skip to main | skip to sidebar
26 commenti

Antibufala: la foto delle “tre albe” sulla Luna, sulla Terra e su Marte

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle gentili donazioni di “roberto.rb*” e “giulia.sp*”. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora (anche con un microabbonamento). Ultimo aggiornamento: 2015/08/31 18:40.

Sta girando in Rete da tempo (per esempio su Tumblr, Imgur e Twitter) quest'immagine che ritrarrebbe tre albe (o tre tramonti), fotografati rispettivamente sulla Luna, sulla Terra e su Marte.

Normalmente non scriverei un post per questo genere di minibufala, però è già la seconda volta che incontro quest'immagine e l'inganno ha colpito anche l'agenzia spaziale canadese qualche mese fa, per cui ne prendo nota pubblicamente qui una volta per tutte. La foto è un falso, o perlomeno lo è la parte lunare (quella di sinistra). Infatti ingrandendo l'immagine si nota che le ombre delle rocce sono a sinistra delle rocce stesse, mentre se il Sole fosse di fronte dovrebbero essere dirette verso l'osservatore.

Inoltre l'immagine contiene un profilo montuoso inconfondibile per chi è appassionato di Luna: quello della zona di Taurus-Littrow, visitata dalla missione Apollo 17 nel dicembre 1972 (quella di cui ho avuto l'onore di portare in giro uno dei campioni di roccia lunare, insieme a Luigi Pizzimenti, per la conferenza-spettacolo Ti Porto la Luna). E nell'angolo inferiore sinistro mostra lo gnomone con la tabella colori, usato dagli astronauti per indicare le direzioni delle ombre e fornire un riferimento di colore per lo sviluppo delle fotografie.

FAKE / FALSO

L'immagine è un montaggio di due foto della missione Apollo 17: AS17-134-20428 e AS17-134-20429. La linea di giunzione è grosso modo la mezzeria verticale dell'immagine (si nota vicino all'orizzonte un cratere che fa un vistoso gradino) ed è stata aggiunta una bella fetta di cielo insieme a un finto Sole e a una finta stella. Ho provato a ricreare rapidamente l'effetto (tralasciando Sole e stella) partendo dalle foto originali e l'ho messo a confronto con l'immagine-bufala (a sinistra):


Le altre due immagini, quella terrestre e quella marziana, sono reali: quella terrestre è qui in versione più ampia (trovata con la ricerca per immagini di Google) e quella marziana è stata effettivamente scattata su Marte dalla sonda mobile Spirit della NASA nel 2005. La probabile origine dell'immagine è un utente di DeviantArt (trovata con Tineye). Perché rovinare un trittico reale molto suggestivo usando un falso? Forse per licenza artistica, o forse perché in questo modo i vari account Twitter che non fanno altro che pubblicare immagini riescono ad attirare un maggior numero di follower, ai quali poi rifilano a tradimento dei tweet pubblicitari.
6 commenti

Perché il prossimo volo verso la Stazione Spaziale impiegherà due giorni invece di sei ore?

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alla gentile donazione di un utente che desidera restare anonimo. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora (anche con un microabbonamento). Ultimo aggiornamento: 2015/08/31 11:30.

Il 2 settembre prossimo partirà dal cosmodromo di Baikonur, in Kazakistan, un razzo Soyuz che porterà nello spazio e alla Stazione Spaziale Internazionale tre astronauti: il Kazako Aidyn Aimbetov, il russo Sergei Volkov e il danese Andreas Mogensen. Ma a differenza dei lanci precedenti, questo volo impiegherà due giorni a raggiungere la Stazione invece di sei ore. Come mai?

È dal 2013 che le Soyuz hanno iniziato a raggiungere la Stazione in sei ore; prima la durata tipica del viaggio era appunto di due giorni, con tutti i disagi che questo comporta a causa delle dimensioni ridottissime del veicolo spaziale.

Da sinistra, Aimbetov, Volkov e Mogensen.
Credit: NASA.
La ragione di questo ritorno al passato, spiega l'ente spaziale europeo ESA, è che l'orbita attuale della Stazione è leggermente più alta del solito, perché la Stazione ha effettuato una manovra standard il 26 luglio per evitare un detrito spaziale. Questa maggiore quota (400 km di media), scrive l'ESA, rende più difficile raggiungere la Stazione in sole sei ore e quindi l'ente spaziale russo Roskosmos ha deciso prudenzialmente di tornare al profilo di volo lungo, relativamente meno impegnativo e definito “più sicuro e affidabile” da Roskosmos, che aggiunge che la manovra della ISS ha “cambiato notevolmente le condizioni balistiche”.

La giustificazione parrebbe però contraddetta dai dati storici orbitali della ISS, dato che nei mesi scorsi la Stazione era ancora più in alto: per esempio, all'arrivo di Samantha Cristoforetti, Terry Virts e Anton Shkaplerov con la Soyuz TMA-15M, a fine novembre 2014, la quota media della ISS era circa 412 km, e durante il volo della Soyuz TMA-16M, a fine marzo 2015, era di 401 km, come mostra questo grafico di Heavens-Above.com:



Probabilmente mi manca qualche dato che spiega la discrepanza: ho chiesto chiarimenti all'ESA.

La diretta streaming del lancio inizierà su NASA TV alle 23:45 EDT dell'1 settembre (le 5:45 del 2 settembre, ora dell'Europa centrale CET) e il lancio avverrà alle 00:37 EDT del 2 settembre (le 6:37 CET, 10:37 ora di Baikonur).

L'attracco al modulo russo Poisk della Stazione Spaziale Internazionale è previsto per le 3:42 EDT di venerdì 4 settembre (9:42 CET) e verrà anch'esso trasmesso in diretta streaming da NASA TV a partire dalle 9:00 CET. L'apertura dei portelli è prevista intorno alle 6:15 EDT (12:15 CET) e verrà trasmessa dalle 11:45 CET.

Grazie all'arrivo del nuovo equipaggio, gli occupanti della Stazione torneranno a essere nove; è da novembre del 2013 che non accade. Ma sarà una condizione molto temporanea, perché Mogensen e Aimbetov ripartiranno per la Terra il 12 settembre insieme a Gennady Padalka, che è già a bordo della Stazione e ne è l'attuale comandante. Il passaggio del comando allo statunitense Scott Kelly, già a bordo e impegnato in una missione di quasi un anno insieme al collega russo Mikhail Kornienko, avverrà il 5 settembre alle 2:40 EDT (8:40 CET).


Fonti aggiuntive: NASA.
46 commenti

Antibufala: “Luna di sangue” il 28 settembre, ciarlatani annunciano la fine del mondo

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle gentili donazioni di “bertor*” e “luca.imh*” ed è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora (anche con un microabbonamento). Ultimo aggiornamento: 2015/09/01 9:30.

Senza il minimo accenno di vergogna, Il Messaggero pubblica l'ennesima fesseria astronomica catastrofista. “Il 28 settembre la luna dovrebbe tingersi di rosso.
Il fenomeno è definito "Luna di sangue" e si verificherà perchè intorno alle 2 di notte, tra la domenica e il lunedì, la luna si avvicinerà particolarmente alla terra... La spiegazione scientifica non ha convinto molte persone e in rete si sta diffondendo la convinzione che quella notte succederà qualcosa di misterioso e pericoloso”. Addirittura il titolo parla di “fine del mondo”.

Lo stesso articolo, praticamente parola per parola, viene pubblicato da MSN.com, nientemeno che nella sezione “tecnologia e scienza”.

No, no, no, no e ancora no. Semplicemente, il 28 settembre ci sarà una normale eclissi di luna, durante la quale, come al solito, la Luna assumerà un colore rossastro perché la luce solare che la illumina passerà attraverso l'atmosfera terrestre e ne verrà filtrata (una descrizione più dettagliata di questo fenomeno è in fondo a questo articolo). La distanza fra la Terra e la Luna non c'entra nulla.

Oltretutto questa distanza non sarà affatto particolare: il 28 settembre prossimo la Luna sarà infatti a 356.000 chilometri dalla Terra, ossia grosso modo alla distanza minima che raggiunge una volta ogni 27 giorni.

Variazione periodica della distanza Terra-Luna
in migliaia di km (WolframAlpha)
Il grafico può trarre in inganno, perché la sua scala verticale è compressa e la differenza fra distanza massima e minima può sembrare enorme: senza compressione, la variazione è questa:



Mentre orbita intorno alla Terra, infatti, la Luna varia la propria distanza fra circa 407.000 km e circa 356.000 km. Lo fa sempre, da tempo immemorabile, ogni 27 giorni e spiccioli (se volete essere precisi, lo fa ogni 27.3217 giorni, con un apogeo medio di 405.000 km e un perigeo medio di 363.000 km). Questa volta il momento di minima distanza coincide con una Luna piena e con un'eclissi, ma la cosa è assolutamente normale e per niente rara: per saperlo basta consultare per esempio siti di astronomia come Timeanddate oppure Earthsky o anche semplicemente un giornale generalista decente come The Independent.

