skip to main | skip to sidebar
39 commenti

Windows 10, scaricamento imposto e nascosto anche a chi non lo vuole

L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale. Ultimo aggiornamento: 2015/09/18 17:20.

Avete notato che ultimamente il vostro PC Windows è particolarmente pieno di dati e lo è anche la vostra connessione a Internet? La colpa potrebbe essere di Windows 10. Anche se non state usando Windows 10.

Infatti Microsoft, nell'intento di offrire a tutti gratuitamente la nuova versione del proprio sistema operativo, ha usato Windows Update per scaricare Windows 10 sui computer di tutti gli utenti delle versioni precedenti aggiornabili. Lo scaricamento, con conseguente occupazione di spazio su disco (fino a 6 gigabyte) e rallentamento della connessione, avviene che l'utente lo voglia o no. Tutti gli utenti che hanno attivato gli aggiornamenti automatici di sicurezza della propria versione di Windows, ossia la norma, si ritrovano così un “aggiornamento” che in realtà è un'intera versione nuova del sistema operativo. Una versione che magari non vogliono o non possono usare.

Con le capienze e le velocità di connessione medie di oggi qualche giga da scaricare solitamente non è un problema, ma immaginate la gioia che prova invece chi ha un PC portatile con disco a stato solido da poche decine di gigabyte (per esempio un Surface o altro tablet Windows), una connessione a Internet non veloce (per esempio cellulare, alberghiera o peggio ancora a consumo) oppure ha molti computer che tentano contemporaneamente e ripetutamente di scaricare gigabyte di dati. E se lo scaricamento non va a buon fine a causa dell'eccessivo volume di dati, viene ritentato all'infinito, creando un circolo vizioso.

A molti utenti quest'imposizione sta dando fastidio per il modo in cui viene fatta: Windows 10 viene scaricato in una cartella nascosta, per cui l'utente normalmente non può vedere cosa gli sta occupando spazio, e non c'è un'opzione facile che consenta di dire “No, grazie, non voglio installare o scaricare Windows 10”. Siamogeek ha pubblicato le istruzioni in italiano per bloccare questo scaricamento massiccio: non sono una passeggiata. Nei commenti qui sotto trovate altre varianti delle istruzioni. Buona fortuna.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (39)
A me GWX.exe va continuamente in crash e non riesco ad aggiornare a windows 10 dall'aggiornamento. Ora controllo, ma penso che non abbia scaricato nulla...

Ho comunque scaricato manualmente la ISO e creato la pennetta USB avviabile con l'applicazione apposita (MediaCreationTool(64).exe) perchè ho intenzione di migrare...
@Lupo della luna
se ne parlava in un altro post... :)
Senza contare che c'è chi Windows10 non lo può proprio usare. Io ho fatto 3 aggiornamenti sui computer di casa/ufficio: 2 sono andati a buon fine (il più recente e prestante ed il più vecchio e meno potente), uno non ne vuole sapere perché non rileva la scheda video e il pc va una schifezza. Ho perso 2 giorni a cercare una soluzione, girando su tutti i forum e i siti di assistenza, ma alla fine ho rinunciato e francamente cambiare una scheda video che funziona perfettamente non mi pare il caso. Il ripristino a Windows 7 ha richiesto tempi biblici (almeno 6 ore!!!!).
Ciao Paolo (avevo scritto un commento ma credo non sia passato)
io volevo installare win 10 su dvd o chiavetta seguendo delle istruzioni che ho trovato in rete solo che mi sorge il dubbio che win 10 si sia già scaricato su pc "a mia insaputa".
Come devo fare per cancellare quei 6 gb occupati in quella cartella nascosta (che non so neanche se è presente nel mio pc)?
Nel sito che linki non si accenna neanche all'eventualità che uno scarichi win 10 e lo salvi su dvd.
Mi pare di capire che il procedimento vale per bloccare il download non per cancellare la cartella nascosta una volta che questa è stata creata (e riempita di dati)

Con l'occasione ti faccio i miei complimenti per l'articolo.
La procedura per togliere la cartella nascosta e impedire che venga riscaricata fino a quando non sarà l'utente a decidere veramente di fare l'aggiornamento a W10 è descritta bene qui:
http://www.tomshw.it/news/windows-10-come-rimuovere-i-file-inutili-dell-aggiornamento-70009
La prima cosa da fare con un sistema operativo, qualunque esso sia, è disabilitare gli aggiornamenti automatici, a maggior ragione con le ultime versioni (7,8,10) di Microsoft "Spyware" Windows.
Questo non solo per il consumo dati o lo spazio di archiviazione, ma perchè l'automatismo fa in modo di interrompere o perfino cancellare l'attività dell' utente, e nel momento meno opportuno.
Ho effettuato l'aggiornamento su tre miei PC e il download dei file è avvenuta solo dopo aver dato l'ok all'upgrade. Sarebbe cosa buona prima di scrivere un articolo accertarsi della veridicità di quello che si scrive. Ad esmpio, in che cartella vengono scaricati in autonomia i file di aggiornamento? E anche se fosse, e non lo è, lo scarica una volta sola e non tutte le volte che si usa il pc. Poi i file di installazione di Windows 10 occupano un DVD, ovvero 4.3gb massimo.
@Rico

