skip to main | skip to sidebar
16 commenti

La Gazzetta del Mezzogiorno mi fa dire che le vaccinazioni “sono solo una truffa”

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle donazioni dei lettori. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora (anche con un microabbonamento).

“E un saggio denuncia «Vaccinazioni a rischio? Sono solo una truffa»”. Questo è il titolo che campeggia sopra la mia foto e presenta un articolo firmato da Nicola Simonetti sulla Gazzetta del Mezzogiorno di oggi (23/1/2016), come mostrato dalla foto mandatami da @myrthus e dalla copia online.

Sopra il titolo c'è scritto “L’autore Paolo Attivissimo evidenzia rischi e scorrettezze”.

Forse sarò cretino io che non capisco l’italiano, ma secondo me chi legge queste parole pensa che io stia dicendo che le vaccinazioni sono una truffa e che ne evidenzio i rischi e le scorrettezze. O magari è cretino questo modo di fare giornalismo, visto che il testo dell’articolo dice l’esatto contrario, ossia spiega che ho scritto un capitolo di un libro, Vaccini, complotti e pseudoscienza (disponibile anche come e-book su Amazon.it), che rivela le truffe, i rischi e le scorrettezze degli antivaccinisti.

I contatti della Gazzetta sono qui. Siate educati. Io ho già scritto al direttore chiedendo rettifica. Dopo tutti questi anni di impegno contro le pseudoscienze, vedermi etichettato pubblicamente come un idiota antivaccinista non è particolarmente entusiasmante.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (16)
Il giornale gioca sul fatto che i lettori leggono solo i titoli ed evitano il resto.
Una persona maliziosa potrebbe pensare che questa sia solo una trovata commerciale: vedi Attivissimo in copertina, leggi una frase che da lui mai ti aspetteresti, *compri* (parola magica!) al volo il giornale per chiarirti le idee. Meno male che non siamo persone maliziose :)

PS: se capitasse a me, di finire su un giornale vicino ad una frase che rappresenta l'esatto contrario di ciò per cui mi batto, esigerei una smentita di pari peso (quattro colonne ha l'articolo? quattro deve averne la smentita). Altrimenti, "Smithers, release the lawyers!"...
È un gombloddo!
Ma roba da matti
La Gazzetta del Mezzogiorno poi, che ha pure sede a Bari, ci potrei anche andare di persona. Ma é venduta anche in svizzera?
Forse, più semplicemente, chi ha fatto il titolo non è l'autore dell'articolo, e il "titolista" ne ha frainteso il senso.
"Forse, più semplicemente, chi ha fatto il titolo non è l'autore dell'articolo, e il "titolista" ne ha frainteso il senso. "

Almeno in passato, nelle redazioni dei quotidiani era proprio così: i titoli non erano dettati dagli autori degli articoli, ma da qualcun altro che li sceglieva non solo in base al contenuto dei pezzi, ma anche per non dire sopratutto in vista della loro collocazione nella pagina e dagli altri titoli circostanti. Naturalmente esisteva un certo rischio di malintesi, ma questo era considerato preferibile rispetto ad altri possibili tipi di "conflitti" tra titoli diversi.

Non so però se sia ancora così, date le forti riduzioni di personale nel mondo della carta stampata.
Buongiorno Paolo, giusto per spezzare una lancia a favore della Gazzetta, si potrebbe pensare che nella mente del titolista sia passato un pensiero del tipo "sono solo una truffa" quelli che dicono che "le vaccinazioni sono a rischio".
E questo sarebbe in effetti in linea con il senso dell'articolo.
Certo, ci potevano essere modi molto migliori e molto meno fraintendibili di dirlo!
Un saluto, e complimenti
Giorgio
Vedi il lato positivo: la foto ti fa più giovane di almeno 15 anni... :D:D:D:D:D:D

ps: quoto 100% Tommy the Biker.
Non mi sembra che il titolo contraddica l'articolo o il tuo pensiero, io lo interpreto come, le vaccinazioni sono a rischio? No, è solo una truffa!
Ma forse sono cretino anch'io.
Non so a me sembra semplice italiano "Sono solo una truffa" ha un soggetto sottinteso, e quindi viene naturale pensare che se è sottinteso è per evitare una ripetizione, ergo è già presente nella frase precedente, ne concludiamo che il soggetto è "Vaccinazioni" dal momento che è l'unica cosa che concordi. Se anche è un errore in buona fede indica comunque una certa incompetenza linguistica di una persona che in fondo la lingua la dovrebbe conoscere meglio di chiunque... Ma almeno ti chiamano saggio :D
Devo dire la verità .... anche io sono rimasto molto perplesso leggendo il titolo, quando mi è capitato il giornale sotto gli occhi. Quello che ho pensato è stato: 'Chi avrà scritto questo titolo sgrammaticato?' Il contesto, infatti, suggeriva una cosa, il testo un'altra. Conoscendoti, IO non ho avuto dubbi... La frase comunque era decisamente ambigua. Un brutto scivolone della 'Gazzetta', purtroppo!!! Anche se ti hanno fatto più giovane :)
Un'altra nota: Nicola Simonetti non è un giornalista, ma un medico. Ritengo plausibile che il titolo non l'abbia scritto lui.
Secondo me, non solo l'autore del titolo è una persona diversa dall'autore dell'articolo, ma è anche una persona che la pensa diversamente in tema di vaccini.
Qui, infatti, non si tratta di un giornalista dall'italiano traballante o di uno che, per logiche commerciali, ha solo voluto scrivere un titolo ad effetto: qui si vede un titolista che ha subdolamente "piegato" l'italiano, in modo da scrivere una frase semanticamente corretta, ma molto fraintendibile, che dà maggiore rilevanza -anche visiva- alla campana antivaccinista.

Non potendo leggere l'articolo, non sono ancora riuscito a capire come vada inteso il titolo. La frase "Sono solo una truffa" va riferita al termine "vaccinazioni" o all'espressione "Vaccinazioni a rischio"?.
Il titolo sta dando rilevanza a un debunker che ha pubblicato un "saggio di denuncia contro la storia delle vaccinazioni a rischio" o ad un antivaccinista che ha pubblicato un saggio di denuncia "contro le vaccinazioni, sostenendo che siano a rischio e una truffa"?

non e' che l'hanno fatto apposta?
Saggio?
Mi associo all'altro commentatore di 4 lettere che inizia con "Tur" sull'interpretazione:
le vaccinazioni sono a rischio? No, è solo una truffa!

Poi le "esigenze di spazio" hanno fatto il resto :-)