skip to main | skip to sidebar
57 commenti

Lunacomplottista si ritira dal lunacomplottismo, ma ci crede ancora

L’articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale. Ultimo aggiornamento: 2015/11/07 20:10.

Oggi il Daily Star ha pubblicato un articolo nel quale viene intervistato il lunacomplottista Bart Sibrel: quello che anni fa, a furia di assillare gli astronauti con le sue accuse, si prese un cazzotto da Buzz Aldrin nel 2002 e fu preso a ginocchiate nel sedere da Ed Mitchell.

Gli anni sono passati e Sibrel, ora cinquantunenne, non si è ricreduto: è tuttora convinto che “nessuno ha mai camminato sulla superficie della Luna”. Tuttavia ha deciso di lasciar perdere l’argomento. “Intendo lasciarmi tutto questo alle spalle. Non ho tratto alcun piacere da quest’attività. Sono stato cacciato dalla chiesa, ho perso l’amicizia di tante persone a causa di quello che credo, ossia che gli sbarchi sulla Luna sono falsi. È stata un’esperienza interessante, ma così sia.”

Anche se Sibrel continua a essere convinto di avere ragione mentre tutti gli esperti gli dicono che ha torto marcio, perlomeno è arrivato a capire che le sue tesi sono fiato sprecato. Altri lunacomplottisti dimostrano di non aver capito neanche questo, il che la dice lunga sulle loro capacità mentali. Ma questa è un’altra storia: maggiori dettagli sulle asserzioni e sulla rinuncia di Sibrel sono su Complotti Lunari.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (57)
"Rinuncia al lunacomplottismo" è un titolo fuorviante, perché l'articolo non dice questo.
Sibel (purtroppo) non "rinuncia al al lunacomplottismo" perché continua a credere alla teoria del complotto. Rinuncia a divulgarlo, che è diverso. Il titolo lascia intendere che una persona che prima credeva al complotto ora crede che le missioni lunari sono state autentiche, ma purtroppo non è così.
@Paolo
Titolo inesatto: ha rinunciato al lunacomplottismo inteso come portare avanti una tesi pubblicamente battendosi per essa, non alla tesi in cui continua fermamente a credere, ha solo rinunciato alla lotta (e questo non gli fa certo onore).
Troverei più corretto titolare con "Lunacomplottista si ritira dal lunacomplottismo pur continuando a credervi"
@Paolo
Ho dimenticato un "Secondo me" iniziale... E' solo la mia opinione! Questo puoi anche non pubblicarlo.
Tutti,

obiezione accolta: ho corretto il titolo. Grazie.
La mia idea è fare una campagna Kickstarter per offrire a gente come questo uomo il biglietto per un volo verso Marte, non appena SpaceX è pronta.
Non vedo perché offrirlo a gente incapace di apprezzare la cosa. Offritelo a me ;)

Tanto anche di fronte all'evidenza ti direbbero "eh adesso si ma allora non si poteva".
@Unknown: magari era il suo proposito fin dall' inizio, farsi mandare nello spazio gratis, per metterlo a tacere.
Io invece gli comprerei un biglietto gratis per la luna. Solo andata, ovvio ;-)
Si ritira ma dice di crederci ancora: "ritirata strategica" o non ci ha guadagnato come sperava?

"Non ho tratto alcun piacere da quest’attività" mi fa propendere per la seconda ipotesi: credere in qualcosa e trarne piacere non credo siano legati.

Si può essere fermamente convinti che il crollo delle torri gemelle sia il frutto di un autoattentato e provare amarezza profonda per il cinismo dello stato americano, per esempio.
Si crede in qualcosa di non vero ma le emozioni suscitate da quella credenza sono autentiche.
Gli avranno fatto trovare una testa di alieno a forma di roccia nel letto
>sarcasm> mah... è evidente che ha toccato dei punti troppo sensibili, prove troppo schiaccianti che il NWO non pè riuscito a zittire fin'ora, per cui hanno alzatola posta e lo hanno costretto a smettere di parlare, facendogli dire quelle idiozie del "ci credo ma non lo divulgo più..." evidentemente gli hanno legato le mani, chissà che strumenti hanno utilizzato... scommetto che su casa sua ci sarà anche un'anomala concentrazione di scie chimiche....

