skip to main | skip to sidebar
20 commenti

Nuovo lancio con tentativo di atterraggio di SpaceX il 18/7 alle 6.45 italiane

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle donazioni dei lettori. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora (anche con un microabbonamento). Ultimo aggiornamento: 2016/07/18 15:10.

SpaceX si appresta a lanciare una capsula cargo Dragon per rifornire la Stazione Spaziale Internazionale. Dopo la messa in orbita della capsula, otto minuti dopo il lancio, il primo stadio del razzo vettore Falcon 9 tenterà un rientro controllato con atterraggio verticale, stavolta sulla terraferma anziché su una nave come nella maggior parte dei rientri tentati fin qui. Il lancio è previsto per le 4:45 UTC (6:45 italiane; 12:45 am EDT) del 18 luglio.

Il tentativo di rientro alla Landing Zone 1, zona designata per gli atterraggi dei vettori di SpaceX a pochi chilometri a sud rispetto alla rampa di lancio a Cape Canaveral, in Florida, sarà il secondo del suo genere: il primo, coronato da successo, era avvenuto a dicembre 2015. Questo tipo di rientro è possibile soltanto quando il Falcon 9 ha una missione primaria che gli consente di avere un avanzo di propellente sufficiente a frenare la propria velocità orizzontale e invertire la rotta; per questo gli altri atterraggi sono avvenuti su una nave situata lungo la traiettoria di lancio.

Le circa 2,5 tonnellate di carico della capsula Dragon includono un International Docking Adapter, un dispositivo di attracco che consentirà ai veicoli per equipaggi di Boeing (lo Starliner CST-100) e di SpaceX stessa (il Crew Dragon) di raggiungere prossimamente la Stazione e attraccarvi.

Il lancio verrà trasmesso in diretta da SpaceX presso il consueto indirizzo www.spacex.com/webcast. a partire da una ventina di minuti prima dell’orario di decollo. La cartella stampa di questa missione è qui. La cronologia prevista per il lancio è qui su NASA.gov.

Per gli appassionati di statistiche di lancio, questi sono i tentativi di rientro controllato fatti fin qui da SpaceX, tutti durante missioni operative (con consegna di satelliti o veicoli per conto di clienti paganti):

2016/06/15: appontaggio fallito (nave raggiunta, ma impatto troppo violento)
2016/05/28: terzo appontaggio riuscito
2016/05/06: secondo appontaggio riuscito
2016/04/08: primo appontaggio riuscito (CRS-8)
2016/03/04: appontaggio fallito (SES-9)
2016/01/17: appontaggio fallito (razzo atterrato ma caduto lateralmente per via di una zampa che ha ceduto) (Jason-3)
2015/12/21: primo atterraggio sulla terraferma riuscito
2015/06/28: razzo esploso poco dopo il decollo
2015/04/14: appontaggio fallito (nave raggiunta, razzo disceso verticalmente e atterrato ma poi caduto lateralmente) (CRS-6)
2015/01/10: appontaggio fallito (nave raggiunta, ma razzo arrivato lateralmente a velocità eccessiva) (CRS-5)
2014/07/14: discesa controllata in acqua effettuata con successo vicino a nave appoggio (Orbcomm)
2014/04/18: discesa controllata in acqua effettuata con successo vicino a nave appoggio (CRS-3)
2013/09/29: discesa controllata parzialmente riuscita (razzo privo di zampe sopravvive al rientro ma ha rollio eccessivo e si disintegra) (CASSIOPE)


2016/07/18 7:15: Atterraggio riuscito


Dopo un decollo perfetto, il primo stadio ha azzerato la propria velocità orizzontale (circa 5000 km/h), ha invertito la rotta a circa 130 km di quota ed è rientrato posandosi delicatamente sulla base di atterraggio, mentre il secondo stadio e la capsula Dragon proseguivano la propria corsa ipersonica verso la Stazione Spaziale Internazionale.