Se disattivo gli aggiornamenti automatici poi come faccio a sapere quando devo scaricare qualche aggiornamento importante per il sistema? magari qualcosa che serva per correggere bug vari?
Io non posso più aggiornare il 7 perchè è bloccato sull'installazione del 10
Fabio,
a me è successo. Ad Agosto mi son ritrovato nel portatile questa cartella con un bel setup ed era proprio per installare Win10. Occupava poco oltre i 3 Gb. L'ho cancellata come una qualsiasi cartella e non è ricomparsa più. Per vederla bisgnogna attivare la visualizzazione dei file e delle cartelle nascoste, cosa che io faccio subito su tutti i miei PC.
Io non avevo dato alcuna adesione a scaricare Win10. Ho pensato che si trattasse di un errore di qualche tipo ma adesso sto leggendo che sta capitando ad altri.
Non ricordo più il nome della cartella se non che conteneva una tilde. In rete comunque si trova. E poi io in genere so quali cartelle si trovano sotto C:
Gli aggiornamenti sul portatile non sono totalmente automatici, li scarica ma poi io devo dare il consenso all'avvio del processo.

Curiosamente non è successo con il desktop che è perennemente connesso, lui con aggiornamenti totalmente automatici, né mi è comparsa l'icona che mi invita ad aggiornare.
@fabio I file vengono scaricati automaticamente, ed è vero. Paolo Attivissimo dice che praticamente se il download non va a buon fine ogni volta che si accende il pc windows tenta di scaricare automaticamente i file. Questo può causare molti errori
Grazie alle preziose indicazioni di Mars4ever, che rilinko qui, ho risolto il problema. La cartella bastarda a me occupava 4,75 giga.

A proposito, fratelli: se volete mandare a un sito si può linkarlo come ho fatto io sopra, che è molto comodo per chi legge. Si fa nel modo descritto qui al paragrafo "Inserimento link e utilizzo tag HTML".
Non sono però riuscito a bloccare i tre aggiornamenti in questione perchè la mia versione di Update ha dei comandi diversi da quelli descritti nell'articolo. Ma avendo tolto l'automatismo degli aggiornamenti futuri non dovrebbe esserci problema.
@Paolo:
un refuso:

Windows 10 viene installato in una cartella nascosta

Direi più che altro scaricato o salvato.
Fabio, sui miei pc in ufficio (tutti rigorosamente con W7 32 bit) era apparsa la scritta per prenotare l'aggiornamento.
Siccome non sono interessato (in quanto ho alcuni programmi che non girano e che motivi di lavoro devo assolutamente mantenere attivi) non avevo acconsentito all'upgrade (ma mi sono comunque scaricata la iso per sicurezza con l'apposito tool)
Ai primi di settembre mi sono accorto di un traffico anomalo tramite il firewall aziendale ed andai allora a controllare.praticamente su tutti i pc (compreso 2 portatili con ssd da 128gb) mi sono trovato l'opzione di procedere all'installazione (ovviamente declinata subito)
in tutti c'era la cartella nacosta $btwindows.
Da quel momento ho disinstallato la kb3035583 (ponendola poi come nascosta) e successivamente le KB3075249 e
KB3080149 (telemetria)
Per cancellare la cartella $btwindows, essendo impossibile farlo direttamente a causa dei permessi, ho usato la "pulizia disco"
Su tutti è andata a buon fine, tranne su un portatile dove nel pulsante "arresta il sistema" appariva continuamente l'indicazione di installare gli aggiornamenti (pur non essendo disponibili)
Alla fine su questo pc ho dovuto "resettare" WU con l'apposita utility microsoft e successivamente rinascondere gli aggiornamenti indesiderati.
Comunque, per chi lavora, questi aggiornamenti "forzati" il piu' delle volte creano solo casini.
Io mi sono tolto dai pasticci installando W10 su tutti i PC. Solo su uno ho un problema con una DLL corrotta, ma l'applicativo che la USA funziona comunque. Basta dare OK al messaggio d'errore di DLL non trovata et voilà... il programma parte.