Alf
Lancio una piccola provocazione...
In questo caso, a chi spetta l'onere della prova? A chi sostiene la tesi dello sbarco, a chi sostiene la tesi del complotto o a entrambi?

Io non sono mica convinto, né dagli uni, né dagli altri... Faccio fatica a credere che si possa essere costruita una mistificazione di livello globale, ma non lo escludo neppure al 100%.

Ciò che mi fa propendere per il sì è l'assetto da guerra fredda e la necessità di togliere ai Russi il primato dello spazio, ciò che mi propendere per il no (al 99,9%) è che la NASA ha dimostrato sempre di essere un'agenzia di ricerca scientifica credibile, i cui membri non si sarebbero mai abbassati ad una simile presa per i fondelli del mondo intero.

Tuttavia quel 0,1% di dubbio lo mantengo.
mi sembra una pessima notizia.
comunque di certo non una per cui "gioire".

la cosa ha due facce:
1- un complottista dice che è ancora convinto che non siamo mai stati sulla luna. quindi gli enti di comunicazione, educazione e, se vogliamo spingerci al limite (ma sono sempre serissimo...), assistenza socio-sanitaria hanno in qualche modo fallito. hanno fallito nel presentarsi come fonte autorevole di informazione, hanno fallito nell'insegnare metodi di valutazione critica efficienti che permettessero a questa persona (e ad altre) di decidere quali delle possibili realtà che gli sono proposte sia quella più probabilmente vera, hanno fallito nell'aiutare una persona che forse ha difficoltà psicologiche personali e di relazione sociale a capire di chi chi potersi fidare e qual'è la parte del mondo su cui poter contare. comunque, nulla di buono;

2- un tizio ha detto che ha capito che combattere per le proprie opinioni è sbagliato e inutile. qui non ha importanza che la sua opinione in questo caso sia sbagliata, perchè magari in altre occasioni avrebbe potuto essere giusta. o magari non la sua, ma quella di qualcuno che legge la sua esperienza e ne deduce che il mondo comunque non cambia, che non c'è alcun vantaggio nel proporre un punto di vista personale, frutto di un'elaborazione originale. questo per me è molto triste e potenzialmente pericolosissimo. la notizia buona sarebbe è quando qualcuno dice "mi sono state presentate delle obiezioni all'idea che proponevo e dopo averle valutate ho capito che mi sbagliavo". e da lì smette di dire fesserie. quella è una vittoria. ma chi smette i dire le proprie idee pur convinto di essere nel giusto fa un pessimo servizio al mondo.
Probabilmente un giorno leggeremo la stessa cosa quando il balconista genovese si ritroverà i fondi tagliati perchè quella santa donna di sua madre deciderà di non pagargli più la connessione ad internet.

Sul fatto che Sibrel continui a crederci, invece non ne farei un dramma. E' l'ultima, nonchè unica, soddisfazione che può restare a chi esce di scena sconfitto e demoralizzato: un po' come quei politici che, dopo essere stato sonoramente trombati, insistono a dire che "è stata pur sempre una vittoria". In questo caso Sibrel esce di scena volendo lasciare il dubbio che i suoi sforzi siano stati ostacolati dai poteri forti, ma anche dalla paura e dall'omertà della gente comune, che lo ha lasciato solo.
Insomma, il complotto c'è, è forte ed ha vinto...Sibrel ne è una vittima e, quindi, un martire. O almeno questo è quello che vuole far credere.

Ma siccome il complottismo si basa principalmente su ciò che si trova sul web (e non su quello che NON si trova) è più facile che i classici complottardi da tastiera si dimentichino di lui.
Galuppini sta ancora piangendo...
@Manuel Voulaz, permettimi di rispondere alla tua piccola provocazione con una citazione da Feynman :

“Scientific knowledge is a body of statements of varying degrees of certainty—some most unsure, some nearly sure, none absolutely certain.”

