skip to main | skip to sidebar
1 commento

Facebook, è durata poco l’app che permetteva di sapere chi ti ha tolto l’amicizia

Che fine ha fatto Who Deleted Me, la popolarissima applicazione che consente di sapere chi ci ha cancellato dalle sue amicizie in Facebook? È stata a sua volta cancellata.

Who Deleted Me era un'app per dispositivi iOS e Android e un'estensione per browser (compatibile con Google Chrome, Firefox e Opera) che consentiva di vedere quali utenti ci avevano tolto l'amicizia o avevano disattivato i propri profili Facebook (ma non di sapere perché, nel bene e nel male). Aveva attirato molta attenzione ai primi di luglio perché per alcuni utenti molto curiosi e per chi usa Facebook per lavoro la funzione era molto preziosa.

Ma la festa, se di festa si può parlare, è finita molto presto. Da metà luglio l'app, che era prima in classifica nell'App Store di Apple, ha smesso di funzionare e il sito dell'app spiega perché: il creatore dell'app, Anthony Kuske, ha ricevuto una richiesta da Facebook.

Spiega Kuske lapidariamente: “Who Deleted Me era pensato per essere uno strumento utile per migliorare l'esperienza di Facebook, ma Facebook non è stata dello stesso avviso”. Kuske ha aggiunto che tutte le informazioni personali raccolte sono state cancellate. Altre app si sono fatte avanti offrendo servizi analoghi, ma è consigliabile un po' di sana diffidenza, perché se funzionassero davvero verrebbero presumibilmente bloccate da Facebook.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (1)
Non è la prima (e non sarà presumibilmente l'ultima) applicazione del genere che viene bloccata da Facebook. Nel corso degli anni sono comparse diverse estensioni, plugin e script per Greasemonkey che davano queste informazioni. Ma tutte, dopo un po' di tempo, sono state bloccate da FB oppure non sono state in grado di adeguarsi ai continui cambiamenti di codice del sito).

Io ad esempio uso un'estensione chiamata "Social fixer" che fino, a un paio di anni, fa presentava la funzione 'friend tracker' che segnalava, appunto, le rimozioni dalle amicizie, Quando Facebook dichiarò illegale quella funzione, l'autore la rimosse dalle versioni successive...ma, siccome Social Fixer non si aggiorna in automatico, bastava mantenere la versione vecchia per continuare ad utilizzare il friend tracker. Poi però, con le continue modifiche di FB, Social Fixer ha iniziato ad essere troppo instabile ed è stato necessario aggiornarlo. Pazienza.

La motivazione con cui bloccano queste applicazioni è sempre la stessa: dicono che un utente non dovrebbe sapere chi lo ha rimosso dalle amicizie, in quanto è qualcosa che potrebbe avere su di lui un effetto negativo e rovinargli l'esperienza su FB. Peccato che, se uno viene rimosso da un amico/a a cui tiene particolarmente, lo viene a sapere in ogni caso....e ci rimane male in ogni caso.

Comunque è curioso che FB si accanisca contro queste estensioni (le quali non fanno altro leggere la lista degli amici, copiarla in memoria e confrontarla periodicamente...una cosa che -teoricamente- potrebbe fare chiunque con carta e penna), mentre lascia funzionare tranquillamente i programmi che modificano l'aspetto dell'interfaccia o permettono di selezionare o bloccare a priori i post che compaiono in bacheca e le relative notifiche (e quindi bloccando anche link sponsorizzati e pagine consigliate).