skip to main | skip to sidebar
9 commenti

50 anni fa la NASA perdeva due astronauti: Charles Bassett ed Elliott See

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle donazioni dei lettori. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora (anche con un microabbonamento).



È il 28 febbraio 1966. La NASA, con il programma Gemini, sta imparando tutto quello che serve sapere per poter mandare degli astronauti sulla Luna: come camminare e lavorare in assenza di peso, come effettuare rendez-vous e attracchi fra due veicoli spaziali. Molti membri degli equipaggi delle missioni Gemini viaggeranno poi fino alla Luna: Neil Armstrong, Buzz Aldrin, Tom Stafford, John Young e Gene Cernan, per citarne alcuni.

Ma l’equipaggio della Gemini IX, costituito da Elliot See e Charles Bassett II, non avrà questa possibilità. See, 38 anni, e Bassett, 34 anni, partono intorno alle sette di mattina dalla base di Ellington, diretti allo stabilimento della McDonnell a St. Louis, a bordo di un addestratore T-38, accompagnati dall’equipaggio di riserva, Tom Stafford e Gene Cernan, su un altro T-38. Devono trascorrere a St. Louis una decina di giorni per ispezionare la loro capsula Gemini ed addestrarsi nel simulatore.

Alla partenza il tempo è ottimo, ma a St. Louis piove; le nuvole sono basse (a 600 metri di quota) e la visibilità è scarsa. All’arrivo sopra la base aerea di Lambert Field, poco prima delle nove, i due jet si trovano troppo vicini alla fine della pista d’atterraggio e così See vira a sinistra, stando sotto le nuvole, mentre Stafford si arrampica e rientra nelle nubi per tentare un altro avvicinamento, cosa che gli riesce senza problemi.

Ma la virata di See porta il suo T-38 vicino all’Edificio 101 della McDonnell, dove i tecnici stanno lavorando proprio alla capsula Gemini che dovrà portare See e Bassett nello spazio. Rendendosi forse conto di star perdendo quota troppo rapidamente, See accende i postbruciatori e tenta di virare bruscamente a destra, ma è troppo tardi: l’aereo colpisce il tetto dell’edificio con un’ala e si schianta, incendiandosi e uccidendo Bassett e See. Frammenti del loro aereo colpiscono la capsula Gemini. See viene sbalzato fuori dall'aereo; il suo cadavere viene ritrovato in un parcheggio adiacente. La testa di Bassett viene trovata incastrata fra le travi del tetto dell’Edificio 101. Se l’aereo fosse stato leggermente più basso, avrebbe distrutto la capsula e soprattutto ucciso decine di specialisti che vi lavoravano, mettendo in crisi l’intero progetto di arrivare alla Luna.

Non è il primo incidente che tronca la vita di un astronauta: era già successo con Theodore Freeman nel 1964. Ma è la la prima volta che la NASA si trova costretta a rimpiazzare l’equipaggio primario di una missione con quello di riserva. Stafford e Cernan voleranno nello spazio con la Gemini IX e diventeranno i primi ad effettuare con successo tre rendez-vous; in seguito voleranno insieme fino alla Luna con Apollo 10.

L’incidente aereo innesca un effetto domino che cambia il corso della storia: senza la morte di Bassett e See, per esempio, Buzz Aldrin non sarebbe stato scelto come membro di riserva per Gemini IX e non avrebbe volato con la Gemini XII a novembre del 1966; probabilmente non sarebbe stato il pilota del modulo lunare di Apollo 11 e quindi non sarebbe stato il secondo uomo a camminare sulla Luna. Inoltre Gene Cernan probabilmente non sarebbe stato l’ultimo uomo sulla Luna. Aldrin, amico e vicino di casa di Bassett, non dimenticherà mai che la sua presenza nei libri di storia è frutto di questa tragedia.

