skip to main | skip to sidebar
12 commenti

La bizzarra storia di Sergei Krikalev, cosmonauta abbandonato nello spazio

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle donazioni dei lettori. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora (anche con un microabbonamento). Ultimo aggiornamento: 2016/03/31 21:45.

Sergei Krikalev all’epoca della sua insolita missione:
si nota uno scorcio della bandiera sovietica
sul braccio della tuta. Credit: Claude Lafleur.
Il 25 marzo 1992, ventiquattro anni fa, rientrava sulla terra il cosmonauta Sergei Krikalev, reduce da ben 311 giorni trascorsi suo malgrado nello spazio a bordo della stazione spaziale Mir. Era rimasto intrappolato a bordo della stazione per diversi mesi in più del previsto per una ragione molto particolare: il paese che l’aveva lanciato in orbita non esisteva più. Questa è la sua storia, tratta dal mio libro digitale gratuito Almanacco dello Spazio.


18 maggio 1991: l’Unione Sovietica è già scricchiolante quando il cosmonauta trentaquattrenne Krikalev (foto qui accanto) parte dal cosmodromo di Baikonur con la Soyuz TM-12 per raggiungere la stazione spaziale sovietica Mir, insieme al collega russo Anatoly Artsebarsky e alla britannica Helen Sharman (vincitrice di un concorso commerciale), ma nei mesi successivi avviene il crollo completo.

Mentre Krikalev è a bordo della Mir per una missione che secondo i piani dovrebbe durare circa sei mesi, in Unione Sovietica succede di tutto sotto gli occhi attoniti del mondo: un colpo di stato ad opera di membri conservatori del Partito Comunista, del KGB e delle forze armate culmina con l’arresto del presidente Gorbaciov e con l’attacco militare alla sede del parlamento, ma poi fallisce (19-21 agosto 1991); il Partito Comunista che imperava nel paese viene sciolto per decreto (24 agosto 1991); dieci delle repubbliche che componevano l’Unione Sovietica dichiarano la propria indipendenza (agosto-dicembre 1991); Russia, Ucraina e Bielorussia costituiscono la Comunità degli Stati Indipendenti (12 dicembre 1991), alla quale aderiscono poi altre otto repubbliche ex sovietiche (21 dicembre 1991); e in un solo giorno Gorbaciov si dimette e viene rimpiazzato da Boris Yeltsin, l’Unione Sovietica cessa di esistere, la Repubblica Socialista Sovietica Russa viene rinominata Federazione Russa e la bandiera rossa con falce e martello dell’Unione Sovietica viene tolta dal Cremlino e sostituita con il tricolore russo (25 dicembre 1991). Persino la città dove Krikalev è cresciuto cambia nome: non si chiama più Leningrado ma San Pietroburgo.

Come se tutto questo non bastasse, uno dei voli spaziali che doveva contribuire al ricambio dell’equipaggio della stazione viene annullato (Helen Sharman è tornata sulla Terra da tempo, il 26 maggio 1991, con la Soyuz TM-11 insieme a Viktor Afanasyev e Musa Manarov, che erano già a bordo della Mir). Inoltre il cosmodromo sovietico di Baikonur dal quale dovrebbero partire i voli di ricambio è ora di colpo nel territorio di uno stato indipendente (la Repubblica del Kazakistan, ex Repubblica Socialista Sovietica Kazaka), che pretende di essere pagato lautamente per l’uso della base spaziale.

La Federazione Russa, disperatamente a corto di finanziamenti, rinuncia a far tornare Krikalev e sceglie invece di farsi pagare 7 milioni di dollari per portare nello spazio l’austriaco Franz Viehböck sulla Soyuz TM-13; inoltre ottiene uno sconto dal governo kazako mettendo sullo stesso volo di Viehböck il primo cosmonauta-ospite kazako (Toktar Aubakirov). Ma così facendo su quella Soyuz non c'è più posto per Alexander Kaleri, l’ingegnere di volo che avrebbe dovuto sostituire Krikalev, e quindi Krikalev non può tornare.

