

A zero g le lacrime s'attaccano alle ciglia invece di colare.

Foto di gruppo prima di salutarsi.

Altra foto di gruppo. Il fotografo è Scott Kelly.

Sam abbraccia Gennady Padalka...

...Mikhail Kornienko...

...e Scott Kelly, che restano a bordo della Stazione.

Il portello della Soyuz è chiuso. Sam, Terry e Anton hanno lasciato la Stazione e sono a bordo della Soyuz.

Gennady chiude il portello della Stazione.

Depressurizzazione monitorata del volume fra i due veicoli intanto che Sam, Terry e Anton indossano le sottotute anti-g Kentavr e poi le tute esterne Sokol e chiudono il Modulo Orbitale della Soyuz (che verrà successivamente sganciato; l'equipaggio sta nel Modulo di Rientro).

Schema di una Soyuz. L'equipaggio sta nella parte centrale (Descent Module);
gli altri due moduli vengono sganciati durante la discesa e si disintegrano nell'atmosfera.


Anton, comandante della Soyuz, si siede al centro; Sam sta a sinistra e Terry a destra. Si effettuano gli ultimi controlli di tenuta delle tute e del portello del Modulo di Rientro. La Soyuz inizia a usare l'alimentazione autonoma e i ganci sul modulo Rassvet della Stazione vengono aperti, in modo che la Soyuz sia trattenuta soltanto dai propri ganci. Cinque minuti prima dello sgancio, viene acceso il sistema di attracco e vengono dati gli ultimi comandi prima del distacco.

12:17:30. La Stazione disattiva i motori di manovra della sezione russa per evitare interferenze nell'assetto della Stazione durante lo sgancio; i giroscopi della sezione statunitense entrano in Fine Attitude Hold Mode, ossia tengono perfettamente stabile la Stazione (che è intrinsecamente instabile).

12:18:30. Sequenza di sgancio. La Soyuz inizia ad aprire i propri ganci.

12:20:00. Separazione fisica fra Soyuz e Stazione, prodotta da quattro dispositivi a molla, sopra la Mongolia. La Soyuz si allontana a circa 10 cm al secondo per circa tre minuti, senza usare i motori di manovra.



Video:


12:23:00. La Soyuz è a circa 20 metri dalla Stazione e accende brevemente (per 8 secondi) i motori di manovra per accelerare, poi cambia assetto per prepararsi alla manovra successiva.

La Soyuz con a bordo Sam, Terry e Anton, fotografata
dalla Stazione poco dopo lo sgancio. Credit; Scott Kelly.


12:24:30. Nuova accensione dei motori di manovra per 30 secondi. Le due accensioni consentono alla Stazione di non dover variare il proprio assetto, come invece avveniva spesso in passato, e quindi consentono di risparmiare il propellente di manovra. L'equipaggio compie poi un'orbita e mezza intorno alla Terra, allontanandosi progressivamente dalla Stazione.

14:51:17. A 12 km dalla Stazione viene acceso il motore principale per il rientro. L'accensione dura 4 minuti e 40.3 secondi e produce un delta V (variazione di velocità) di 128 m/s (460 km/h).

14:55:58. Fine dell'accensione di rientro. Quota 412.5 km, velocità 7,24 km/s (circa 26.000 km/h).

Profilo di rientro tipico.


15:09:11. Attraversamento dell'equatore a 399 km di quota. La Stazione e la Soyuz sono separate da circa 200 km.

15:18:22. Separazione del Modulo Orbitale e del Modulo di Servizio dal Modulo di Rientro (che ospita gli astronauti). Quota 140 km, velocità 7,57 km/s (27.250 km/h). Il Modulo di Rientro usa i propri motori di manovra per rivolgere il proprio scudo termico in avanti lungo la direzione di caduta. L'equipaggio chiude i caschi.

15:20:48. Contatto con l'atmosfera sopra il confine fra Iran e Iraq. Quota 100 km, velocità 7,62 km/s (circa 27.400 km/h).

15:22:17. Inizia una serie di manovre per variare la portanza e dirigere il rientro del veicolo per farlo atterrare a 148 km a sud est della cittadina di Dzhezkazgan, in Kazakistan. Quota 80.3 km, 7,62 km/s (circa 27.400 km/h). La Soyuz frena contro l'atmosfera, convertendo la propria velocità in calore, che viene assorbito dallo scudo termico. La compressione dell'atmosfera davanti allo scudo genera un muro d'aria ionizzata che impedisce le comunicazioni radio.


Le squadre di recupero sono già in posizione presso due siti: quello di rientro nominale e quello di rientro balistico (in caso di emergenza), 450 km più indietro lungo la traiettoria normale. Per loro è un orario atipico, perché di solito si atterra di mattina, mentre stavolta si atterra nel tardo pomeriggio.

15:26:56. Picco di decelerazione: 3,9 g. Quota 35,2 km, velocità 2,2 km/s (circa 7920 km/h).

15:28:58. A 10,8 km di quota e 212 m/s (circa 760 km/h) di velocità, apertura dei due paracadute guida. Quando la velocità è scesa a 80 m/s (circa 290 km/h), apertura del paracadute primario, che riduce la velocità a 6,5 m/s (circa 24 km/h). L'equipaggio sgancia lo scudo termico, sfiata il propellente residuo, sgancia le coperture dei finestrini e bilancia la pressione interna con quella esterna.

