skip to main | skip to sidebar
12 commenti

Kaboom! 6 dicembre 1957, il flop spaziale spettacolare del Vanguard americano

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle gentili donazioni dei lettori. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora.

Sto lentamente scrivendo il mio prossimo libro, Almanacco dello Spazio, una raccolta cronologica degli anniversari spaziali e astronomici, e oggi ricorre l'anniversario di uno dei più spettacolari fallimenti della corsa allo spazio.

Gli Stati Uniti stanno tentando di rispondere all’umiliazione dello Sputnik sovietico, che ha stupito il mondo diventando il primo satellite artificiale, e vorrebbero lanciare a loro volta un satellite su un razzo Vanguard. Ma il lancio fallisce catastroficamente: il razzo si alza di una decina di centimetri e poi esplode sulla rampa di lancio. Il satellite rotola via, finendo in un cespuglio. Ora si trova al Museo Smithsonian di Washington. I giornali, impietosi, usano titoli come Kaputnik. Il filmato dell’epoca è memorabile.

Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (12)
Fantastico, prenoto già il libro!
Sto lavorando a un libro sul programma lunare sovietico: la botta del Vanguard in confronto a quella del vettore N1 sembra un petardo :D Filmato bellissimo!
"Per aspera ad astra"...
Non ricordo il Vanguard ma rammento bene lo Sputnik mentre orbitava e si vedeva brillare come una stella gia' poco dopo il tramonto.
Fece un'impressione enorme. Mi pare che Salvatore Quasimodo gli abbia dedicato una poesia se ricordo bene: sono passati un bel po' di annetti, eh?
Non so perché ma mi sono tornate in mente le inquietanti immagini dell'incidente di Nedelin...
Nella mia mente però è rimasto impresso un altro, magnifico lancio.
Avevo quattordici anni e rimasi a bocca aperta per dieci minuti interi, tanto che mia mamma, passando, mi chiese se stavo bene.
In TV c'era il primo Shuttle che si staccava da terra:
https://www.youtube.com/watch?v=Pt6Bt1pZ4Is
Questo lancio fu il nuovo inizio della carriera di Von Braun
ti segnalo un articolo di fuffologia


http://www.rainews.it/dl/rainews/media/marte-ufo-cupola-aliena-opportunity-d16977d7-81be-49ef-9c99-d03613fd41c4.html
Da questo lancio in poi si convinsero ad ascoltare Von Braun :-) I fallimenti sono utili se si capisce il motivo.
A 0:49 si vede Topolino nel fumo! Complotto!!
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
@Giuliano47.

Eccola:

In principio Dio creò il cielo ..
e la terra, poi nel suo giorno
esatto mise i luminari in cielo
e al settimo giorno si riposò.
Dopo miliardi di anni l'uomo,
fatto a sua immagine e somiglianza,
senza mai riposare, con la sua
intelligenza laica,
senza timore, nel cielo sereno
d'una notte d'ottobre,
mise altri luminari uguali
a quelli che giravano
dalla creazione del mondo. Amen.


Però tra questa sottile e un po' irriverente presunzione (luminari UGUALI??) e il senso del mistero di Buzzati, io preferisco quest'ultimo.