skip to main | skip to sidebar
28 commenti

Per Repubblica.it i PCB cancerogeni sono i circuiti stampati

Questa, secondo Repubblica.it, sarebbe un’immagine dei “policlorobifenili, o PCB (composto sintetico ampiamente utilizzato per le apparecchiature elettroniche in passato e vietato alla fine del 1970 in molti paesi)”. L’immagine fa parte di una galleria dedicata alle sostanze e abitudini cancerogene.

Non ci vogliono molti neuroni accesi per capire che quell’immagine mostra un circuito stampato e non un composto, men che meno un policlorobifenile. Ma come può accadere un errore ridicolo del genere? Proviamo a fare un’ipotesi, suggerita da chi mi ha segnalato la perla (franco.mad*).

C’è da fare una galleria di foto? Serve una foto dei policlorobifenili o PCB? Nessun problema: si va su Google, si digita la parola chiave che descrive l’oggetto della foto e si prende una delle immagini proposte, e vai così che vai bene. Piccolo problema: se si immette PCB in Google viene fuori che è anche la sigla di printed circuit board, ossia “circuito stampato”. E se il neurone non è acceso, si prende la foto del circuito stampato e si pubblica quella per parlare di policlorobifenili.

Infatti questo è quello che viene fuori in Google Immagini digitando “PCB”: notate la terza immagine.
Nelle redazioni dei giornali oggi si lavora così. E così adesso ci sarà chi, grazie a Repubblica, penserà che i circuiti stampati sono cancerogeni. Complimenti.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (28)
beh... se li mangi non escludo siano cancerogeni.
e stasera, carbonara di circuiti stampati!
Da tecnico di laboratorio, mi sento profondamente offeso. Tre passi oltre la follia giornalistica.
Bhe diciamo che il giornalista non ha molta competenza nel campo elettronico, a sua "minima" discolpa so per certo che questo tipo sostanze era contenuta negli olii isolanti per trasformatori... Ma basta documentarsi un pochetto per capire che si le sigle si assimigliano, ma non sono la stessa cosa :)
Unknown ha commentato:
Bhe diciamo che il giornalista non ha molta competenza nel campo elettronico, a sua "minima" discolpa so per certo che questo tipo sostanze era contenuta negli olii isolanti per trasformatori... Ma basta documentarsi un pochetto per capire che si le sigle si assimigliano, ma non sono la stessa cosa :)

Beh, io mi chiamo Sandro Martone ma garantisco che non sono Sandy Marton sotto mentite spoglie :-)
Paolo stavolta non sono d'accordo con la tua critica al giornalista che ha scelto l'immagine "relativa" al PCB. Come hai correttamente riportato la didascalia riporta che i PCB venivano utilizzati nell'industria elettronica. E hanno messo nella foto proprio una apparecchiatura elettronica! Che c'è di male?

Anche tre immagini prima la didascalia recita "olio minerali non trattati", ma non c'è l'immagine di un tale olio, ma l'immagine di tre uomini in officina che lavorano e si imbrattano di olio minerali... È appunto una immagine RELATIVA alla sostanza che provoca il cancro... Idem nella foto dell'estrazione della gomma dall'albero. Non è l'estrazione (la foto) ma il successivo processo di lavorazione che è cancerogeno, come correttamente riportato.
A mio parere stavolta hai preso un granchietti... :-)
Al singolare... "granchietto" (colpa del correttore automatico dello smartphone che se non rileggo mi frega!)
E poi sfottono gli errori fotografici delle altre testate :)

