skip to main | skip to sidebar
21 commenti

Cosa succede su Internet in un secondo

Lo sviluppatore Steven Lewis ha creato un sito, Onesecond.designly.com, che mostra graficamente cosa succede in un secondo medio su Internet: quanti “Mi piace” vengono cliccati su Facebook, quanti video vengono visualizzati su Youtube, quante ricerche vengono effettuate in Google, quante foto vengono pubblicate su Instagram, e così via.

Quando vengono espressi in forma numerica sono valori che è difficile cogliere, mentre quando vengono mostrati graficamente diventano più comprensibili. Buon divertimento.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (21)
@Paolo
segnalo refuso: sono valori cheche
@Guido Pisano: Checchè se ne dica della lingua italiana, a me i "grammar nazi" stanno un pò sui cosiddetti. Tutta forma, poca sostanza.
Se scrivo Che✖2 va bene lo stesso?
Rico, palesemente non hai idea di cosa sia un grammar nazi..
E tra l'altro non hai nemmeno letto l'articolo prima di criticare..
@rico: ammetto che anche a me danno un po' fastidio i commenti per segnalare refusi (anche se sono sicuro che Paolo li apprezzi e li reputi utili per correggere varie cose qua e là, a meno che non siano al livello di Accademia dei Pedanti :) ).

Detto ciò, non vedo cosa ci sia di male in un po' di sostanza con una bella forma. Secondo me la sostanza non dipende dalla forma, o chi scrive/parla ce l'ha o non ce l'ha. Poi se alla sostanza, ammesso che ci sia, è abbinata anche un po' di forma, perché no?

E visto che siamo in tema (anche se non si parla strettamente di grammatica): perché 'grammar nazi' e non 'nazisti della grammatica'? È così brutta la linga italiana?

Paolo: scusa la deviazione (scusate: OT :D ).
:D

Esempio di nazista della grammatica:

Checchè -> Checché
pò -> po'

Aggiunta:
Se scrivo Che✖2 va bene lo stesso? No!
Checchè -> Checché
pò -> po'


Veramente, tra le due cose c'è un abisso.
E poi:

Esempio di nazista della grammatica:
Checchè -> Checché


Non è grammatica, è ortografia.
;-)
@martinobri: "Veramente, tra le due cose c'è un abisso." -> non ho capito
"Non è grammatica, è ortografia." -> azz, hai ragione!!! Figuraccia. Vado a cospargermi il capo di congiuntivi.
@martinobri: "Veramente, tra le due cose c'è un abisso." -> non ho capito

Nel senso che pò al posto di po' è un grosso errore. E' un accento al posto di un apostrofo. Ai miei tempi, non so adesso, si faceva alle elementari.
Un accento grave invece di un accento acuto è un errore meno significativo.
Vado a cospargermi il capo di congiuntivi.

Attento che se i congiuntivi fossero pesanti finissi colla testa rotta e bisognasse di tante bende che avvolgessero tutto il cranio.
@Guastulfo: ma chi ti ha imparato l' italiano?
Il saggio indica la luna e lo stolto guarda il dito...
@peppe
ma chi ti ha imparato l' italiano?

Ma la mamma naturamente! Lei mi diceva sempre:
- Figliuolo, puoi non sapere tante cose nella vita ma l'italiano SALLO!
Non finire come zio Casimiro che non spiaccicava una sola parola d'italiano e aveva finito col sodomizzare tutto il disagio.
Pensa a zio Casimiro che, per non farsi prendere in giro per il suo modo di parlare, si è messo a fare bidi bolding fino a farsi scoppiare il cuore.
Oppure, ricorda nonno Guastulfo, da cui hai preso il nome. Quando venne in paese con la macchina nuova nuova, disse a tutti che, tra i tanti motivi per cui l'aveva scelta, il principale era che inquinava poco grazie alla sua marmitta paralitica.
Si mise a ridere mezzo paese. Il poverino non sapeva che aveva sbagliato il termine. Ma anche quando la nonna lo corresse era, ormai, troppo tardi: anche se diceva parmitta paralitica, la gente ricordava la parola marmitta e si sgangherava dalle risate.
[quote-"Guastulfo (Giuseppe)"]
Attento che se i congiuntivi fossero pesanti finissi colla testa rotta e bisognasse di tante bende che avvolgessero tutto il cranio. [/quote]

Che poi, a forza di cospargermi il capo di congiuntivi mi è sopraggiunta una confiuntivite acuta. Di riflesso.
Non è grammatica, è ortografia.
;-)

L'ortografia è parte della grammatica.

https://it.wikipedia.org/wiki/Ortografia
L'ortografia è parte della grammatica.

Nel sito da te postato c'è un link "grammatica" che, aperto, riporta anche questo:
I linguisti normalmente non intendono per "grammatica" le regole ortografiche
... anche se spesso i manuali che si autodefiniscono "grammatickè" includono regole concernenti l'ortografia e la punteggiatura." (Gian Luigi Beccaria, 2004)

Se vuole argomentare dovrebbe trovare qualcosa di meglio, per esempio i dizionari:
http://www.treccani.it/enciclopedia/ortografia/
http://dizionario.internazionale.it/parola/ortografia
E' stato un sollievo vedere che le ricerche su google, i video su youtube ed i like su facebook non arrivino neanche al 10% delle email scambiate. C'e' ancora speranza per il genere umano

PS digito da tastiera americana
@Perlito:

Suggerimento accolto. Grazie del contributo. :-)
@HoHello
E' stato un sollievo vedere che le ricerche su google, i video su youtube ed i like su facebook non arrivino neanche al 10% delle email scambiate. C'e' ancora speranza per il genere umano

Forse sei ottimista :-)

Dal totale delle email, andrebbero "scremate" quelle di lavoro (fatture, contratti, lettere legali in genere), e, soprattutto, lo spam che è notevole. Girando in rete ho trovato che circa i tre quarti dei messaggi di posta elettronica sono spazzatura.

Alla fine ben poche email sono utili a riaccendere le tue speranze.