Misteri dell'informatica...
@Stu
perche' magari non stai usando funzionalita' contenute in quella dll... e sperando che sia qualcosa di veramente assurdo che tu non debba usare mai :)
@juventin87: prima di tutto ci sono sempre le notifiche, sulla barra di sistema appare di solito la nuvoletta "sono disponibili aggiornamenti". Inoltre nessuno ti impedisce di andare su "windows update" e controllare.
L'importante è leggere, e scegliere quelli che fanno al caso nostro senza accettarli tutti: un minuto di lettura evita ore e ore di guai.
Per lo stesso motivo, su android è sconsigliabile aggiornare automaticamente le app ;-)
@ Guido Pisano

In realtà quella DLL farebbe parte si un pacchetto di applicativi per il post processing di una chiavetta hardware di una macchina CN... Il PP parte ed elabora correttamente i profili. Di più non zo...
Non si capisce se l'han fatto apposta o se hanno pensato fosse una buona idea usare windows update per distribuirlo.
La procedura per rimuovere il tutto non è particolarmente complicata come fa credere siamogeek. D'altra parte, in quanto geek scelgono la strada complicata. Ecco invece come ho fatto io:

Per eliminare il noioso aggiornamento: Pannello di controllo / windows update, click destro su "aggiornamento a windows 10" sotto aggiornamenti facoltativi, nascondi aggiornamento. Chiudere la finestra con OK.
Per eliminare i file scaricati: risorse del computer, click destro sull'hard disk, click su proprietà, "Pulizia disco", poi su "pulizia file di sistema" (spero, il mio windows 7 è in inglese), infine spuntare la voce relativa a Windows Update (in inglese dice "windows update cleanup") e a "file temporanei di installazione di Windows".

Ecco fatto, il tutto senza scomodare il registro di configurazione o cose varie. Paolo se vuoi puoi integrare la miniguida nell'articolo.
Tukler,

grazie della correzione, l'ho inserita.


Il Lupo,

ho aggiunto il richiamo ai commenti per la tua soluzione, grazie.
Finalmente ho trovato il file. Sorbole!
Mi occupa 4.55 Gb!
Seguo le istruzioni e lo rimuovo.
Grazie a tutti per l'aiuto.

nb: Sono un lurker dal lontano 2006.
Ho letto la quasi totalità di articoli e commenti degli iscritti.
Questo è il mio sito preferito.
Dovrei chiedere a Paolo il permesso per poter stampare la sua foto in formato poster e appenderla in camera.
Mi è stato utile e fondamentale in milioni di occasioni.
Ma in genere devo dire che molti di voi sono veramente in gamba.

A presto.
Ciao a tutti.
Un paio di aggiunte: il trick di tom's hardware non si capisce bene perché prevede di usare il prompt dei comandi quando la finestra di pulizia disco è comodamente raggiungibile in altro modo.
Seconda aggiunta, ho notato che, forse per un riavvio di meno (o uno di troppo?) la directory nascosta con dentro l'immagine del disco di Windows 10 dal mio PC non è stata cancellata autonomamente, ma è tranquillamente cancellabile col metodo normale di usare il cestino o CANC.

Facendo invece l'upgrade rimane una cartella windows.old, con dentro i file del vecchio sistema. Per rimuoverla occorre usare pulizia disco.
Anche sul mio PC in ufficio mi sono ritrovato i 3.5 GByte dell'installazione di Windows 10, pur non avendo mai cliccato sulla prenotazione dell'aggiornamento. Sono sicuro che non ci abbia fatto nessun altro, perché sono l'unico ad essere in quell'ufficio distaccato.
quante storie per 3-4 giga che al prezzo di un hd attuale corrispondono a meno di 15 centesimi di euro... certo il problema può esserci per chi usa connessioni mobili o per chi monta hard disk ssd, ma mi pare che qui ci si lamenti a prescindere

comunque leggo amenità del tipo:

La prima cosa da fare con un sistema operativo, qualunque esso sia, è disabilitare gli aggiornamenti automatici

spero nessuno segua questi consigli, in ogni caso tanti auguri!
@Federico
invece ha senso perché ti permette di controllare *cosa* ti stanno installando sulla macchina... E quindi di levare tutta la roba inutile (seriamente che se ne fa un italiano medio del lang pack coreano?)
Ricordati che il fine ultimo (ma anche primo mi sa) di qualsiasi azienda e' fare soldi e pur di raggiungere il fine ogni mezzo e' lecito
@Stu
meglio?
@Federico
se parli del singolo pc forse, ma un'azienda che di computer ne ha 200 o piu' la cosa non e' esattamente senza costi... Senza voler considerare il traffico di rete generato inutilmente...
seriamente che se ne fa un italiano medio del lang pack coreano

non lo so, ma perché perdere 5 minuti del tuo tempo per rimuoverlo quando rimuoverlo ti fa guadagnare 0.01 centesimi di euro di spazio disco? nemmeno i cinesi lavorano per 0.12 centesimi all'ora :)
Guido