Con questo atterraggio SpaceX porta a cinque i razzi recuperati (due su terraferma, tre su nave). Resta da dimostrare il passo successivo: lanciare di nuovo un razzo che ha già volato.



















Tripla scia: decollo, frenata iniziale (in alto al centro) e atterraggio.


2016/07/18 9:00: Disponibili i video



L’accensione di rientro è a 23:37, seguita un minuto dopo dall’atterraggio.


L’accensione di rientro è a 23:30.

Fonti: Spaceflight 101, Wikipedia.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (20)
Ma... E il gatto che c'entra? :-)
Sta su un lucernario del maniero digitale? Spera di vedere arrivare gli alieni?
Glaucos,

1. I gatti c'entrano SEMPRE.

2. Sta dimostrando una manovra di hovering come quella che dovrà fare il Falcon 9.

3. Era troppo tempo che non postavo la foto di un gatto.
Bello Space Micio; ma mi sa che lui si sta solo lanciando:
a) sulla pappa;
b) sulla poltrona (o il divano, o qualunque altro posticino bello soffice).
elon musk: Out on LZ-1. We just completed the post-landing inspection and all systems look good. Ready to fly again.
Chissà che intenzioni hanno coi razzi "usati".

Mi chiedo se

- faranno un lancio a un prezzo scontato con un carico magari non troppo prezioso (sempre se esiste una simile eventualità);

- faranno delle prove a terra per verificare la tenuta del razzo e poi lo riuseranno come se fosse nuovo (non so, però, se le prove a terra siano sufficienti allo scopo);

- faranno un lancio a vuoto che simuli, per quanto possibile, una missione reale.

Forse la terza opzione è la più onerosa per SpaceX ma, forse, l'unica percorribile: se fossi un cliente che deve mettere qualcosa in orbita (che so, la suocera ad esempio :-) ), non mi farebbe piacere l'esistenza di un'incognitra in più per la mia "spedizione". Potrebbe anche non bastarmi il fatto che, a terra, il razzo si comporti come se fosse nuovo.

Sempre opinione di esperto da bar :-)
@Guastulfo (Giuseppe)

Qualche mese fa elon disse che ci sono alcuni clienti che potrebbero essere interessati ad una missione con un core riutilizzato.

A terra vengono eseguiti dei test sulla struttura e sui motori per quanto si sa ora
mi permetto di rispondere anche io con discorsi "da bar"
al tempo del primo tentativo riuscito lessi commenti di diverse compagnie che si dicevano interessate a lanciare satelliti, ovviamente a prezzi scontati. C'è una compagnia con sede in lussemburgo, ora non ricordo il nome, che chiedeva uno sconto del 50% mentre la space X intende offrire sconti del 30%. Secondo me, stanno trattando con molti proprio su questo.
inoltre
La Space X ha in mente un piano enorme di messa in orbita di satelliti per internet, si parla di 4000 satelliti (si, anche io all'inizio non ci credevo) per una copertura globale 24H al giorno. Ovviamente stanno mettendo assieme questa cosa con un gran numero di aziende, è incredibilmente ambiziosa e ovviamente questo tipo di vettori sarebbe l'ideale, pertanto il "mercato" eventualmente non mancherebbe, anzi.
A me pare ovvio che il primo lancio debba essere dimostrativo, che poi è esattamente quello che faranno con il falcon heavy quest'autunno. Fosse in loro, ne approfitterei per testare il sistema di rientro del Dragon
Guastulfo,

Sì, è già in via di negoziato un lancio con satellite a pagamento, con prezzo scontato. Il cliente dovrebbe essere SES e si parla di 30-50% di sconto.

Le prove a terra sono già state effettuate con successo.

