skip to main | skip to sidebar
6 commenti

“Tanti auguri a te”, negato il copyright preteso per decenni dalla Warner

Sapevate che Tanti Auguri a Te non è una canzone tradizionale libera, ma è soggetta al diritto d'autore della Warner/Chappell Music? Lo è, o perlomeno lo è stata per decenni fino a pochi giorni fa, quando una sentenza di un giudice federale statunitense ha stabilito che la Warner non detiene i diritti sulla canzone e che quindi i pagamenti richiesti per il suo uso (circa 2 milioni di dollari l'anno) non sono legittimi.

Specificamente la Warner affermava di avere i diritti sul testo di Tanti Auguri a Te fino al 2030, ma la sentenza stabilisce che il diritto riguarda soltanto specifici arrangiamenti della melodia, composta dalle sorelle Patty e Mildred Hill nel 1893 (o perlomeno attribuita a loro; ci sono dubbi sull'origine del brano). Secondo alcune stime, è il brano che vanta i maggiori incassi nella storia della musica: circa 50 milioni di dollari.

La vicenda è emersa grazie alla documentarista Jennifer Nelson, che ha fatto un film dedicato alla storia di questa canzone popolarissima: ha indagato sulle vere origini del brano e ha fatto causa sulla base di quello che ha scoperto. Dopo due anni di azione legale è arrivata questa sentenza. È probabile che la Warner ricorrerà in appello.


Fonti: Ars Technica, BoingBoing.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (6)
Nel 2003, Elio E Le Storie Tese incisero il brano "Al mercato di Bonn", ma il pezzo non venne mai pubblicato proprio conteneva una citazione di "Happy birthday to you" per la quale non venne dato il permesso di utilizzo. Loro, per ripicca, la trasmisero per radio, chiedendo esplicitamente agli ascoltatori di non registrarla perchè "era vietato farlo" :D

PS: ma è vero che esiste una leggenda urbana/bufala secondo la quale l'autore del pezzo sarebbe stato Paul Mc Cartney?
@ Replicante Cattivo

Ma Paul Mac Cartney l'ha scritta prima o dopo essere morto ed essere sostituito a un sosia?
@Replicante:

Non l'ho mai sentita questa, ma visto che la prima pubblicazione del pezzo è del 1893, almeno questo spiegherebbe perché McCartney è morto nel 1966!:D
Finalmente hanno preso un bel calcione nelle Chappell ;)
...e tutti i soldi illecitamente richiesti dalla warner?
C'è una cosa che mi ha sempre perplesso, nella versione originale.

gooddde morning... assurdo.
goooodnmorning... impronunciabile
gwtttttte morning... impensabile.
good morning... ridicolo.

Non è neanche umanamente possibile cantarla in maniera decente.