Non si capisce perché mai una comune eclissi di Luna debba essere segno di catastrofe. O meglio, lo si capisce se si bazzica il bizzarro mondo di quelli che ancora non si sono resi conto che la Bibbia non è un manuale di astronomia ma hanno capito benissimo che è un ottimo pretesto per spillare soldi alla gente.

Ci sono infatti vari predicatori cristiani ed ebrei, come John Hagee della Cornerstone Church in Texas e Mark Blitz degli El Shaddai Ministries nello stato di Washington (ma non solo loro), che secondo l'Express stanno annunciando ai propri fedeli che il 28 settembre ci sarà un evento portentoso, forse la fine del mondo o forse il secondo avvento di Cristo. Loro, che sono più furbi, dicono che l'hanno capito perché l'eclissi del 28 settembre è la quarta di una tetrade biblica, ossia di una sequenza di quattro eclissi lunari totali consecutive che coincidono con festività del calendario ebraico. E siccome nelle altre occasioni recenti nelle quali ci sono state tetradi bibliche (1493-1494, 1949-1950, 1967-1968) sono successi eventi importanti per il mondo (in particolare per gli ebrei), allora anche stavolta deve succedere qualcosa di grosso.

Guarda caso, Hagee e Blitz hanno appena pubblicato due libri sull'argomento. Libri che naturalmente si fanno pagare. Cosa se ne farebbero dei soldi incassati vendendoli, se davvero dovesse arrivare Gesù Cristo a proclamare la fine del mondo terreno, non si sa ed è meglio non chiedere. Sembra quasi che siano loro i primi a non credere alle cose che dicono.

Io non sono un televangelista, ma faccio lo stesso una profezia, anzi ne faccio quattro, così creo anch'io la mia tetrade disinformatica: il 28 settembre 2015 ci godremo una bella eclissi di Luna, non ci sarà la seconda venuta di Cristo, i telepredicatori faranno una figura da cialtroni che verrà prontamente perdonata e dimenticata dai loro seguaci e i giornalisti continueranno a pubblicare queste cretinate, che verranno prontamente perdonate e dimenticate da quell'Ordine dei Giornalisti che in teoria dovrebbe vigilare sul rispetto della deontologia professionale.

Se “in rete si sta diffondendo la convinzione che quella notte succederà qualcosa di misterioso e pericoloso”, è anche colpa del giornalismo irresponsabile come quello del Messaggero, che invece di far scrivere qualcosa di sensato e interessante a un astronomo preferisce fare copiaincolla da giornali come Metro o Leggo, favorire i ciarlatani e menar gramo pur di attirare qualche clic in più. Che pena.


Appendice: ma perché la Luna si tinge proprio di rosso?


Dopo la pubblicazione iniziale di questo articolo, Paolo G. Calisse, astronomo colpevole di frequentare questo blog e di contribuirvi, mi ha mandato questi grafici e questa spiegazione, che spiegano anche perché il cielo è azzurro e il sole è giallo:

Quando la radiazione solare colpisce una particella di polvere, subisce lo scattering Rayleigh. La componente blu viene deviata a grandi angoli, quella rossa viene deviata di poco. Se il Sole è prossimo all'orizzonte (alba o tramonto), la luce rossa, dopo avere attraversato una grande quantità di polvere, può raggiungere l'osservatore; quella blu viene invece dispersa. Di conseguenza il cielo vicino all'orizzonte apparirà di colore rossastro.




Anche quando il Sole è alto sull'orizzonte la radiazione solare, colpendo una particella di polvere o una molecola, subisce lo scattering Rayleigh, anche se la quantità di atmosfera attraversata, e quindi la quantità di polvere, è inferiore. Tuttavia come prima la componente blu viene deviata a grandi angoli e può raggiungere l'osservatore, quella rossa viene deviata di poco e si disperde. Il risultato finale è curiosamente inverso al caso precedente (1).

Lo stesso fenomeno è all'origine del colore giallastro della luce solare quando osservata da Terra. Guardando nella direzione del Sole infatti (2) – cosa che va fatta con opportuna protezione per non danneggiare la vista! – la componente blu risulta deviata più di quella rossa. Non a caso, dallo spazio il Sole appare totalmente bianco e il cielo appare completamente nero.


Durante un'eclissi lunare, ancora una volta la luce blu si disperde, mentre quella rossa, solo leggermente deviata, dopo aver colpito in parte il disco lunare che si trova nel cono d'ombra terrestre, viene riflessa, conferendo alla Luna la caratteristica tonalità rossastra per chi osserva il fenomeno da Terra.



2015/09/01


Bufale un tanto al chilo ha pubblicato un ottimo articolo di approfondimento su questa bufala.
1 commento

Podcast supplementari del Disinformatico RSI? Non proprio

Alcuni lettori/ascoltatori mi hanno segnalato la pubblicazione improvvisa di cinque podcast del Disinformatico che conduco per la Radiotelevisione Svizzera: uno, due, tre, quattro, cinque.

A differenza dei normali podcast della mia trasmissione, in uno di questi c'è anche la musica, che invece normalmente viene tagliata). Ma il Disinformatico radiofonico è in pausa fino al 4 di settembre. Cos'è successo?

Di preciso non lo so; posso dirvi solo che non si tratta di puntate nuove ma di versioni (con o senza musica) di puntate già trasmesse (e già disponibili come podcast standard) risalenti a luglio.

Nulla di nuovo, insomma: ma se volete sentire com'è il Disinformatico in diretta, prima che vengano tolte le canzoni, potete scaricarvi questa puntata.
13 commenti

Antibufala: l’asteroide 2015 PU228 colpirà la Terra nel 2081!

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle gentili donazioni di “diegotur*” e “francescosc*”. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora (anche con un microabbonamento).

Una lettrice, alim*, mi ha segnalato la presenza sul sito della NASA di un asteroide, denominato 2015 PU228, che ha un rischio d'impatto di livello 1 nell'anno 2081.

Considerato che si tratta di un oggetto con un diametro di circa 300 metri, che in condizioni medie produrrebbe un cratere di circa sei chilometri di diametro, è comprensibile che la cosa crei una certa inquietudine sulla catastrofe che sembrerebbe incombere sui nostri figli o nipoti. Ma prima di farsi prendere dal panico e invocare l'intervento di Bruce Willis in stile Armageddon è meglio conoscere bene il significato dei dati pubblicati dalla NASA, non solo per questo asteroide ma anche più in generale per tutti gli allarmi asteroidali che periodicamente vengono diffusi da giornalisti e internauti sconsiderati.

Prima di tutto, il livello 1 della Scala Torino nelle informazioni della NASA sull'asteroide 2015 PU228 non è il più alto, come verrebbe facile pensare, ma è il penultimo (Wikipedia; NASA) ed è definito come “scoperta abituale, nella quale è previsto un passaggio nelle vicinanze della Terra che non crea alcun livello insolito di pericolo. I calcoli attuali indicano che la probabilità di collisione è estremamente bassa e non vi è motivo di preoccupazione o attenzione del pubblico. Nuove osservazioni telescopiche molto probabilmente condurranno a una riassegnazione al livello 0.”

Per il valore -1.95 della Scala Palermo, indicato attualmente dalla NASA per questo asteroide, va notato che in questa scala “valori fra -2 e 0 indicano situazioni che meritano un monitoraggio attento” (Wikipedia; NASA), ma serve un valore positivo per passare da “monitoraggio” a “preoccupazione”.

Nel caso specifico dell'asteroide 2015 PU228, inoltre, le previsioni si basano al momento su 115 osservazioni che coprono circa 34 giorni: un campione decisamente modesto, che crea forte incertezza sui calcoli a lungo termine. In pratica, c'è almeno una soluzione di questi calcoli che includono un impatto con la Terra, ma ce ne sono moltissime altre che non lo includono: lo sapremo con minore incertezza man mano che aumentano le osservazioni che permettono di definire con maggiore precisione la traiettoria dell'asteroide (che comunque può essere leggermente alterata da vari fenomeni, come la pressione della luce solare). È un processo spiegato bene da questa pagina di FAQ della NASA, dalla quale traduco questo paragrafo che chiarisce il motivo per cui spesso la NASA inizialmente assegna rischi d'impatto relativamente alti e poi man mano li riduce:

Dato che le orbite derivanti da una serie molto limitata di osservazioni sono più incerte, è più probabile che tali orbite “consentano” degli impatti futuri. Tuttavia spesso queste previsioni iniziali possono essere scartate man mano che includiamo un maggior numero di osservazioni e riduciamo le incertezze sull'orbita dell'oggetto. Di solito il rischio associato a un oggetto specifico diminuirà man mano che si rendono disponibili ulteriori osservazioni e quindi capita che degli oggetti vengano inclusi e poi rimossi nella nostra pagina dedicata ai rischi d'impatto

[...] Per contro, nel caso improbabile che un dato evento potenziale d'impatto persista fino a quando l'orbita è piuttosto ben delimitata, la probabilità d'impatto e il rischio associato tenderanno ad aumentare man mano che si aggiungono osservazioni. Questo non è paradossale: se davvero un asteroide sta per passare molto vicino alla Terra, allora inizialmente non si può escludere una collisione. La probabilità d'impatto tenderà ad aumentare man mano che viene affinata l'orbita e vengono scartate le traiettorie alternative e sicure. Prima o poi la probabilità d'impatto scenderà a zero (di solito piuttosto di colpo) oppure, se l'asteroide è davvero in traiettoria di collisione, continuerà ad aumentare fino a raggiungere il 100%.