Che io sappia non c'è alcuna intenzione di fare un volo "a vuoto" dimostrativo.
tieni anche presente, Guastulfo, che il cliente ha accesso ai risultati di tutta una serie di test e a informazioni che permettono di avere una valutazione oggettiva dell'affidabilità di un vettore. Il fatto che questo sia nuovo o usato da questo punto di vista non fa molta differenza. Ci sono rischi di incidente, ma ci sono un mucchio di strumenti per valutarne la probabilità. A noi sembra come un black box affumicato dai gas di scarico, ma a SpaceX e ai consulenti dei loro clienti no. Non è come quando compri una macchina usata, un giro e due chiacchiere col venditore, ma certamente tutta una serie di test, discussioni, valutazioni e negoziazioni che portano a conclusioni molto accurate.

Senza contare che anche lo Space Shuttle usava "motori usati" (molto usati!), e molto molto più potenti e complessi e di quelli del Falcon 9. Eppure non era un aspetto molto valutato della cosa, al punto che verranno usati anche per le prossime missioni SLS (anche se in modalità "usa e getta").
@Paolo:
Nel primo video scrivi che "l'accensione di rientro è a 34:00", ma il video dura solo 31:38. Immagino sia stato tagliato su ordine della nasa per nascondere l'ufo che si intravede alla fine:D
E qua da noi uffici pubblici amministrativi non rispondono a mie PEC...e quando chiamo per sollecitare mi chiedono quando le ho inviate e COSA contenevano...qua non riusciamo a mandare una PEC e negli USA un PRIVATO manda carichi paganti in orbita a ripetizione e riesce a recuperare quasi tutto il vettore...mi vergogno! :(
Guastulfo, penso che se fossi un cliente che deve mettere in orbita la suocera, anche un fallimento sarebbe più che accettabile ... (cattivo che sono :) )... Piuttosto, tornando seri, è impressionante vedere come la percentuale di atterraggi falliti sia calato drasticamente negli ultimi lanci (uno solo e per una traiettoria ad alto rischio, se ricordo bene). Segno che Space-X sta imparando velocemente dai fallimenti. Chapeaux!!! Paolo, da gattofilo convinto quella navicella spaziale mi piace tantissimo.... :)
L'immagine del gatto mi ha praticamente rapito :)
Ci ho messo 10 minuti per capire che l'articolo continuava con le immagini del decollo.
Tukler,

errore mio: ho corretto i riferimenti temporali. Grazie della segnalazione.

Sì, ho dovuto tagliarlo perché si vedeva che il razzo era appeso un disco volante.
Tre motivi per ritenere il lancio importante:
-di notte tutto si complica, anche se è tutto spettacolare.
-lo stadio rientrato sembra del tutto integro.
-è stato un lancio "cat approved": vista la prudenza di questi felini, non è poco :)
Last but not least:

4. I gatti atterrano sempre sulle 4 zampe. Integri.
Rico,

concordo con tutto, ma giusto una precisazione: un lancio/atterraggio notturno non è più complicato di uno diurno perché i sistemi di guida non usano la luce diurna.
Paolo, pensavo solo ai controlli visivi pre-volo, di notte qualcosa può sfuggire e i colori sono alterati. Poi tra giunti cardanici, giroscopi e sensori via radio non occorre la luce diurna, solo tanta matematica.
Ripensandoci il lancio notturno ha il vantaggio che occorre meno raffreddamento dei serbatoi, in Florida le ore estive diurne sono davvero molto calde.
Era troppo tempo che non postavo la foto di un gatto.

No, non tanto. Solo da 58 articoli.
La serie nera da 217 pubblicazioni senza mici è per fortuna irraggiungibile.
Space OT: sono passati esattamente 40 anni da quando ho seguito mio padre in un bar, ero un bambino, e sulla televisione posta in un angolo ho visto la prima immagine di Marte mandata dalla sonda Viking 1, poi un immagine della sonda stessa.
Sono rimasto a bocca aperta per un minuto, pensando che da grande avrei potuto abitarci, su Marte. Sigh.