skip to main | skip to sidebar
18 commenti

Scoperte le onde gravitazionali? Andiamoci piano

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle donazioni dei lettori. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora (anche con un microabbonamento). Ultimo aggiornamento: 2016/02/11 22:10.

Probabilmente avete sentito in giro la “notizia” della presunta scoperta delle onde gravitazionali: le perturbazioni dello spaziotempo che secondo la teoria della relatività generale verrebbero prodotte quando due corpi celesti di grandissima massa, per esempio due stelle di neutroni, si avvicinano ed entrano in collisione. È una previsione di Einstein ancora da confermare e come tale un’eventuale conferma sarebbe roba da Nobel garantito.

Ora si è diffusa la voce che un esperimento, il LIGO (Laser Interferometer Gravitational-Wave Observatory), abbia rilevato queste onde. Ma è soltanto una voce: specificamente, tutto si basa su due tweet del fisico Lawrence Krauss, che ha detto di aver avuto un’indiscrezione anticipata sui risultati del LIGO che confermerebbe l’osservazione delle onde. Krauss stesso ha precisato che è un rumor, ossia una voce, e poi ha aggiunto che la voce è confermata ma che non ha parlato con nessuno dei ricercatori del LIGO.

In altre parole, la credibilità scientifica della “notizia” per ora è zero. Se le onde gravitazionali sono state davvero osservate, lo sapremo per certo quando i ricercatori pubblicheranno un articolo scientifico. Fino a quel momento abbiamo a che fare semplicemente con aria fritta e con l’entusiasmo prematuro di un fisico. Se volete tutti i dettagli, Science ha pubblicato un buon sunto della situazione.


Aggiornamento (2016/02/11 22:10): L’articolo scientifico è finalmente uscito e quindi ora non si tratta più di una semplice voce non confermata, ma di una grande notizia. È il momento di stappare una buona birra alla salute di Einstein e dei ricercatori ai quali dobbiamo questa nuova finestra sull’Universo.


Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (18)
La frase "la voce è confermata ma che non ha parlato con nessuno dei ricercatori del LIGO" per me è un non senso logico.

Come si fa a confermare una voce se non si parla con chi è coinvolto direttamante?
Come direbbe Oddball: Why don't you knock it off with them negative waves?(woff Woff) about that gravitational waves, I mean
:P :P :P
Oltretutto i dati del LIGO vanno presi più che con le pinze, essendo uno strumento sensibilissimo alle perturbazioni ambientali (infattti ci sono già progetti per costruire uno strumento analogo nello spazio). Mi pare di ricordare un documentario nel quale gli scienziati dovevano interrompere le misurazioni ogniqualvolta passava un treno a miglia di distanza :D
Segnalo la trasmissione http://www.rsi.ch/rete-uno/programmi/intrattenimento/millevoci/Rosetta-e-la-cometa-nel-cosmo-verso-altri-mondi-6591535.html in cui il prof Philippe Jetzer dell'Università di Zurigo parka del recente avvio della missione LISA Pathfinder che andrà a caccia di onde gravitazionali con strumenti di alta precisione in una triangolazione di un milione di km. Con la collaborazione del prof D. Giardini sismologo. Bell'esempio di interdisciplinarietà nella ricerca applicata.
L'indiscrezione è comunque plausibile: ne parlava anche "Le Scienze" di qualche mese fa, in un breve articolo che annunciava novità imminenti dalla collaborazione fra i team degli interferometri LIGO e VIRGO.
Stepan il progetto spaziale di cui parli è LISA, e da poco è stato lanciato LISA PathFinder che è un dimostratore tecnologico della tecnologia che si spera di poter usare con LISA.
L'idea è di misurare l'oscillazione di un cubo di platino dovuta alle onde gravitazionali mentre questo è lasciato libero di "galleggiare" nel nulla mentre dei sistema di misura ad interferometria laser ne misurano costantemente la posizione per rilevarne l'eventuale oscillazione. Come si fa a fare tutto questo? facile... si mandano 3 satelliti dalle parti di qualche punto lagrangiano, si posizionano a triangolo equilatero a quale milione di km di distanza uno dall'altro e si misurano da quelle distanze le posizioni rispettive di questi cubi con precisioni folli... ovviamente gli spacecraft che contengono i cubi galleggianti non devono toccarli una volta in posizione e per fare questo usano motori ionici che si muovono attorno al cubetto correggendone la distanza dalle pareti... movimenti anche questi ovviamente assolutamente infinitesimali... Se ricordo bene ad oggi i sistemi di misura da utilizzare devono ancora migliorare di un ordine di grandezza per funzionare teoricamente in questo progetto.
Lisa pathfinder è un solo di questi satelliti con il cubetto ed i sistemi di misura posti vicini e non a milioni di KM come test. In LISA e LISA Pathfinder c'è moltissima italia
Qui un paio di link:
http://sci.esa.int/lisa-pathfinder/
https://it.wikipedia.org/wiki/LISA
I complottisti direbbero che la terra sara' minacciata
da un onda gravitazionale invisibile
se le prossime olimpiadi non saranno dichiarate sessiste.
Le ha già scoperte Franco Battiato:
https://www.youtube.com/watch?v=hBjAIYoCMdc
Grazie per le info Unknown!
Aggiornamento:
http://www.lastampa.it/2016/02/06/scienza/tuttoscienze/la-scoperta-delle-onde-gravitazionali-realt-mUBHVFGteXLOxBrOF3UCrM/pagina.html

Da La Stampa, a firma di un autore che gode di buona reputazione anche su questo blog :-)

Commento mio: uauh!
Cmq le onde gravitazionali non è che vengono prodotte solo dalla collisione di due grandi masse, ma se esistono esistono nell'interazione tra tutti i corpi, solo che in teoria per le loro caratteristiche sono molto difficili da osservare, piu facilmente se i corpi in gioco sono molto grandi, sempre in teoria.
ci siamo ragazzi... giovedi si saprà!
Avevo dei dubbi su tempi di pubblicazione su Nature così rapidi come scritto sull'articolo de La Stampa. E nell'indice del numero di oggi non sembra esserci.
Sul sito del gruppo Nature invece c'è l'annuncio che oggi ci sarà uno "status report" che è un'altra cosa. Alle 15:15 GMT.
Non ho capito questo
"Alexandra Witze
Just a reminder: #gravitywaves are ripples in the atmosphere. #Gravitationalwaves are ripples in spacetime. #LIGO"
Le hanno rivelate!
Appena annunciato da David Reitze, non era un falso positivo per testare le analisi!
C'è già il video dell'annuncio
https://www.youtube.com/watch?v=nosvTGd5jx4
pubblicato da qualcuno presente alla conferenza perché il punto di vista differisce dal video attualmente in streaming.