Solo i complottisti e i religiosi non hanno dubbi.
Il mio sogno. Un luna-complottista che viene sbarcato sulla Luna a fianco alla bandiera piantata nel ’69 in diretta TV e a quale punto gli si dice: “se veramente credi che sia una balla, togliti il casco”.
Vorrei vedere se (gli altri, ovviamente) avrebbero il coraggio d'insistere sulla storia del complotto.
Manuel,

In questo caso, a chi spetta l'onere della prova?

Domanda più che giusta: la NASA afferma di aver fatto una cosa straordinaria, quindi l'onere della prova spetta a lei, in ossequio alla Legge di Sagan. E infatti la NASA ha fornito prove abbondanti, confermate dai russi, dall'ascolto delle trasmissioni radio da parte degli osservatori indipendenti e dalle successive ricognizioni della Luna.

Anche il lunacomplottista, però, fa un'affermazione straordinaria, ossia che la NASA sia riuscita a fregare tutti gli esperti per quasi 50 anni. Quindi deve dimostrare anche lui, con prove schiaccianti, la validità di quel che dice. E qui fallisce miseramente :-)


Faccio fatica a credere che si possa essere costruita una mistificazione di livello globale, ma non lo escludo neppure al 100%.

È giusto avere dubbi. Ma è anche giusto toglierseli. Se studi le missioni Apollo, scopri che sarebbero state impossibili da falsificare, e ti togli il dubbio. Semplice.
@Kalimer
Il mio sogno. Un luna-complottista che viene sbarcato sulla Luna a fianco alla bandiera piantata nel ’69 in diretta TV e a quale punto gli si dice: “se veramente credi che sia una balla, togliti il casco”.
Vorrei vedere se (gli altri, ovviamente) avrebbero il coraggio d'insistere sulla storia del complotto.

Il tuo sogno si infrangerebbe in un istante :-)

Un irriducibile direbbe comunque che è una mistificazione. Il casco non lo toglierebbe perché potrebbe ritenere di trovarsi in un ambiente depressurizzato anche se non sulla Luna. Il viaggio potrebbe essere stato simulato, magari con l'aiuto di droghe che lui potrebbe aver inalato: per loro c'è sempre un'altra spiegazione.

Per chi, invece, è indeciso, il più delle volte basta ricordargli la guerra fredda. Specialmente se l'ha vissuta (io ero piccolo ma mi ricordo il clima degli anni 70/80) impiegherà un istante a ricredersi.
Solo i complottisti e i religiosi non hanno dubbi.

Non direi. Anche gli scienziati, spesso e volentieri; dipende dall'argomento dell'eventuale dubbio.
Per esempio, nessuno scienziato dubita del fatto che sia la Terra a ruotare. Nè che l'evoluzione sia avvenuta. Nel primo caso si tratta di un fatto accertato, nel secondo di una teoria che ha retto a tutte le obiezioni possibili partendo dai dati di fatto attuali. E' ben possibile che domani si scopra qualcosa di nuovo che ci costringe e rivedere il tutto, ma questo è ben diverso da un dubbio.

Perchè altrimenti, come detto all'inizio sembra che avere dubbi sia di per sè un fatto razionale, e non averne sia di per sè un fatto irrazionale. Non è vera nè l'una nè l'altra cosa.
@replicante

il sanremese ha perso la pensione della mamma. E subito ha tentato di usarla per fare soldi...
La terra gira intorno al sole. E' un fatto scientificamente accertato.
Qualsiasi scienziato se deve agire sulla base di questo fatto (mandare una sonda su marte ad esempio) lo da per "certo".
E' però sempre pronto, se si presentano fatti o teorie alternative migliori, a cambiare idea.
La terra e il sole girano intorno al loro centro di gravità e questo punto è all'interno del sole.....
La terra e il sole girano insieme intorno al centro della galassia e questo altera di un x la traiettoria della terra.....
.... e tanti altri.