In altre parole, se vedete che dalle pagine della NASA sparisce una segnalazione di un certo asteroide, non è una forma di censura per nascondere l'impatto imminente.

Fra l'altro, i passaggi “ravvicinati” di asteroidi non sono affatto rari. Tutto dipende da cosa s'intende per ravvicinato: l'attuale tabella apposita della NASA, infatti, include persino oggetti che passeranno a settantacinque volte la distanza fra la Terra e la Luna. Con criteri di questo genere, soltanto negli ultimi sei giorni la Terra è stata “sfiorata” (in termini cosmici) da un asteroide ben dieci volte. Niente panico, insomma.
14 commenti

Oggi un balletto spaziale degno di “2001”

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle gentili donazioni di “sedici2*” e “info@vanta*” ed è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora (anche con un microabbonamento). Ultimo aggiornamento: 2015/08/29 11:20.

2015/08/28 8:18. Tra meno di un'ora tre astronauti della Stazione Spaziale Internazionale useranno il proprio veicolo Soyuz TMA-16M per un viaggio molto corto: lo traslocheranno da un punto di attracco a un altro della Stazione, come mostrato dallo schema qui accanto (che presenta soltanto la porzione russa della Stazione).

La Soyuz è attraccata da cinque mesi al modulo Poisk della Stazione, rivolto verso lo spazio (zenit) e verrà sganciata da Gennady Padalka, Mikhail Kornienko e Scott Kelly alle 3:12 EDT di oggi (9:12 in Europa centrale) per riattraccare circa 25 minuti dopo all'attracco longitudinale del modulo Zvezda.

Lo spostamento si rende necessario per consentire tra pochi giorni (il 4 settembre) l'arrivo piuttosto raro di un terzo veicolo spaziale Soyuz, la TMA-18M, che porterà a nove gli occupanti della Stazione, trasportando il russo Sergey Volkov, il primo astronauta danese Andreas Mogensen, e il kazako Aidyn Ambetov (che sostituisce la cantante Sarah Brightman). L'altra Soyuz già attraccata è la TMA-17M che ha trasportato gli altri tre occupanti attuali della Stazione (Kononenko, Lindgren e Yui).

Per gli astronauti è un'operazione impegnativa, non solo perché è gestita manualmente dal pilota (in questo caso Padalka) ma anche perché devono predisporsi per l'eventualità di non riuscire a riattraccare e quindi tornare a Terra in emergenza. Inoltre è estremamente spettacolare, perché consente loro di vedere la Stazione da fuori in grande dettaglio da varie angolazioni, cosa che non fanno durante la manovra di arrivo o di partenza dalla Stazione.

La manovra, effettuata mentre la Stazione e la Soyuz volano a circa 28.000 chilometri l'ora, verrà trasmessa in diretta streaming da NASA TV. Se volete un'anteprima della spettacolare operazione, sentite cosa ne dice (in inglese) Luca Parmitano, che l'ha fatta nel 2013 con la Soyuz TMA-09M (“è la manovra che più ti avvicina a essere Luke Skywalker”, dice in questo video), e godetevi questo video della sua manovra: manca solo il Danubio Blu per farne una scena di 2001:Odissea nello spazio. Il video è accelerato di quattro volte rispetto alla realtà.



2015/08/28 18:25


È già disponibile il video della manovra di stamattina, completata con successo. La ripresa (pubblicata qui da Roskosmos) è fortemente accelerata rispetto alla realtà ed è stata realizzata con una videocamera GoPro:



Per chi chiedeva dettagli sulle ragioni del cambio di attracco, Spaceflight101 spiega che si tratta della necessità di mantenere l'avvicendamento corretto dei punti di attracco Poisk e Rassvet, che vengono usati a rotazione; inoltre solo questi due punti di attracco vengono usati per le Soyuz per via dei “requisiti per l'accesso ai moduli anteriori della ISS durante le passeggiate spaziali russe, che è possibile soltanto per gli equipaggi attraccati al modulo Rassvet” (non è chiaro nemmeno a me, ma sospetto che c'entri la gestione delle porte stagne che separano i moduli della Stazione e con il fatto che una Soyuz è progettata e certificata per restare nello spazio al massimo 210 giorni).

La Soyuz TMA-18M che arriverà il 4 settembre resterà attraccata al modulo Poisk per sei mesi, mentre la TMA-16M che è stata spostata oggi rientrerà il prossimo 11 settembre, riportando a terra Padalka (dopo sei mesi di permanenza a bordo), Aimbetov e Mogensen (che invece avranno trascorso sulla Stazione circa due settimane). In pratica questa volta gli equipaggi arrivano con una Soyuz e ripartono con un'altra, mentre di solito tornano usando quella con la quale sono arrivati.
4 commenti

Stasera alle 21 a Bolzano parlo degli inganni della mente

Questa sera alle 21 sarò alla Libera Università di Bolzano per partecipare alla settimana di orientamento alla scelta universitaria con una conferenza intitolata Gli inganni della mente: come non farsi imbrogliare dai nostri sensi. Esplorerò fenomeni come la pareidolia, le illusioni ottiche, tattili e acustiche e i loro effetti poco noti ma potenti nella vita di tutti i giorni e nel lavoro. Tutti i dettagli sono presso http://events.unitn.it/settimana-orientamento2015.
25 commenti

Samantha Cristoforetti nel prossimo film di Star Trek? Andiamoci piano

L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale. Ultimo aggiornamento: 2015/08/26 00:20.

Mi sono arrivate parecchie segnalazioni della notizia, pubblicata da moltissime testate e anche dall'ANSA, secondo la quale Samantha Cristoforetti parteciperebbe al prossimo film di Star Trek. Vado subito al sodo: no, Astrosamantha non sta per diventare una star di Hollywood.

La notizia ha creato molto entusiasmo tra i fan di Star Trek e quelli di Samantha (due insiemi tutt'altro che disgiunti), anche perché Sam è notoriamente una Trekker DOC, tanto da aver indossato la divisa di Star Trek Voyager mentre era a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Vederla in un film di Star Trek sarebbe favoloso. Ma è opportuno fare chiarezza e calmare gli entusiasmi: la sua partecipazione è tutt'altro che sicura e c'è un equivoco sulla natura del film in questione.

Prima di tutto, si tratta di un contatto assolutamente preliminare: la notizia originale, che risale a fine luglio, dice semplicemente che Alec Peters (non Powers come hanno scritto in molti), membro del cast e produttore del film Star Trek: Axanar, ha saputo che Sam era una grande fan di Star Trek e quindi l'ha chiamata e ha discusso con lei l'ipotesi di una sua partecipazione al film. “Se riusciamo a incastrarci con i suoi impegni (dato che dovrà venire in volo dall'Europa), le piacerebbe moltissimo avere una parte in Axanar. Alcuni astronauti americani hanno partecipato a Star Trek, in particolare Mae Jamison, ma Samantha sarà la prima astronauta europea ad apparire in Star Trek. Stiamo aspettando le autorizzazioni dalla NASA e dall'ESA”, ha scritto.

In secondo luogo, il film al quale parteciperebbe Samantha non è il prossimo della nuova serie-reboot “ufficiale” hollywoodiana, quella per intenderci diretta da J. J. Abrams (Star Trek nel 2009, Star Trek Into Darkness nel 2013 e Star Trek: Beyond, previsto per il 2016), ma appunto Star Trek: Axanar, che è un film prodotto dai fan. Non che questo sia un demerito: anzi.

Axanar è il vero Star Trek. Non c'entra nulla con quello spettacolo insensato e fracassone di J. J. Abrams, che tradisce lo spirito di Star Trek, ma è un film che invece rispetta in pieno quello spirito ed è tutt'altro che amatoriale: è girato con apparecchiature professionali e riunisce nel cast attori di Star Trek e Battlestar Galactica come Richard Hatch e Kate Vernon di Galactica e Gary Graham e J.G. Herzler di Trek. Anche i suoi effetti speciali sono decisamente professionali.

Giudicate voi stessi guardando il prologo di 20 minuti, che è stato già rilasciato. Se vi piace, andate a Startrekaxanar.com per contribuire al progetto, finanziato dai fan (i realizzatori di Axanar devono lavorare senza lucro, altrimenti non possono usare i nomi e i personaggi della serie). Buona visione. 



