skip to main | skip to sidebar
2 commenti

Safari in tilt anche senza visitare Crashsafari? Ecco come rimediare


Non è stata una settimana positiva per Apple: oltre a subire la burla pesante di Crashsafari.com, che manda in crisi il browser Safari, molti utenti sono stati afflitti da dei crash occasionali di questo browser visitando altri siti, sia sotto iOS, sia sotto OS X. Il problema è legato ai suggerimenti di Safari: quando si inizia a digitare il nome di un sito, quello che è stato digitato viene inviato ad Apple, che lo usa per proporre un completamento automatico del nome del sito.

Apple ha annunciato poche ore fa di aver risolto il problema del suo servizio, ma se vi capita ancora di avere crash casuali di Safari, potete provare i seguenti rimedi.

Sui dispositivi iOS, andate in Impostazioni - Safari e disattivate Suggerimenti di Safari. Se questo non basta, mettete il dispositivo in modalità aereo e poi rimettetelo in modalità normale: questo svuota la cache DNS che altrimenti può conservare traccia del problema.

Sui computer Apple, invece, andate in Safari, scegliete Preferenze e poi Cerca e infine disattivate Includi suggerimenti Safari.

Un’altra soluzione è usare la navigazione privata: sui dispositivi iOS, si va in Safari, si tocca l'icona in basso a destra (i due quadrati sovrapposti), si tocca Privata e poi Fine; sui Mac, si va in Safari, si sceglie il menu File e poi la voce Nuova finestra privata.


Fonti: 9to5mac, Ars TechnicaThe Inquirer.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (2)
Ho avuto questo problema anche io: ho risolto chiudendo una per una tutte le schede aperte (se le chiudevo tutte insieme poi quando riaprivo Safari me le ritrovavo di nuovo lì). Riavviare il telefono non è servito a molto.
Al 13 febbraio io ho ancora Safari che fa girare la sua pallina e la mia: l'applicazione non risponde--->Uscita forzata. Costretto ad usare altri Browser (Opera il più snello e performante. Firefox chiede di sottoscrivere un account: sempre più verso la follia assoluta).
La cosa aggiuntiva fastidiosa è poi la solita inutile tiritera quando posti un reclamo del genere: quale Mac, di che anno, hai provato questo, hai configurato quello... nnnnn iMac di ottobre 2013, i 5 consigli per velocizzare su questo sito già in atto (fra l'altro, diversamente da come indicato, Filevault é disattivato di default).
Oltre Safari, tutta una serie di altrissimi problemi e rallentamenti, ad es. (fra i tanti) anteprima che non ti fa scorrere i fotogrammi uno per uno ma che salta alla fine della lista dei selezionati; utility disk che ha dismesso delle funzioni, restando il fantasma di quello che era (già poverino).
Altre cose che non indico, altrimenti darebbero l'accensione ad una girandola di fuochi artificiali di nonnullerie di vuoti percorsi di supponenti accertamenti.
A sopimento congetture verso la mia povera macchina e la sua configurazione, se avvio da H.D. esterno il s.o. Mavericks, Safari funziona alla perfezione.
Quando vogliamo smettere di osannare Apple (dispersa fra personaggi e porcherie varie, iPhone, iPad e compagnia cantando) e darle un po' addosso, sarà sempre tardi ma un toccasana.