skip to main | skip to sidebar
17 commenti

Antibufala: avvistato il Pianeta X!

Molti giornali e siti, come per esempio Repubblica, hanno annunciato pochi giorni fa la “scoperta” di un nuovo pianeta del Sistema Solare. La fantasia dei seguaci delle teorie di fantastronomia, che da anni parlano di un misterioso Pianeta X, sta correndo a briglia sciolta, perché questa scoperta sembra indicare che aveva ragione Zecharia Sitchin, che nel 1976 scriveva di aver tradotto antichi documenti sumeri che identificano un pianeta lontano, denominato Nibiru, che a suo dire sarebbe legato a una civiltà aliena denominata Annunaki o più correttamente Anunnaki.

Ma andando a spulciare i fatti originali si scopre che non è il caso di parlare di “scoperta”: infatti l’annuncio pubblicato dai ricercatori Konstantin Batygin e Mike Brown del California Institute of Technology (“Evidence for a Distant Giant Planet in the solar system,” nel numero di febbraio 2016 dell’Astronomical Journal) riguarda una ipotesi basata su indizi scientifici. Non c’è nessuna osservazione diretta di questo ipotetico pianeta.

Il presunto pianeta, per ora, è semplicemente una possibile spiegazione di un fenomeno curioso: i sei corpi celesti più lontani del nostro Sistema Solare, ben oltre l’orbita di Nettuno, seguono orbite ellittiche disposte tutte nello stesso modo (con la stessa inclinazione e con direzioni molto simili), come se ci fosse una forza che li raggruppa. Secondo i calcoli e le simulazioni di Brown e Batygin, questa forza sarebbe l’attrazione di un pianeta non ancora avvistato, che avrebbe una massa circa dieci volte quella della Terra e orbiterebbe a 96 miliardi di chilometri dal Sole (per fare un paragone, il pianeta più lontano, ossia Nettuno, orbita a 4,5 miliardi di chilometri).



Ma si tratta soltanto di una congettura, sia pure basata su dati concreti: manca ancora la conferma diretta, ossia un avvistamento con un telescopio.

I fan di Zecharia Sitchin, inoltre, non hanno di che gioire: questo ipotetico pianeta descritto dai ricercatori del CalTech non ha nulla in comune con Nibiru. Per esempio, Nibiru orbiterebbe intorno al Sole ogni 3600 anni, mentre il pianeta annunciato in questi giorni orbiterebbe ogni 20.000 anni circa e non passerebbe mai nelle vicinanze della Terra.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (17)
Il problema per vederlo è che non abbiamo, attualmente, abbiamo sì dei telescopi molto potenti ma hanno un campo visivo troppo stretto.
Su La Stampa c'è un bel articolo, per niente sensazionalistico, dove spiega questa cosa con una frase di uno scienziato: "E come cercare un ago in un pagliaio guardando attraverso una cannuccia.
http://www.lastampa.it/2016/01/20/scienza/nuovi-indizi-su-un-nono-pianeta-nascosto-ai-confini-del-sistema-solare-AemULtbUAvKWuIVjO5ptFP/pagina.html
oramai quando noto articoli del genere aspetto, prima di leggerli, di trovare un tuo riferimento sul blog.... anni di bufale mi avran pur insegnato qualcosa
Confesso di avere letto l'articolo del corriere che descriveva la cosa.
E leggendo i commenti mi sono sentito un ignorante per non avere le benchè minima idea di cosa fosse Nibiro e gli Annunaki.
Dite che la cosa è grave?
possiamo chiedere a veronica pivetti l'attrice che da giovane cantava

Con te raggiungeremo la nostra nuova meta,
il decimo pianeta, il decimo pianeta.

https://www.youtube.com/watch?v=P4HIgsDZ55E

anche se poi con il declassamento di plutone questo dovrebbe essere il nove
comunque semmai sarebbe "PLANET IX" (planet nine).
http://www.lescienze.it/news/2016/01/21/news/prove_super_terra_oltre_plutone-2937903/

Anche se ammetto che Planet X è molto più suggestivo e ti fa subito pensare a globoidi con sei occhi che vogliono copulare con femmine umane.
Bionde.
Ieri a Radio3 scienza ne parlavano, in modo comprensibile e appassionante, Alessandro Morbidelli, astronomo dell’osservatorio della Costa azzurra e del centro nazionale delle ricerche francese, e Cesare Guaita, planetologo e conferenziere al Planetario di Milano.