In sintesi, Samantha non sta per abbandonare i propri compiti di astronauta per lanciarsi in una carriera cinematografica, ma ha semplicemente espresso interesse a comparire una tantum in un fanfilm di Star Trek senza scopo di lucro. Speriamo che l'Agenzia Spaziale Europea e l'Aeronautica Militare glielo lascino fare. In fin dei conti, Luca Parmitano ha già interpretato Superman nello spazio...
4 commenti

Oggi pomeriggio parlo di gabinetti spaziali a Cornedo all’Isarco (BZ)

È una di quelle domande che tutti vorrebbero fare agli astronauti ma che nessuno (a parte i bambini) se la sente di fare: come si va al gabinetto in assenza di peso? Come si gestiscono i rifiuti senza un sistema fognario? Può sembrare un quesito ridicolo, ma se davvero vogliamo andare su Marte, fra le tante altre sfide tecnologiche che dobbiamo risolvere c'è anche quella di un gabinetto affidabile, che funzioni in condizioni estreme come l'assenza di peso e che sia totalmente affidabile, perché l'idraulico più vicino è a ottanta milioni di chilometri e ci mette un anno ad arrivare. Da queste sfide derivano poi tecnologie che riducono il nostro impatto sull'ambiente, per cui alla fine la domanda non è affatto ridicola.

Se l'argomento vi intriga e siete dalle parti del magnifico Planetarium di Cornedo all'Isarco (San Valentino in Campo 5, vicino a Bolzano (http://www.planetarium.bz.it), ne parlo lì oggi alle 18. Il biglietto costa 7 euro; per motivi di spazio e di organizzazione la prenotazione è obbligatoria e va fatta online all'indirizzo info@planetarium.bz.it oppure per telefono (0471-610020) durante gli orari di apertura del Planetarium.
12 commenti

Ashley Madison: nuova serie di dati trafugati, analisi degli account ticinesi

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alla gentile donazione di “m.sabbat*”. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora (anche con un microabbonamento). Ultimo aggiornamento: 2015/08/23 17:30.

2015/08/21 10:30. Poche ore fa è stato rilasciato un altro Torrent di dati che a quanto pare provengono dal sito Ashley Madison. L'annuncio è stato pubblicato sulla rete Tor. Nel nuovo lotto di dati ci sono le mail di Noel Biderman, CEO di Avid Life Media, che è proprietaria di AM; il codice sorgente del sito e delle app per smartphone; e molti dati interni dell'azienda. La disponibilità di questi dati faciliterà il lavoro di devastazione di qualunque aspirante aggressore (ammesso che a questo punto resti qualcosa da devastare, anche se l'azienda sembra voler continuare a operare). Non sembra esserci nulla di interessante dal punto di vista tecnico in questa nuova serie di dati.

Intanto in Canada è partita la prima class action contro l'azienda per non aver tutelato i dati personali degli utenti. I gestori di Ashley Madison sono in piena modalità panico: stanno addirittura ricorrendo alla censura tramite le leggi sul copyright (DMCA) per rimuovere i tweet che la citano. Ma ormai il danno è fatto: le rivelazioni hanno dimostrato che c'è un enorme numero di account falsi e quindi la credibilità dell'azienda (anche in termini di custodia dei dati sensibili dei clienti) ne esce a pezzi.

Fra gli utenti di AM ci sono membri dello staff della Casa Bianca, secondo Time. Su Dadaviz.com c'è una notevole serie di grafici basati su analisi dei dati trafugati: ripartizioni per paese rispetto alla popolazione, proporzione uomini/donne, stato coniugale dichiarato, numero di utenti che hanno usato il proprio indirizzo di mail governativo (ci sono 11 italiani) o di lavoro.

Ieri ho partecipato al servizio della Radiotelevisione Svizzera sulla vicenda Ashley Madison: il video è qui in streaming. Dall'analisi del primo lotto di dati pubblicati, alla quale accenno nel servizio, emerge che ci sono in tutto circa 50 account che indicano una località del Canton Ticino come indirizzo fisico, insieme a un indirizzo di mail, al nome e cognome e alle ultime quattro cifre della carta di credito. In alcuni casi è stato usato l'indirizzo di mail del luogo di lavoro e/o ci sono altri dati personali reperibili facilmente sui social network. C'è un addebito di oltre 15.000 dollari sul quale sto indagando (ho contattato la persona per segnalare la possibile frode ai suoi danni). Le località ticinesi dichiarate dagli utenti, spesso indicando anche la via e il numero civico, sono una trentina (Arzo, Bellinzona, Cadempino, Camorino, Canobbio, Carabbia, Castel San Pietro, Chiasso, Cimo, Cugnasco, Figino, Lamone, Locarno, Losone, Lugano, Maggia, Manno, Massagno, Melano, Minusio, Monte Carasso, Morcote, Muralto, Pambio-Noranco, Paradiso, Quartino, Riva San Vitale, S. Pietro, Salorino, San Vittore, Sorengo, Vacallo).


2015/08/23 17:30


È partita una class action da oltre mezzo miliardo di dollari contro Ashley Madison. La riferisce la BBC, dicendo che due studi legali canadesi hanno avviato l'azione legale per conto di tutti i cittadini canadesi che sono stati colpiti dalla violazione della riservatezza dei propri dati. “In molti casi gli utenti avevano pagato un importo supplementare per far rimuovere dal sito tutti i propri dati e ora hanno scoperto che quelle informazioni sono invece rimaste intatte e ora sono state rese pubbliche”.


Fonti aggiuntive: Ars TechnicaThe Register.
135 commenti

Ashley Madison: dati cercabili, ipocriti illustri, analisi tecnica, vite in pericolo

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle gentili donazioni di “fabrisr*” e “luxbert*”. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora (anche con un microabbonamento). Ultimo aggiornamento: 2015/08/21 2:45.

Sono già disponibili vari siti Web, come Ashleymadisonleaked.com, Trustify.info, Ashley.cynic.al, che permettono di fare ricerche all'interno dei dati trafugati. Ce n'è persino uno che localizza i vari account su una mappa di Google come quella mostrata qui accanto.

Intanto emergono gli ipocriti illustri: Josh Duggar, celebrità televisiva statunitense che si presenta come paladino dei valori del matrimonio e della famiglia ed è stato messo a capo di un gruppo conservatore di lobbying, ha ben due account a pagamento su Ashley Madison, nei quali descrive dettagliatamente le proprie preferenze e disponibilità per una relazione extraconiugale.

IncludeSecurity.com ha pubblicato una dettagliatissima analisi tecnica dei dati, senza dati individuali, che è preziosa per chiunque s'interessi di informatica forense.

Per molti questa enorme fuga di dati altamente sensibili è fonte di ironia o di ilarità di fronte all'incoscienza di chi usa il proprio indirizzo di mail di lavoro o la propria carta di credito per registrarsi presso un sito d'incontri intimi segreti, e le storie degli adulteri angosciati sono educative per chi non ha ancora capito quanto è grave il problema della privacy nell'era dei dati in Rete. Ma in molti casi il rischio non è soltanto quello di trovarsi umiliati pubblicamente.

Per esempio, CNN fa notare che l'adulterio è una violazione grave del codice militare statunitense, per cui chi ha usato un indirizzo .mil potrebbe avere problemi ben più gravi di un coniuge furibondo, e che ci sono molti paesi nei quali una relazione omosessuale, come quelle delineate nei dati sottratti ad Ashley Madison, è punita con la morte: Afganistan, Iran, Mauritania, Nigeria, Qatar, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti. E in almeno uno di questi paesi ci sono utenti di Ashley Madison presumibilmente autentici, visto che i loro dati sono associati alla loro carta di credito.

C'è poco da scherzare, come indica un appello (ovviamente non verificabile) pubblicato in Rete da un omosessuale saudita che ha usato Ashley Madison per cercare partner durante gli anni trascorsi negli Stati Uniti e che ora risiede in Arabia Saudita e teme per la propria vita:


In traduzione:

Sono un uomo gay (single), di un paese dove gay=pena di morte, che sta per essere smascherato su Ashley Madison; come posso chiedere lo status di rifugiato?

Vengo dall'Arabia Saudita, dove l'omosessualità comporta la pena di morte. Negli ultimi anni ho studiato in America e in quel periodo ho usato Ashley Madison: quel sito Web è stato hackerato e gli hacker intendono pubblicare i nomi di ogni utente. Sono single; l'ho usato perché sono gay. Il sesso gay è punibile con la morte nella mia patria e quindi volevo tenere estremamente discreti i miei incontri (AM prometteva di avere sistemi che garantivano la riservatezza).

Ora sono di nuovo nel Regno e sembra che la lista di Ashley Madison possa essere pubblicata da un giorno all'altro. Sono quasi riuscito a racimolare soldi sufficienti per un biglietto aereo; non credo che sarà mai sicuro tornare, dato che ci sono prove incontrovertibili (immagini, chat) su AM che sono gay. Dove dovrei andare per avere la migliore speranza di ottenere lo status di rifugiato? E come faccio a chiederlo?
1 commento

UFO visti da astronauti e piloti? Ne parlo il 21 a Tesero

Le recenti dichiarazioni dell'astronauta lunare Edgar Mitchell sull'intervento di extraterrestri per impedire conflitti nucleari sulla Terra hanno riportato alla ribalta la questione delle numerose testimonianze di piloti e astronauti che sembrano avvalorare l'idea che un contatto con civiltà aliene sia già avvenuto ripetutamente.

Chi pilota un aereo o guida un veicolo spaziale sembra un testimone estremamente attendibile e di certo le sue parole meritano un'attenzione particolare. Ma quanto di quello che viene attribuito a questi testimoni è veramente stato detto da loro, e quanto è invece fantasia o disinformazione intenzionale? Cosa c'è dietro le loro testimonianze e i loro documenti visivi?