http://www.repubblica.it/esteri/2015/11/02/foto/time_of_israel_parla_del_caso_tavecchio_ma_la_foto_e_quella_di_crozza-126473506/1/?ref=HRESS-9#1
Quando parlano di Scienza ce ne accorgiamo facilmente.
Il problema è : quando parlano di un argomento in cui è più difficile fare verifiche, tipo la cronaca o la politica ?
Il tragico dubbio è che anche in quel caso scrivano delle castronerie pazzesche, e non abbiamo modo per scoprirlo.
Ma soprattutto: il copyright sulle immagini?
Ore 18:45, la foto non è ancora stata corretta...
Invece la ffrase sulla velocità dell'aereo è stata riformulata e corretta.
Così. tanto per informazione.
Grazie Paolo per il tuo lavoro!
Beh dai avrebbero potuto prendere la prima immagine. Invece è la terza.. Avranno pensato che gli integrati fossero fatti di pcb.... Incompetenti all'ennesima potenza.
Ci vorrebbe una guida all'uso corretto di Google visto che quella all'uso del cervello viene disattesa... :-(
Posso aggiungere che i vapori di stagno usati per saldare non sono proprio sanissimi. Anche le vernici protettive (quella verde che si vede sempre sulle schede) non è il massimo. Spesso poi, prima di applicare la vernice si usa del diluente per detergere e pulire la scheda per renderla pronta per la verniciatura e anche quella non fa bene. Diciamo che se saldi e monti molte schede a mano e non prendi protezioni opportune, anche il PCB (circuito stampato) può essere cancerogeno (così almeno mi hanno insegnato ai corsi di formazione in fabbrica).
Detto questo, 90 minuti di biasimo alla redazione per quanto scritto mi paiono il minimo sindacale
E' triste, ma non ci vedo niente di sorprendente. Il giornalismo moderno è sempre stato un'attività economica, che guadagna principalmente con la pubblicità; il giornalismo on line, poi, guadagnando solo in base al numero di visualizzazioni della pagina, si è completamente sganciato dal contenuto semantico dell'articolo: potrebbe esserci scritto qualunque cosa, tanto il visitatore dà solo un'occhiata superficiale.
I cosiddetti giornalisti sono persone inesperte, che lavorano principalmente di copia e incolla.
E poi criticano gli altri
http://www.repubblica.it/esteri/2015/11/02/foto/time_of_israel_parla_del_caso_tavecchio_ma_la_foto_e_quella_di_crozza-126473506/1/?ref=fbpr#1
Tra l'altro c'è anche questa pagina web, che, pur riportando lo stesso testo da te citato, mette la foto non di un circuito stampato, dello STESSO CIRCUITO STAMPATO di Rebubblica!!!

I giornalisti hanno un brutto vizio che debbono perdere: scrivere per ricerca del consenso strafalcioni su argomenti tecnico-scientífici sui quali non hanno conoscenza e competenza
I giornalisti hanno un brutto vizio che debbono perdere: scrivere per ricerca del consenso strafalcioni su argomenti tecnico-scientífici sui quali non hanno conoscenza e competenza
LOL, ho cercato con google "policlorobifenili " una delle immagini proposte è questa http://i47.tinypic.com/2920ig6.jpg
fammi capire..... hanno scritto un articolo senza sapere di cosa parlavano e hanno preso la prima immagine che hanno trovato su google ?????
:-(
Ma è un caso che abbiano scelto proprio la foto di un PCB con la bandiera americana impressa sopra?
@ Claudio L

No. La terza. :D

@ BewareOfTheVlaPlayer

A pensar male, forse è proprio il motivo per cui hanno scelto la terza immagine.
ehm... tutti hanno dimenticato un importante aspetto della questione

quel quotidiano usa foto e testi per attività commerciale

la licenza della foto che prevede?

L'hanno pagata la licenza per la riproduzione a scopo commerciale, vero?

Scusate il commento breve: è difficile scrivere con una mano che digita sulla tastiera e una impegnata in un #facepalm )-:
@Max Senesi
forse più che lo stagno sono i vapori delle sostanze che si usano per far aderire meglio la lega saldante e trasmettere meglio il calore. O forse il piombo contenuto nelle vecchie leghe saldanti e che da una decina d'anni è stato rimosso, dopo la direttiva RoHS.


fammi capire..... hanno scritto un articolo senza sapere di cosa parlavano e hanno preso la prima immagine che hanno trovato su google ?????
:-(


Benvenuto in Italia, straniero.
@djing: Oh, finalmente qualcuno che l'ha notato... che secondo me poi è questo il punto importante della questione: ormai in ambito commerciale è normale attingere a google foto senza neanche controllare la sorgente e la licenza del contenuto...
Ovviamente Repubblica ha corretto l'immagine, senza scrivere neanche due righe di giustificazione...