Il credente crede. E non c'è ragionamento, esperimento o teoria razionale che gli fa cambiare idea. E' su un piano diverso.
La sua teoria non è falsificabile. Quindi non è scientifica? Sì,non è scientifica. Vale meno di una teoria scientifica? Se è in grado di interpretare il mondo e guidare efficacemente le scelte di chi la adotta, non necessariamente.

Il complottista non ci crede alle sue bislacche teorie.
Ma il suo guadagno dipende dal fatto che gli altri ci credano.
E quindi le sosterrà anche contro le prove e la logica stessa.
Se nessuno ci crede e il complottista non guadagna può capitare che si ritiri.....

Uno scienziato può avere dubbi, se la sua teoria non "quadra", un credente può avere tantissimi dubbi se sta attraversando una crisi personale o collettiva.
Un complottista non ha dubbi. Sa che quello che dice è una palla!!!
il sanremese ha perso la pensione della mamma. E subito ha tentato di usarla per fare soldi...

Più "delicatamente"

"il sanremese ha perso la mamma. E subito ha tentato di usarla per fare soldi... "
@martinobri, certo, era una frase ad effetto su cui non volevo dilungarmi troppo.
La versione corretta sarebbe dire che gli scienziati sono pronti a rivedere i presupposti all'apparire di nuove prove, mentre complottisti e religiosi partono dal fatto che questi siano inviolabili, infatti sono la definizione stessa della religione o del complotto. La religione (come il complotto) ti richiede di "credere", non di "provare" o "verificare" o mettere in dubbio.

Ma è corretto che ogni tanto lo scienziato metta in dubbio anche i presupposti, anche solo per assurdo. Ad esempio, avere il dubbio sul fatto che sia la terra a ruotare non è così stupido, in quanto il concetto di rotazione assoluta non è così banale...
"ho perso l'amicizia di tante persone a causa di quello in cui credo"

uhm... nein, letto come si scrive.

In queste situazioni si perde l'amicizia delle persone perchè si è approfittato di loro in modo discutibile, perchè si è tradito un segreto con conseguenze imbarazzanti oppure perchè ci si è intromessi nella loro vita in maniera inaccettabile.

Anche se mi chiedo quale sia la definizione di "amicizia" di un simile elemento.
Martinobri,

il tuo esempio è fallace: che la Terra ruoti è una teoria tanto quanto quella dell'evoluzione: entrambe derivano da osservazioni che sono state messe alla prova, entrambe si sono raffinate nel tempo (secoli) ed entrambe sono precise fino ad un certo punto.

E' ben possibile che domani si scopra qualcosa di nuovo che ci costringe e rivedere il tutto

Eh, questo invece è una cosa che non è ben possibile. E' ben possibile che domani si faccia una scoperta che non è prevista dalla teoria attuale, che proponga uno sviluppo ulteriore delle teorie, o che magari necessiti l'invenzione di una nuova teoria che /includa/ anche la nuova scoperta. Certo, la nuova teoria può avere delle implicazioni fondamentali per come consideriamo il mondo (vedi relatività) ma non può farci dire "era tutto sbagliato" oppure "mi devo ricredere". La relatività ne è l'esempio eclatante: ha implicazioni importanti su come consideriamo l'universo, anche filosofiche, ma /include/ la meccanica di newton e di Galilei. Anzi, su di esse è basata: il principio d'inerzia, ad esempio) viene trasportato pari pari da Galileo ed esteso, ma mai ribaltato. perchè le teorie possono e devono cambiare.

I fatti, no.

