skip to main | skip to sidebar
13 commenti

Operazione nostalgia: vedi il Web com’era con Oldweb

Siamo ormai talmente abituati alla grafica ricca, interattiva e (di solito) curata dei siti Web di oggi che è facile dimenticarsi di com’era grezza e primitiva Internet agli inizi, quando l’idea delle pagine multimediali era ancora nuova e veniva considerata una moda passeggera. Se volete fare un giro nel Web d’epoca, c’è uno strumento che fa da vera e propria macchina del tempo online: si chiama Oldweb.today ed è un sito che vi permette di guardare il Web attraverso i browser d'epoca (da Internet Explorer 4 addirittura fino al mitico NCSA Mosaic 2.2, classe 1993) senza doverli installare.

Non è tutto: se volete, Oldweb.today va anche a prendere dall’Internet Archive la copia d’epoca della pagina Web desiderata e la visualizza all'interno del browser vintage. Il risultato è un’esperienza di navigazione molto educativa, che permette di vedere quanta strada abbiamo fatto da quei timidi, sgraziati inizi e di capire perché all’epoca c’era così tanto scetticismo nei confronti di questa rivoluzione non solo informatica.


I creatori del sito spiegano le ragioni di quest’operazione nostalgia: “I browser di oggi cercano di essere invisibili e di fondersi con l’ambiente visivo del desktop, nel tentativo di convincere gli utenti a trattare ‘il cloud’ come una semplice estensione del loro disco rigido. Negli anni Novanta la concezione dei browser era quasi opposta e usava un’iconografia associata al viaggio per dare la sensazione di imbarcarsi in una navigazione...  rinforzava l’idea che il Web era un tipo di spazio molto diverso dal ‘mondo reale’, uno spazio nel quale le leggi e le tasse normali non dovevano valere”.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (13)
E' vero che all'epoca i siti lasciavano molto all'immaginazione e c'era solamente una proliferazione molesta di GIF animate (tralasciamo Geocities che fa(ceva) caso a sé).

Giusto stamattina sono andato a leggere un articolo su un giornale internazionale: prima ho cliccato sul banner della privacy; poi sono stato disturbato dal drop-down dei social link; dopo un po' mi e' apparso un layer a full screen che mi offriva un abbonamento e a quel punto ho chiuso il tab dalla rabbia. Abbiamo combattuto e vinto contro i popup in finestre e ora ci becchiamo quelli in JavaScript+CSS

Le pagine di una volta, visto l'hardware video su cui venivano visualizzate utilizzavano al meglio lo spazio schermo, adesso su molti siti il rapporto tra testo utile e spazio inutile e' a livelli fastidiosi.
Paolo c'è un refuso: disco tigido
E pensare che questi browser li ho praticamente usati tutti a suo tempo...
Articoli come questo mi fanno quasi sentire vecchio.
nuuuuuuuuu nostalgia!!!!!
vogliamo ricordare le tabelle per l'impaginazione? E le immagini "spezzettate" per creare dei layout che sarebbero stati impossibili altrimenti? E i modem a 2k?
@Luigi
js ha l'indubbio vantaggio di poter essere disabilitato senza colpo ferire...
Refuso corretto, grazie!
Ha ragione Luigi: c'era anche tanta roba inutile in meno.
@Luigi, salvo trovarsi con pezzi di siti che non funzionano.... Ormai tutto usa jquery o roba simile quindi disabilitare Javascript diventa una seccatura più che un vantaggio. E siccome oramai tutti i browser supportano javascript, nessuno fa più la versione "script free" dei siti.
.... e macwww, sui mac di allora? Una nuda finrstra con i soli link. Piu' scarno di Mosaic.
Su VMS, invece (e anche su u*ix, suppongo) c'era www, su terminale alfanumerico. Entrambi "made in CERN".

Ehhh.. ne e' passata, di acqua, sotto i ponti.

Ermanno, rimembrando

Per la serie:Mi manca il sito che mi facesse sentire vecchio, problema risolto :-)
@Highlander
scusa ma con un nick come il tuo che ti aspettavi? :)
Che cosa mi è venuto in mente!
https://www.youtube.com/watch?v=azl5jxcXCZk