Ho incontrato Edgar Mitchell di persona qualche tempo fa e gliel'ho chiesto; ho inoltre indagato sulle principali testimonianze ufologiche attribuite agli astronauti e ai piloti civili e militari, e non sono mancate le sorprese.

Se l'argomento v'interessa, ne parlerò in dettaglio venerdì sera (21/8) alle 21 alla Sala Bavarese del Teatro Comunale di Tesero, su invito del Gruppo Astrofili Fiemme (www.astrofilifiemme.it). L'ingresso è libero.
22 commenti

Com’è la sicurezza dei siti scolastici italiani? Imbarazzante

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle gentili donazioni di “s.arleo*” e “fafiorent*”. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora (anche con un microabbonamento). Ultimo aggiornamento: 2015/08/19 23:00.

Questo è l'aspetto del sito Scuolafratellicervi.gov.it alle 9:54 italiane di stamattina:




Come mai? Ce lo dice la cache di Google, che attualmente custodisce l'aspetto che aveva il sito stamattina alle 4:36 GMT:



Intanto Scuolesuperioridizagarolo.gov.it è messo peggio: tuttora ospita il contenuto inserito dagli intrusi. È così da almeno due giorni.



Stessa brutta figura per liceoclassicoclaudioeliano.gov.it, che da ieri è nelle condizioni mostrate qui sotto:



Lasciando perdere il contenuto politico di queste violazioni, se questi siti sono in queste condizioni, vuol dire che:

a) non se n'è accorto nessuno perché non li visita nessuno, e allora sono uno spreco di denaro;
b) i loro amministratori non sono in grado di sistemarli prontamente, per cui sono incapaci;
c) entrambi i casi a) e b) contemporaneamente


23:00. I siti Scuolafratellicervi.gov.it e Scuolesuperioridizagarolo.gov.it sono tornati al loro aspetto normale, senza alcuna informazione sulla violazione subita. Invece liceoclassicoclaudioeliano.gov.it ha ora l'aspetto mostrato qui sotto:


Alla lista dei siti scolastici italiani violati si è aggiunto brevemente anche www.icopera.gov.it, che era nelle stesse condizioni dei precedenti (con la schermata “Hacked by Moroccanwolf”) oggi alle 11:10, ma è già stato ripristinato.
14 commenti

Pubblicati 10 GB di dati personali del sito di tradimenti Ashley Madison

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle gentili donazioni di “robird*”, “danibsec*” e “andreac*”. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora (anche con un microabbonamento). Ultimo aggiornamento: 2015/08/20 8:50.

Lo so che tutti quelli che decidono di essere infedeli al proprio partner credono di essere troppo furbi per essere mai scoperti, ma ci vuole un tipo di furbizia davvero speciale per fare le corna rivolgendosi a un sito Web al quale affidare la propria carta di credito e quindi la propria vera identità. Cosa mai potrebbe andare storto?

Devono averlo pensato in molti fra i 37 milioni di diversamente furbi che si sono affidati al sito Ashley Madison, un servizio “leader mondiale negli appuntamenti per persone sposate per incontri discreti” (come recita il suo banner, evidenziando il “discreti”). E infatti puntualmente il sito è stato violato e i dati degli utenti sono stati trafugati, con un ultimatum insolito alla Avid Life Media, proprietaria di Ashley Madison: chiudete il sito (e il suo consociato Established Men, dedicato a “collegare ragazze attraenti a benefattori generosi e di successo”) o pubblicheremo tutti i dati dei vostri clienti. Lo si è saputo il 21 luglio scorso.

Ashley Madison ed Established Men non sono stati chiusi, e ora, a quanto pare, i dati trafugati sono stati pubblicati su Internet e sono accessibili tramite Tor in siti come questo: circa 10 gigabyte (compressi; 35 giga dopo lo scompattamento) di mail, profili di membri, transazioni di carte di credito e altri dati estremamente sensibili, compresi organigrammi aziendali e altri documenti.

I nomi degli utenti possono ovviamente essere falsi, per cui l'esistenza di un profilo intestato a una certa persona non significa necessariamente che quella persona abbia davvero creato un account presso il sito (anche perché Ashley Madison non verificava gli indirizzi di mail degli utenti); ma se i dati includono anche le transazioni delle carte di credito, l'identità è difficile da negare e per gli avvocati divorzisti è festa grande. Anche chi vive di ricatti sarà particolarmente felice della stupidità degli utenti di questi siti. Se poi, come capita spesso, gli utenti hanno adoperato la stessa password su Ashley Madison e altrove, alla festa si aggiungeranno anche i ladri di account.

Gli intrusi, che si fanno chiamare Impact Team, hanno motivato la propria azione dicendo che Ashley Madison è un sito fraudolento: “una truffa con migliaia di falsi profili femminili... il 90-95% degli utenti reali è costituita da maschi”, scrivono, invitando gli utenti a fare causa alla Avid Life Media per averli ingannati.

C'è di più: Ashley Madison si faceva pagare 19 dollari dagli utenti per il privilegio di disiscriversi e di cancellare i loro dati (che includono informazioni molto personali come i dettagli delle loro preferenze sessuali), e già questo è discutibile, ma i file trafugati indicano che in realtà i dati non venivano affatto eliminati.

Tweet reale di Ashley Madison.
Divorzi e ricatti a parte, i dati sono estremamente interessanti come spaccato delle abitudini degli utenti. Per esempio, secondo le prime indagini, ci sarebbero circa 15.000 indirizzi .gov o .mil, il che significherebbe che ci sono utenti così stupidi da usare il proprio indirizzo di mail di lavoro governativo o militare per iscriversi a un sito d'incontri. Le password sono cifrate con bcrypt, ma dubito che resisteranno a lungo.

Morale della storia: su Internet come nella vita reale, non affidate a terzi sconosciuti i vostri segreti. Non ne avranno mai la cura che ne avreste voi. E mettendoli online facilitate immensamente il lavoro a chiunque sia interessato a rubarli. Se li custodite voi, per quanto li custodiate male, per rubarveli devono avercela con voi abbastanza da entrarvi materialmente in casa o in ufficio.


8:50


I dubbi sull'autenticità dei dati pubblicati sono stati chiariti: i file sono stati autenticati. Gli account pubblicati sono circa 33 milioni (completi di nome utente, nome e cognome e hash della password; 28 milioni si dichiarano uomini, 5 si dichiarano donne); ci sono dati parziali riguardanti indirizzi d'abitazione, numeri di telefono e carte di credito, 9.6 milioni di transazioni e 36 milioni di indirizzi di mail. Le preferenze sessuali di ciascun utente sono descritte in maniera estremamente dettagliata, con ben 62 categorie. Ci sono anche gli account PayPal usati dai dirigenti di Ashley Madison (completi di password), schemi dettagliati dell'infrastruttura dell'azienda, e altro ancora. I dati sono stati raccolti l'11 luglio scorso.



Emerge molto chiaramente l'assurda disinvoltura dei gestori della sicurezza di Ashley Madison, che tenevano attivi sette anni di transazioni di carte di credito e avevano password di PayPal corte, ripetute e facili (avid1906 su cinque account, keithx22 su due, per esempio).

Un'analisi degli account con indirizzi .mil o .gov è qui.

Un altro bell'esempio d'incoscienza degli utenti: migliaia si sono registrati usando il proprio indirizzo di mail presso Facebook, per cui è banale associare il loro profilo a Ashley Madison al loro profilo Facebook.

Stanno già nascendo i siti che permettono di fare ricerche all'interno dei file trafugati, come per esempio Washeonashleymadison.com, che è già stato diffidato e ha interrotto il servizio. Mikko Hypponen di F-Secure consiglia di usare Haveibeenpwned.com per essere notificati in caso di violazioni del proprio account di mail.

Va ribadito che la presenza di un semplice indirizzo di mail negli archivi di Ashley Madison non è prova di colpevolezza (per esempio c'è chi vi ha trovato quello apparente di Tony Blair): chiunque poteva registrarsi al sito usando una mail di fantasia o altrui. Se invece insieme al nome ci sono i dati della carta di credito, l'identità si fa molto più credibile.

Altri aggiornamenti sono qui.


Fonti aggiuntive: The Register, Ars Technica, Fusion.net, Hydraze.org, Wired, Ars Technica, Wired.
8 commenti

No, neanche stavolta Marte sarà grande come la Luna il 27 agosto

La bufala di Marte che sarà grande come la Luna è tornata puntuale anche quest'anno, accompagnata dall'immagine qui accanto e da questo testo: “Il 27 agosto Marte sarà visibile ad occhio nudo e sarà grande come la Luna. La prossima volta accadrà nel 2287.”

Balle. Marte è sempre visibile a occhio nudo: basta sapere dove guardare nel cielo notturno. E naturalmente neanche quest'anno sarà grande come la Luna: resterà un puntino come al solito.

