skip to main | skip to sidebar
1 commento

Twitter senza limiti di lunghezza nei messaggi privati; arriva la ricerca di massa

Twitter ha abolito la restrizione di 140 caratteri sulla lunghezza dei messaggi privati scambiati fra persone che si seguono a vicenda: crolla così una delle regole di base che ha sempre contraddistinto questo social network e che ha imposto una concisione che per alcuni è un vantaggio e per altri è un tormento, creando forti simpatie e antipatie.

L'annuncio è stato fatto a metà agosto, ma c'è voluto un po' perché la modifica, attiva da subito via Web, si diffondesse nelle varie app per computer, tablet e telefonini.

La limitazione resta attiva per i messaggi pubblici e per chi usa Twitter tramite SMS tradizionali (è da qui che nacque anni fa l'idea del limite di 140 caratteri), ed è probabilmente dovuta alla concorrenza di altri servizi di messaggistica come WhatsApp e Instagram che non hanno mai avuto questa barriera di brevità.

D'ora in poi, inoltre, sarà più facile effettuare ricerche e analisi di massa dei tweet, grazie ai servizi commerciali di ricerca offerti da Gnip, che ora offrono l'esplorazione dell'intero archivio storico di tutti i tweet pubblici, mentre in passato vigeva il limite di trenta giorni. Per chi è interessato alla ricerca semplice resta comunque disponibile il motore di ricerca gratuito per tweet offerto da Twitter presso Twitter.com/search.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (1)
"La limitazione resta attiva per i messaggi pubblici ".
Detto così è riduttivo e non rende l'idea di come funzioni twitter. Sembra che si collochino sullo stesso piano i "messaggi privati" e i "messaggi pubblici". Questi ultimi in realtà sono i tweet, e su di essi si basa l'esistenza stessa di twitter. I messaggi privati (meglio: i messaggi diretti, DM), sono qualcosa di totalmente secondario nell'esistenza di twitter. Non ha molto senso assimilarli, per importanza, ai tweet, e per questo motivo la "riforma" di cui si parla nell'articolo è, per l'utente di twitter, del tutto secondaria. La regola dei 140 caratteri rimane eccome, e solo se essa venisse meno nei tweet (prospettiva non all'orizzonte) si snaturerebbe twitter.