See e Bassett verranno sepolti al Cimitero Nazionale di Arlington, uno vicino all’altro. I loro nomi non sono noti ai più, forse perché sono morti prima di andare nello spazio, ma sono incisi nello Space Mirror Memorial al Centro Spaziale Kennedy, insieme a tutti gli altri astronauti deceduti nello svolgimento del proprio compito, e sono stati portati sulla Luna dagli astronauti di Apollo 15 nella targa che accompagna la statuetta Fallen Astronaut collocata nei pressi della Hadley Rille.



Per aspera ad astra.


Fonti: NASA, AmericaSpace.

Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (9)
Paolo, se posso permettermi una curiosità tecnica... la foto è stata colorata digitalmente o è forse un dipinto o qualcosa del genere?
andy,

la foto è stata colorata digitalmente o è forse un dipinto o qualcosa del genere?

No, la foto è a colori in originale.
Grande e triste storia. Eroi del nostro tempo, purtroppo sconosciuti (anche a me prima di leggere questo articolo).
"Per aspera ad astra."
Sic.
Paolo,

molte fonti, ma non quelle NASA ufficiali, riportano che quando See fece quella improvvisa virata a destra, Stafford disse a Cernan, che stava nel sedile posteriore del suo T-38 "“Goddammit, where’s he going?”, visibilmente alterato.

Ti risulta che sia vero e che sia stata rimossa da molti articoli per rispetto ai due astronauti deceduti? O è una storia priva di evidenze?

ciao
Il fatto che i due equipaggi volassero su due aerei differenti era per evitare situazioni come quella che si è effettivamente verificata?

In altre parole, si sono usati due aerei per ridurre le probabilità di perdere due equipaggi preziosi (non credo che la gente con la professionalità necessaria per essere astronauta sia mai stata tantissima) in un eventuale incidente o c'erano altri motivi?
il T-38 è un biposto.
Se la tua domanda Guastulfo è: perché giravano con 2 T-38, invece che con un aereo più grande (o un volo di linea) la ragione è che la NASA ha sempre dato in dotazione ai suoi Pilot astronaut i T-38 per mantenere la loro flight proficiency, la capacità di pilotare un aereo, a costi relativamente bassi.

C'è un'emozionante descrizione di Mike Mullane ("Riding Rockets"), NASA Astronaut, sui voli di training coi NASA T-38 in pieno oceano, dove i piloti erano lasciati liberi di fare praticamente tutto quello che volevano... La NASA ha tuttora 16 T-38 in dotazione (almeno mi risulta), un numero ormai ridotto e che prima o poi cadrà a zero per problemi di età.

Comunque, a ben guardare l'incidente di See e Bassett ha non pochi aspetti strani. A quanto riportano alcune fonti la manovra che fecero era immotivata. Io ne lessi tempo fa su un libro che purtroppo non ho a disposizione (non sono nemmeno sicuro di quale dei tanti che ho letto sull'argomento) dove si diceva che la manovra non era standard e che non è chiaro perché un pilota come See considerato precisissimo e giudizioso da tutti, l'abbia iniziata. Secondo molti insomma non si tratta di tragica fatalità ma di un errore, non giustificato del tutto dalle avverse condizioni atmosferiche. Secondo molti la manovra corretta dovrebbe essere stata quella di riguadagnare quota mantenendo la rotta (e la formazione) invece di virare, il che fa perdere quota, fare il circuito dell'aeroporto ed atterrare.

Cosa abbia indotto See a fare questa manovra non è mai stato chiarito veramente. Almeno, questo è quello che ho trovato.
@pgc
Se la tua domanda Guastulfo è: perché giravano con 2 T-38, invece che con un aereo più grande (o un volo di linea) la ragione è che la NASA ha sempre dato in dotazione ai suoi Pilot astronaut i T-38 per mantenere la loro flight proficiency, la capacità di pilotare un aereo, a costi relativamente bassi.

Era quello che intendevo.
Hai risposto alla mia domanda. Grazie. :-)