Chi diffonde questa panzana non sta facendo un favore a nessuno, men che meno a se stesso: sta soltanto dimostrando di essere ignorante in astronomia e incapace di usare Google, visto che lo sbufalamento è in giro da anni ed è a portata di clic: basta avere l'abitudine di controllare prima di inoltrare. La mia indagine antibufala è qui sin dal 2009.
0 commenti

Magnifica foto del rientro fiammeggiante di un cargo Progress dallo spazio

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie ai microabbonamenti come quello di “diego.cao*".


Quella scia che vedete nella bellissima foto qui sopra non è una meteora delle Perseidi: è la navicella cargo russa Progress M-26M che rientra nell'atmosfera terrestre, di ritorno dalla Stazione Spaziale Internazionale, e si disintegra per il calore e le sollecitazioni aerodinamiche dell'impatto con l'atmosfera a circa 28.000 km/h. La foto è scattata proprio dalla Stazione Spaziale. Il rientro è avvenuto sopra l'Oceano Pacifico il 14 agosto scorso.

A volte a bordo di meteore artificiali come questa ci sono anche gli astronauti che rientrano dalla Stazione, con la differenza che la loro capsula è dotata di uno scudo termico, per cui arriva a terra calda ma intatta. La Soyuz con la quale è rientrata Samantha Cristoforetti aveva un aspetto come questo, vista da fuori.


Credit: Roskosmos.
16 commenti

Raffica di aggiornamenti di sicurezza: Flash, Chrome, Firefox, Internet Explorer, Windows

Credit: Medieval Reactions
Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle gentili donazioni di “fabio.turch*” e “mario.cop*”. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora (anche con un microabbonamento).

Se dovete ancora avere Flash sui vostri computer, aggiornatelo alla versione più recente, ossia la 18.0.0.232: chiuderete 35 falle, molte delle quali sono classificate come gravi. Controllate la pagina di test di Adobe per verificare quale versione avete a bordo. Se vi siete stufati o volete ridurre il rischio, le istruzioni per obbligare Flash a chiedere il vostro consenso prima di eseguire il contenuto di una pagina sono qui. Scoprirete con piacere quanti pezzi di pagine Web apparentemente normali sono in realtà contenuto Flash mascherato.

Google Chrome (che contiene una propria versione auto-aggiornante di Flash) è stato aggiornato alla versione 44.0.2403.155.

Firefox ha fatto cifra tonda: l'aggiornamento più recente è la versione 40.0. Se state usando versioni precedenti, vi conviene aggiornarle. Le istruzioni per aggiornare Firefox sono qui. La nuova versione di Firefox risolve 14 falle (di cui quattro critiche, inclusa una buona fetta di Stagefright) e introduce maggiori controlli di sicurezza: per esempio, blocca i download automatici di malware identificati da Google Safe Browsing e le pagine Web contenenti “software ingannevole” (eufemismo, dettato da cautele legali, usato per indicare adware e altre forme di malware gestite da una struttura aziendale). Inoltre richiede che le estensioni siano firmate digitalmente da Mozilla; se non lo sono, ricevete un avviso.

Internet Explorer (tutte le versioni dalla 7 alla 11) va aggiornato per risolvere alcune falle definite “critiche” da Microsoft, e anche Windows 10 ha delle vulnerabilità da rattoppare. Le istruzioni dettagliate per aggiornare questi prodotti Microsoft sono qui, ma in sostanza basta usare Windows Update o lasciare che Windows provveda automaticamente. Tuttavia alcuni utenti di Windows 10, caratterizzato dall'installazione automatica degli aggiornamenti, segnalano problemi che bloccano i loro computer in un loop infinito di riavvio e reinstallazione.
28 commenti

Oggi nuova passeggiata spaziale russa sulla Stazione Spaziale Internazionale

Oggi due cosmonauti russi, Gennady Padalka e Mikhail Kornienko, usciranno all'esterno della Stazione Spaziale Internazionale per delle attività di manutenzione che comprendono, fra l'altro, cose insolite come la pulizia di un finestrino (sporcato dallo scarico dei propellenti dei motori di manovra dei veicoli che hanno visitato la Stazione) e il lancio fuori bordo di un componente non più necessario: una manovra delicata, perché se non viene fatta con la forza e la direzione appropriate c'è il rischio che il componente resti in orbita, invece di rientrare e disintegrarsi, e torni a collidere con la Stazione.

La diretta su NASA TV inizierà alle 15:45 (ora dell'Europa Centrale) e durerà circa sei ore. C'è un video (in inglese) che spiega in sintesi le attività principali dell'escursione; maggiori dettagli, sempre in inglese, sono su Spaceflight101.com.
26 commenti

Sito dell’Accademia della Crusca violato con scritte pro-islamiste

L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale. Ultimo aggiornamento: 2015/08/09 15:20.


Questo è l'aspetto attuale di Accademiadellacrusca.it, il sito ufficiale dell'Accademia della Crusca. Nello screenshot ho bloccato l'esecuzione del contenuto Flash. Il sito è in queste condizioni almeno dalle 9:47 GMT di oggi, perché anche la copia cache in Google (che attualmente risale a quell'ora) è nelle stesse condizioni. Su Zone-h.org l'annuncio di defacement risale alle 12:41 di ieri.

Gli amministratori del sito, a quanto pare, tardano a risolvere il defacement, anche se l'account Twitter dell'Accademia dice che “I tecnici stanno lavorando sul problema” e che l'attacco risale a ieri. Grazie a @vanniat66 per la segnalazione.

Lo stesso autore di defacement se l'è presa ieri anche con www.wallstreetenglishlucca.it, www.wallstreetenglishbari.it e www.wallstreetenglishpisa.it, che ospitano varie versioni della stessa pagina inserita dall'aggressore.


2015/08/09 15:20


Il sito dell'Accademia è stato ripristinato. I siti della Wall Street restano violati.

26 commenti

Stasera hangout in diretta: a che serve l’esplorazione spaziale?

L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale. Ultimo aggiornamento: 2015/08/07 23:20.

Questa sera alle 20:30 parteciperò a un Live Hangout organizzato da Italia Unita per la Scienza e intitolato A che serve l'esplorazione spaziale?

Se siete anche voi stufi di sentire i soliti commenti ottusi di chi dice che andare nello spazio è uno spreco di soldi e volete un po' di fatti per controbattere, se siete stanchi di leggere le sparate sessiste contro Samantha Cristoforetti, venite a tenerci compagnia: l'hangout sarà raggiungibile qui su Youtube. L'evento su Facebook è qui.

Parteciperanno all'hangout:

Angelo Zinzi, planetologo ASDC (ASI Science Data Center) / INAF-OAR e gestore della rubrica Con-Scientia, che parlerà di come osservare pianeti e corpi celesti da vicino abbia rivoluzionato molte nostre idee, dalle comete che ci svelano il passato del sistema solare all'attività geologica su certi pianeti analoga alla nostra;

– Elisa Nichelli, astrofisica delle alte energie e collaboratrice redazione media INAF, che parlerà delle principali missioni spaziali, dalle sonde Voyager a New Horizons, di come grazie a esse il nostro occhio sul cosmo sia cambiato e di perché sia importante andare "vicino" ai corpi celesti per studiarli;

– Marco Zambianchi, spacecraft controller presso l'European Space Operations Center e gestore di AstronautiCAST, che parlerà del ruolo e dell'importanza dell'ESA, con cenni alle missioni europee di esplorazione spaziale e osservazione della Terra, e di come i social network siano una preziosa opportunità per divulgare la scienza e le tematiche spaziali;

– Lorenzo Colombo, dalla pagina divulgativa astronomica Chi ha paura del buio?, che parlerà di importanti ricadute tecnologiche derivanti dalla ricerca spaziale, dall'analisi delle stelle lontane fino alle invenzioni mediche ottenute grazie alla Nasa;

Adrian Fartade, di Link2Universe, che parlerà degli investimenti nella ricerca spaziale e della loro portata;

Daniele Vassalli, dal blog Il paese degli Sputnik, che parlerà degli albori della corsa allo spazio e della rivalità fra USA e URSS, di come è passata da competizione a collaborazione.

Io parlerò del programma Apollo e delle tecniche e delle invenzioni sviluppate per renderlo possibile e che adoperiamo noi tutti ogni giorno. Saremo moderati da Romeo Gentile, aka (LeFou!).


Aggiornamento (23:20): è disponibile qui sotto il video dell'Hangout.



41 commenti

Arriva LibreOffice 5.0, più efficiente e leggero

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle gentili donazioni di “filippover*” e “maxpoli*”. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora (anche con un microabbonamento).

È disponibile per lo scaricamento libero qui la nuova versione di LibreOffice, la suite di produttività (testi, fogli di calcolo, presentazioni e database) open source, libera, gratuita (sostenuta dalle donazioni) e conforme allo standard ISO 26300 (OpenDocument). Ci sono versioni per Windows, Mac OS e Linux, naturalmente anche in italiano. Per Android c'è un lettore di documenti (qui su Google Play) con funzioni sperimentali di editing; è disponibile inoltre un'app Android e iOS per il telecomando delle presentazioni.

