skip to main | skip to sidebar
10 commenti

Lutto nel mondo Linux: morto Ian Murdock, padre di Debian

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle donazioni dei lettori. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora (anche con un microabbonamento). Ultimo aggiornamento: 2016/01/06 9:15.

Ian Murdock, creatore della distribuzione GNU/Linux Debian, è morto a 42 anni in circostanze al momento poco chiare. L’annuncio è stato dato da Ben Golub della Docker, l’azienda startup dove Murdock lavorava da circa un mese.

Murdock aveva dato uno scossone al mondo Linux nel 1993, quando aveva fondato Debian (Deb per Debra, sua ragazza all’epoca, e ian per ovvie ragioni) e scritto un manifesto per smuovere dall’apatia e dalla corsa al denaro gli sviluppatori delle varie distribuzioni di Linux, creando le definizioni di base del movimento open source e diventando in seguito il direttore tecnico della Linux Foundation. La sua distro è considerata una delle più pure e aderenti ai principi ispiratori del software libero.

Le cause del decesso non sono state rese note ma non sono ritenute sospette. Tuttavia risulta che lunedì scorso Murdock ha scritto online un messaggio che sembrava indicare un intento suicida (“I'm committing suicide tonight…do not intervene as I have many stories to tell and do not want them to die with me #debian #runnerkrysty67”). Inoltre aveva riferito di aver avuto un confronto ostile con la polizia di San Francisco, che dice che a tarda sera di sabato 26 aveva ricevuto la segnalazione di un uomo che tentava di entrare con la forza in un’abitazione. L’uomo, dice la polizia, era Murdock, che aveva bevuto e aveva opposto resistenza aggredendo gli agenti. Era intervenuto un medico, che aveva curato un’abrasione alla fronte di Murdock, che era stato poi rilasciato per andare in ospedale. Ma qualche ora dopo (alle 2.40 locali) la polizia è stata chiamata nuovamente perché Murdock stava picchiando alla porta di un vicino nella stessa zona di prima. La polizia lo ha portato in cella; Murdock è stato rilasciato il giorno dopo su cauzione ed è morto il giorno successivo.

La comunità Debian ha pubblicato un annuncio qui, con le istruzioni per l’invio delle condoglianze.


2016/01/01 14:00. SFBay ha pubblicato un resoconto degli eventi e parla di un probabile suicidio dopo un arresto particolarmente turbolento. L'account Twitter di Murdock è stato disabilitato.


2016/01/06 9:15. Ho corretto la grafia di Debra, che avevo inizialmente riportato in modo sbagliato. Grazie della correzione.


Fonti: Ars Technica, The Register.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (10)
Una brutta storia, qualunque sia stato il suo reale svolgimento. Debian, oltre alle caratteristiche descritte qui, è anche considerata, per sua natura e per come è organizzata la sua politica di sviluppo e rilascio di nuove versioni, una delle più sicure e stabili, tanto da essere la preferita quando sicurezza e stabilità sono prioritarie sulla presenza di nuove funzionalità, e tanto da essere la base da cui derivano tantissime altre distribuzioni Linux, tra cui Ubuntu, forse la più nota.

Giusto una precisazione: la ragazza di Ian di allora si chiamava Debra (http://web.archive.org/web/20100815093239/http://www.linux.org/lessons/beginner/l1/lesson1e.html), poi moglie, poi ex moglie.
Incredibile e molto triste. La sua creatura ormai fa girare metà dei server mondiali, io stesso sto scrivendo da una derivata di Debian, e mi sento come se mi fosse morto un cugino genio che mi forniva libri e consigli di vita.
Secondo webnews è stato trovato nel suo appartamento
Brutta storia e brutta fine per un grande come lui.
Vai a sapere cosa gli è scoppiato in testa..

Speriamo che la sua eredità intellettuale resti tale.

Ciao Ian! Grazie di tutto!
Che tristezza, Debian e le sue derivate sono sempre state le mie preferite -_-
Paolo, è vero che il profilo twitter di Murdock è stato chiuso? Possono essere stati i suoi familiari ? (Inutile dire che alcuni complottisti si sono tuffati su questo)
Adesso sono curioso di vedere cosa ci ricameranno sopra i giornali italiani...

"Morto il padre di linux, il popolare sistema operativo non sarà più sviluppato"..."Addio al fondatore di linux, scade il copyright, Microsoft e Apple interessate all'acquisto"... mmm... forse dovrei fare il titolista. :D:D
@andy

Non credo proprio che scriveranno qualcosa a riguardo...
Qualcosa non torna. Nei suoi ultimi tweet diceva che lo stavano seguendo a casa, riferendosi ai poliziotti con cui aveva litigato (e minacciato di rivalsa).
Sarei proprio curioso di leggere il referto dell' autopsia. Perchè nessuno ha spiegato COME si è ucciso, nemmeno il solerte SFPD.
Sto ora scrivendo da una distro Linux basata su Debian, non su Ubuntu.
Una distro cinese, tanto per dire la diffusione che ha avuto la "creatura" di Ian Murdock.
Niente più rotellina che gira sul cursore, niente più "attendere prego", pagine internet che, su Chrome o Firefox, si aprono con un BAM, come avessi una connessione da 20 Mega anzichè 7.
Ian, hai fatto grandi cose, e il mondo continua ad apprezzarlo.
Un pò meno la tua città (SF), che non ha ancora spiegato bene come te ne sei andato.