skip to main | skip to sidebar
6 commenti

UFO? No, spettacolari e rare immagini del decollo della Soyuz diretta verso la Stazione Spaziale

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle gentili donazioni dei lettori. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora (anche con un microabbonamento).

Il 15 dicembre scorso è partita da Baikonur, in Kazakistan, la Soyuz TMA-19M, che ha portato alla Stazione Spaziale Internazionale lo statunitense Tim Kopra, il russo Yuri Malenchenko e l’europeo Timothy Peake. Fra l’altro, molti stanno celebrando Peake come primo astronauta britannico, ma in realtà la prima persona di cittadinanza britannica ad andare nello spazio fu Helen Sharman, nel 1991, e Peake è semplicemente il primo astronauta britannico dell'Agenzia Spaziale Europea.

Ma sto divagando: quello che conta è che l’orario del decollo, nel tardo pomeriggio locale (le 17 in Kazakistan), ha fatto sì che la scia di propellente, normalmente invisibile nei lanci diurni o notturni, venisse illuminata dal sole ad alta quota, stagliandosi contro il cielo scuro della sera nelle zone sorvolate. Questo ha permesso una serie di fotografie spettacolari della scia, come quella che vedete qui: altre sono sul Siberian Times.

Non è tutto: l’arrampicata della Soyuz è stata fotografata anche dagli astronauti a bordo della Stazione e si è vista anche durante la diretta del lancio.
Il video è accelerato di 12 volte rispetto alla realtà. Che io sappia, è la prima volta che viene documentata visivamente la scia atmosferica del propellente di un lancio con equipaggio.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (6)
Questo browser non supporta la riproduzione video.
Uso FF, perché il video mi dà questo messaggio?
In realta', non e' la scia di carburante, ma e' il nuovo sistema di dispersione delle scie chimiche. Ora le compagnie aeree hanno coinvolto anche le agenzie spaziali!

Scherzi a parte... e' una cosa davvero spettacolare, dovrebbero programmare piu' lanci in quella fascia oraria!
Aspetta che la vedano i fanatici delle scie chimiche...
Fortuna che c'èra Tim Kopra a filmare.
Se ci fosse stato JJ Abrams sulla stazione spaziale, avrebbe sicuramente inserito anche il botto della separazione dal terzo stadio ;-)

io il video con FF lo vedo, Iron (clone di Chrome) invece no. Mi sa che è un problema di Flash.
@Uà, anch'io uso Firefox e lo vedo. Prova ad andare su about:config (scritto nella barra indirizzi) e fare doppio clic sui parametri media.mediasource.enabled per farli diventare "true" e non "false".