Cito dall'annuncio ufficiale alcune delle novità (l'elenco completo è qui in italiano): “LibreOffice 5.0 offre un'interfaccia utente significativamente migliore, con una gestione più razionale dello spazio su schermo e un aspetto più pulito. Inoltre, fornisce un'interoperabilità avanzata con le suite per ufficio come Microsoft Office e Apple iWork, grazie ai nuovi filtri migliori nella gestione dei formati non standard. [...] LibreOffice 5 contiene numerosi miglioramenti ai filtri di importazione ed esportazione, per una maggiore fedeltà nella conversione dei documenti. Inoltre, è possibile aggiungere la marca temporale standard ai file PDF generati con LibreOffice.”

Anche il codice è stato ripulito massicciamente, per cui l'uso di LibreOffice incide meno sul processore e quindi allunga l'autonomia dei dispositivi a batteria.

Io uso LibreOffice da anni per tutti i miei libri e per i miei spreadsheet e mi trovo molto bene, tanto che sui miei computer non ho Microsoft Office. Ho installato la 5 sopra la 4 e ha ereditato tutte le impostazioni personalizzate. Nella versione standard di LibreOffice gli aggiornamenti non sono automatici (si riceve una notifica, ma poi bisogna scaricare e installare manualmente); tuttavia se volete questo genere di automatismo c'è LibreOffice Vanilla nell'App Store di Apple.

Provate LibreOffice: non costa nulla. Però se vi piace, alimentate il suo sviluppo con una donazione, in modo da garantire che i documenti che create siano sempre accessibili senza dover dipendere dagli umori e dai capricci di licenza di una qualunque società commerciale.



49 commenti

Marte a 22˙000 pixel

Foto scattata su Marte dalla sonda Curiosity il 10 e 11 aprile. 22.666 x 5838 pixel. Smettete di leggere, cliccate sul link all'originale a piena risoluzione e raccattate la mascella mandibola dal pavimento. Siete su Marte.

Credit: NASA/JPL-Caltech/MSS.
Maggiori informazioni sono qui su NASA.gov.



0 commenti

Podcast del Disinformatico del 2015/07/31

È disponibile per lo scaricamento il podcast della puntata di venerdì scorso del Disinformatico della Radiotelevisione Svizzera. Buon ascolto!
51 commenti

La Luna come non l’avete mai vista: fa photobombing alla Terra

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle gentili donazioni di “daniele.bol*” e “tombo*” ed è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora (anche con un microabbonamento). Ultimo aggiornamento: 2015/08/05 23:15.

Credit: NASA/NOAA

Questa foto straordinaria proviene dalla fotocamera EPIC (Earth Polychromatic Imaging Camera) della sonda DSCOVR della NASA, situata a circa 1,6 milioni di chilometri dalla Terra, che ci ha già regalato un'altra immagine notevole del nostro mondo. Questa nuova fotografia, però, è davvero speciale: mostra anche la Luna mentre passa davanti alla Terra dal punto di vista della sonda.

Non solo: ci mostra la faccia nascosta della Luna, quella che da Terra non vediamo mai e che molti pensano sia la sua faccia oscura. Nonostante il titolo del popolarissimo album dei Pink Floyd, non esiste una dark side of the moon, perché periodicamente tutta la superficie lunare viene illuminata dal Sole. Notate come la faccia nascosta è praticamente priva dei mari basaltici che invece caratterizzano la faccia perennemente rivolta verso di noi.

Cosa ancora più intrigante, la foto ci permette di confrontare la luminosità della Luna con quella della Terra e renderci conto che la Luna, che a noi sembra bianca e luminosa nel nero del cielo notturno, è in realtà scurissima rispetto alla Terra. Se si regola la fotocamera per esporre correttamente la Terra, la Luna risulta grigia e cupa.

La foto rappresenta piuttosto fedelmente la luminosità relativa e i colori naturali della Terra e del suo satellite naturale: la Luna ha un leggero bordo verde sulla destra e uno rosso-blu sulla sinistra perché l'immagine a colori è stata ottenuta scattando tre immagini monocromatiche attraverso filtri rossi, blu e verdi con un intervallo fra l'una e l'altra di circa 30 secondi, durante i quali la Luna si è spostata leggermente rispetto alla sonda DSCOVR. Le immagini sono state riprese il 16 luglio scorso.

È la prima volta nella storia che abbiamo una foto intera della Luna e della Terra insieme in alta risoluzione: nel 2008 la sonda Deep Impact aveva scattato un'immagine dello stesso tipo, ma da decine di milioni di chilometri, in bassissima risoluzione e con Terra e Luna illuminate soltanto in parte. Anche le missioni Apollo fotografarono la Terra e la Luna insieme, ma inquadrando soltanto una porzione molto piccola della Luna.

Se volete, c'è anche un video di questo nuovo, magnifico transito della Luna, creato animando le varie fotografie scattate in sequenza dalla fotocamera EPIC:



Potete anche scaricare l'immagine originale e la GIF animata (9,4 MB) ad alta risoluzione.

Se vi state chiedendo come mai non si vede l'ombra della Luna proiettata sulla Terra, è perché il Sole non è perfettamente alle “spalle” della sonda e quindi la Luna passa davanti alla Terra dal punto di vista di DSCOVR ma l'ombra lunare non viene proiettata sulla Terra e invece cade al di fuori del nostro pianeta (altrimenti avremmo avuto un'eclissi di Sole). Il disassamento si nota perché la Luna ha una sottile falce d'ombra sul lato destro.


Fonte: NASA.
585 commenti (ultimi)

Vescovo svizzero cita Bibbia: pena di morte per gli omosessuali. Guai anche per chi mangia gamberetti

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle gentili donazioni di “gianluca.aff*” e “paolof*”. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora (anche con un microabbonamento). L'articolo è stato ampiamente aggiornato dopo la pubblicazione iniziale. Ultimo aggiornamento: 2017/05/06 18:35.

Credit: Wikipedia.
Leggo nell'ultim'ora della Radiotelevisione Svizzera e su Swissinfo che il vescovo cattolico di Coira, Vitus Huonder, ha usato come sostegno alle proprie posizioni anti-gay la citazione di un brano del Levitico che impone la pena di morte per gli omosessuali.

Huonder ha citato specificamente queste parole del testo biblico: “Non ti coricherai con un uomo come si fa con una donna: è cosa abominevole. Chiunque praticherà qualcuna di queste abominazioni, ogni persona che le commetterà, sarà eliminata dal suo popolo.” 

Questa è la versione citata dalla RSI, ma l'originale tedesco dice “beide werden mit dem Tod bestraft”, ossia “entrambi verranno messi a morte” e non consente di interpretare “eliminata” nel senso più morbido di “allontanata”. La versione presente nella Bibbia CEI pubblicata su Vatican.va dice testualmente: “Se uno ha rapporti con un uomo come con una donna, tutti e due hanno commesso un abominio; dovranno essere messi a morte; il loro sangue ricadrà su di loro.” (Levitico 20:13, ribadito in 18:22; evidenziazione mia).

Naturalmente non sono mancate le reazioni stupite a questa nuova uscita di Huonder (Le Temps; Blick; Basler Zeitung; The Local), che è già noto per le sue posizioni controverse (Swissinfo, 2007; Tio.ch, 2011; Rsi.ch, 2014), ma il video (in tedesco) che le documenta e le fonti giornalistiche che le riportano non sembrano lasciare spazio a dubbi. Di tutti i brani che il vescovo poteva scegliere per parlare della visione cristiana dell'omosessualità, ha preso proprio quello dove Dio ordina di mettere a morte gli omosessuali. Un capolavoro di delicatezza e diplomazia.

Il contesto nel quale Huonder ha fatto la citazione è visibile in questo video su KathTube (in tedesco) e ne è disponibile una trascrizione. Il vescovo inizia a citare i passi del Levitico a 21 minuti dall'inizio; nella trascrizione la citazione inizia al punto 6 di pagina 10. Cita inoltre il Nuovo Testamento: nella trascrizione è a pagina 15. Ringrazio due lettori, Federico e Illuminista, per questi dati.

Ecco la trascrizione delle parole di Huonder dopo aver fatto la citazione dal Levitico, seguite dalla mia traduzione in tedesco (sicuramente migliorabile; grazie a Giuseppe per il contributo):

Die beiden Texte legen mit weiteren anderen Stellen der Heiligen Schrift, insbesondere im Buch Levitikus, die göttliche Ordnung vor, welche für den Umgang mit der Sexualität gilt.

I due testi definiscono, insieme ad altri passaggi delle Sacre Scritture, particolarmente nel Levitico, l'ordine di Dio riguardante la gestione della sessualità.


In unserem Fall geht es um die gleichgeschlechtliche Praxis. Die beiden zitierten Stellen allein würden genügen, um der Frage der Homosexualität aus der Sicht des Glaubens die rechte Wende zu geben. Die Aussage hat daher auch Bedeutung für die Definition der Ehe und der Familie. Da gibt es keine Vielfalt der Ehe- und Familienmodelle. Davon nur schon zu sprechen, ist ein Angriff auf den Schöpfer, aber auch auf den Erlöser und Heiligmacher, also auf den dreifaltigen Gott.