???
@Stu
scusa sono stato colpito da una forma gravissima di sintesi :)
intendevo dire che visto che tutto funziona allora meglio così...
@Federico
a parte che un aggiornamento se non e' strettamente necessario sarebbe meglio evitarlo, considerato che windows non e' tra i sistemi operativi piu' stabili del pianeta, in secundis non parlavo di rimozione, parlavo di NON installazione, quindi di filtraggio su quello che m$ vorrebbe installarti sul pc e quello che realmente e' necessario... Se hai una grossa azienda, la cosa migliore che puoi fare e' avere una gestione degli aggiornamenti interna, i pc non contattano m$ ma contattano un server_interno_ sul quale *tu* sistemista deploy gli aggiornamenti che sono realmente necessari...
Senza considerare il fatto che tu continui a considerare la singola macchina e non tutto il complesso, quindi se la cosa e' relativamente ininfluente per un pc attaccato ad un router su una rete domestica, la cosa non lo e' se consideri una grossa realta' aziendale e i costi che ne derivano (non solo come spazio su hdd, ma anche traffico di rete, processore etc)...
a parte che un aggiornamento se non e' strettamente necessario sarebbe meglio evitarlo

ok però al di là di tutto io non vedo nessun lang pack coreano installato ;)

Se hai una grossa azienda, la cosa migliore che puoi fare e' avere una gestione degli aggiornamenti interna, i pc non contattano m$ ma contattano un server_interno_ sul quale *tu* sistemista deploy gli aggiornamenti che sono realmente necessari...

esatto, questo è quello che si deve fare quando gestisci centinaia o migliaia di PC aziendali, sia perché le patch vengono scaricate un'unica volta, sia perché l'amministratore del dominio può decidere che cosa installare e che cosa no, e soprattutto quando

quindi se la cosa e' relativamente ininfluente per un pc attaccato ad un router su una rete domestica, la cosa non lo e' se consideri una grossa realta' aziendale

effettivamente 0.01 euro x 200 pc corrispondono a 2 euro, quasi come il costo della corrente elettrica per tenerli accesi tutti quanti per 10 secondi :-)

no non so, ho sparato un numero di secondi a caso, volendo si potrebbe fare una stima precisa, ma il senso del mio discorso è che tante volte ci si sofferma troppo su dei dettagli che sono insignificanti, quando i veri problemi sono ben altri
In effetti in WU Microsoft ci infila di tutto e non solo gli aggiornamenti di sicurezza.
Cosa grave, questo lo fa negli aggiornamenti essenziali. Se, invece lo facesse solo con quelli consigliati sarebbe meglio.

Ad esempio, se per un pc non c'è bisogno della .net vattelappesca perché pretenderne l'installazione che poi il pc si "affloscia"?

Giorni fa ci hanno portato una multifunzione scanner/fax(che poi non ci serve ma l'offerta era così)/stampante/caffè/forno per le pizze ecc... a colori.

Il tecnico che ce l'ha portata si è messo col suo CD a installare il driver. A un certo punto il software di installazione ha cominciato a scaricare una componente di Windows (proprio la .net) e gli ho detto di fermarsi. A me serviva solo stampare e lo scanner era di quelli che inviano la scansione in un'apposita cartella su un NAS.
Il tecnico ha obiettato che non stamperà correttamente e vari blablabla (i tecnici mi odiano perché a loro dire che sono pignolo e pretendo cose strane, però le fatture passano da me per il pagamento... :-D ). Siccome la vecchia multifunzione era una PCL5 e quella nuova pure ho dedotto che il .net non serviva a stampare, perché la vecchia non lo aveva.

E infatti non serviva. Il componetne .net serviva solo ad un inutilissimo monitor di stato che si impossessava di una bella porzione di schermo in basso a destra.
@Guastulfo

ovviamente se il tecnico delle stampanti ne capisse per davvero qualche cosa di computer, non farebbe il tecnico delle stampanti
@Federico
ti ripeto, il "costo" di un aggiornamento inutile non e' solo nello spazio su disco occupato...
"Ad esempio, se per un pc non c'è bisogno della .net vattelappesca perché pretenderne l'installazione che poi il pc si "affloscia"?" perché è già installata e semplicemente te l'aggiorna. Se disinstalli .net quellocheè e rifai windows update non la vedrai più.
Peccato che .net 3.5 mi serve per un programma che uso... -_-
@Lupo
quella che io chiamo .not :)
Stavo facendo il mio solito giretto mensile sul sito dell'istituto di Gela nelle pagine del professor Cantaro ed ho trovato un ottimo articolo che illustra un programma per la difesa della privacy in win 10
Windows 10 vuole la guerra? E guerra sia

http://www.istitutomajorana.it/index.php?option=com_content&task=view&id=2480&Itemid=63