Riguardo ai dubbi degli scienziati e di chiunque altro, bene che ne abbiano, sempre e per sempre, anche sulle cose più ovvie (Einstein lo insegna). Gli scienziati per loro mestiere devono essere sle persone più dubbiose della terra. Ma i dubbi, le opinioni, devono restare tali e non prendere il posto dei fatti reali. A me fa schifo pensare che lì'universo vada verso la morte termodinamica... lo posso e lo devo dire, posso convincermi dentro che non sia possibile, ma prima di dire che sia così mi necessitano prove, riprove e le devo far vedere ai miei colleghi per vedere se e dove ho sbagliato, se ci sono dei fatti (eccoli) che mi contraddicono. Ed è su quelli che non devo avere dubbi.

Scusate il sermone.

Alf
@ Andrea
@ Rado Il Figo

Chiaramente non avevo idea del lutto che lo ha colpito, verso il quale ovviamente non mi permetto di fare ironia o mancare di rispetto.
Non so quali siano gli eventi a cui fate riferimento (se non volete farmi un riassunto, basta darmi un link in cui viene spiegata la situazione), ma quello che mi chiedo ora è proprio come farà a portare avanti la sua "attività", considerando che non dovrebbe avere altre fonti di reddito e sostentamento.
Andrea, Rado, Reply,

Data la delicatezza del soggetto di cui state parlando, non sarebbe meglio uni scambio di email?

Innanzitutto per rispetto ed in seconda battuta per non dare appigli a "sappiamo chi" per un'ennesima crociata da armata Brancaleone.

@ Stupidocane
Hai ragione. Infatti, se proprio mi si deve rispondere, preferisco che mi venga dato un link (in modo che nessun dei commentatori di loro si "esponga" scrivendo parole di proprio pugno).
E' vero che potrei cercare le info per conto mio, ma confido nel fatto che chi segue di più certe vicende, sappia reperire al volo le fonti più imparziali e veritiere, mentre a me toccherebbe scremarle. Comunque, non è una questione così fondamentale, ci mancherebbe....me la sbrigherò da solo ;)

Ribadisco solo che non era mia intenzione ironizzare su un lutto di cui non ero assolutamente a conoscenza.
@stupidocane
ragionissima, io non ho intenzione di andare avanti, per quanto non mi piaccia come persona su altri lidi sono stato tra quelli che hanno proposto di eliminare i tag "offensivi" quando si è saputo l'accaduto, non condivido i tag di cattivo gusto che sono apparsi a seguito dell'evento.
Diciamo che il mio post era per informazione a cui ho aggiunto la notizia che l'evento è subito stato usato per tentare di fare soldi, io mi fermo qui il rispetto per i morti è dovuto qualunque parentela abbiano, purtroppo per loro.
Sicuramente sono stato molto poco delicato ma non di proposito, mi scuso con quanti si siano sentiti offesi o comunque in disaccordo.
Ne sono lieto.
Ha finito di rompere le scatole in Chiesa (da ui l' hanno cacciato).
Ha finito di rompere le scatole ai suoi amici non avendone più ( e sul termine amici condivido I dubbi di Puffolotti)
Ha finito di rompere le scatole agli ultrasettantenni (che però si sanno ben difendere)
Se smette pure di fare il tassinaro e di rompere i cofani alle signore di Nashville, siamo a posto (*).

Ciao

Carson

(*) da Wikipedia inglese (spero la traduzione possa andar bene):
Nel luglio 2009, Sibrel, che lavora come autista di taxi a Nashville, è stato accusato di vandalismo per aver saltato su e giù sul cofano di una vettura di proprietà di una donna con cui stava avendo una discussione per un parcheggio.
Gli atti del tribunale dicono che è stato arrestato dopo che il conducente ha rifiutato uscire dal posto auto che voleva. L'ufficiale che ha effettuato l'arresto scrive: "Pochi istanti dopo il parcheggio di fronte alla vittima si è aperto e [Sibrel] vi si è infilato e ha parcheggiato." Sibrel "poi si avvicinò alla macchina della vittima e saltò sul cofano, e poi saltò su e giù parecchie volte." Il rapporto dice che ha causato circa US $ 1.400 di danni, [13] Dopo di che Sibrel è stato dichiarato colpevole di atti di vandalismo e posto in libertà vigilata.
@Stupidocane

Attribuisce tale decesso alle scie chimiche.

