skip to main | skip to sidebar
8 commenti

Arrestati per truffa sentimentale da 2 milioni di euro

La Metropolitan Police londinese segnala un successo nella lotta contro le truffe sentimentali realizzate via Internet, come quella raccontata in una recente puntata del Disinformatico: sono stati arrestati e condannati due membri di una banda criminale che metteva a segno questo genere di inganno crudele usando metodi altamente organizzati.

I componenti della banda, nel corso di un corteggiamento online che è durato dieci mesi e nel quale avevano finto collettivamente di essere un facoltoso ingegnere in cerca di compagnia sentimentale, erano riusciti a sedurre una donna tanto da farsi mandare man mano 1,6 milioni di sterline (circa 2,2 milioni di euro o 2,4 milioni di franchi).

La particolarità di questa truffa milionaria è che la vittima ha incontrato anche di persona il finto ingegnere: il primo contatto è avvenuto online, in un sito d'incontri, a febbraio del 2014, ma poi è sfociato in un appuntamento faccia a faccia alcune settimane dopo. I due si sono frequentati, lui si è dichiarato innamorato e di voler vivere con lei, ma prima doveva risolvere un affare e per questo le ha chiesto un prestito.

La truffa era davvero ben strutturata: alla vittima è stato anche presentato un finto avvocato, e la donna si è poi recata ad Amsterdam, dove ha incontrato un garante. Anche lui era un impostore.

La vittima ha avuto dubbi più volte sull’autenticità del racconto del suo presunto innamorato, ma la polizia londinese spiega che ogni volta che lei chiedeva delle prove le veniva fornita ampia documentazione (falsa ma ben contraffatta) oppure venivano addotte delle scuse. E così, poco per volta, la donna ha versato in vari conti l'ammontare milionario.

Un'altra particolarità di questo successo londinese è che i truffatori arrestati e condannati risiedevano nello stesso stato della vittima, cosa piuttosto rara in questo genere di truffa. Di solito i truffatori stanno infatti all'estero rispetto alla vittima e questo complica enormemente le indagini. In questo caso britannico, comunque, gli arrestati sono probabilmente soltanto i manovali della banda e i capi stanno altrove.

La polizia di Londra raccomanda a tutti alcune misure di prudenza, che commento brevemente:

Non lasciatevi distrarre da storie strappalacrime: gli imbroglioni le inventano per conquistarsi la vostra fiducia e sono molto bravi a farlo. Non dimenticate che per loro questo è un lavoro a tempo pieno.

Non fidatevi di una foto: chiunque può prendere una foto di qualcun altro da Internet e usarla come falsa immagine del profilo su un social network o su un sito d'incontri. Usate la ricerca per immagini di Google o Tineye per vedere se la foto che avete ricevuto viene usata altrove: se lo è, avete la conferma della truffa, ma se non lo è non vuol dire necessariamente che tutto sia a posto.

Non spedite mai soldi a persone che non avete mai incontrato o che non conoscete molto bene: non importa quanto siano forti i vostri sentimenti verso di loro, resistete a quest’impulso molto umano, sul quale i truffatori contano moltissimo.

Mettete in dubbio tutto quello che vi dicono: i truffatori sono bravi a raccontare poco di sé e a tirar fuori informazioni personali dalla vittima. Fate controlli incrociati e non rivelate dettagli personali come per esempio le vostre coordinate bancarie.

Non tenete segreta la vostra relazione: spesso i truffatori chiedono alla vittima di non parlare ad altri del legame sentimentale, dicendo che devono mantenerlo segreto per ragioni personali, ma è soltanto una scusa per evitare che ne parliate con qualcuno che vi possa mettere in guardia contro il rischio di truffe.

Se sospettate che qualcuno vi voglia truffare, smettete subito di comunicare: bloccate la mail e i messaggi provenienti dal vostro interlocutore e segnalate il caso alla polizia.


Fonti aggiuntive: The Register.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (8)
peccato che siano soltanto due pesci in mare, e piccoli per giunta... Ma e' meglio di niente.
qualcuno si può dichiarare ingegnere solo a chi non è ingegnere
@Euro
in realta' il problema e' che in una relazione interpersonale (non necessariamente amorosa) tendiamo a fidarci di quello che ci dice l'interlocutore. Solo che nel vis a vis e' piu' difficile mentire (non che sia impossibile) e soprattutto richiede molto piu' sforzo per andare a pescare le eventuali vittime, mentre in rete la cosa e' molto piu' facile. Se un conoscente ti dice che fa il lavoro x non e' che gli chiedi di farti vedere il contratto. Ti fidi. Il problema e' che applicato in rete questo concetto e' pericolosissimo...
Non so se si può chiamare truffa, o se è oggetto di cui parlare in questo sito o se è sotto il livello "Chi compra un unicorno è leggermento meno scemo di chi compra un pegaso ma rimane parecchio scemo"

Tuttavia aggiungerei un consiglio per le relazioni nel mondo reale che persino: includono un po' di "yeyeyeywow!": Tenete d'occhio quanto spendete, se fra cene, taxi, regali, aiuti per arrivare al fine mese e mance... una cianfrinata costa più di quanto costa al bordello, non si può esattamente parlare di truffa, ma rendetevi conto che è intenzionale e la certezza che la relazione non sia esclusiva (Per chi dà importanza a questo dettaglio) è statisticamente quasi assoluta.
Li ha fregati (fortunatamente) l'ingordigia...
Non sono proprio d'accordo con l'ultimo suggerimento, nel senso che se abbiamo il sospetto che la persona sia un truffatore è bene parlarne prima con la polizia ed eventualmente utilizzare la fiducia che il truffatore ha nei nostri confronti, credendoci vittime, per incastrarlo o addirittura arrestarlo (sempre laddove possibile)
Ma il famoso Valentin non è più riapparso? non erano truffe sentimentali ma in quanto a storie strappalacrime non se la cavava male, anche se un po' ripetitivo, sarà morto di freddo una ventina di volte
@Lorenzo concordo, però forse non tutti hanno questa forza e il rischio che, cercando di fermare il truffatore, si facciano irretire è alto

@puffolottiaccident stavo per commentare "l'unico modo per tutelarsi è rimanere sempre cinici", ma tu mi hai superato a destra senza mettere la freccia XD