Aubakirov e Viehböck arrivano sulla Mir con la Soyuz TM-13 il 4 ottobre 1991, insieme al comandante russo Aleksander Volkov, e rientrano a terra otto giorni dopo, insieme ad Artsebarsky, usando la Soyuz TM-12 che sarebbe spettata a Krikalev; Volkov rimane a bordo della Mir con Krikalev.

Il tanto atteso ricambio di Krikalev, Aleksander Kaleri, arriva alla Mir con la Soyuz TM-14 il 19 marzo 1992, insieme ad Aleksander Viktorenko e al tedesco Klaus-Dietrich Flade; sei giorni dopo, il 25 marzo 1992, Volkov, Flade e (finalmente) Krikalev tornano a terra con la Soyuz TM-13.

Sergei Krikalev non si farà intimorire dalla propria disavventura, che lo porta all’attenzione dei media di tutto il mondo e ispirerà una popolarissima campagna pubblicitaria televisiva italiana della DeAgostini che mostra proprio un astronauta sovietico che trova tutto cambiato al proprio rientro: anzi, tornerà ancora nello spazio con lo Shuttle statunitense nel 1994, diventando il primo russo a bordo di un veicolo spaziale americano, e poi ancora nel 1998, quando sarà il primo russo a entrare nella Stazione Spaziale Internazionale. Non pago, volerà di nuovo su una Soyuz nel 2000 per visitare una seconda volta la Stazione, tornando con uno Shuttle, e poi ancora su una Soyuz nel 2005, con una terza visita alla Stazione, restandovi sei mesi. Tornerà sulla Terra definitivamente il 10 ottobre 2005.


Fonti: The Story of Space Station Mir, David Harland, 2005, p. 209-210 e p. 289; Flight International, 1991; Astronautix; Spacefacts; Astronautix; NASA.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (12)
Mi sa che quest'uomo ama la solitudine...
Refuso: la stazio spaziale.
Questa storia mi sembra un po' la conferma che forse ci si può davvero "ammalarsi di spazio", innamorarsi di esso a tal punto di non desiderare altro a tal punto da mettere in secondo piano tutti i pericoli che comporta, lanci, radiazioni, perdita del fisico, razionamento delle risorse.. mi pare di ricordare che sia Hadfield e Parmitano abbiano espresso dei concetti simili in qualche intervista, e non fatico a credergli!
Faber,

refuso corretto, grazie!
Refuso: la stazio spaziale.

Non è un refuso, è un latinismo :-DD
credo che a questa storia si ispiri anche un personaggio del film Armageddon: Lev Andropov, il cosmonauta russo che vive nella stazione spaziale e di cui si dice: più o meno:"lo troverete un po' strano, vi li da solo da tre anni"
ricordo una vignetta di Vauro sul Manifesto: "io terrestre, e voi?" e le risposte erano "uzbeki!" "kazaki!" "Ceceni!". L'astronauta russo era l'icona dei cambiamenti che si susseguivano
quando ho visto "Love", anni fa, non ho potuto fare a meno di collegare le scene iniziali a quello che è successo a Krikalev...
Piccolo errore: non è la CSI ad essere stata rinominata Federazione Russa ma la Repubblica Socialista Sovietica Russa.
La Federazione Russa è invece uno dei componenti della CSI (che credo formalmente esista ancora).
Ocio, secondo Wikipedia dal 14 marzo 1990 Gorbaciov era Presidente dell'URSS, e l'arresto avvenne nell'agosto 1991, dunque premier potrebbe essere maleinterpretato (o magari va bene, correggimi se sbaglio, però l'ho sempre sentito per "Primo Ministro")
Forse i termini cosmonauta e astronauta servono per migliorare il ritmo delle barzellette.

C'era un cosmonauta, un astronauta e un italiano...

Sì. sì funziona molto meglio di "c'era un astronauta americano, un astronauta russo e un astronauta italiano" :-)
Beh; Sergej (Konstantinovič) Krikalëv (o, tutt'al più , Krikaljov per chi non disponesse della ë).
Contekoffio, Sciking,

grazie delle correzioni, le ho verificate e inserite.