Questa è un'accusa di omicidio.
"Solo i complottisti e i religiosi non hanno dubbi."

So che l'argomento e' spinosissimo su questo blog, ma pemettetemi.. ;)

Anche gli atei non hanno dubbi.

@ Puffolotti

Giassò, purtroppo... letto il necrologio con delirio vergognoso su sanremonews...
@ Fra

Direi che possiamo risolverla così: tutti hanno dubbi. Nessuno lo ammette.
@Stupidocane

Sta al padrone di casa decidere se vuole "ennesima crociata da armata Brancaleone" o se vuole evitarla.
Personalmente ritengo che la moderazione dei commenti possa servire ad imporre tale decisione (as padrone di casa).

Quanto al buon gusto... Non so fin dove vogliamo spingerci in nome della correttezza politica, ma ad un certo punto i pazzi van timbrati anche per il loro stesso bene.
Qualsiasi scienziato se deve agire sulla base di questo fatto (mandare una sonda su marte ad esempio) lo da per "certo".
E' però sempre pronto, se si presentano fatti o teorie alternative migliori, a cambiare idea.


Vero. Ma questo metodo è ben diverso da un dubbio.

il tuo esempio è fallace: che la Terra ruoti è una teoria tanto quanto quella dell'evoluzione:

MI sono espresso male. In realtà sono entrambi fatti. Di cui non è lecito dubitare. Nel secondo caso, invece di "evoluzione" avrei dovuto dire "teorie evolutive". Che per l'appunto cercano di spiegare come e perchè l'evoluzione è avvenuta.


Certo, la nuova teoria può avere delle implicazioni fondamentali per come consideriamo il mondo (vedi relatività) ma non può farci dire "era tutto sbagliato" oppure "mi devo ricredere". La relatività ne è l'esempio eclatante: ha implicazioni importanti su come consideriamo l'universo, anche filosofiche, ma /include/ la meccanica di newton e di Galilei.

Se l'esempio è la relatività, sono d'accordo. Ma nella storia della scienza vi sono molti altri esempi di teorie radicalmente inconciliabili con le precedenti. Sistema Copernicano versus Tolemaico, biogenesi versus generazione spontanea, evoluzionismo versus fissismo, fossili interpretati come resti di esseri versus lo spiritus lapidificus, e molto altro.


Il credente crede. E non c'è ragionamento, esperimento o teoria razionale che gli fa cambiare idea. E' su un piano diverso.
La sua teoria non è falsificabile. Quindi non è scientifica? Sì,non è scientifica.
Puffolotti,

D'accordo sui pazzi. Meno sui "brancaleonessi". La stupidità umana non ha limiti come ben sai e questo non è un Blog seguito da pochi. Mi rammaricherei se si scatenasse una "caccia all'untore" nella sezione commenti, cadute di stile o peggio, meschinità come ho letto altrove.

Sappiamo com'è e sappiamo che facciamo più danno ad ignorarlo che parlandone male.

Andiamo avanti con Sibrel.

Infatti ho il sospetto che finalmente abbia cominciato a prendere farmaci e/o seguire una terapia adeguata. Non mi spiegherei altrimenti un dietrofront come quello in oggetto e soprattutto le motivazioni a corollario del fatto accaduto.

Probabilmente sta facendo un percorso molto lungo ed accidentato e non mi stupirei se fra qualche anno ritrattasse tutto il suo lavoro complottista.
Nel commento precedente è rimasto un frammento che doveva andare in quest'altro commento.

complottisti e religiosi partono dal fatto che questi siano inviolabili, infatti sono la definizione stessa della religione o del complotto. La religione (come il complotto) ti richiede di "credere", non di "provare" o "verificare" o mettere in dubbio.

Il credente crede. E non c'è ragionamento, esperimento o teoria razionale che gli fa cambiare idea.