Credit: NASA/ Bill Ingalls


15:43:18. Accensione dei razzi di frenata un secondo prima dell'impatto al suolo.

Credit: NASA/ Bill Ingalls

15:43:19. Atterraggio in Kazakistan, dove la temperatura è circa 29°C e manca circa un'ora e mezza al tramonto. La capsula, atterrata circa 15 km oltre il centro della zona di atterraggio prevista, viene raggiunta dalle squadre di recupero, che provvedono a estrarre l'equipaggio. Si comincia con il comandante Shkaplerov, perché occupa il sedile centrale, poi tocca a Samantha e infine a Terry.  I tre posano per qualche foto e poi vengono portati in una tenda per i primi esami medici. Fra l'altro, l'astronauta canadese Chris Hadfield segnala che un rappresentante delle rispettive agenzie spaziali deve consegnare i passaporti agli astronauti e cosmonauti.

17:27:00. Tramonto in Kazakistan.

Credit: Bill Ingalls
via Periscope
17:43 circa. Partenza dal sito di atterraggio. Due ore di volo in elicottero fino a Karaganda per una breve cerimonia (immagine qui accanto). Sam e Terry partono poi per andare direttamente a Houston per un periodo di semi-quarantena, allo scopo di proteggerli da infezioni mentre il loro sistema immunitario è depresso a causa della permanenza nello spazio. Anton fa la stessa cosa, ma va al centro di addestramento cosmonauti vicino a Mosca.

Epilogo. L'ANSA riesce a sbagliare la sequenza di uscita degli astronauti, nonostante abbia a disposizione il video dell'uscita e nonostante il fatto che le tute di Sam, Terry e Anton siano dotate di bandiere molto eloquenti. Scrive infatti che “Il comandante della Soyuz, Anton Shkaplerov è stato l'ultimo ad uscire dalla navetta, aiutato dal personale di soccorso, mentre il primo è stato l'americano Terry Virts”. In realtà è successo l'esatto contrario. Bah. Grazie a molgae per la segnalazione.


Fonti aggiuntive: RussianSpaceWeb.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (16)
Qualcosa non va col messaggio informativo dei cookie. Se premo info, mi apre una finestra di informazioni con sopra l'avviso dei cookie, se premo info, mi appare una terza finestra con l'informativa dei cookie che con sopra l'avviso dei cookie, se premo info.....
Articolo chiarissimo, Paolo. Complimenti!
WOW!
Passare a 3,9 g dopo aver vissuto sei mesi a 0g, e poi a 1g dopo l'atterraggio deve essere un notevole stress per il fisico.
Sam e Terry andranno direttamente a Houston per un periodo di semi-quarantena, allo scopo di proteggerli da infezioni mentre il loro sistema immunitario è depresso a causa della permanenza nello spazio.

Questo mi ricorda un episodio di spazio 1999 quando la luna ripassa davanti alla Terra e chi scende si ammala con febbre molto alta perché il loro sistema immunitario, dopo anni di permanenza nello spazio, non era più abituato ai microorganismi terrestri.

Chissà se, per realizzare questo episodio, gli autori si erano documentati o si è trattato solo di una coincidenza.
Il Corriere della Sera, intanto pubblica un articolo celebrativo con ricco corredo iconografico. In una foto Sam ha in mano un asciugamano e il commentatore di immagini prese dalla rete la descrive come (vado a senso, non ho il giornale davani a me) "Samantha spiega che un asciugamano è indispensabile sulla Stazione".
Ovviamente non è stato colto il riferimento....
Articolo molto interessante, scoperto per caso. Complimenti per la chiarezza.
che meraviglia, grazie Paolo, il tuo live tweet è stato preziosissimo
Scusa Paolo, Ma non ho ben capito la storia delle cariche esplosive che devono tranciare i lacci del paracadute che citi nel live... puoi spiegarmi?
Grazie.
We love you Sam!
Grazie Paolo, articolo bellissimo.
Sei stato a Lovere una decina di giorni fa, io l'ho saputo in tarda serata uffa, e ti ho mancato.
Ti avrei conosciuto volentieri di persona.
Ciao
monica72tea, non sei capitata qui per caso...
;-)
Emozione, meraviglia e apprensione mi hanno accompagnato. Fortunatamente sono riuscito a vederlo live su nasatv. Bell'articolo Paolo
La diretta su RAI News era terribile, con l'intervista a zie e cugine (presumibilmente di 25esimo grado...) e l'aria da sagra del tortellino. Non parliamo della portavoce dell'ASI conciata come Maga Magò :)

Eppure ci sono buone notizie:

(1) per la prima volta in tempi recenti è stato dato molto risalto ad una missione spaziale.
(2) per la prima volta in tempi recenti non è stato intervistato il parroco del paese della protagonista... (mannaggia perchè con amici avevo scommesso di si!).
Qui altre foto, con didascalie incredibilmente corrette:
http://www.corriere.it/foto-gallery/scienze_e_tecnologie/15_giugno_12/samantha-cristoforetti-kazakistan-festa-rientro-matrioska-karaganda-82ac8260-10e7-11e5-b09a-9f9a058e6057.shtml
Qui le foto in hq dal flickr della NASA
https://www.flickr.com/photos/nasahqphoto