Nel nostro caso abbiamo a che fare con le pratiche omosessuali. Da soli, i due brani citati sarebbero già sufficienti a dare l'indicazione corretta sulla questione dell'omosessualità dal punto di vista della fede. La dichiarazione è quindi significativa anche per la definizione di matrimonio e di famiglia. Perché non vi è diversità di modelli coniugali e familiari. Anche soltanto parlarne è un attacco al Creatore, ma anche al Salvatore e al Santificatore, al Dio trino.


Die Seelsorge muss sich in der Frage nach der göttlichen Ordnung richten. Ihr Auftrag ist, im Bewusstsein des Seelenheils, also in pastoraler Liebe - im Unterschied zu einem reinen Humanismus - die Menschen in jeder Hinsicht aus dem Zustand der gefallenen Natur zu befreien zum Leben als Kinder des Lichtes (Eph 5,8). Der Glaube ist für alle Menschen, auch für Menschen mit homophiler Neigung eine Hilfe und kann zu einer Umleitung der diesbezüglichen Orientierung führen, zu einer Beherrschung des Sexualtriebes und zu ihrer Einordnung ins eigene Leben entsprechend der göttlichen Weisung.

La cura delle anime, in questa questione, deve rispettare l'ordine divino. Il suo compito è, nella consapevolezza della salvezza dell'anima, così come nell'amore pastorale – diversamente da un puro umanesimo – liberare l'uomo in ogni aspetto dallo stato di natura caduta, verso la vita come figlio della luce (Ef. 5,8). La fede è un aiuto per tutti gli uomini, anche per quelli con una tendenza omosessuale, e può portare a un cambiamento di quest'orientamento, a padroneggiare la pulsione sessuale e a collocarla nella propria vita secondo l'indicazione divina.


Lasciamo stare il fatto che nonostante tutti i proclami di tolleranza e modernità, all'interno di movimenti religiosi importanti come il cattolicesimo, che parlano continuamente di amore e rispetto verso il prossimo, si lasci spazio a indifendibili monumenti d'intolleranza come le parole di Huonder (“anche soltanto parlare [di modelli coniugali e familiari differenti] è un attacco al Creatore”), la sua visione degli omosessuali come malati da curare o questa sua scelta di citare un passo biblico che parla di mettere a morte gli omosessuali: una citazione fatta non da un fedele qualunque, ma da un vescovo. Vediamo invece cos'altro dice il libro della Bibbia usato da Huonder come fondamento per la propria discussione: prendiamo dal Levitico qualche esempio di quali altre pericolosissime fasce della popolazione andrebbero messe a morte o perlomeno “tenute in abominio” se dovessimo davvero seguire alla lettera gli imperativi citati dal vescovo Huonder.

Chi ha rapporti sessuali durante le mestruazioni: “Se uno ha un rapporto con una donna durante le sue regole e ne scopre la nudità, quel tale ha scoperto la sorgente di lei ed essa ha scoperto la sorgente del proprio sangue; perciò tutti e due saranno eliminati dal loro popolo”; “Non ti accosterai a donna per scoprire la sua nudità durante l'immondezza mestruale” (Lev. 20:18; 18:19).

Chi consulta gli oroscopi: “Se un uomo si rivolge ai negromanti e agli indovini per darsi alle superstizioni dietro a loro, io volgerò la faccia contro quella persona e la eliminerò dal suo popolo” (Lev. 20:6).

Chi redige gli oroscopi o consulta i tarocchi: “Se uomo o donna, in mezzo a voi, eserciteranno la negromanzia o la divinazione, dovranno essere messi a morte; saranno lapidati e il loro sangue ricadrà su di essi” (Lev. 20:27).

Chi dice bestemmie: “Chi bestemmia il nome del Signore dovrà essere messo a morte: tutta la comunità lo dovrà lapidare. Straniero o nativo del paese, se ha bestemmiato il nome del Signore, sarà messo a morte” (Lev. 24:16).

Chi mangia lepre o maiale: “Potrete mangiare d'ogni quadrupede che ha l'unghia bipartita, divisa da una fessura, e che rumina. Ma fra i ruminanti e gli animali che hanno l'unghia divisa, non mangerete i seguenti: il cammello, perché rumina, ma non ha l'unghia divisa, lo considererete immondo; l'ìrace, perché rumina, ma non ha l'unghia divisa, lo considererete immondo; la lepre, perché rumina, ma non ha l'unghia divisa, la considererete immonda; il porco, perché ha l'unghia bipartita da una fessura, ma non rumina, lo considererete immondo. Non mangerete la loro carne e non toccherete i loro cadaveri; li considererete immondi.” (Lev. 11:3-8).

Chi mangia gamberetti o crostacei in genere: “Potrete mangiare quanti hanno pinne e squame, sia nei mari, sia nei fiumi. Ma di tutti gli animali, che si muovono o vivono nelle acque, nei mari e nei fiumi, quanti non hanno né pinne né squame, li terrete in abominio. Essi saranno per voi in abominio; non mangerete la loro carne e terrete in abominio i loro cadaveri. Tutto ciò che non ha né pinne né squame nelle acque sarà per voi in abominio” (Lev. 11:9-12).


Insomma, appoggiarsi al Levitico per giustificare le proprie tesi non è una scelta molto illuminata e al passo con i tempi: significa offrire il fianco a una bordata di ridicolo.


Giusto per capirci e prevenire polemiche inutili: questo non è un attacco al cattolicesimo o al cristianesimo. È una critica – anzi no, è un “datti una svegliata, bello” a chiunque sia così ottuso da affidarsi ciecamente all'interpretazione letterale di un libro (di qualunque autore, soprannaturale o meno) per le proprie scelte morali, così intollerante e bigotto da volerle imporre agli altri e da pensare che persone la cui unica colpa è amare qualcuno al di fuori di regole bizantine scritte due dozzine di secoli fa siano “cadute” e debbano (o vogliano) essere “raddrizzate”. Come si faceva una volta con i mancini, e abbiamo visto com'è finita.


2015/08/09


La Radiotelevisione Svizzera segnala che le parole di Huonder hanno portato all'annuncio di una denuncia penale da parte di Pink Cross, organizzazione che riunisce le associazioni di lesbiche e gay. L'accusa è incitazione pubblica al crimine o alla violenza, che secondo l'articolo 259 del Codice penale svizzero (non 269 come scritto dalla RSI, grazie motogio) può comportare una pena fino a tre anni. Il comunicato stampa di Pink Cross (in tedesco) è qui.

Può sembrare una decisione eccessiva, ma va considerato un fatto: Huonder ha detto che il brano del Levitico (insieme all'altro citato) definisce “l'ordine di Dio riguardante la gestione della sessualità” e “l'indicazione corretta sulla questione dell'omosessualità dal punto di vista della fede” e non ha ripudiato la parte in cui quell'ordine divino comanda la messa a morte. Ora fatevi una domanda: se un imam o un'altra autorità islamica avesse citato un versetto del Corano dicendo che Allah ordina di mettere a morte gli omosessuali, e che persino parlare di coppie gay è un attacco ad Allah, come vi sentireste? Buona riflessione.


2015/08/10


Le denunce depositate sono due: RSI riferisce che oltre a quella di Pink Cross c'è anche quella di un privato residente nel canton San Gallo, sempre con la stessa motivazione.


2015/08/13


La RSI segnala che Huonder, in una lettera inviata a 800 collaboratori del vescovado di Coira, “si scusa con le persone ferite dalle sue affermazioni e assicura che la Chiesa non vuole escludere nessuno”. I consumatori di gamberetti tirano un sospiro di sollievo. The Local e Ticinonews hanno qualche dettaglio in più sul contenuto della lettera: va notato che le scuse di Huonder sono rivolte alle “persone di sensibilità omosessuale”, come se la sessualità fosse una scelta o un vezzo; bisognrerebbe chiedere a Huonder quando ha deciso di essere eterosessuale – pardon, di avere una sensibilità eterosessuale. Intanto l'ex vescovo di Lugano ha preso posizione contro l'atteggiamento di Huonder (Ticinonews).


2015/08/16


Non si placa la polemica sulle parole scelte da Huonder: arriva anche la critica del presidente nazionale del PPD Christophe Darbellay, che le ha definite “parole sprezzanti nei confronti delle persone” (RSI Ultim'ora).


2015/08/31


Già 21.000 persone hanno firmato una petizione online di condanna del vescovo Huonder; l'intenzione è raggiungere quota 25.000 e presentare le firme alla Conferenza episcopale svizzera (RSI.ch).


2015/10/10-11


“Il Ministero pubblico grigionese ha optato per l'archiviazione del caso” (Rsi.ch). Ma Pink Cross “ha presentato un ricorso... L'alto prelato ha preso atto del ricorso inoltrato e ha fatto sapere attraverso il suo portavoce che non intendere [sic] esprimersi ulteriormente sulla questione.” (Rsi.ch).



2017/05/06


La RSI ha annunciato che "Huonder, come prevede il diritto ecclesiastico, ha presentato oggi, venerdì, per i suoi 75 anni, le dimissioni al Papa [...]. Il pontefice ora dovrà pronunciarsi sulla decisione presa dal prelato, considerando tutte le circostanze indicate nella sua lettera di congedo."