Se interessa, qui c'è il podcast:
http://www.radio3.rai.it/dl/portaleRadio/media/ContentItem-4b08c1d8-e478-4c3e-acf2-e3011e513ed3.html
Tralasciando le boiate dei soliti "illuminati" che vaneggiano su Nibiru e tutto il resto... Da profano, i conti non mi quadrano.

Come fa questo "pianeta X" (più che altro IX...) a disturbare così tanto l'orbita dei sei principali oggetti transnettuniani se è ad una distanza così elevata (in termini relativi) da loro e ha una massa sì ben maggiore della loro, ma tutto sommato non così elevata? Detti transnettuniani non dovrebbero essere influenzati molto, ma molto, ma molto di più dai giganti gassosi, che sono ben più vicini e massivi?

Se qualcuno riuscisse a spiegarmelo in termini non troppo astrusi, gliene sarei grato :)
comunque semmai sarebbe "PLANET IX" (planet nine).

Solo a me è venuto in mente questo? :-)
https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/b/bf/Plan_9_Alternative_poster.jpg
Lo chiamano pianeta X perchè sta per pianeta ignoto
Articolo di Focus, il titolo è un po' altisonante ma il corpo va molto con i piedi di piombo, sui nuovi scenari che il nono, possibile, pianeta del sistema solare apre.

http://www.focus.it/scienza/spazio/alcune-domande-sul-nono-pianeta-da-poco-scoperto
HELP Pgc:
Forse dovrei vergognarmi a fare una domanda così banale, ma il simbolo maggiore di con la tilde sotto che significa?
Probabilmente maggiore? Sicuramente maggiore? Molto maggiore? Poco maggiore? Maggiore dell' ordine di?
Dalla lettura dell' annuncio intuirei che stia per poco maggiore (di 10) laddove per poco maggiore (di 10) si intenda meno di un fattore 10 (10<x<100).

Poi una cosa mi lascia un tantinello perplesso: un pianeta con una simile massa in quella posizione dovrebbe avere un diametro che spannometricamente (a seconda della sua densità se NON roccioso) va da 4/5 di quello di Nettuno (nel caso 10 masse terrestri) a quello di Saturno (che sta giusto un po’ sotto il limite di 100 masse terrestri) per cui una dimensione apparente (per star bassi) dell' ordine di 1/600 di quella di Nettuno essendo circa 21 volte più distante.
Un po' troppo grosso perchè ad oggi nessuno lo abbia notato, specie se si considera che sono stati identificati pianeti esosolari di dimensione apparente centinaia di milioni di volte inferiori.
Anche considerando che si tratti di un pianeta roccioso (cosa che PERSONALMENTE reputo improbabile vista la sua distanza dal sole), cambia poco: la dimensione apparente di PlanetX rispetto a GJ 1132b è dell' ordine di 30 milioni di volte (essendo cira 4000 volte più distante ed avendo un diametro circa doppio) ed una massa circa 10 volte superiore.
Vero che per GJ 1132b si sapeva cosa cercare e dove cercare, ma è possibile che con un oggetto di quelle dimensioni, relativamente vicino, nessuno abbia mai notato i suoi effetti lente gravitazionale (ma dell’ argomento ne so poco o nulla) o soprattutto di occultazione stellare?

Grazie in anticipo

Carson

P.S. I conti sono mooolto scorretti: ho arrotondato “a muzzo” visto che quello che mi premeva era giusto avere degli ordini di gradezza e non valori accurati.
il simbolo maggiore di con la tilde sotto che significa?

Non vuol dire "all'incirca maggiore"?
Carson,

I pianeti extrasolari (rivelabili) presentano almeno due grandi vantaggi rispetto a oggetti esterni nel pianeta solare:

(1) possono trovarsi soltanto in una zona relativamente ristretta di cielo: guardi in direzione di una stella e sai che se ci sono devono stare in quel campo visivo.

(2) puoi sfruttare non la radiazione che emettono, ma gli effetti sulla luce della stella intorno alla quale orbitano. Sia spettroscopicamente (doppler) che fotometricamente (variazioni di luminosità) che temporalmente (ritardi). Le "direct detection" sono meno del 10%...

Questi due vantaggi sono immensi. Nel caso di un pianeta del sistema solare, esterno E molto lontano (che quindi tra l'altro si muove MOLTO lentamente in una zona di cielo gigantesca) è come cercare il classico ago nel pagliaio.