MI permetto di dissentire. Come già fatto rilevare, è un errore di metodo mettere nello stesso insieme enti decisamente differenti rispetto alla caratteristica che si vorrebbe comune all'insieme.
Nella fattispecie, a queste affermazioni bisognerebbe replicare "quale religione? Credente in cosa?" Perchè se è vero che alcuni credi non ammettono verifica o critica (non mi esprimo), altri non offrono metodo per verificare o criticare (pastafarianesimo, per quel che ne so (pronto ad essere smentito)), a me è capitato di incontrare una religione, il cattolicesimo, che VUOLE l'adesione personale cosciente e verificata. E' Gesù stesso che dice: "Vieni e vedi". Ovvero, verifica tu stesso.
Oggi, il metodo si può applicare nella vita della Chiesa.
Se da questo metodo (o da considerazioni storiche, visto che questa tal religione ha fondamenti per l'appunto storici) emergessero fatti indiscutibilmente contrari ai fondamenti del cristianesimo, domani io abiuro. Veramente.

Scusate se riporto ancora cose di cui abbiamo già parlato, ma l'affermazione meritava una precisazione :-)
@Stupidocane

Neanche saprei cosa augurargli...

Viviamo 27 anni più a lungo dei nostri nonni... 30 di più perchè abbiamo tutti la vasca da bagno o per lo meno una doccia, una filosofia del lavoro che ci permette di tenere il nostro bello scheletro in ordine possiamo andare dal dentista senza morir di fame, e compriamo cibo diligentemente imbustato... Ma ne viviamo 3 di meno per gli scarichi dei veicoli, per lo stress... un buon bilancio, ampiamente in area celsius...

Se guarisce si renderà conto che ha rubato questo bilancio a sua madre, e non è molto carino che una dolce vecchietta debba morire nel terrore.
Se fossi uno di quei buffi tipi che pregano i numi, dovrei augurargli di guarire affinchè questa realtà gli venga sbattuta in faccia senza il conforto della follia?
Richard Dawkins si rammarica dell'uso del termine "theory" applicato alla scienza, perché troppe persone non capiscono la differenza con "supposition", e infatti anche i negazionisti del cambiamento climatico ci si aggrappano. Qualcuno ha letto la sezione commenti dell'articolo linkato? D'accordo che i lettori di quel giornale hanno una cultura e forse l'intelligenza sub par, ma il sondaggio rivela che il 55% su un campione di oltre diecimila persone crede al Moon Hoax. Trattandosi di lettori inglesi è probabile che ci sia una percentuale di gente che contesterebbe qualsiasi cosa abbia a che fare con gli USA, ma il risultato è davvero disarmante. Ho votato no al complotto, ottenendo un "You think outside the box".
@fra, commento n 32:
sicuramente ci sono atei che non hanno dubbi. io sono ateo, e di dubbi ne ho parecchi invece.
ma per il momento rimango ateo e se ci sarà qualche nuovo elemento che mi porterà a cambiare idea,
cambierò idea.
@stupidocane, commento n 34:
scusa, ma per completezza devo rispondere anche a te. ammetto di avere dubbi.
ma devo anche ripetermi: al momento rimango ateo.
fieramente.
Comunque sia, un lunacomplottista demente è molto meno preoccupante di un lunaentusiasta demente e non-informato, nel quadrogenerale.

Vale un po' per tutte le bufale, chi sostiene la versione corretta con argomenti deliranti rende l'idea che entrambe le posizioni manchino di documentazione e argomenti (nonchè cervello in generale.)
Puffolotti, tutti,

Sta al padrone di casa decidere se vuole "ennesima crociata da armata Brancaleone" o se vuole evitarla.

In realtà non vorrei né l'una né l'altra. Preferisco che si critichino le idee e non le persone, se non c'è un fondatissimo motivo. E comunque non voglio che nessun personaggio complottista si senta gratificato o motivato dal fatto di ricevere attenzioni o citazioni.
Caro bastian contrario, la mia era una generalizzazione, e come tutte le generalizzazioni è sbagliata, ovviamente.

