skip to main | skip to sidebar
7 commenti

“Rootare” un Windows Phone? Ora si può con facilità

>L’articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale. Ultimo aggiornamento: 2015/11/27 22:10.

Non mi capita spesso di parlare di Windows Phone: niente di personale, è che semplicemente di solito c’è poco da dire, perché questi smartphone funzionano senza troppi problemi e sono poco presi di mira dagli attacchi informatici. Ma stavolta faccio volentieri una segnalazione su questa categoria di dispositivi perché è stata pubblicata in Rete una tecnica per rootare quasi tutti i Windows Phone.

Rootare, ossia togliere i blocchi e le protezioni che impediscono all’utente di avere pieno controllo del dispositivo (spesso a fin di bene) allo scopo di installare app particolari o modificare il sistema operativo, è una scelta frequente fra utenti Android e iPhone, ma rara fra chi usa i Windows Phone.

Ora esiste Windows Phone Internals, un kit apposito, disponibile presso WPinternals.net, che consente di sbloccare vari modelli Lumia di Windows Phone e quindi installarvi software personalizzato e accedere all’intero contenuto del telefono (compresi i file di sistema) come se fosse un disco standard.

Il kit si installa su un PC Windows e consente di rimuovere le applicazioni non necessarie o indesiderate, liberando spazio e rendendo più veloce il dispositivo; tuttavia non bisogna dimenticare che togliendo le protezioni ci si trova indifesi contro il malware e gli altri attacchi informatici e c’è il rischio che il tablet o smartphone smetta completamente di funzionare e sia irrimediabilmente brickato, ossia trasformato in un simpatico fermaporta ad alta tecnologia. Buon divertimento e prudenza!


Fonti aggiuntive: Punto Informatico.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (7)
"E la città dalla rossa bocca, nella terra che porta il nome del fondatore, verrà scossa alla radice. I cancelli si apriranno, e le nevi saranno conquistate dai girasoli di WPinternals.net"

Michel de Nostredame, noto Nostradamus, Profezie sulla tecnologia mobile e sui talent show musicali, 1543
"installarvi software personalizzato"
Non c'è bisogno di roottarlo, basta un account da sviluppatore e ormai Microsoft non lo nega a nessuno.

"accedere al contenuto del telefono come se fosse un disco standard"
Già lo faccio adesso senza bisogno di roottarlo, forse era più corretto dire "ai file di sistema del telefono" invece che "al contenuto del telefono".
@Tukler: "E ti beccherai un virus inestricabile, proveniente dalle terre di app da fonti sconosciute".
Menagramus. :-D
Explobot,

obiezioni accolte: ho aggiornato l'articolo, grazie.
Effettivamente un telefono con Windows e' difficile da digerire...
Ci sono effettivi vantaggi pratici a rootare un windows phone? Nel senso, esistono app che non funzionano altrimenti?

PS digerire un telefono è difficile, specie per le batterie ;)
@Il Lupo della Luna

Su un Windows Phone 7 lo avevo fatto per installare software che avevo compilato in Visual Studio senza bisogno di firmarlo quando non avevo ancora un account da sviluppatore, penso che con WP8 sia lo stesso.
Avevo anche un programmino che permetteva di intervenire su alcuni parametri di configurazione memorizzati nel registry (sì, ha il registry come un qualunque Windows) non diversamente raggiungibili: se non ricordo male avevo attivato il la voce di menu che abilitava tethering (che era stata nascosta da Samsung e solo in certe versioni di quel modello).