Per quanto riguarda i pianeti extrasolari si tratta in genere di pianeti grossi e vicini alla stella. La differenza é enorme. Qui tu stai marcando un pianeta individuale, non una sottoclasse rivelabile di tutti quelli esistenti... Inoltre, al contrario dei pianeti extrasolari é assai poco luminoso. E' la differenza tra cercare un ago in un pagliaio, e cercare "tutto quello che trovi" in un pagliaio. :)

Ma siccome il sapere cosa stai cercando aguzza l'ingegno, può essere che venga fuori qualche osservazione del pianeta o nel visibile o nell'infrarosso. La statistica potrebbe portare a pensare che potrebbe essercene più d'uno. Vedrai che prima o poi cominceranno a piovere "upper limit" e, se esiste veramente, una rivelazione.

Ci sono per esempio buoni motivi per credere che esista una quantità enorme nella Galassia di "rogue planets" ovvero di pianeti non orbitanti una stella in particolare. Eppure ne sono noti un numero ridottissimo, e tutti scoperti per puro caso.

"Ci sono più cose in cielo, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia", W. Shakespeare. Grande Guglielmo...
Innanzi tutto grazie a Martino e Pgc per le risposte.
La risposta di Pgc (purtroppo per lui) più che soddisfarmi, mi ha ulteriormente stuzzicato.

Sono andato a vedere qualcosa su questi pianeti interstellari, ma purtroppo wikipedia italiana è moooolto carente. Molto meglio la versione inglese.
E qua ho trovato qualcosa che mi ha fatto barcollare: nella galassia il numero di pianeti vagabondi sarebbe da un minimo di due ad un massimo di 100000 per ogni stella, anche se il valore più probabile si colloca intorno a 50000. E 50000 sono proprio tanti. Detto per inciso avrei considerato questo valore una sparata, ma dopo quanto detto da Pgc sulle difficoltà ad identificare un pianeta grosso quasi quanto Nettuno nel nostro sistema solare e dintorni, a soli 3 giorni luce, non ad anni o centinaia di anni luce, il numero mi pare più che sensato.
Poi ho trovato questa fonte http://www.media.inaf.it/2012/02/24/miliardi-di-pianeti-nomadi/ a conferma della validità dell’ ipotesi.

Ipotizzando come statisticamente significativo il sistema solare con 8 pianeti che totalizzano lo 0,1% del sistema solare, i 50000 pianeti vagabondi “di competenza” totalizzerebbero una massa 6 volte quella del Sole. Rapporto che casualmente, ma forse neppure troppo, è di 15:85 circa.Vero che vi sono stelle molto più massicce del Sole, ma il gigante del nostro sistema solare è appena 1/50 della massima massa planetaria. Oltre si va sulle stelle brune. Che pure quelle, chissà quante saranno, visto che, a quanto capisco dalla risposta di Pgc, non dovrebbero essere poi molto più facilmente identificabili dei pianeti vagabondi.

Ma allora perchè scomodare neutrini, neutralini assioni ed altre particelle sconosciute per spiegare la materia oscura quando questa potrebbe essere semplicemente quello che dice il suo nome: materia che non fa luce? E’ una ipotesi poco accreditata (e se sì perché), in attesa di conferme essendo lo studio che porta a questi dati molto recente o solamente inferiore dal punto di vista mediatico?

Ciao

Carson
Eccoti gli "indizi scientifici". Ma come scrivi?!
http://mnrasl.oxfordjournals.org/content/455/1/L114.full
Johnkoenig,

mi sa che non hai letto l'Abstract dell'articolo che citi e/o non hai letto bene il mio articolo. Oppure non li hai capiti.

Comunque sia, io parlo della questione "avvistamento sì/no". L'articolo che citi tu parla di tutt'altro.

La prossima volta, prima d'infervorarti, prova a leggere con più serenità. Buona giornata.
Io non ho Elementi in mano per poter dire che tutto questo sia vero, però credo che se tutto ciò fosse vero ,la popolazione mondiale non sarebbe avvertita in quanto, il panico di massa ,provocherebbe danni di gran lunga superiori. Quindi viviamo con serenità, che la fine del mondo, potrebbe avvenire in qualsiasi momento, magari a causa di un Asteroide non avvistato in tempo (vedi i fatti verificatesi in Russia qualche anno fa).