skip to main | skip to sidebar
12 commenti

HAARP invita i complottisti a visitarla

Ogni volta che succede un disastro naturale arriva l’orda dei complottisti, quelli che hanno capito tutto, che spiegano a noi poveri ottusi col paraocchi che è tutta colpa di HAARP (High Frequency Active Auroral Research Program), l’installazione scientifica situata in Alaska. Inutile spiegare che non c'è energia sufficiente, in quelle antenne, per avere effetti deleteri sull’ambiente. Tutto quello che possono fare è scaldare lievemente un pezzettino della ionosfera nelle vicinanze dell’apparato.

I gestori dell’impianto (la University of Alaska, che l’ha preso in carico dai militari che l’avevano dismesso) sono talmente stufi di essere accusati di essere un’organizzazione segreta che hanno indetto una giornata di porte aperte. Quindi se non avete niente di meglio da fare, domani HAARP vi aspetta in Alaska: le istruzioni sono qui. E se avete dubbi su HAARP, prendetevi il tempo di leggere le loro risposte alle accuse di cospirazione; se non vi basta, Metabunk ha un paio di grafici molto eloquenti.


Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (12)
Sicuramente avranno già nascosto i loro dispositivi segreti nuculari (cit.) per dimostrarsi innocenti agli occhi del pubblico in questa giornata di porte aperte... Non farti ingannare, sono furbi!
Sento già le obiezioni complottare: "Eh ma ovviamente questo è solo uno specchietto per le allodole, ti faranno vedere una struttura finta per farti credere che è tutto a posto, mentre invece quella vera è ben nascosto all'occhio...".

Queste cose funzionano per convincere i dubbiosi, quelli che pensano "eh però in effetti un impianto così grosso è un po' strano", ma che comunque restano aperti al ragionamento senza lanciarsi in chissà quale delirio, quelli che hanno solo bisogno di informarsi e sono già aperti al ragionamento. Contro i complottari incalliti l'unico argomento di discussione che vale la pena adottare, come rapporto efficacia/tempo impiegato, è il LART.

Non che non sia una bella iniziativa eh, ma purtroppo non risolverà il problema dello starnazzamento. Un nodoso randello di quercia, invece, potrebbe :)
Quindi a breve inizieranno a circolare notizie di complottisti andati e mai tornati (perchè giustamente far sparire una persona all'interno del proprio perimetro è il modo migliore per non destare sospetti)?
Oppure complottisti che "io ho fatto richiesta, ma nessuno mi ha risposto" ?
Magari bastasse una visita per convincere i complottisti! A parte loro stessi, tutti gli altri sono in un modo o nell'altro pagati per rimanere in silenzio o per mascherare la "verità".
Per la prima volta mi sento un po' complottista. Il viaggio non me lo pagano vero? Mi accontento anche di un aereo che irrora scie chimiche da qui all'Alaska!
:-)
IT'S A TRAP!!!
Certamente inganneranno i visitatori ologrammamente. Svegliatevi!
magari sarebbe stato piu credibile dare la colpa alle trivellazioni locali e non ad istallazione a 3000 km di distanza.
ops! non sapevo che avessero cambato gestione come i ristoranti, credevo avessero chiuso e basta. comunque, se con haarp si possono generare i terremoti, cosa cavolo c'era ad amatrice per distruggerla? e ad arquata del tronto, e all'aquila, e nel bèlice eccetera. l'uso del guanciale nella pasta mi sembra un po' poco, via!
Provocasse davvero terremoti a comando, cosa aspettano a usarlo contro i terroristi?
Mi riferivo ai modi, e ai toni di una cattiveria e aggressività spaventosa Paolo. Mi avessi contattata in privato ti avrei subito attribuito la paternità scrivendolo nell'articolo. Non mi costa nulla. Quello che tu non capisci è che da parte mia non c'era alcuna volontà o intenzione di fare la furbata come la intendi tu o il plagio addirittura. È una lista di cose che ripeto, riportate su Google translate viene quasi uguale. Sembra che l'articolo e l'analisi l'abbia fatta tu invece hai tradotto pari pari dal WP,io non mi scalderei in questo modo. Se volevi farti pubblicità ci sei riuscito,per qualche ora, potrai anche avere le tue motivazioni, ma non aggredendo e infangando pubblicamente i tuoi colleghi che tu stesso accusi di essere senza buon senso e professionalità. Invece tu lo sei stato in questo caso ?Questo tuo modo di procedere non è stato esemplare. Ad ogni modo, ero qui per spiegarti come sono andate davvero le cose, ma non c'è dialogo, anzi tutt'altro,ti appelli ad ogni virgola senza fermarti un attimo a pensare che potrebbe essere andata così davvero, senza malizia. Inoltre hai avuto la correzione, hai sfogato la tua rabbia, credo che basti. Mi dispiace davvero che tu non mi conosca e la metti su questo piano e con questi toni peraltro allargando la questione sul personale,insieme ai tuoi lettori e lo trovo alquanto di cattivo gusto. Detto questo, ti (vi) saluto.
Francesca,

hai postato il commento nell'articolo sbagliato. Te lo pubblico io in quello giusto.