E' che da cristiano pieno di dubbi trovo sempre molto buffo l'atteggiamento di certi atei (come ad esempio fa l'UAAR, lasciatemelo dire) che si considerano superiori ai credenti perchè "credono in qualcosa che non si può provare scientificamente", quando anche quello in cui credono loro non si può provare!!!
Eeeeeoppplaaaa!! Siore e Sssiori, ecco a voi il flame religioso di fine annoooooo!!!!

(lo dico adesso così non diventa vero)
scusa ma che differenza c'e' con i vari mazzucco simoncini vannoni e compagnia cantante? Si sentono dei perseguitati e non gli viene in mente (per carenze mentali o malafede non si sa) di farsi un esamino...
@Stu
fine annoooooo
Siamo un po' in anticipo? :)
@Guido

Mi piace prenderli da piccoli, i flames...

... suona malissimo come battuta, ne convengo..
@Stu
... suona malissimo come battuta, ne convengo..
...effettivamente... :)
Guido,

ma che differenza c'e' con i vari mazzucco simoncini vannoni e compagnia cantante?

Credo che la differenza principale sia proprio quella dimostrata da Sibrel e che citi: lasciando perdere per un momento chi ha torto e chi ha ragione, Sibrel ha l’intelligenza di accorgersi che sta sprecando la propria vita e sporcando quella altrui.
@Paolo
Sibrel ha l’intelligenza di accorgersi che sta sprecando la propria vita e sporcando quella altrui.
fino ad un certo punto. Secondo me ha smesso di fare proselitismo solo perche' non guadagnava abbastanza mentre i tizi da me precedentemente citati trovano ancora qualche gonzo che abbocca (sara' perche' siamo in Italia?). Non si e' reso conto (o non lo ha avuto l'onesta' intellettuale di ammetterlo) che quello in cui crede sono un ammassso di boiate... L'unica differenza e' che c'e' un rompiscatole di meno sulla rete, ma non e' redento passami il termine...
@Paolo Attivissimo
Sibrel ha l’intelligenza di accorgersi che sta sprecando la propria vita e sporcando quella altrui.

Più che "accorgersi" io direi "ammettere".
Perchè io sono convinto che anche il più fanatico dei guru complottisti, nel momento in cui preme il tasto "disconnetti" prima di andare a dormire o quando si accorge che al sabato sera e a ferragosto si ritrova solo davanti al computer (dove peraltro c'è molta meno gente con cui chiacchierare) possa arrivare a rendersi conto possa arrivare a rendersi conto che i suoi c.d. "sostenitori" non sono nè amici, nè persone su cui poter davvero contare.
E allora ci si chiede se non ci si stia spu**anando la vita, se non si stiano sprecando soldi e tempo in una battaglia che non ha portato alcun risultato.

La vera difficoltà però è ammetterlo, in primis a se stessi, e poi al pubblico.




Il vero problema è, appunto, riuscire ad ammetterlo, in primis, a se stessi e, successivamente, al pubblico
@Repli
io invece credo che sappiano benissimo che quello che dicono e' una marea di fandonie, ma non lo ammettono perche' spesso e volentieri ci guadagnano soldi, e quando non ci guadagnano c'e' gente che gode ad avere uno stuolo di persone adoranti al suo seguito... e spesso tutte e due le cose insieme...
fine annoooooo
Siamo un po' in anticipo? :)


Mah, qua da me tutti i volantini dei supermercati hanno già messo in copertina l'albero e i babbinatale :-)
qui da me (genova) ci sono già le luminarie di natale.
tristezza...
per quanto riguarda i flame, per me la cosa è già ben finita:
ho espresso il mio pensero e basta lì.
ciao a tutti, e già che ci siamo buon anno nuovo ;-)
ciao a tutti, e già che ci siamo buon anno nuovo ;-)

Grazie, e buona Pasqua.
:-)
@Paolo Attivissimo
Domando scusa, ero sopraffatto dal disgusto.