skip to main | skip to sidebar
6 commenti

Collegamento ARISS con la Stazione Spaziale Internazionale sabato 16 aprile

Domani 16 aprile la stazione telebridge IK1SLD di Casale Monferrato, l'unica in Italia e una delle due europee, effettuerà un collegamento dal vivo con la Stazione Spaziale Internazionale, con audio e video streaming, per consentire ai bambini presenti al Festival dell'Ingegneria a Washington di parlare con l'astronauta Tim Peake (KG5BVI).

Se volete seguirlo, sarà visibile presso www.ariotti.com: inizierà alle 18:19 UTC (quindi alle 20:19 ora italiana), ma se vi collegate prima vedrete anche le fasi preparatorie. Potrete anche riceverlo direttamente sui 145,800 MHz FM in banda stretta, se siete in Europa e avete le attrezzature radio adeguate.

Queste attività radioamatoriali non sono facili da organizzare: se volete farvi un’idea del lavoro necessario, guardate questo video.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (6)
Paolo le attività radioamatoriali (e parlo da uno che ha brevetto) non sono difficillissime come si intende nel tuo (breve) articolo. Una volta ottenere il brevetto radioamatoriale era una cosa complessa (compreso esame con morse, 120 parole al minuto) ma oggi come oggi ottenerlo è una bazzeccola. E anche le strumentazioni sono alla portata di tutti. Comunicare con la ISS sarà pure difficile, ma solo per la loro "stretta" visuale" (ricordo a tutti che la finestra per contattarli senza ripetitori è strettissima, se non erro poco più di 5 minuti). Questa è l'unica difficoltà. Le altre sono relativamente complesse, semplici per gli addetti ai lavori.

Ciaps
Ivo G.
@Infinity scusa, ma mi permetto di contraddirti. Se è vero che come dici tu adesso, non essendoci più il morse da conoscere obbligatoriamente, è relativamente più facile ottenere la patente ( non è un brevetto ) e poter quindi trasmettere sulle bande radioamatoriali, Paolo stava parlando nello specifico di questa attività , non genericamente. E questa attività, confermo quanto detto da Paolo, è complessa e prevede una lunga preparazione ed un mantenimento delle capacità nel tempo da parte dei membri del Team. La stazione Telebridge deve garantire il collegamento tra la ISS e la stazione a terra, sita in un altra parte del globo solitamente, durante tutto il periodo in cui la ISS è in visibilità ottica con la stazione, il passaggio dura tra i 9,30 minuti e i 10,30 minuti a seconda dell'orbita, e non solo per alcuni minuti, e lo deve fare con certezza, perchè dall'altra parte ci sono persone che aspettano di fare domande e ricevere risposte dall'astronauta. Questo implica l'uso di una quantità di tecnologia, tutta integrata una con l'altra, e una quantità di conoscenze e capacità da parte degli operatori di stazione non proprio solite, non per altro la stazione telebridge IK1SLD è stata per anni la sola sita in Europa e solo poche settimane fà se ne aggiunta una in Belgio, e una tra le poche al mondo, 12 in tutto se non ricordo male.
Credimi, la stretta visuale come dici tu, non è l'unica difficoltà.
Saluti a tutti e ancora un grazie a Paolo per tutto
IZ1UWP Giovanni
ARISS telebridge and HamTv station team
@Gio me ne guardo bene dallo sminuire qualumque attivita! Anzi, tanto di cappello per quello che fate. Ma come tu stesso hai detto senza morse è tutto piu facile. Io sono un tecnico sistemista, e negli anni d'oro ho pure combattuto per le "cityband" (CB per i comuni mortali) e chissà quanto ho speso in Posta per inviare le cartoline. Quello che intendevo è che comunque con "conoscenza" dell'argomento e tecnologia che oramai è alla portata di tutti qualunque cosa è fattibile. Le difficoltà che riporti sono solamente di tipo logistico (antenna? Check. Connessione a internet? Check. Etc etc etc). Cose che con adeguata preparazione si risolvono ;) che all'esterno possano sembrare cose molto complesse posso anche confermare, ma per chi come me sono anni che ci bazzica i "concetti" sono semplici, è tutto il contorno che sicuramente richiede molto lavoro ma soprattutto passione (oramai qualunque frequenza é quasi deserta, i CB son praticamente scomparsi etc etc etc)

Comunque ancora complimenti. Magari un giorno ci si sente in freq. e ci spediamo una cartolina, che ne pensi?

piccola nostalgia dei tempi passati..... non mancano anche a te?


saluti
Grazie Paolo per aver pubblicato la notizia del collegamento con la ISS da parte del mio amico Claudio, IK1SLD.
Comunicare con la ISS non è per niente facile. Facile è ascoltarla, nei momenti in cui è alla nostra portata ottica. Ma comunicare con gli astronauti no, non è una cosa così semplice.
L'impegno di Claudio e dei radioamatori della sezione ARI di Casale Monferrato è grandissimo.
Bruno IK1LYQ
Collegamento avvenuto, tutto bene, lo streaming speriamo vi sia piaciuto....
Ho letto l'articolo poco prima delle 20:19. Ho sia visto lo streaming ma anche riuscito a fare qualche foto del passaggio.
Lo streaming è venuto bene. Complimenti!